Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Francesco Rosi


  • Please log in to reply
17 replies to this topic

#1 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 12 luglio 2006 - 08:48

cosa pensate di questo cineasta che io reputo uno dei più importanti del cinema italiano?
da Salvatore Giuliano a Il caso Mattei, da Cadaveri eccellenti a Le mani sulla città, Rosi ha saputo codificare un cinema d'impegno civile dalle solidissime basi culturali e tecniche.
I film citati, ma anche gli altri, hanno saputo scrutare impietosi tra le pieghe recondite di una società, quella italiana, compromessa per decreto, dove anche un lenzuolo bianco ha inevitabilmente delle macchie nere, piccolissime e nascoste alla vista dietro le quali si nasconde il "marchingegno".
i fenomeni più impressionanti del macello perpetrato agli sfigati senza santi in paradiso ad opera dei soliti noti, quali la speculazione edilizia (in Le mani sulla città), la strategia della tensione (Cadaveri eccellenti), l'impunità (Salvatore Giuliano) e l'arroganza del "sistema" (Il caso Mattei) sono stati svelati e trasmessi alle masse (secondo quella ideologia progressista ispirata al PCI di Berlinguer) con il solo sostegno della consapevolezza culturale.
Il cinema di Rosi ha reso giustizia al Pasolini dell'"io so ma non ho le prove".
Vostre opinioni sul suo cinema?
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#2 webnicola

webnicola

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4549 Messaggi:

Inviato 12 luglio 2006 - 09:26

Uno dei registi di punta del boom cinematografico italiano degli anni 60. Considero le mani sulle città il suo miglior lavoro tra quelli che ho visto.
  • 0

#3 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 12 luglio 2006 - 09:27

Salvatore Giuliano


portella delle ginestre, un atto di terrorismo specificatamente rivolto contro una parte politica; uno dei tanti casi irrisolti della storia italiana del dopoguerra che ha avuto conseguenze immediate e a lungo termine sulla nostra vita politica; esecutore materiale fu il bandito salvatore giuliano, ma si dà per certo che abbia agito su commissione, probabilmente obbligato a farlo; perché, anche nella ottica criminale del bandito, sparare sulla sua gente, la stessa per la quale aveva combattuto per la conquista della indipendenza, era un atto abbietto; scrisse un misterioso memoriale in cui, forse, stava scritto chi fossero i mandanti; divenuto ingombrante fu ucciso in circostanze misteriose; il ministro dell??interno scelba disse ??l??importante è che sia morto?; e invece no serviva vivo! il bandito pisciotta, che si autoaccusò dell??uccisione e che sosteneva l??esistenza di un memoriale diverso da quello in mano alla magistratura, fu a sua volta eliminato in carcere;
quando rosi comincio il suo film questa era ancora materia incandescente; si autoimpose di utilizzare esclusivamente fatti storici e di cronaca giudiziariamente accertati, senza aggiungere alcuna ipotesi deduttiva, pena la censura al film; il film è fatto quindi di frammenti di cronaca narrati su due piani temporali che si alternato: il primo dal ritrovamento di giuliano morto all??omicidio di pisciotta ed il secondo ( che mi sembra improprio chiamare flashback) dall??inizio della lotta indipendentista in Sicilia alla ricostruzione della uccisione di giuliano; raccontato così sembra un documentario-inchiesta; invece no, salvatore giuliano è un film; e che film!!! un capolavoro in cui il racconto procede a ritmo serrato e con grande tensione emotiva;

come idea iniziale doveva essere un film sulla Sicilia ed il titolo provvisorio era Sicilia 1947 (o qualcosa di simile); ma l'episodio di portella delle ginestre assume per la sua bellezza ed per il suo valore emblematico un ruolo centrale ed il film esonda dall'ambito siciliano; oggi, col senno di poi, possiamo considerarlo un film sull??Italia e sui suoi insoluti torbidi misteri insoluti, che purtroppo hanno fornito tanto materiale cinematografico a rosi; il terrorismo in Italia cominciò così; come pure la dietrologia e le morti misteriose; un modello anche esportato; si è detto di tutto su questo episodio e l??ultima che ho sentito alla radio di recente sostiene che Girolamo Li Causi non andò quel giorno a portella delle ginestre perché fu avvertito di quello che sarebbe successo; quindi non solo gli americani e la democrazia cristiana, ma anche i comunisti furono i mandanti, secondo il revisionismo storico di moda; ridicolo;

l??ipotesi più realistica è che i mandanti dell??eccidio siano stato i proprietari terrieri preoccupati del successo elettorale del blocco del popolo; l??essenza del terrorismo è questa; i riccastri che creano tensione e terrore per timore di perdere i propri privilegi;

#4 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 12 luglio 2006 - 09:47

l??ipotesi più realistica è che i mandanti dell??eccidio siano stato i proprietari terrieri preoccupati del successo elettorale del blocco del popolo; l??essenza del terrorismo è questa; i riccastri che creano tensione e terrore per timore di perdere i propri privilegi;


ultimamente si è fatta avanti l'ipotesi, peraltro suffragata da alcune testimonianze e documenti, di un coinvolgimento americano nell'eccidio di Portella.
del resto non è un mistero che gli USA, al fine di avere un solido punto d'appoggio per l'invasione da sud, abbia cercato e trovato il sostegno della mafia.
sostegno che la mafia s'è fatta pagare a caro prezzo.
è ovvio, in questo contesto, che anche il solo timore di un'avanzata degli strati sociali rappresentati dal PCI sollevasse una reazione tanto scomposta quanto criminale come la strage di cui sopra.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#5 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 12 luglio 2006 - 10:27

ultimamente si è fatta avanti l'ipotesi, peraltro suffragata da alcune testimonianze e documenti, di un coinvolgimento americano nell'eccidio di Portella.


questa e tante altre ipotesi sono state fatte in segreti di stato di benvenuti, il cui valore cinematografico non cmq confrontabile col film di rosi;

#6 Malato_del_vinile

Malato_del_vinile

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 734 Messaggi:

Inviato 12 luglio 2006 - 11:22

Grandissimo regista anche se come Petri definito un pò "Politico" di lui  ho visto solo "Le Mani Sulla Città" Grandissimo film che consiglio
  • 0

#7 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22335 Messaggi:

Inviato 21 dicembre 2006 - 20:57

Ma com'è che questo thread me l'ero perso? Ormai la discussione è scemata, ma ci tengo a dire che reputo Rosi un tizio che, nel campo del post-neorealismo, s'è guadagnato un posto in paradiso...I Magliari, Salvatore Giuliano, Le mani sulla città, Il momento della verità, Uomini contro, Il caso Mattei...6 enormi film infilati uno dopo l'altro..
  • 0

#8 Guest_kobaia_*

Guest_kobaia_*
  • Guests

Inviato 27 febbraio 2008 - 17:03

F. Rosi è un genio, uno dei pochi che possa vantare almeno due capolavori assoluti del cinema mondiale tutto come salvatore giuliano e le mani sulla città...neanche Fellini ci è riuscito fermandosi ad un solo capolavoro la dolce vita

Mi sono preso christ stopped at eboli, in inglese fa più figo  :P, un film meraviglioso da un libro capolavoro, fondamentale per capire molta storia del sud dalle sue resistenze al fascismo alla fascinazione del mito America, si piange e si ride, con un Volontè superlativo con una sceneggiatura che non sbaglia un colpo (raffaele la capria, tonino guerra, rosi), una regia semplice ma perfetta anche visionaria in alcuni momenti

unico neo: non l'hanno rimasterizzato peccato forse spaventati dalla lunghezza del film 200 min

ottima negli extra la lunga biografia intervista a Rosi con contributi tra gli altri di Scorsese che riconosce di avere studiato a più riprese molti dei suoi film

L'unico italiano che si sia cimentato con certe tematiche scottanti senza retorica potendo senza dubbio competere con chi più di altri ha saputo raccontarci meglio all'estero : Coppola e Scorsese.
Ma senza il cinema di Rosi non avremmo avuto i loro capolavori da il padrino a taxi driver

Giusta l'osservazione di Marco Tullio Giordana:il cinema di Rosi non va sminuito nell'appellativo riduttivo di cinema politico

Lucky Luciano, sempre con Volontè come protagonista, un altro dei suoi da menzionare

Appena posso mi prendo il castoro dedicato a lui




#9 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22335 Messaggi:

Inviato 27 febbraio 2008 - 18:51

Questa m'era sfuggita! Grande kobaia!
  • 0

#10 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 01 luglio 2009 - 07:52

tempo fa ho avuto la fortuna di poter apprezzare due dei suoi grandi film, Salvatore Giuliano e Le mani sulla città.

Ieri ho visto i Magliari. Ambientato in Germania,anche questo è un film che mi è piaciuto molto, sia esteticamente (tra l'altro l'ho trovato molto affascinante), sia nei contenuti. C'è un Alberto Sordi molto protagonista ma in generale tutto il cast funziona. C'è parecchio napoletano nel film, buono!

Tra l'altro giusto di recente parlavo con un amico a proposito di suoi parenti, che appunto son partiti da zero facendo i magliari! Così ho visto questo film con interesse e curiosità
  • 0

#11 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 09 aprile 2010 - 05:59

una notizia che ha dell'incredibile:

Deceduta la moglie del regista Rosi
Aveva ustioni di terzo grado sul 100% del corpo.
Aveva preso fuoco il suo abito a causa di una sigaretta


:o
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#12 beignet

beignet

    Been there, done that

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1790 Messaggi:
  • LocationTorino

Inviato 09 aprile 2010 - 06:25

L'articolo dice pure che la poveretta aveva gravi problemi di salute, quindi può darsi che non si sia resa conto e/o non sia stata in grado di rimediare o chiedere aiuto in tempo.
  • 0
When you've read a hundred books, you write like a hundred books. When you've read a thousand books, you write like yourself
Questo cerca protezione, quello ha torto e vuol ragione, chi vorrebbe un impieguccio, chi una cattedra ed è un ciuccio...
When the legend becomes fact, print the legend

#13 Seb

Seb

    Esperto del "Cinema di menare"

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 401 Messaggi:

Inviato 09 aprile 2010 - 08:38

Di Rosi ho visto praticamente tutto...

Il mio preferito è "Uomini contro".

Il film esprime esemplarmente l'assurdità della guerra; come nel "Segno rosso del coraggio" dello scrittore Stephen Crane, si percepisce la precarietà e la difficoltà della vita in trincea.

E non c'è, come nella "Grande Guerra" di Monicelli, nessuna via di fuga nella comicità, nell'ironia: tutto é brutale e diretto, tanto che alla fine lo spettatore diventa uno dei tanti soldati consumati dalla fatica e dagli stenti; non si immedesima in Gassman o in Sordi, ma in uno dei tanti, nel Milite Ignoto.

  • 0

#14 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2012 - 06:59

Venezia, Leone d'oro alla carriera a Francesco Rosi

Immagine inserita

:hands:
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#15 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2012 - 09:13

[m]http://www.youtube.com/watch?v=_S9hxR69yIo[/m]

[m]http://www.youtube.com/watch?v=xli2IkgU87c&feature=related[/m]
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#16 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2012 - 09:17

[m]http://www.youtube.com/watch?v=zsct_uE5CNc[/m]

[m]http://www.youtube.com/watch?v=tuhY3AtRIsA[/m]
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#17 GianPeppe

GianPeppe

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 61 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2012 - 09:17

Venezia, Leone d'oro alla carriera a Francesco Rosi

Immagine inserita

:hands:


Mi fa molto piacere, è un grande regista e una persona a modo.
  • 0

#18 StuntmanMike

StuntmanMike

    Membro Premium

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4915 Messaggi:

Inviato 10 gennaio 2015 - 18:49

L'Ansa di poco fa: "è morto stamattina a Roma il regista Francesco Rosi, era nato a Napoli il 15 novembre del 1922. Uno dei grandi del cinema italiano, Leone d'oro alla carriera nel 2012, già Leone d'oro (Le mani sulla città), Palma a Cannes (Il caso Mattei), Legion d'onore, e tributi alla carriera a Locarno e Berlino, per non parlare di Grolle, David, Nastri (..)"

 

Uomo di gran coerenza e stile, uno degli ultimi veri Maestri del nostro cinema.

 


  • 1
Quello che se ne fotte dei punti sulla patente.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq