Vai al contenuto


Foto
- - - - -

MGMT Congratulations [nuovo album] fuori ad Aprile


  • Please log in to reply
161 replies to this topic

#151 James Lepo

    Afro Kolektyw

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 707 Messaggi:
  • LocationIn the chinese restaurant

Inviato 24 febbraio 2018 - 17:02

Per quanto mi riguarda questo Little Dark Age potrebbe essere il miglior album degli MGMT dai tempi del debutto. Ci sono almeno un paio di pezzi molto riusciti: She Works Out Too Much, la migliore, è un gorgo impazzito, ma molto dettagliato che riesce a far coesistere Yellow Magic Orchestra, scorribande quasi prog e sghembature melodiche da pop psichedelico. Tslamp pure è forte di una melodia magari ingenua, ma cristallina e coinvolgente (la strofa mi ha ricordato certe cose dei Toto, riletti in chiave indie). In generale, i due rendono meglio quando 'lo fanno strano': i due singoloni di traino del disco, Little Dark Age e Me and Michael sono anche i due pezzi peggiori, troppo insipida e didascalica la prima, piuttosto imbarazzante la seconda. Molto meglio in questo campo riesce a fare il pop d'atmosfera di Hand it over. Niente male anche la languida When You're small, vagamente floydiana (era More).
Un dischetto con chiare tendenze passatiste (Simon cita giustamente gli OMD tra le influenze più evidenti), ma che riesce a costruire un progetto estetico non troppo retromaniaco, sicuramente piuttosto personale e senza quella pedanteria che aveva caratterizzato a più riprese le loro ultime prove.
L'hype intorno a loro secondo me resta sempre troppo troppo alto, rispetto a quella che è stata la loro carriera, ma questa volta mi hanno abbastanza sorpreso: viste le premesse non avrei scommesso una lira su questo disco, invero più che discreto.
  • 2

#152 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23162 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2018 - 16:48

oh, è davvero simpatico. bravi ancora una volta.


  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#153 Sleepyhead

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6129 Messaggi:

Inviato 29 marzo 2018 - 12:25

Moratti.jpg

 

Comunque curioso come siano ancora considerati solo per il loro disco di debutto (i singoli del disco), altre band sarebbero state triturate e messe in un angolo mentre quei pezzi fanno ancora oggi epoca.

 

Sarei curioso di capire come mai.


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#154 PDeVo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3694 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2020 - 21:16

Sempre più Cure ma bella anche la nuova


  • 0

#155 John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2532 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 03 novembre 2023 - 23:15

Si era mosso qualcosa settimana scorsa e poi, d'improvviso, nuovo singolo ("Mother Nature") e nuovo album annunciato per febbraio.

 

 

Spero sia più un antipasto che un vero singolo di lancio altrimenti si confermano i soliti pazzi dopo che con Little Dark Age (ottimo e forse qualcosa di più) sono tornati a fare il botto commerciale quando non ci credeva più nessuno.

 

 


  • 0

#156 John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2532 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 08 febbraio 2024 - 22:34

Niente, sono dei masochisti, nessun singolo bomba di lancio, ma tre pezzi totalmente fuori da ogni moda o appeal commerciale con Mother Nature di poco sopra i tre milioni di ascolti su spotify (le altre due stentano a superare il milione). Nothing To Declare molto carina, le altre due pericolosamente in orbita Oasis mi fanno tremare per il disco. 


  • 0

#157 Garp Buzzy Power

    Inelegantly Wasted In Papa's Penthouse Pad In Belgravia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26263 Messaggi:

Inviato 09 febbraio 2024 - 12:07

Belline le nuove, soprattutto MOTHER NATURE.


  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#158 John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2532 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 27 febbraio 2024 - 13:52

Molto molto bello Loss Of Life, parecchio suonato, pacato, pure triste... Fuori da ogni moda con svariati minuti senza batteria, tastiere drogate e tante chitarre. Completamente differente rispetto al precedente (solo il duetto con Christine and the Queens lo richiama un po') e a tutti gli altri in verità, tanto che potrebbe piacere anche a chi non li ha mai amati. E' anche il primo che qua e là riprende un po' il mood progressivo di Siberian Breaks, soprattutto per la lunghezza delle parti strumentali e per i cambi di atmosfera e gli accostamenti arditi di stile. Mi ha ormai fatto digerire pure i due pezzi alla Oasis perchè è come sentire Britpop da bar però prodotto e arrangiato da dio e in più si prende la responsabilità, dato che gli originali non le sanno più scrivere, di contenere una delle due canzoni dei Cure più belle degli ultimi 25 anni e cioè Nothing Changes (l'altra è la strumentale Lux Eterna Beach di Colapesce e Dimartino) all'interno della quale poi ti piazzano come se niente fosse un assolo di tromba da lacrime.

 

Consigliatissimo a Wago ma a tutti dai, anche perchè non se lo filerà nessuno a livello generale.


  • 0

#159 Siegel

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 182 Messaggi:

Inviato 27 febbraio 2024 - 15:28

Curioso di sapere quanto del pubblico dei primi dischi continua a seguirli oggi, in particolare con questo album, di cui ad un primo ascolto personalmente non ci ho trovato niente di memorabile e che mi invogli a riascoltarlo.


  • 0

#160 John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2532 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 28 febbraio 2024 - 10:37

Commento random di uno che ha ascoltato solo i tre singoli del primo album ma comunque: chi li segue sulla lunga durata e non sui singoli sa bene che le bordate electro sono una piccolissima parte della loro produzione che invece guarda soprattutto all'indie e alla psichedelia anni '60 e primi '70, anche perchè "primi album" significa forse anche il secondo e il terzo? Ecco lì di electro o synth pop non c'è assolutamente nulla e la cernita coi fan più casuali e mainstream è avvenuta (volontariamente) lì, non certo ora nè tantomeno con Little Dark Age che anzi è l'unico ad avere i singoloni come il primo. Questo è ancora differente ma il salto di stile fa parte del loro modo di comporre e semmai, a questo punto, sarebbe realmente spiazzante un disco uguale al precedente. Poi ovviamente non è certo questo un lavoro da commentare dopo un ascolto distratto.


  • 0

#161 Siegel

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 182 Messaggi:

Inviato 28 febbraio 2024 - 10:44

Commento random di uno che ha ascoltato solo i tre singoli del primo album ma comunque: chi li segue sulla lunga durata e non sui singoli sa bene che le bordate electro sono una piccolissima parte della loro produzione che invece guarda soprattutto all'indie e alla psichedelia anni '60 e primi '70, anche perchè "primi album" significa forse anche il secondo e il terzo? Ecco lì di electro o synth pop non c'è assolutamente nulla e la cernita coi fan più casuali e mainstream è avvenuta (volontariamente) lì, non certo ora nè tantomeno con Little Dark Age che anzi è l'unico ad avere i singoloni come il primo. Questo è ancora differente ma il salto di stile fa parte del loro modo di comporre e semmai, a questo punto, sarebbe realmente spiazzante un disco uguale al precedente. Poi ovviamente non è certo questo un lavoro da commentare dopo un ascolto distratto.

 

Commento random di uno che non sa come e quanto ho ascoltato questo gruppo dagli inizi ad oggi, inoltre vorrei proprio sapere come puoi dire che ho ascoltato questo album distrattamente. Ripeto: il tuo è un commento random che più random non si può.


  • 0

#162 John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2532 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 28 febbraio 2024 - 10:58

Ok, comunque un ascolto è un po' poco per un album del genere, riprovaci dai!


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi