Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Monografia] Waterboys & Mike Scott


  • Please log in to reply
22 replies to this topic

#1 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35944 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 ottobre 2012 - 15:50

Un lungo viaggio di formazione, lungo le strade di un'inesausta ricerca musicale, senza mai scendere a compromessi: si potrebbe sintetizzare in questo modo la parabola artistica di Michael Scott, detto Mike, titolare da ormai quasi trent'anni del marchio “The Waterboys”, nome collettivo con il quale il musicista scozzese ha firmato una lunga serie di album, tra i quali almeno un paio di capolavori assoluti. Proviamo a ripercorrere la lunga storia di una band e di uno spesso geniale “uomo di musica” che, probabilmente, non hanno mai riscosso il successo e la considerazione che pure avrebbero meritato.

Immagine inserita

Comincia così la monografia sui Waterboys dell'ottimo Enrico Iannaccone alla quale ho avuto l'onore di contribuire:
http://www.ondarock....i/waterboys.htm

Ve li ricordate? Non li conoscete? In ogni caso, se li ascolterete (quantomeno "This Is The Sea" e "Fisherman's Blues"), potrete avere delle belle sorprese.
  • 0

#2 جوسر

جوسر

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23165 Messaggi:

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:01

This Is The Sea (Chrysalis, 1985) 8

8




Immagine inserita
  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#3 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35944 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:03

This Is The Sea (Chrysalis, 1985) 8

8




Immagine inserita


Vuoi 9? Se vuoi 9 sento Enrico e vediamo che se po' fa' ;D
In ogni caso, come avrai capito, per me è uno dei capolavori del decennio e della musica tutta.

Poi però se ci mettiamo 9 la leggi tutta e non ti fermi (per l'ennesima volta) al voterello :P
  • 0

#4 جوسر

جوسر

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23165 Messaggi:

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:05

Vuoi 9? Se vuoi 9 sento Enrico e vediamo che se po' fa' ;D
In ogni caso, come avrai capito, per me è uno dei capolavori del decennio e della musica tutta.


Per me è intorno al 12*, ciononostante 9 mi sembra un compromesso più accettabile dai. :D

(* Anche questa cosa che Ondarock non preveda voti superiori al 10 è molto limitante. Ok la pianto asd ).
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#5 Ocean Rain

Ocean Rain

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 619 Messaggi:

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:27

Per chi non lo sapesse, Enrico Iannaccone sono io. Come già detto a Claudio, il 9 a "This is the sea" ci sta tutto: se non l'ho dato non è stato certo per poca considerazione del disco (che adoro fin dall'epoca della mia adolescenza) ma, semplicemente, perché confesso che nella mia personale interpretazione dei voti di Onda Rock "8" già corrisponde a "capolavoro"... fosse per me limiterei ulteriormente la scala da 4 a 8, o adotterei le tradizionali cinque stelline...

... punti di vista, ma, in ogni caso, piuttosto che fermarsi al mero fatto numerico, val la pena (almeno spero!) di leggere la mono integralmente.
  • 2

#6 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35944 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:29

Vuoi 9? Se vuoi 9 sento Enrico e vediamo che se po' fa' ;D
In ogni caso, come avrai capito, per me è uno dei capolavori del decennio e della musica tutta.


Per me è intorno al 12, ciononostante 9 mi sembra un compromesso più accettabile dai. :D


Ok, 9 sia, però vedi sopra.
Sarebbe bello, per una volta, parlare di musica e delle analisi dei dischi.
Ad esempio, quanto è struggente il verso "17 years old, never kissed a girl" prima di quell'esplosione pazzesca in "Red Army Blues"?
E' solo l'ultimo dettaglio che ho ri-notato, nella musica di un gruppo che trovo veramente unico, senza veri e propri maestri o emuli. Un'esperienza totalizzante.
  • 0

#7 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10939 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 ottobre 2012 - 16:34

Mi sono innamorato della canzone this is the sea quando la ascoltaii, approfondirò
  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante


#8 Reynard

Reynard

    Bicicletta di grossa cilindrata

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10105 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 09 ottobre 2012 - 17:05

(quantomeno "This Is The Sea" e "Fisherman's Blues"),

Acquisti recenti ma oltremodo graditi.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#9 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20414 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 09 ottobre 2012 - 18:26

e adesso che pretendete? Che me li riascolti dopo venti l'ultima volta? Vabbè dài, proviamo
  • 0

#10 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35944 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 ottobre 2012 - 18:46

e adesso che pretendete? Che me li riascolti dopo venti l'ultima volta? Vabbè dài, proviamo


Io l'ho fatto! Ed è stato bello ;D
Pensare che all'epoca erano il gruppo preferito del mio migliore amico, e io, per rompergli le scatole, gli dicevo che erano pretenziosi.
Fesserie: erano e restano un grande gruppo, ancora lontanissimo dalla fama che meriterebbe.
Persino nell'ultimo, verbosissimo disco-omaggio a Yeats ci sono ancora delle cose interessanti.
  • 0

#11 bosforo

bosforo

    ¬`¬

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18543 Messaggi:

Inviato 09 ottobre 2012 - 19:01

fosse per me limiterei ulteriormente la scala da 4 a 8,


in ottavi?


Boiate a parte: immensi. Quando parte "The Big Music" non puoi fare altro che inginocchiarti.

Michael Scott oltre che un autore di testi unico e un grande compositore, è un cantante della madonna, il baricentro tra il rock e la musica tradizionale, sempre scatenatissimo e sempre "posseduto".

Tra l'altro hanno delle canzoni alquanto uniche che sono indefinibili: "Medicine Bow" quando parte sembra di salire a cavallo e correre verso una tempesta; ma quanto è bella la chitarra solista? Sembra un tuono, persa in una nube di effetti ambientali e sempre acquattata nel mix, mentre lascia una scia di feedback. Quanto sarebbe bella una cover shoegaze di questo pezzo... E "World Party", il groove perfetto? "The Pan Within", il violino più bello del rock?

Notevole il fatto che li ho ascoltati in macchina senza sapere chi fossero (avevo 7-8 anni) per tutta una vacanza in Alto Adige, poi li ho riascoltati da cresciuto e ho visto la Madonna. Perfetti per il Sud Tirolo peraltro...
  • 3

#12 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12003 Messaggi:

Inviato 09 ottobre 2012 - 19:10

molti sono creativi , alcuni sono geniali
signori i WATERBOYS
bella mono ragazzi
  • 0

#13 conventionalrecords

conventionalrecords

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 11 Messaggi:

Inviato 11 ottobre 2012 - 22:26

http://conventionalr...boys-1988-2045/
  • 0

#14 PrebenElkjaer

PrebenElkjaer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3806 Messaggi:
  • LocationVerona

Inviato 15 ottobre 2012 - 09:44

atto dovuto :)
Li adoro
  • 0
Fat Moe: Noodles, cos'hai fatto in tutti questi anni?
Noodles: Sono andato a letto presto.

Tu sai citare i classici a memoria... ma non distingui il ramo da una foglia...

Fiero membro

Ci sono più dischi di merda che vita!

#15 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28156 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 07 novembre 2012 - 09:50

Posso dire la mia? Sti ragazzi sono una delle mie band della vita, sicchè mi sento in diritto/dovere di puntualizzare qualcosina circa la mono (bravo comunque Enrico anche se,diciamolo, leggere tre volte "cavalcata sonora" è francamente troppo).
Allora

Le ascendenze
Se ci può stare il richiamo al post punk, sarebbe stato oltremodo doveroso il rimando alla coeva scena scozzese (Big Country, Simple Minds) o irlandese (U2 su tutti, basta ascoltare le chitarre di "Rags"), alla stessa wave, per dire. Quisiquilie? Nemmeno tanto. Inoltre: Scott era un grande fan di Springsteen (non sarà hype qui dentro il buon Bruce, ma in quegli anni l'impatto del fenomeno Springsteen sugli adolescenti fu enorme) al punto di chiamare la sua fanzine Jungleland; al punto che certe atmosfere A Pagan Place (ascoltate l'incipit di All the things she gave me) rimandano a Darkness (se ne è accorto anche Scaruffi, figuriamoci). Così come la fluvialità incontenibile di Born To Run aleggia un po' su tutto il capolavoro This is the sea. Il cerchio si chiude oi con la "centralità" che assume il sax di Thistlewaite nell'opera dei Waterboys, così come quello di Clemons (buonanima) l'ebbe per Springsteen.

Poi.Le influenze.
I Waterboys erano (e sono) una band di culto; non famosissima forse, ma molto seguiti ed amati dagli stessi musicisti. Se penso a Wonderstuff, Blue Aeroplanes, agli stessi Afghan Whigs, non posso non collegarli a Mike Scott e compagni di merenda.

Infine - errore/omissione da matita rossa - La dimensione Live
E' vero che Scott era un perfezionista e non sentiva in cuor suo di poter rendere dal vivo l'impatto del lavoro in sala d'incisione, ma è altrettanto vero che dal vivo i ragazzi erano una fottuta macchina da guerra. Nella primavera del 1984 This is the sea non era ancora stato licenziato alle stampe (viniliche,all'epoca), ma la maggior parte delle canzoni che andarono a comporre quel quadro potente e ispirato erano già pronte, e i Waterboys già le eseguivano dal vivo. Erano la band di supporto ai Pretenders (la cosa poteva tranquillamante rivolgersi upside down, per quanto mi concerne) e quasi nessuno li conosceva. Ma quando attaccavano Don't bang the drum per aprire i concerti avveniva un miracolo corale di rapimento: la potenza che esprimevano, l'intensità, la passione, lo stesso impatto fisico di quel muro di suono sul pubblico era travolgente: la gente veniva sedotta, ipnotizzata dal carisma di Scott e dalle sue facoltà sciamaniche di essere tutt'uno con la musica che suonava. Ne ho visti solo due in tutta la mia vita fare così, uno era Van Morrison (che andava proprio in trance, chiudeva gli occhi e cantava improvvisando per mezz'ore abbondanti) e poi vabbè, Springsteen.
Ricordo in particolare una Red Army Blues dilatata ben oltre i dieci minuti, in cui Scott duetta con Thistlewaite mente il pubblico, soggiogato come in un rito tribale (o pagano, se più vi garba) inneggia sommessamente quel coro tra il tragico e il militaresco che è l'essenza del brano; qualcosa di difficile a spiegarsi, ma di incredibile a viversi. La drammaticità della guerra, la follia della dittatura vengono dipinte in un affresco tragico e al contempo bellissimo.

I dettagli
Wallinger
Per quanto mi riguarda l'uscita di Karl Wallinger dal gruppo segna il punto di non ritorno della loro musica - tant'è che da Fisherman la rotta, musicalmente, cambia. Difatti io personalmente (ma conosco tanti fan che la pensano allo stesso modo) non considero quel disco un capolavoro e gli preferisco (di gran lunga) A Pagan Place. Wallinger era un elemento di equilibrio tra la passionalità dilagante di Scott e le esigenze strettamente compositive; diciamo che era l'anima pop dei Waterboys che servì a sintetizzare alchemicamente, contemperandole tutte, le influenze che avevano portato alla formazione della band (difatti lui all'inizio non c'era). Uscito lui, la parabola è andata verso il basso ma ci sta; la passione brucia in fretta, così deve essere; The thrill was gone, ma che importa? Avercene.
  • 6

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#16 bosforo

bosforo

    ¬`¬

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18543 Messaggi:

Inviato 08 novembre 2012 - 10:30

Big Country
Wonderstuff


sul rock celtico 80/90 avevo aperto un thread tempo fa
  • 0

#17 Ocean Rain

Ocean Rain

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 619 Messaggi:

Inviato 10 novembre 2012 - 11:12

Posso dire la mia? Sti ragazzi sono una delle mie band della vita, sicchè mi sento in diritto/dovere di puntualizzare qualcosina circa la mono (bravo comunque Enrico anche se,diciamolo, leggere tre volte "cavalcata sonora" è francamente troppo).
Allora

Le ascendenze
Se ci può stare il richiamo al post punk, sarebbe stato oltremodo doveroso il rimando alla coeva scena scozzese (Big Country, Simple Minds) o irlandese (U2 su tutti, basta ascoltare le chitarre di "Rags"), alla stessa wave, per dire. Quisiquilie? Nemmeno tanto. Inoltre: Scott era un grande fan di Springsteen (non sarà hype qui dentro il buon Bruce, ma in quegli anni l'impatto del fenomeno Springsteen sugli adolescenti fu enorme) al punto di chiamare la sua fanzine Jungleland; al punto che certe atmosfere A Pagan Place (ascoltate l'incipit di All the things she gave me) rimandano a Darkness (se ne è accorto anche Scaruffi, figuriamoci). Così come la fluvialità incontenibile di Born To Run aleggia un po' su tutto il capolavoro This is the sea. Il cerchio si chiude oi con la "centralità" che assume il sax di Thistlewaite nell'opera dei Waterboys, così come quello di Clemons (buonanima) l'ebbe per Springsteen.

Poi.Le influenze.
I Waterboys erano (e sono) una band di culto; non famosissima forse, ma molto seguiti ed amati dagli stessi musicisti. Se penso a Wonderstuff, Blue Aeroplanes, agli stessi Afghan Whigs, non posso non collegarli a Mike Scott e compagni di merenda.

Infine - errore/omissione da matita rossa - La dimensione Live
E' vero che Scott era un perfezionista e non sentiva in cuor suo di poter rendere dal vivo l'impatto del lavoro in sala d'incisione, ma è altrettanto vero che dal vivo i ragazzi erano una fottuta macchina da guerra. Nella primavera del 1984 This is the sea non era ancora stato licenziato alle stampe (viniliche,all'epoca), ma la maggior parte delle canzoni che andarono a comporre quel quadro potente e ispirato erano già pronte, e i Waterboys già le eseguivano dal vivo. Erano la band di supporto ai Pretenders (la cosa poteva tranquillamante rivolgersi upside down, per quanto mi concerne) e quasi nessuno li conosceva. Ma quando attaccavano Don't bang the drum per aprire i concerti avveniva un miracolo corale di rapimento: la potenza che esprimevano, l'intensità, la passione, lo stesso impatto fisico di quel muro di suono sul pubblico era travolgente: la gente veniva sedotta, ipnotizzata dal carisma di Scott e dalle sue facoltà sciamaniche di essere tutt'uno con la musica che suonava. Ne ho visti solo due in tutta la mia vita fare così, uno era Van Morrison (che andava proprio in trance, chiudeva gli occhi e cantava improvvisando per mezz'ore abbondanti) e poi vabbè, Springsteen.
Ricordo in particolare una Red Army Blues dilatata ben oltre i dieci minuti, in cui Scott duetta con Thistlewaite mente il pubblico, soggiogato come in un rito tribale (o pagano, se più vi garba) inneggia sommessamente quel coro tra il tragico e il militaresco che è l'essenza del brano; qualcosa di difficile a spiegarsi, ma di incredibile a viversi. La drammaticità della guerra, la follia della dittatura vengono dipinte in un affresco tragico e al contempo bellissimo.

I dettagli
Wallinger
Per quanto mi riguarda l'uscita di Karl Wallinger dal gruppo segna il punto di non ritorno della loro musica - tant'è che da Fisherman la rotta, musicalmente, cambia. Difatti io personalmente (ma conosco tanti fan che la pensano allo stesso modo) non considero quel disco un capolavoro e gli preferisco (di gran lunga) A Pagan Place. Wallinger era un elemento di equilibrio tra la passionalità dilagante di Scott e le esigenze strettamente compositive; diciamo che era l'anima pop dei Waterboys che servì a sintetizzare alchemicamente, contemperandole tutte, le influenze che avevano portato alla formazione della band (difatti lui all'inizio non c'era). Uscito lui, la parabola è andata verso il basso ma ci sta; la passione brucia in fretta, così deve essere; The thrill was gone, ma che importa? Avercene.


Grazie per le tue puntualizzazioni: sono interessanti e meritano una risposta dettagliata.

Sulle "cavalcate sonore" (in realtà una cavalcata "semplice" e due sonore :P) hai assolutamente ragione, ma che posso dirti? La ripetizione mi è sfuggita nonostante diverse riletture del testo. A mia parzialissima discolpa posso solo aggiungere che, avendo l'abitudine di analizzare in maniera certosina gli album canzone per canzone, il rischio di ripetermi in qualche termine/definizione è evidentemente alto. Me ne scuso, ma voglio francamente sperare che non sia questo errore (tutto sommato abbastanza veniale) ad inficiare un intero lavoro.

Hai ragione anche per quanto riguarda le ascendenze/influenze: avrei sicuramente potuto scrivere di più ed analizzare in maniera più approfondita la questione, anzi, ti dico che, probabilmente, avrei potuto scrivere molto di più per ogni singolo argomento trattato, ma ho preferito fare delle scelte ed evitare di trasformare una mono in un'interminabile mattonata. Rischio, peraltro, assai concreto, te lo assicuro, dal momento che provare a riassumere la storia dei Waterboys significa aprire uno spaventoso vaso di Pandora di aneddoti, storie, citazioni, cambi di formazione e chi più ne ha più ne metta. Mike Scott, poi, è un vero grafomane, autore di molteplici minuziose testimonianze sul suo lavoro, sulle sue influenze, sulla storia della sua band, fino ad arrivare a scrivere una ponderosa autobiografia. Ho fatto del mio meglio, ma tanta roba mi è sicuramente sfuggita e, se anche avessi aggiunto le integrazioni che mi hai suggerito, mi sarebbero comunque sfuggiti tanti altri elementi altrettanto significativi. Mettiamola così... la mia mono è il fiume (ma in realtà molto meno... un fiumiciattolo, un torrente, un rigagnolo) e la vera storia dei Waterboys è il mare (dai... di' la verità... questa non era male... ;D ).

Questione live... qui non sono troppo d'accordo con te: non sul valore del gruppo dal vivo, ci mancherebbe, ma molto banalmente sull'opportunità di analizzare anche questa dimensione nell'ambito della mono. Non è stato un "errore" come dici, magari sicuramente un'omissione, ma un'omissione assolutamente voluta. I Waterboys suonano da ormai trent'anni, in mille formazioni e fasi diverse della loro carriera, affrontare anche l'elemento live mi avrebbe probabilmente trascinato al totale impazzimento. Inoltre non ho testimonianze dirette delle loro esibizioni dal vivo, non avendo mai avuto la fortuna o la possibilità di assistere ad un loro concerto e, dal momento che sono una persona seria, non mi metto a dissertare di argomenti dei quali non ho conoscenze di prima mano.

Karl Wallinger: del peso e dell'importanza dell'apporto del musicista gallese nell'evoluzione della musica dei Waterboys ritengo di aver diffusamente parlato.
  • 2

#18 Pinktrain

Pinktrain

    SYNTH EASTWOOD

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2627 Messaggi:
  • LocationrOME

Inviato 10 novembre 2012 - 11:23

Grande Ocean rain, complimenti.
  • 0
Floriano

#19 Ocean Rain

Ocean Rain

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 619 Messaggi:

Inviato 10 novembre 2012 - 11:43

Ciao Floriano, da quanto tempo, ti mando un mp per salutarti meglio.
  • 0

#20 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10939 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 25 dicembre 2012 - 18:15

Mi è stato regalato ieri (This is the sea), e sono rimasto piacevolmente colpito all'ascolto e contento di aver colmato questa lacuna, un disco splendido, e lo dico da subito, senza dover arrivare al centesimo ascolto, non serve in questo caso.
  • 1
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq