Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Mostre


  • Please log in to reply
30 replies to this topic

#1 R.Mutt 1917

R.Mutt 1917

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2007 - 13:13

Apro questo topic con due intenti:

1) Raccogliere informazioni sulle mostre italiane, spesso mal pubblicizzate

2) Raccogliere testimonianze, impressioni su di esse (con speciale riferimento, ovviamente, su chi è andato a "toccare con mano")
  • 0

#2 R.Mutt 1917

R.Mutt 1917

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2007 - 13:24

Per cominciare ad ottobre ci sarebbero queste:

1) Napoli, Museo di Capodimonte: "Omaggio a Capodimonte" dal 24 ottobre al 20 gennaio. La mostra si presenta come un omaggio, per i suoi 50 anni, fatto al museo partenopeo da parte di altri musei nazionali e internazionali, i quali hanno donato per l'occasione alcune opere delle loro prestigiose collezioni.

dal sito:

"Un evento, con oltre cinquanta opere, presenta al pubblico artisti come Caravaggio, Rubens, Velázquez, Tiepolo, Goya, Turner, Ingres, Monet, Degas, van Gogh, Toulouse-Lautrec, de Chirico, Picasso, Boccioni, Balla, Pascali e Basquiat, con tanti altri grandi maestri dal ??600 al ??900, e sarà allestita lungo il percorso espositivo del museo, a sottolineare proprio il nesso profondo con le collezioni permanenti, secondo una scelta che ha riscontrato sempre gran successo anche in occasione di mostre più recenti allestite a Capodimonte."

Ingresso: euro 10, Ridotto: 5

2)Roma, Palazzo delle Esposizioni: "Stanley Kubrick" (6 ottobre - 6 gennaio), "Mark Rothko" (6 ottobre - 6 gennaio) e "Mario Ceroli" (6 ottobre - 2 dicembre).

Ingresso: euro 12.50, Ridotto: 10

3) Roma, Sale del Vittoriano: "Paul Gauguin, artista di vita e di sogno" dal 5 ottobre al 3 febbraio.
Ingresso: 10 euro, Ridotto: 7.50

Ovviamente io conto di andarci, e voi?


  • 0

#3 Guest_Eleanor Rigby_*

Guest_Eleanor Rigby_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2007 - 10:57

Io son stata a Roma questi due giorni, e mi sembrava interessante questa mostra (che obviously non ho visto):

Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita

A Palazzo Venezia, dalle 10 alle 29, ingresso gratuito, fino al 4 novembre.
"La pittura ermeneutica di Pier Augusto Breccia"

#4 Guest_Maori Tattoo_*

Guest_Maori Tattoo_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2007 - 23:35

Imho ..son.. dipinti orrendi

#5 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 02 novembre 2007 - 13:00

Qualcuno di voi è stato alla Mostra sugli Anni '70 a Milano?
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#6 Guest_kobaia_*

Guest_kobaia_*
  • Guests

Inviato 28 febbraio 2008 - 10:46

io posso segnalare solo quelle barbariche

http://www.tate.org....ds/default.shtm

splendida e gratis
c'è una Pandora da urlo

arriveranno cose succulente:

http://www.tate.org....on/default.shtm

http://www.nationalg...ght/default.htm

O_O finalmente basta con i francesi largo ai civilizzati

dio mio Gaetano Previati a Londra:  :-*





#7 Sig

Sig

    Lo Zen e l'arte di tenere all'Inter

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 428 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 28 febbraio 2008 - 12:47


Tre segnalazioni succulente

A Palazzo Reale di Milano Francis Bacon.
04 marzo 2008  - 29 giugno 2008

http://www.teknemedi...stra/28177.html

_______________________________

A venezia , Accademia

L'ultimo Tiziano e la sensualità della pittura
Venezia, Gallerie dell'Accademia, 26 gennaio - 20 aprile 2008

http://www.ultimotiz...formazioni.html

____________________________________

Poi a Villa Olmo, Como Schiele e Klimt dal 14 marzo al 20 luglio 2008

http://www.exibart.c...delemento=51209
  • 0

#8 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 10 marzo 2008 - 09:33

Ieri sono stato alla mostra CANOVA ALLA CORTE DEGLI ZAR, capolavori dall??Ermitage di San Pietroburgo.
40 statue, provenienti da uno dei più importanti musei del mondo, raggruppate in poche stanza, di artisti del periodo neoclassico quali Finelli, Tenerani, Bienaimé, Bartolini, Thorvalsden ed Antonio Canova. E'un'occasione per ammirare uno dei capolavori dell'Arte tutta, Le tre Grazie (posta da sola in una sala e visibile anche attraverso quattro specchi uno di fronte all'altro, per ammirare le linee sinuose ed intrecciate da ogni lato, come deve essere vista ogni statua del Canova).
La mostra richiede un'oretta, ma molto intensa, perchè quasi tutte le statue esposte sono veramente belle: la Danzatrice con le mani sui fianchi, l??Amorino alato e la Maddalena penitente (splendida l'ultima sala con tre statue messe a confronto) di Canova, Le Ore Danzanti di Finelli, la Flora e la Psiche svenuta di Tenerani, l??Amore che abbevera le colombe di Bienaimé, la Ninfa dello scorpione di Bartolini (incredibile il dettaglio del dito che preme sul piede punto), il Bacchino malato di Dupré, confrontato con il famoso Bacchino, noto anche come l??Ammostatore) di Bartolini.
Andateci!

http://www.newsfood....Pietroburgo.asp
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#9 Guest_Eleanor Rigby_*

Guest_Eleanor Rigby_*
  • Guests

Inviato 12 marzo 2008 - 13:25

BAri - mostra sulle opere di Tina Modotti

La Mostra si propone di far conoscere in Puglia e in tutto il Meridione la vita, l??opera e lo spirito libero di una donna emigrante, operaia, attrice, fotografa, antifascista, rivoluzionaria, perseguitata ed esule politica. E?? la prima volta che questa mostra scende al di sotto di Roma.

Bari -  Sala Murat. piazza del ferrarese
orario: dalle ore 10,00 alle 12,00 - dalle ore 17,30 alle 21,30 - chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 7 marzo 2008. ore 18
autori: Tina Modotti

#10 Sig

Sig

    Lo Zen e l'arte di tenere all'Inter

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 428 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 24 marzo 2008 - 17:30

Ho atteso a lungo l??opportunità di godermi una mostra del grande artista di Dublino. Nel mio andar per gallerie e musei avevo avuto modo di incontrare solo pochissime sue opere e, con tutta sincerità, quel poco mi aveva soddisfatto poco. Bacon l??ho amato, o creduto d??amare a questo punto, soprattutto dai libri. E a tal proposito sorge spontanea la domanda: quanto ha senso amare un  pittore solo per averlo visto illustrato e solo per aver letto su di lui fiumi di parole, magari sui grandi libri di storia dell??arte, se poi quando ti trovi di fronte alla sua opera scatta il gelo, l??indifferenza, la noia e non l??emozione, la partecipazione, il piacere, il gusto ??semplicemente- d??esser lì che ti aspettavi?
L??opportunità questa volta la trovo vicino a casa, proprio all??ombra della ??madunina?, in quel Palazzo Reale, dirimpetto il Duomo che, anno dopo anno, stenta a trovare una sua collocazione  nell??ambito delle più importanti sedi espositive italiane. Ricco però, di questi tempi, il piatto di Palazzo Reale con quattro titoli in contemporanea ovvero oltre a Bacon , la mostra sull??Arte delle Donne, quella su Canova e quella su Balla;  senza esitazione tiro dritto verso Bacon. Le sale dedicate all??artista sono quelle secondarie al piano terra. Faccio una breve ricognizione mentale sulla mostre viste qui negli ultimi anni ed in effetti le più significative e corpose le ho viste di sopra al Piano Nobile. Brutto segno.   
Si parte con una stanza che ricostruisce, tramite filmati originali proiettati sui quattro lati della stessa, lo studio dell??artista, quello dove ha lavorato negli ultimi prolifici decenni prima della sua morte nel ??92. Domina il caos; colori, pennelli ma soprattutto cumuli di macerie ovunque. Non c??è che dire, in quello studio Bacon ci ha lottato. La pittura per lui era ossessione. Penso per associazione a Soutine (di cui non conosco lo stato in cui versava il suo studio a dir la verità). Ecco, l??associazione tra i due pittori mi viene dalla carne di bue macellata che incontrerò in alcune opere esposte nelle stanze successive. Carne da macello amata da entrambi questi artisti.
Le prime opere che si incontrano in mostra, quelle della giovinezza, ma si parla dei 20 o 30 anni, non dei dodici anni di Picasso per intenderci, si rifanno alle avanguardie storiche (Bacon è del 1909) con una particolare inclinazione verso il cubismo.
Una frase illuminante, che suona come un monito, ci introduce alle sale dove prende forma lo stile dell??artista: la maggior parte delle opere è dietro un vetro per volontà e disposizioni di Bacon stesso verso i galleristi in quanto voleva che tra la pittura e il visitatore ci fosse uno schermo, un filtro.
Le direttrici fondanti la sua opera sono subito chiare: astrazione della figura umana dal contesto (domestico, sociale ecc.);  congelamento della stessa dentro una sorta di teca di cristallo o vetro che sia, tracciata sommariamente con linee rette che formano parallelepipedi virtuali;  deformazione, fino a spingersi ai confini della mostruosità, del viso e del corpo. Sala dopo sala percepisco, sempre secondo la strada maestra mai abbandonata dal pittore nemmeno nella tarda produzione, una crescita stilistica notevole. La tavolozza si arricchisce, corpi e volti si decompongono e si torcono sempre più in maniera quasi insostenibile, le composizioni sono più complesse. Compaiono i trittici che, spiega l??artista in un filmato presentato in mostra, sono gli ispirati sia dalla grande tradizione pittorica classica, sia dalle foto segnaletiche della polizia: profilo sinistro,vista di fronte , profilo destro,  punti d??osservazione distinti per immortalare la stessa figura, punti di vista che il cubismo, tramite la propria rivoluzione,  racchiudeva in se in unica rappresentazione (e, ripensando a quei volti devastati mi torna ancora in mente proprio Picasso e in particolare, anche nei colori oltre che nelle forme,  uno studio per le Damoiselle D??Avignon, punta di diamante della milanese collezione Jucker). Ossessione dicevo, riguardo all??approccio di Bacon alla pittura, ma anche amore. E?? indubbio che Bacon amasse smodatatamente i soggetti delle sue opere come l??umanità in quanto condizione umana: devastata. Altra dichiarazione importante, ripresa in mostra, è quella per cui l??artista prende le distanze dalla decorazione, pittura di superficie e solo estetica nel senso di esteriore, per immergersi invece negli abissi dell??interiorità umana: deformare significa allontanarsi dalla mera percezione dell??esteriorità per portare in superficie la profondità ; quindi significa ridare valore alla superficie in quanto, ora,  rivelatrice del dramma interiore.
Sono convinto che Bacon sia senza dubbio un grande protagonista del secondo novecento figurativo. Partendo dalle avanguardie storiche sviluppa un suo linguaggio personalissimo e lontano da mode o correnti nel solco della tradizione disperata dell??espressionismo.
Ma nella piena consapevolezza della grandezza storica  dell??artista, devo ammettere che la mostra non mi è piaciuta molto. Non mi è piaciuta la qualità pittorica. Non mi è piaciuta la galleria degli orrori. Non mi è piaciuta la fredda esibizione di mostruosità sotto vetro.
Forse l??opera che mi ha più catturato è un piccolo trittico con un autoritratto e due visioni delle ?macerie? del suo studio, quasi due nature morte di grande vividezza coloristica. Ma è un trittico che c??entra poco col resto della sua produzione, conferma del fatto che non sono entrato sintonia con la sua strada maestra, col suo modo prevalente di fare pittura.

PS all??inizio della mostra c??è una valida copia dell??Innocenzo X di Velazquez. Il rosso delle vesti mi si è appiccicato addosso come il ricordo più bello della visita. E nulla vieta che Innocenzo X fosse proprio un ??mostro?.         

  • 0

#11 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 25 marzo 2008 - 16:01

Voglio andare a vedere questa mostra, anche se è fino al 20 Aprile: http://www.ultimotiziano.it/Home.html


  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#12 Sig

Sig

    Lo Zen e l'arte di tenere all'Inter

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 428 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 31 marzo 2008 - 09:56

Due anni dopo la mostra dedicata a Magritte torno a Villa Olmo in quel di Como per una mostra che ho già avuto modo di scorrere online.
Non nutro quindi grandi aspettative sulla visita. Di Klimt so che vedrò un paio di opere. Qualcosa di più di Schiele. Il resto sarà acccademia..
Partiamo dal meglio ovvero da Schiele del quale sono presenti, soprattutto, tre opere di grande formato: non poco. Schiele infatti, a quanto so, ha dipinto poco sia a causa della breve vita, morì di febbre spagnola a 28 anni nel 1918, sia a causa della grande guerra che lo tenne lontano dai pennelli in alcuni degli anni cruciali della ??maturità?.
Ma in poche opere, e qui mi riferisco agli oli su tela non ai numerosi i disegni, ha saputo raggiungere una grande qualità pittorica tanto da essere inserito quasi universalmente tra i grandi del XX secolo.
Il suo merito maggiore credo stia nella notevole capacità compositiva valorizzata sia nelle opere che affrontano la figura umana sia nei paesaggi, alcuni davvero strepitosi (alberi e rami così secchi e straziati non li ho visti dipinti da nessun altro) . 
Le tre grandi opere ospitate a Como trattano tutte la condizione umana affrontata quasi sempre secondo la bipolarità vita/morte o meglio, come ben si addice alla Vienna di quegli anni, secondo la dicotomia eros/thanatos.
L'Abbraccio, che dà il titolo a questa collezione di opere provenienti dal museo Belvedere di Vienna, è un capolavoro. Sapientemente illuminato da un occhio di bue, trovo l??opera esposta nella medesima stanza, forse nella stessa posizione, che un paio d'anni orsono ospitava ??l'impero della luce? di Magritte (altra opera capitale all'interno di una discreta mostra).
L??abbraccio è quello voluttuoso, ma anche drammatico, di due amanti, l??uno con l??incarnato più scuro, l??altra più chiaro. I corpi sono nervosi ed emaciati, percorsi, alla maniera di Schiele appunto, da una sorta di carica elettrica che li rende contorti, irrequieti e vibranti. Le mani, ossessione del pittore austriaco (anche Bowie per la copertina di Heroes si ispirò a Schiele), sono sempre innaturali, talora spropositamente grandi, con le dita tese e percorse da tensioni inquietanti. Gli amanti sono coricati  su di un lenzuolo bianco dalle pieghe ugualmente nervose e steso in obliquo rispetto al perimetro della tela. Altra bellissima opera è ??madre con due bambini III?. La madre sembra sedere su un grande trono, ma c??è poco di maestoso e glorioso nella scena. Il volto della madre è funereo. Ancora una volta la morte dialoga con la vita, rappresentata dai bimbi vestiti come arlecchini. Di questa opera si apprezza anche la qualità decorativa e l??influsso indubbio, in tal senso,  di Klimt.
Di quest??ultimo, il vate della secessione viennese, c??è davvero poco e di poco rilevante in mostra. Niente che si avvicini ai suoi più grandi capolavori quali, per intenderci,  Danae, Giuditta, Bisce d??acqua, le tre età della vita o il Bacio. Nel ritratto di Johanna Staud, pur incompiuto, c??è un bel gioco di tonalità calde e fredde. L??iride celeste richiama la veste, mentre le labbra richiamano lo sfondo. Infine riflessi caldi e freddi si ritrovano anche sul viso chiaro della donna.
Poco di rilevante nelle altre sale. Tra tutti mi è piaciuto molto ??Donna addormentata? di Johann Reiter, un bel nudo di grande qualità pittorica ottocentesca. Per il vivido e sensuale incarnato, la bella composizione, il preciso disegno, l??opera  mi ha fatto pensare a un Ingres o a un Hayez. 
Piuttosto deludenti invece i lavori di Kokoshka, spesso associato a Klimt e Schiele per comporre la grande triade dell??arte austriaca di inizio novecento, presenti in mostra.
Un??ultima nota di cronaca per il piccolo ma delizioso teatrino che si intravede tra una sala e l??altra del percorso espositivo.  Il pensiero di avere un palcoscenico in casa, con tanto di piccola platea e balconata mi fa impazzire. Beata aristocrazia d??altri tempi!


  • 0

#13 Moonchild

Moonchild

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 497 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2008 - 23:42


Romani, ma ci siete andati all'ara pacis per Mimmo Paladino + Brian Eno? E' splendida.
  • 0

#14 Guest_kobaia_*

Guest_kobaia_*
  • Guests

Inviato 02 aprile 2008 - 10:58

Furini a Firenze è imperdibile
pittore poco noto al grande pubblico ma di valore eccelso
probabile mostra dell'anno

A Forlì splendida e ben allestita mostra su Cagnacci
tra l'altro vi beccate 4 Caravaggio necessari per spiegare il suo iter artistico
Organizzata da Paolucci una garanzia di competenza

#15 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 24 aprile 2008 - 13:03

Io stavo pensando di andare al museo di Capodimonte (NA) per questa mostra sul fumetto d'autore.
Qualcuno ci è andato o vorrebbe andarci?
  • 0

#16 Greed

Greed

    round control to major troll

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12754 Messaggi:

Inviato 24 aprile 2008 - 18:05

A Forlì c'è una mostra su Cagnacci, andrò a vederla con la scuola.

http://www.eventiesa...o Cagnacci.html
  • 0

#17 Aurora

Aurora

    born slippy

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1210 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 25 aprile 2008 - 14:13

Cortili Interni: l??eco-design in mostra all??Università Statale,Milano.

Organizzata dalla rivista Interni greenenergy è uno degli eventi più attesi del FuoriSalone 2008. I cortili della Statale fanno da scenario alle eco-installazioni di designer di fama internazionale come Jacopo Foggini, Philippe Starck, Arik Levy, James Wines e Toshiyuki Kita.

Si tratta di opere realizzate con materiali di alcune delle aziende che partecipano a questa esposizione interamente dedicata ai progetti di bioedilizia, architettura ecologica e design ecosostenibile.

Risparmio delle risorse ambientali, riuso, riconversione e salvaguardia del territorio sono le  parole chiave dell??intera manifestazione.

Martedì 15 aprile il rettore Enrico Decleva porterà il suo saluto alla conferenza stampa di presentazione insieme a Maurizio Costa, vicepresidente della Mondadori, e all??assessore alla cultura del Comune di Milano, Vittorio Sgarbi.
 

Cortili di Via Festa del Perdono 7 ?? 15 aprile -1 maggio

Orari d??apertura:
da martedì 15 a lunedì 21 aprile, ore 10.00-24.00
da martedì 22 a mercoledì 30 aprile, ore 10.00-19.00



menomale che il 1mo maggio è alle porte.  :-\
però il caffé gratis,non era male. 
  • 0

#18 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 26 aprile 2008 - 13:16

Ancora non son andato a capodimonte, ma oggi vado alla decima edizione del Comicon a Castel Sant'Elmo.

http://www.comicon.it

La mostra principale della decima edizione del Salone è dedicata ad Attilio Micheluzzi. Si tratta della prima grande monografica su uno dei più importanti autori di fumetti vissuti a Napoli. Cantore di tematiche relative alla Guerra, ma anche di passioni quali il Volo e il Viaggio, Micheluzzi è una figura atipica del fumetto italiano, tra i massimi esponenti della Nona Arte europea. Un iter di vita che si rispecchia nelle sue storie, dal carattere esotico e affascinante, dense di mistero e intrigo, e nei suoi personaggi evocativi, quali Roy Mann, il sognatore, oppure Mermoz, il viaggiatore, e soprattutto l??eroina Petra Chérie, aviatrice e agente segreto, dalla prima edizione di COMICON icona simbolo dei Premi Micheluzzi-COMICON, asseganti all??interno del Salone. Dallo stretto contatto con la famiglia Micheluzzi, viene allestita un??imponente personale, composta di originali, inediti, oggetti, fotografie. Con un corposo catalogo a corredo, edito da Black Velvet, con numerose immagini inedite e testimonianze critiche.


Il Rosso del Sangue è alla base della mostra di due degli autori che hanno lavorato su storie del grande e poliedrico Alejandro Jodorowsky, entrambi ospiti del Salone, Juan Giménez e Marco Nizzoli. Regista e romanziere, e dalla fervida attività di sceneggiatore di fumetti (alcuni storici come la saga dell??Incal disegnata da Moebius), l??autore franco-cileno ha lavorato per La Casta dei Metabaroni con l??argentino Giménez, fino al recente Alef Thau ?? Résurrection, per i pennelli dell??italiano Nizzoli. In mostra le sue tavole dove forte è il richiamo alla dicotomia tra sangue e poesia, due tra le sue passioni più rosse.


  • 0

#19 micky ++

micky ++

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 3 Messaggi:

Inviato 26 aprile 2008 - 13:58

Urbino: in mostra i tesori nascosti dell'Impressionismo
L'esposizione, strutturata in quattro sale suddivise per argomenti (generale, paesaggi, capolavori e ritratti) consta di olii su tela e su tavola, disegni, pastelli, acqueforti e acquerelli di artisti importantissimi che vanno dal pre al post-Impressionismo passando in special modo, ovviamente, per l'Impressionismo stesso. Tra i nomi spiccano quelli di Degas, Modigliani, Monet, Manet, Cézanne, Corot, Sisley, Doré, Van Gogh, Monticelli, De Nittis, Utrillo. Molte altre sono le firme, forse meno note al grande pubblico, ma altrettanto valide come, ad esempio, Lebourg, Boldini o Suzanne Valadon. La mostra si prefigge anche di collegare l'Impressionismo francese a generi posteriori e derivativi come il fauvismo e a quel movimento che si sviluppò quasi in contemporanea in Italia e i cui adepti presero il nome di Macchiaioli.
I collegamenti, le influenze reciproche e le varie discendenze stilistiche, che partono dalla scuola di Barbizon con Daubigny e Rousseau fino appunto al fauvismo di De Vlaminck, si snodano attraverso le quattro sale espositive in un viaggio tra figure e colori che promette, con i soli presupposti, di essere memorabile. La mostra è stata curata e allestita da Art is, un'associazione sorta di recente e che si propone di presentare l'arte con un taglio sempre particolare, personale e invitante.
Il costo dell'ingresso è di 8 euro (5 i ridotti)
  • 0

#20 oblomov

oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 18319 Messaggi:

Inviato 04 maggio 2008 - 19:24

Canaletto e Bellotto a Palazzo Bricherasio (TO)
Mostra ben allestita e godibile, sempre che i vedutisti siano il vostro pane, peccato che, a quanto mi pare, non vi fossero i canaletto della pinacoteca Agnelli del Lingotto.
  • 0
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq