Vai al contenuto


Foto
- - - - -

L'amore Bugiardo - Gone Girl (Fincher, 2014)


  • Please log in to reply
89 replies to this topic

#1 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3452 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2014 - 22:54

ben.jpg

 

http://www.ondacinem..._gone_girl.html

 

 

secondo me è decisamente il miglior film di fincher dai tempi di zodiac, per me di quello che chiamo il "secondo fincher" è il migliore. esordisco subito dicendo che per i miei gusti il tallone d'achille di questa pellicola resta sempre l'aspetto stilistico riscontrabile in tutto l'ultimo fincher. è un film solido, compatto, senza sbavature, in cui forma e contenuto si armonizzano (anche troppo). ma è anche algido, privo di guizzi, che rende il "primo fincher" un pallido ricordo per chi come me ne era un grandissimo fan. ma non posso neanche andare avanti tutta la vita a rimpiangere i suoi film degli anni 90, e quindi ben venga anche gone girl

 

che è tuttavia il suo film più affine alle sue vecchie pellicole, almeno dal punto di vista teorico, contenutistico, metafilmico. è un film infatti che ha diversi gradi di lettura:

 

1) è un thriller avvolgente ed appassionante sul lato oscuro del matrimonio, che ribalta e fa a pezzi ogni cliché romantico sull'amore coniugale;

 

2) è una critica/satira della società mediatica, in cui sia i media (tv, internet) che i loro fruitori (spettatori, utenti) non vengono risparmiati da taglienti e sottili attacchi (ammetto di non conoscere il romanzo di partenza, e se quindi questi spunti fossero già in esso contenuti);

 

3) è un apologo sulla finzione, sulla messinscena, sull'arte della recitazione e in definitiva sul cinema

 

tutte queste chiavi di lettura messe insieme danno il senso compiuto del film, che è stratificato e più complesso di quel che può apparire. ammetto però che il terzo punto è anche quello che personalmente mi interessa di più. il cinema di fincher è sempre stato incline alla manipolazione dello spettatore (pensate a the game, a fight club), così come è sempre stato attratto da riflessioni metacinematografiche sul mezzo. gone girl da questo punto di vista è fincher all'ennesima potenza: nick dunne è lo spettatore, lo è soprattutto nella prima straordinaria ora di film, quando si arriva alla chiave di volta dello svolgimento. è difficile parlare di questo film senza spoilerare quindi mi tengo sul vago e sul teorico, ma fincher sembra mettere in scena il suo stesso cinema

 

per quanto mi riguarda quindi grande film, con un'anima nerissima, cattivo e cinico come di certo non i tipici film hollywoodiani. anzi sembra proprio che si diverta a girare il coltello nella ferita


  • 4

#2 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 12 dicembre 2014 - 08:20

l'ho visto l'altra sera in anteprima, e sì, Fincher ha tirato fuori l'ennesimo film ENORME

 

che è la sua prima commedia.

 

ed è il film gemello dell'incompreso "The Game"


  • 0

#3 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3452 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 17:28

tra l'altro sempre in prospettiva metacinematografica, gone girl sembra quasi un ribaltamento di the girl with the dragon tattoo

urge spoiler

Spoiler

  • 2

#4 Jack DiSpade

Jack DiSpade

    Critico proto-punk

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 629 Messaggi:
  • LocationArezzo

Inviato 16 dicembre 2014 - 15:09

Gran prova de Fincher, film avvincente e mai banale che coniuga atmosfere thriller a una coppia disfunzionale e a situazioni paradossali. Forse poteva entrare anche nelle 2 ore, ma va bene anche così. Son contento anche per Rosamund Pike, che finalmente trova un ruolo di rilievo.

 

 


Spoiler

 

Io misoginia non ne ho vista, lei è chiaramente raffigurata come un caso patologico, il che dovrebbe "scagionare" il genere femminile. Ho provato anche a vedervi una rappresentazione iperbolica della vita coniugale, ma mi pare non quadri (non sono sposato, però ). Sicuramente viene affrontata "la crisi del maschio moderno" e la sua difficoltà ad accettare una relazione che non lo veda dominante, mentre la donna moderna ha sempre meno motivi per assecondare le ingerenze maschili. Situazioni simili (donna lavora, uomo casalingo) oggi sono abbastanza comuni e il maschio, cresciuto con ben altri paradigmi, la vive molto male. Quindi Gone Girl ha anche il pregio di essere attuale.


  • 0

#5 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21453 Messaggi:

Inviato 19 dicembre 2014 - 22:41

Intanto ieri è uscito nelle sale italiane. Anche se magari lo vedrete tutti a casa, la notizia andava segnalata. Segnaliamo pure la locandina, va':

 

 

amore_bugiardo_gone_girl_loc.jpg

 

 

La recensione è già stata linkata: http://www.ondacinem..._gone_girl.html


  • 0

#6 Macchi

Macchi

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 44 Messaggi:

Inviato 20 dicembre 2014 - 02:52

l'ho visto l'altra sera in anteprima, e sì, Fincher ha tirato fuori l'ennesimo film ENORME
 
che è la sua prima commedia.
 
ed è il film gemello dell'incompreso "The Game"


Visto stasera... Filmone... Credo il migliore dell'anno per me!
Appena ho tempo scrivo qualcosa

Più che altro ci tenevo a capire questa gemellarità con The Game, sono uno di quelli che l'ha compreso poco quindi mi piacerebbe approfondire questa cosa, parliamone!
  • 0

#7 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15164 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 20 dicembre 2014 - 13:38

Intanto ieri è uscito nelle sale italiane. Anche se magari lo vedrete tutti a casa, la notizia andava segnalata. Segnaliamo pure la locandina, va':

 

 

amore_bugiardo_gone_girl_loc.jpg

 

 

La recensione è già stata linkata: http://www.ondacinem..._gone_girl.html

 

 

io vado a vederlo al cinema!


  • 3

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#8 Gabrisimpson

Gabrisimpson

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1326 Messaggi:

Inviato 23 dicembre 2014 - 15:30

VIsto ieri sera, filmone.

Spoiler


  • 0
Boredom won't get me tonight.

#9 häxan

häxan

    ▣║█║░██░

  • Moderators
  • 967 Messaggi:

Inviato 23 dicembre 2014 - 16:21

Spero in settimana di poter andare al cinema. I film di Fincher valgono sempre il prezzo del biglietto.
  • 0

Quando ero giovane e leggevo Deleuze pendendo dalle sue labbra come una puttanella

 

Non la buttiamo sempre sulla campagna e sulle colline per favore.


#10 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1358 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 23 dicembre 2014 - 17:16

Dio dio dio ragazzi, fresco di visione (in sala DA SOLO, goduria): che film! CHE FILM! Un'erezione emotiva di due ore o due ore e mezza (non lo so il tempo è volato). Un pugno in faccia, anzi un colpo di pistola, all'istituzione del matrimonio, all'amor borghese e a tutte le sue ipocrisie. Un cazzo di film americano mainstream che prende di mira il suo pubblico e lo fa a pezzi. Per me può diventare importantissimo.
Complimenti allo sceneggiatore e a Fincher e, perché no, agli attori per il coraggio con cui vanno a fondo e più va avanti il film e più spingono, più rigirano il coltello nella ferita, senza dare scampo. Talmente forte che tutto il resto, pur eccellente (fotografia, montaggio, musiche, cast, inquadrature) passa in secondo piano.

Applausi.
  • 1

#11 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1358 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 23 dicembre 2014 - 17:51

Rispondo ad una possibile critica che è stata fatta, perché ad un certo punto è venuta in mente anche a me: è un film misogino?

Spoiler

  • 1

#12 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 23 dicembre 2014 - 19:34

in risposta a chi (assurdamente) accusa questo film di misoginia, sottoscrivo al 100% queste belle parole di Pier Maria Bocchi

 

http://www.cineforum...hiato_di_sangue


  • 0

#13 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3452 Messaggi:

Inviato 23 dicembre 2014 - 20:46

in risposta a chi (assurdamente) accusa questo film di misoginia


ma perché "assurdamente"? se solo che in questo topic già in tre si è arrivati ad una conclusione simile, forse tanto strampalata come lettura non sarà, che dici? va bene che tu non conosci le mezze misure, se per te un film è ENORME non si può dire altro che sia ENORME ashd

 

posto che poi esistono critiche e critiche. chi dice: "è un film di merda perché misogino", dice una stronzata. e su questo siamo tutti d'accordo. che poi per quanto mi riguarda dire di un film che può leggersi anche in una ottica misogina non è per forza di cose un difetto così negativo da compromettere tutto il resto. la storia del cinema è piena di grandi film misogini. figuriamoci la letteratura che esiste da tempi in cui le donne neppure potevano studiare

 

il paragone con basic instict a me non convince. là c'era la vecchia cara femme fatale (ops: stereotipo misogino, si. ma allora buttiamo via tutta la storia del noir? no) riletta in chiave moderna in un thrillerone pieno di sesso e sangue. qua il personaggio di amy è invece costruito ad hoc per essere una vera e propria troia. cioè l'offesa maggiore che si può fare ad una donna. ma perché il personaggio di amy se lo merita. è infida, antipatica, un mostro. una troia. il film ti porta a dire questo. non c'è nessuna emancipazione. emancipazione da che poi? gli uomini in questo film non sono messi in cattiva luce. anzi, sono le vittime. e qui sta l'interessante ribaltamento di prospettiva. anche politicamente scorretta se vogliamo

 

ci sono altri personaggi femminili positivi? certo. ora non stiamo mica parlando di un film iraniano che ci insegna le virtù del burqa. ma sotto traccia una nota di misoginia polemica c'è. ma ci sta. del resto è un'opera d'arte mica un trattato scientifico. è opera di persone che non devono essere obiettive o corrette. devono essere se stesse, comunicarci la propria visione

 

poi in merito a questo mi piacerebbe anche leggere l'opinione di una donna. guardiamo se tiresia lo va a vedere ;)


  • 1

#14 Gabrisimpson

Gabrisimpson

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1326 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2014 - 00:29

Dico la mia sulla questione: Amy è si una gran troiona e tutto ma è anche psicopatica, non dimentuchiamocelo... E dal momento che non è quindi una donna "normale", per quanto mi riguarda cade automaticamente qualsiasi possibile elemento di misoginia,non si tratta del sesso femminile, si tratta di una singola donna pazza.
  • 0
Boredom won't get me tonight.

#15 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 24 dicembre 2014 - 00:47

perchè invece Ben Affleck, o in generale il mondo maschile ci fa una bella figura?


  • 0

#16 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3452 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2014 - 09:14

E dal momento che non è quindi una donna "normale", per quanto mi riguarda cade automaticamente qualsiasi possibile elemento di misoginia,non si tratta del sesso femminile, si tratta di una singola donna pazza.


come già scrivevo in uno dei miei primi interventi, io invece credo che amy rappresenti un tipo di donna ben conosciuta dagli americani. è la classica newyorkese, bella, bionda, colta, ricca. se universalizziamo questa descrizione ci ritroviamo addirittura lo stereotipo di donna occidentale. altro che "pazza isolata"

c'è un intento satirico e polemico. ma c'è anche qualcosa di più. come ho già scritto, questo film per noi maschi è una specie di horror dell'inconscio. in questo film l'ideale di donna occidentale fa paura. rende reali molte delle nostre paure inconscie, come l'evirazione sia sessuale che psicologica (l'uomo che perde potere all'interno della casa: in pratica nel finale nick è poco più di uno schiavetto, un soprammobile)
 

perchè invece Ben Affleck, o in generale il mondo maschile ci fa una bella figura?

 
ma nick, il personaggio di ben affleck, ci fa sicuramente una bella figura in confronto ad amy. all'inizio il pubblico guarda a lui come un mostro, ma poi diventa l'unica persona umana in quella famiglia, l'unico per cui parteggiare. da ipotetico carnefice a vittima. e quali sarebbero poi i suoi peccati? una storia di sesso clandestina (quindi neanche amore)? anche qui alla fine ci esce peggio la giovane amante che va a fare la suora in televisione per sputtanarlo

ora intendiamoci che a me questo ribaltamento di prospettiva è piaciuto molto. la cosa un po' paradossale è che è scritto da una donna. nel senso, negli ultimi tempi raramente ho trovato un film che mettesse così bene in luce un punto di vista maschile. gli antichi dicevano "solo il simile conosce il simile". a quanto pare si sbagliavano ashd in ogni caso come già dicevo la traccia misogina per me è soprattutto in una ottica polemica e satirica. essendo scritto da una donna, questa tesi per me viene ulteriormente avvalorata. almeno io l'ho letto così questo film. l'ho letto da maschio? forse il misogino sono io? se è così che cazzo ci posso fare? non posso uscire da me stesso. ripeto: mi piacerebbe leggere un parere femminile


  • 2

#17 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 24 dicembre 2014 - 09:40

ovviamente SPOILER

 

 

Ci fa una bella figura..? Mica tanto. E' Amy il sesso forte, quella super intelligente, quella che regola il gioco, e tiene Nick per le palle. Che poi ci sia un ribaltamente di prospettiva è vero, ma l'intero genere maschile ne esce a pezzettini da questo film (scusate, perchè il riccone rincoglionito interpretato da Neil Patrick Harris?)

 

Per non parlare del finale di disfatta e ritorno all'ordine. Con Nick "costretto" a fare il cagnolino e rimanere all'interno del nucleo famigliare, e prestarsi sorridente al gioco dei media. E questo sarebbe un film misogino?


  • 0

#18 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3452 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2014 - 09:48

va bè per gli spoiler ormai è troppo tardi asd

 

ma non è un film misogino. non dico questo. è che secondo me tra le altre cose sotto sotto una traccia di misoginia emerge. STOP

 

poi per spiegare la mia lettura più dei precedenti interventi non so che aggiungere. dico solo che

 

Spoiler


  • 0

#19 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6665 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2014 - 09:52

Un paio di considerazioni al volo:

1-bellissimo

2-anch'io ci ho visto molti rimandi ad altri film di Fincher (e un ribaltamento abbastanza evidente tipo "donne che odiano gli uomini")

3-la considerazione sulla paura atavica del prototipo donna occidentale (americana?) moderna mi piace, ma

4-né io né la mia ragazza l'abbiamo trovato misogino

5-nessuno parla della famiglia in cui è cresciuta questa psicopatica? I genitori non sono troppo in primo piano, ma quando ci sono il loro ruolo è evidente, soprattutto nel contrasto con un Nick sempliciotto e "genuino" contro la loro costruzione totale. Non per la solita storia di fare il killer una vittima, ma la distopia di Amy per me parte tutta da lì.

6-grande colonna sonora di Trent, as uual


  • 1

#20 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6665 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2014 - 09:55

va bè per gli spoiler ormai è troppo tardi asd

 

ma non è un film misogino. non dico questo. è che secondo me tra le altre cose sotto sotto una traccia di misogina emerge. STOP

 

poi per spiegare la mia lettura più dei precedenti interventi non so che aggiungere. dico solo che

 

Spoiler

 

Visto che abbiamo scritto in contemporanea, io ne ho una visione molto diversa:

Amy non odia necessariamente gli uomini. Il nodo della questione (per me) NON è nelle donne che odiano gli uomini (come anch'io ho pensato a inizio film). Ma nella costruzione e nella finzione del mondo occidentale, tramite una delle sue costruzioni più santificate: il matrimonio.
Amy è il prodotto di questa costruzione/finzione ultima, fin da quand'era bambina. E fa tutto ciò che è in suo potere per tornare a quella costruzione. Tutto qui (si fa per dire).


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq