Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Gli ignavi


  • Please log in to reply
11 replies to this topic

#1 R.Mutt 1917

R.Mutt 1917

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 12:48

Ogni tanto spara delle cazzate pure lui, ma secondo me Massimo Del Papa é uno dei giornalisti più lucidi di questo Paese disgraziato. Quest'articolo, apparso oggi sul suo blog, lo dimostra.

"GLI IGNAVI
L'Italia non è più un Paese né normale né anormale, è semplicemente un Paese fuori controllo. Dove il primo giullare esaltato può metter su un partito, anzi un antipartito. Dove la casta politica può aumentarsi gli emolumenti mentre sostiene d'esserseli ridotti. Dove un miliardario in odor di corruzione può ??scendere in campo? a favore dei poveretti, che gli credono pure. Dove si vota, per gioco o per davvero, in media ogni dieci mesi, un lavoro a tempo pieno per il quale ti chiedono perfino di pagare. Dove la gente corre come pazza ad ogni richiamo, in ogni piazza, dall'antipolitica di Grillo all'iperpolitica di Veltroni o Fini. Dove non si distinguono più assassini e assassinati, ladri e derubati, tutti applauditi, tutti in televisione. Dove vengono applaudite le bare e perdonati i carnefici. Dove magnaccia e fregnacciari in disgrazia vengono riabilitati in un'isola caraibica nella spasmodica attenzione di stampa e telegiornali, come per una emergenza nazionale. Dove l'antimafia si pratica a botte di slogan, di balli e di tamburi con l'occhio alle telecamere. Dove ogni anno muoiono in quarantamila sulle strade, ma guai a proibire l'abuso incontrollato di alcol e droghe. Dove la cocaina, vizio sociale di lusso, è più diffusa del pane, vola per case, chiese, scuole, ospedali, discoteche, banche, bettole, giardini ma basta riderci su, basta ammiccare come a ??Lucignolo?. Dove si pretende di esorcizzare la violenza diffusa a colpi di sms governativi. Dove le venti o cinquanta etnie più o meno extracomunitarie sono scoppiate e combinano delitti atroci, ogni giorno un bollettino di guerra. Dove le scuole sono campi di battaglia, abusi, sevizie, devastazioni ma guai a chiedere un minimo di controllo e di severità. Dove ministri inutili come la Turco, zavorre di una politica stralunata, hanno vergogna di fare il loro mestiere, che consiste nell'imporre le regole. Dove possono appiccare 800 incendi in una sola estate, e non uno paga davvero. Dove l'ambiente, la legalità, la lotta alla mafia non sono valori da tutelare ma pretesti per far carriera. Dove noglobal ladri o terroristi siedono in Parlamento (e tuonano contro la politica). Dove due ministri prendono l'aereo per andare alle corse con mogli, figli e portaborse. Dove l'affitto per il tugurio di un poverocristo costa più di quello della magione di un segretario di partito. Dove si può morire per il terrore di non pagare il mutuo, e a farti il funerale sono le contesse, i giornalisti milionari, i professionisti del fancazzismo militante.
Ripetendo io queste cose, disperatamente, da anni, cioè vedendo quello che c'è, vengo tacciato di provocatore e di qualunquista, due etichette fra loro in contraddizione. Ultimamente, la mia colpa somma, che poi è quella atavica, l'eterna eresia italiana, sarebbe di non stare con nessuno, di non schierarmi. Ma schierarsi dove, Dio Cristo? Se provocare vuol dire non sottrarsi ad una realtà infame, allora sia. Ma non è colpa mia se le cose stanno così, con buona pace di chi si consola non sporcandosi le mani, scostandosi quel poco per lasciarsi sfiorare. Una fauna simile la trovo girando per conferenze o spettacoli. Non mancano mai gli ignavi, i casinisti con pronta la parola magica, ??qualunquista?, per quelli come me che invece i qualunque come loro li disprezzo. Questi strafattoni o sfigati di rivoluzionario hanno poco, sublimano la loro trasandata malcreanza in uno strampalato ribellismo contro il capitalismo borghese. Quanti di questi improbabili neoapostoli di un ancor più improbabile paleomarxismo si alzeranno domani per andare a lavorare? Quanti, nella società comunista che sognano, potrebbero perdere la loro inutile vita come mosche da forum o da blog, nelle loro curatissime vestimenta barricadere, indisturbati da un regime che gli permette di rincoglionirsi ad libitum? Levare il pugnetto in una confortevole società liberalcapitalista. Questo, è il qualunquismo.
Massimodelpapa"
  • 0

#2 Pierrot le fou

Pierrot le fou

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 645 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 13:59

buahauahauauahhahauahauagsgdhjfbbcvhvu!


  • 0

#3 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 14:24

buahauahauauahhahauahauagsgdhjfbbcvhvu!

mi mancava uno dei tuoi interventi arguti come questo...

A me l'articolo comunque sembra un pò banalotto: voglio dire, è sotto gli occhi che la situazione è quella...
  • 0

#4 Guest_soul crew_*

Guest_soul crew_*
  • Guests

Inviato 19 ottobre 2007 - 14:27

a me sembra un articolo molto banale.
oltretutto è molto comodo il non schierarsi, se si vuole parlare di questi argomenti.

#5 Pierrot le fou

Pierrot le fou

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 645 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 14:29


buahauahauauahhahauahauagsgdhjfbbcvhvu!

mi mancava uno dei tuoi interventi arguti come questo...

A me l'articolo comunque sembra un pò banalotto: voglio dire, è sotto gli occhi che la situazione è quella...


il tuo invece è di alto profilo, specialmente il passo...aspè che non lo ritrovo...ah ecco si: "sotto gli occhi di tutti" ecco, argutissimo proprio.


  • 0

#6 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 14:43



buahauahauauahhahauahauagsgdhjfbbcvhvu!

mi mancava uno dei tuoi interventi arguti come questo...

A me l'articolo comunque sembra un pò banalotto: voglio dire, è sotto gli occhi che la situazione è quella...


il tuo invece è di alto profilo, specialmente il passo...aspè che non lo ritrovo...ah ecco si: "sotto gli occhi di tutti" ecco, argutissimo proprio.


Ma dove lo vedi il "di tutti"? Sotto gli occhi tuoi non è di sicuro (forse perchè hai qualche problema visivo, dato che leggi cose che non ho scritto).
  • 0

#7 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 19 ottobre 2007 - 15:53

a me sembra un articolo molto banale.

come in tutti i cahier de doleance sparacchia un po' nel mucchio ma non ha scritto delle fesserie.

oltretutto è molto comodo il non schierarsi, se si vuole parlare di questi argomenti.

quando la scelta è tra due schieramenti composti da fior di inetti, non schierarsi può essere molto meno comodo di quanto tu pensi e sostieni.

ciao.
  • 0

#8 Guest_soul crew_*

Guest_soul crew_*
  • Guests

Inviato 19 ottobre 2007 - 16:24


a me sembra un articolo molto banale.

come in tutti i cahier de doleance sparacchia un po' nel mucchio ma non ha scritto delle fesserie.

oltretutto è molto comodo il non schierarsi, se si vuole parlare di questi argomenti.

quando la scelta è tra due schieramenti composti da fior di inetti, non schierarsi può essere molto meno comodo di quanto tu pensi e sostieni.

ciao.

vero, ma è la logica del non schierarsi a priori che detesto.

#9 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 16:28

quando la scelta è tra due schieramenti composti da fior di inetti, non schierarsi può essere molto meno comodo di quanto tu pensi e sostieni.


Per me, se ponderata, il non schierarsi è spesso una scelta fra le più "dolorose" perchè presuppone la comprensione di un sistema marcio e incapace di soddisfare chi lo vota.

Quello di Del Papa mi sembra un articolo un pochino confuso e non capisco dove vuole andare a parare, se contro i rivoluzionari con iPod e digitale in mano (*) o contro un paese che ha perso completamente la bussola.
Certo parla come un "uomo della strada" ma è ora di considerare anche queste istanze che in molti casi sono sacrosante e che spesso nascono da un malessere reale che i politici (o i "rivoluzionari" figli di papà) non possono capire perchè non lo vivono.
  • 0

the music that forced the world into future


#10 R.Mutt 1917

R.Mutt 1917

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 19:24

vero, ma è la logica del non schierarsi a priori che detesto.


Non è a priori. Ti riporto un passo in cui lo stesso giornalista spiega il perché del suo non schierarsi:

"Ostinarsi a scegliere da un cesto di mele bacate non è democratico, è semplicemente folle. Senza scelta non c'è libertà: e questa politica di casta impone scelte illusorie, false alternative, finte libertà a partire dall'opzione elettorale, svuotata da una legge che lascia totale controllo sulle liste a partiti incontrollati....Né questa opzione, che rientra tra quelle riconosciute dalla legge, conduce in alcun modo al sacrificio definitivo del diritto: rifiutarsi di pescare a caso una mela in un cesto  di sole marce non conduce, neppure a forza, alla cassazione definitiva della facoltà di scegliere, se e quando il contenuto del cesto risulterà rinnovato. Questa è democrazia. Continuare a votare perché nulla cambi è esaltazione da visionari, atto di pura fede, che tuttavia andrebbe corroborata da un seppur minimo segnale. Mentre da queste parti l'unica cosa che non cambia è l'andazzo."

PS Dove le scuole sono campi di battaglia, abusi, sevizie, devastazioni ma guai a chiedere un minimo di controllo e di severità... ecco questa è proprio da vecchia zitella inacidita. Scrivevano le stesse identiche cose quando andavo alle medie io 20 anni fa e noi studentelli a domandarci dove diavolo fossero scuole così fighe...


Io ho finito le scuole superiori nemmeno quattro anni fa. Frequentavo l'itis Volta di Aversa, e non avrai idea di cosa succedeva in quella scuola. Certo noi alunni nella nostra immaturità ci divertivamo, ma col senno di poi capisci che forse se avessero avuto la mano pesante, oggi molti dei miei ex-compagni di classe sarebbero uomini e non vegetali.
  • 0

#11 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6270 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2007 - 12:57

Il fatto che abbia elencato una serie di verità "sotto gli occhi di tutti" non significa che si meriti di essere definito banale.
(non so chi sia sto del papa)....
  • 0

#12 R.Mutt 1917

R.Mutt 1917

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2007 - 13:05

Ok, ma non mi dire che 30, 40, 50, 100 anni fa fosse meglio.


Non so se fosse meglio perché non andavo a scuola 30 anni fa. Quello che ti voglio dire è che nella scuola che frequentavo io succedevano cose come:

1) sventrare la tazza del cesso e metterla in corridoio
2) prendere una bottiglia di urina e svuotarla dall'ultimo piano in testa al professore malcapitato di turno
3) dare della "puttana" alla prof di italiano mentre è rimasta bloccata in ascensore
4) far esplodere un petardo in mezzo alle scale, il cui scoppio avrebbe poi rotto i vetri delle finestre

Ecco se queste sono cose normali, dimmelo tu. Oggi poi con la mania di Youtube e internet, tutti ottengono il loro quarto d'ora di celebrità picchiando il disabile di turno. Non so te, ma io certe volte mi vergogno di essere giovane in questa generazione.

  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq