Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

[Pietra Miliare] Alien (Scott, 1979)


  • Please log in to reply
51 replies to this topic

#1 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 11:25

*
POPOLARE

Lo spazio profondo, i corridoi claustrofobici di un'astronave, un'insidia primitiva. L'incubo della carne oscena sviscerata da Ridley Scott sulla scorta delle oscure fantasie dell'artista svizzero Giger, ad oltre trent'anni dalla sua uscita, continua ad essere una perfetta macchina del terrore

Immagine inserita

La pietra miliare di OndaCinema
  • 21

I'm too old for this shit


#2 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 12:03

IL LIQUIDO SEMINALE DEL TERRORE.
  • 2

#3 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10951 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 29 settembre 2012 - 14:03

Ogni aggettivo è superfluo, quando lo vidi la prima volta non ebbi la possibilità di apprezzarlo pienamente, ero troppo piccolo e mi traumatizzò, ma alla fine riuscii ugualmente a vederlo
  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante


#4 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 14:21

Era l'ora. Film e-n-o-r-m-e.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#5 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 14:33

C'è un gravissimo errore nella nota [4]. Rambaldi non ha avuto nemmeno la più piccola parte nella realizzazione della figura dell'alieno. Essa è interamente opera di Giger, che oltre a disegnarlo, appunto utilizzò ossa di vari animali, parti metaliche e tubi in plastica. Ho in un libro sulla realizzazione del film le foto di Giger che lavora dapprima alla scultura di prova, e infine al costume indossato da Bolaji Baadejo.
Ossa che utilizzò anche per la realizzazione dello "space jockey", e dell'interno dell'astronave aliena (in queso caso soprattutto ossa di elefanti fatte venire per nave direttamente dall'Africa).
Rambaldi ha soltanto realizzato il meccanismo di animazione della bocca dell'alieno, peraltro la bocca estensibile è anch'essa un'idea di Giger a seguito di colloqui con Scott.
Pregasi di correggere.

Tra l'altro la metafora sessuale è evidente anche negli ingressi dell'astronave. anch'essi ovviamente disegnati da Giger, chiaramente in forma di giganteschi organi sessuali femminili. E' interessante la questione che siano gli stessi uomini, come spermatozioi, a "fecondare" l'astronave entrando nelle sue vagine (i giganteschi corridoi come tube di Falloppio) e riportando alla vita Alien, lì giacente da tempo immemore. Probabilmente centinaia di migliaia, se non milioni di anni.

Quanto alle particolarità della scenografia, è assai interessante notare che Scott pretese sul ponte del Nostromo tutte funzionasse realmente. Cioè quando si premeva un pulasante, realmente si accendevano certe spie, si muovevano le poltrone, si accendevano monitor. Questo chiaramente per conferire realismo sia alla recitazione degli attori, sia in generale al funzionamento del film. Risultato ragguinto in pieno.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#6 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 14:56

C'è un gravissimo errore nella nota [4]. Rambaldi non ha avuto nemmeno la più piccola parte nella realizzazione della figura dell'alieno. Essa è interamente opera di Giger, che oltre a disegnarlo, appunto utilizzò ossa di vari animali, parti metaliche e tubi in plastica. Ho in un libro sulla realizzazione del film le foto di Giger che lavora dapprima alla scultura di prova, e infine al costume indossato da Bolaji Baadejo.
Ossa che utilizzò anche per la realizzazione dello "space jockey", e dell'interno dell'astronave aliena (in queso caso soprattutto ossa di elefanti fatte venire per nave direttamente dall'Africa).
Rambaldi ha soltanto realizzato il meccanismo di animazione della bocca dell'alieno, peraltro la bocca estensibile è anch'essa un'idea di Giger a seguito di colloqui con Scott.
Pregasi di correggere.


Allora, ho letto diverse fonti in merito ed è vero che ce ne è qualcuna che minimizza come ce ne sono altre che incensano più del dovuto il contributo di Rambaldi. Io ho ritenuto i più attendibili i commenti di O'Bannon che oltre ad avere scritto la storia ha il merito di aver introdotto i disegni Giger (col quale aveva lavorato pochi anni prima in Cile per il film "Dune" poi non realizzato) a Scott. O'Bannon in un paio di interviste chiarisce il lavoro dei due artisti e spiega che il contributo di Rambaldi è relativo alla meccanica dell'alieno con particolare attenzione alla testa che è costituita da oltre 900 parti mobili.

Immagine inserita

Giger è un geniale artista, ma non un meccanico quindi tutto quello che doveva muoversi nel corpo dell'alieno è passato per le mani dell'artigiano Rambaldi.
  • 0

I'm too old for this shit


#7 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22438 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 16:37

Number, che palle con sto Rambaldi, ma t'ha ammazzato il gatto?
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#8 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 20:06

e poi ci ha messo dentro 900 meccanismi mobili!

voi, senza conoscere l'interpretazione, avete mai pensato ci fossero cose sessuali in alien? a parte i pensieri su sigourney weaver, dico.
  • 0

#9 sicknote

sicknote

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 187 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 22:01

sicuro, le interpretazioni artistiche di Giger sono piene di riferimenti sessuali, Alien non fa eccezione.
  • 0

#10 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 22:36

Di mobile nella testa c'è solo la bocca. Quindi mi spiegate tutta l'opera di Rambaldi su Alien in cosa consiste? Nella mobilità della bocca. L'unica cosa che non si poteva muovere grazie all'attore che indossava il costume. Nella scheda invece c'è scritto che praticamente Alien è una collaborazione tra Giger e Rambaldi e questo è sbagliato. Addirittura c'è scritto che Rambaldi lavorava con le ossa! Ma quando mai? E' Giger che lavorava, e lavora, utilizzando ossa di animali. Rambalkdi non ha mai saputo neanche come adoperare un osso.
"Rambaldi che realizzò l'alieno"? Ma di che? Di cosa?
Alien è in tutto e per tutto una creazione di Giger. Punto.
Siccome, appunto, Giger scolpiva da sempre, e lavorava col latex da anni, ma non era ancora un meccanico o un espertro di elettornica (successivamente acquisirà competenze anche in quel campo), come hai giustamente detto, allora fu coinvolto Rambaldi per animare la bocca (non la testa!).
Quando andai alla mostra di H.R.Giger a Milano (enorme, ricordo indelebile), nel '96, c'era la scultura di Alien ovviamente. E certo, perché uno in una mostra sua espone l'opera di un altro. Logico.
Le riprese a figura intera, o comunque dell'alieno che sfugge dietro agli angoli che si vede in alcune riprese, sono fatte col costume indossato da Bolaji Baadejo, altrettanto opera di Giger. L'alieno si muove non perché è un robot animato da Rambaldi (che non esiste), come credono in molti e come viene accreditato persino in questa scheda, ma perché è un costume migliore e più sfisticato di qualsiasi costume fosse stato fatto fino a quel momento per un film di Fantascienza o di orrore, indossato da un attore.
Quindi nel contesto della creatura a sua volta nel contesto del film Rambaldi ha contribuito si e no per il 10-15%.

Cioè, io ho la pubblicazione ufficiale della 20th Century Fox sul "making" del film, e vi sono foto di Giger che costruisce sia la scultura di Alien, sia il costume poi indossato dall'attore, tra l'altro in una stanza piena di ossa di vari animali. Ma di che stiamo parlando?
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#11 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 22:37

e poi ci ha messo dentro 900 meccanismi mobili!

voi, senza conoscere l'interpretazione, avete mai pensato ci fossero cose sessuali in alien? a parte i pensieri su sigourney weaver, dico.


Ovviamente sì. E' talmente evidente...
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#12 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 23:24

Ecco le foto.
Qui H.R.Giger alla costruzione del costume di Alien negli studi, mentre aggiusta un particoilare. Notare le ossa e i cavi (che pure ovviamente utilizzava) nella stanza e il particolare del quadro dell'alieno sulla parete di sfondo:

Immagine inserita


Ecco lo stesso quadro, lì sullo sfondo, in cui si vede chiaramente che anche la bocca estensibile è un'idea di Giger, che come ho detto nacque da chiacchierate con Scott:

Immagine inserita

Altra foto di Giger che ritocca il costume ch epoi sarà indossato da Bolaji Baadejo:

Immagine inserita

E infine, per chi ancora credesse mai che Alien fosse un animatronic creato da Rambaldi, ecco Bolaji Baadejo mentre indossa parte del costume di Alien, durante la vestizione:

Purtroppo ve la dovete vedere a questo link, perché la foto non è un jpg.

http://cinetropolis....-alien-costume/


Ecco Giger al lavoro sulla testa dell'alieno, con ossa!

Immagine inserita


Ed ecco un altro quadro di Giger, utilizzato per la realizzazione dell'alieno, con il particolare della tesa in ciu si vede chiaramente la doppia boccca:

Immagine inserita


H.R.Giger che lavora allo "space jockey", con tubi, cavi e ossa! (in questo caso, come dicevo, soprattutto di elefante)

Immagine inserita


Vedete Carlo Rambaldi da qualche parte voi?
Io sono semplicemente un fan sfegatato di H.R.Giger e non accetto che venga negato il suo lavoro addirittura attribuito a chi ha collaborato (opera comunque meritoria e riuscitissima) per i soli movimenti di apertura della mascella e estrusione della bocca di una testa, perché le riprese di movimento di questi particolari sono state realizzate con un animatronic della sola testa, peraltro comunque scolpita da Giger.
Alien è una creatura e un'opera di H.R.Giger.
  • 2
I'm not a number! I'm a free man!

#13 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16840 Messaggi:

Inviato 29 settembre 2012 - 23:55

il tuo astio nei confronti di Rambaldi ha del commovente, number asd
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#14 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10951 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 settembre 2012 - 00:01

Un astio documentato e ben rappresentato, mi ha convinto
  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante


#15 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2012 - 00:03

Vedete Carlo Rambaldi da qualche parte voi?


Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Si lo vediamo.
Non interverrò più su questo punto perché sennò finiamo nel ridicolo. Come ho già scritto, ma pare che non hai letto, Rambaldi ha progettato e costruito le parti mobili dell'alieno con particolare cura dell'animatronica della testa come sottolinea anche Scott in un intervista:

He designed the mechanics of the head, made the lips work, made the jaws function. Normally you can't stand to have the camera take a close look at things like this, but it was so good I just did a huge close up on it.
(Ridley Scott, Warren Presents: Alien Magazine – © 1979)

Rambaldi stesso spiega il proprio contributo:

I used fibreglass for the skull and moving parts, and aluminium inside for support. The tongue, for example, was fibreglass mounted on general metal tracks and could extended about twenty centimetres – either slowly or very fast. Each moving part was connected to a special sheathed cable – like hand brakes on a bicycle, only more flexible – which ran out through a hole in the base of the head. Normally, each moving part would require only a single cable, but the sideways movement of the head and the mechanism for the tongue required two opposing cables – kind of like reins on a horse. So there were nine all together. The cables were seven meters long and connected to hand operated levers mounted on a wooden panel. By operating the levers in various combinations, a great many moves were possible.
(Carlo Rambaldi, Cinefex 1 -- © 1980 Don Shay)
  • 0

I'm too old for this shit


#16 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2012 - 00:34

sicuro, le interpretazioni artistiche di Giger sono piene di riferimenti sessuali, Alien non fa eccezione.



e poi ci ha messo dentro 900 meccanismi mobili!

voi, senza conoscere l'interpretazione, avete mai pensato ci fossero cose sessuali in alien? a parte i pensieri su sigourney weaver, dico.


Ovviamente sì. E' talmente evidente...



"beh, io non mi ero mai accorto di niente!".
  • 0

#17 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37218 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 30 settembre 2012 - 03:00

Rambaldi è un fake di H.R.Giger mi sembra del tutto evidente.
  • 1

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#18 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2012 - 09:14

Si lo vediamo.
Non interverrò più su questo punto perché sennò finiamo nel ridicolo. Come ho già scritto, ma pare che non hai letto, Rambaldi ha progettato e costruito le parti mobili dell'alieno con particolare cura dell'animatronica della testa come sottolinea anche Scott in un intervista:

He designed the mechanics of the head, made the lips work, made the jaws function. Normally you can't stand to have the camera take a close look at things like this, but it was so good I just did a huge close up on it.
(Ridley Scott, Warren Presents: Alien Magazine – © 1979)

Rambaldi stesso spiega il proprio contributo:

I used fibreglass for the skull and moving parts, and aluminium inside for support. The tongue, for example, was fibreglass mounted on general metal tracks and could extended about twenty centimetres – either slowly or very fast. Each moving part was connected to a special sheathed cable – like hand brakes on a bicycle, only more flexible – which ran out through a hole in the base of the head. Normally, each moving part would require only a single cable, but the sideways movement of the head and the mechanism for the tongue required two opposing cables – kind of like reins on a horse. So there were nine all together. The cables were seven meters long and connected to hand operated levers mounted on a wooden panel. By operating the levers in various combinations, a great many moves were possible.
(Carlo Rambaldi, Cinefex 1 -- © 1980 Don Shay)


Infatti hai cambiato la nota [4] rendendola, adesso, corretta. :)

Ora mi ritengo soddisfatto e posso dire che la scheda è veramente ben fatta.
Coglie sinceramente lo spirito del film e i molteplici livelli di lettura. Tra l'alto io ci vedo anche una metafora dell'insanità mentale che si aggira nella mente umana e ne "divora" i pensieri coerenti.
Inoltre del film ammiro proprio ciò che è stato sottolineato nella scheda: la capacità di creare un alieno ed ambienti extraterrestri, il relitto dell'astronave e lo "space jockey", realmente "alieni" cioè sfuggenti alla stessa capacità di piena compressione umana. Non si capisce se lo "space jockey" sia veramente un tutt'uno con l'assurda astronave, con una natura per noi assolutamente inconcepibile, che a sua volta presenta aspetti chiaramente biologici, come un essere vivente, o si sia fossilizzato fondendosi con essa dopo aver giaciuto sulla superficie del planetoide per milioni di anni. Qual'era la sua missione e cosa trasportava? Le uova maledette o altro e in questo secondo caso si è forse ritrovata vittima di un attacco delle creature "Alien"? E perché avrebbe dovuto trasportare le uova? Forse un'arma da utilizzare in una guerra interstellare di milioni di anni fa?
Lo stesso alieno ha una biologia "visibile" assolutamente incomprensibile per gli umani che si trovano ad affrontarlo (come si muove così agilmente se non ha occhi? Come può avere liquido corrosivo al posto del sangue?) tanto quanto la sua "logica" di comportamento, la sua psicologia.
Veramente siamo di fronte all'incomprensibile, appunto all'alieno che non si coglie appieno perché nella mente umana mancano le forme mentali stesse che lo permetterebbero.
Solo Kubrick in 2001 era riuscito in qualcosa di simile con il monolito e con le celeberrime scene finali.

Tra i film accennati sul finale che hanno tentato di replicare il mix fantascienza-horror portato ai vertici da Scott con Alien, francamene tutti minori, citerei comunque "Event Horizon", che per alcuni aspetti ne replica la portata disturbante, calcando però più la mano sulla violenza sadica.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#19 Selfon

Selfon

    Ondarocker Derivativo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2614 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2012 - 09:21

Per me il miglior horror di sempre, seguito da La cosa di carpenter. (pietrificate anche questo!)
  • 0

#20 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2012 - 09:42


sicuro, le interpretazioni artistiche di Giger sono piene di riferimenti sessuali, Alien non fa eccezione.



e poi ci ha messo dentro 900 meccanismi mobili!

voi, senza conoscere l'interpretazione, avete mai pensato ci fossero cose sessuali in alien? a parte i pensieri su sigourney weaver, dico.


Ovviamente sì. E' talmente evidente...



"beh, io non mi ero mai accorto di niente!".


Vabbé, essendo un fan di H.R.Giger conosco moltissime opere ed i riferimenti sessuali sono continui. Penso sia anche per questo che colpì Scott.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq