Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Povere Creature! [Poor Things, Y. Lanthimos, 2023]


  • Please log in to reply
31 replies to this topic

#1 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25050 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2024 - 10:15

PT_Payoff_ONLINE_POSTER_1350x2000_FIN_rg

 

 

Con notevole balzo poetico Lanthimos si erge dal low fantasy e approda chiassosamente nella pura fiaba: scarto che occorreva giustificare con l'eccesso, l'opulenza cromatica e la densa laccatura proprie di certi libri illustrati (reali o immaginati), il dialogo vertiginosamente sopra le righe, lo scandalo come abitudine disinvolta. 
 
L'occhiuta e sogghignante Emma Stone è cavia e cadavre exquis sotto il giogo (e il gioco) della visione delirante di Lanthimos; o forse, dopotutto, il fulcro dal quale essa magicamente si irradia, plasmando a sua immagine l'universo parallelo della narrazione.
 
Racconto di formazione deviato, morbosamente inebriante, talmente distante dai sottili, chirurgici massacri precedenti da fare storia a sé; la speranza è che rimanga un caso del tutto isolato, l'aberrante chimera che solo in un impeto di follia avrebbe potuto venire al mondo.
 

PS: musiche se possibile ancora più malate di ciò che scorre sullo schermo, un incubo lucido.
 
 
La rece di Ondacinema

  • 4

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#2 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23429 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 26 gennaio 2024 - 17:00

lo voglio vedere


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#3 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27662 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2024 - 18:42

Non l'ho visto, ma dalle anteprime esteticamente mi sembra ributtante. All'infuori di ciò che narra, dato che non metto in dubbio che la storia possa essere geniale, ma l'occhio non vi sanguina innanzi a una roba del genere?

Quello che più mi fa ridere è che molta gente deride gli effetti speciali e il trucco dei vecchi film perché "come si vede che è finto" e poi gli stessi si fanno andare bene una roba come questa come niente fosse:

 

Willem-Dafoe-Poor-Things.png

 

Devo davvero capire in base a cosa ciò è credibile mentre i vampiri nei vecchi film erano ridicoli, boh.


  • 3
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#4 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23145 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2024 - 19:51

ma ti pare che voglia essere realistico? asd


  • 7

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#5 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25050 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2024 - 20:43

Lascia, una boiata da bastian contrario ci vuole sempre, no?
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#6 Earl Bassett

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9611 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2024 - 22:00

A me sembra un ottimo trucco prostetico.
E che il dio del cinema ci preservi il buon Mark Coulier, uno dei migliori make up artist in circolazione, continuatore della gloriosa tradizione che parte da Jack Pierce prosegue con i grandissimi Dick Smith, Rick Backer e Rob Bottin per arrivare sino a Greg Cannon e che oggi purtroppo risulta drammaticamente in declino soppiantata dalla terribile CG e altro piattume assortito.
  • 0

#7 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27662 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2024 - 12:33

ma ti pare che voglia essere realistico? das.gif

 

Perché, i film con i vampiri di un tempo volevano essere realistici? I film con qualsiasi effetto speciale o trucco di genere fantasy / science fiction volevano essere realistici? Eppure a oggi si tende a deriderli, per poi apprezzare quanto sopra. 

Mi pareva abbastanza chiaro cosa avevo scritto, ma a quanto pare pretendere la comprensione dell'italiano nel 2024 è fuori moda.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#8 Earl Bassett

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9611 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2024 - 12:38

Hai scritto che è esteticamente ributtante e se gli occhi non ci sanguinano a vedere una roba del genere postando mo' di esempio la foto di WD truccato.
Poi hai fatto il discorso generazionale che ci può anche stare ma che non mette in discussione quanto scritto prima.
  • 0

#9 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27662 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2024 - 13:05

Quello perché sembra fatto peggio della roba di cinquanta anni fa, che non è buon segno visto che in teoria si dovrebbe andare migliorando. Detto ciò, anche contando la prima parte del mio discorso, non ho preteso da nessuna parte che il film volesse essere realistico (anche perché tendo a ritenere che le intenzioni dell'autore contino meno del risultato), quindi l'intervento di debaser rimane del tutto gratuito.
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#10 Earl Bassett

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9611 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2024 - 13:26

Il vertice del make up prostetico (spesso legato all'utilizzo di effetti speciali animatronici) si è effettivamente raggiunto negli anni 80 quando questi artisti erano delle vere e proprie star, negli ultimi 20 anni secondo me, nonostante l'incredibile esplosione di generi come fantasy e fantascienza, c'è stato un evidente calo o per lo meno una generale e deludente standardizzazione.
Per quello che ho visto questo di Poor Thinghs non mi sembra comunque male.
  • 0

#11 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23429 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 27 gennaio 2024 - 21:18

Ho visto entrambi i trailer e mi è passata la voglia. Ho una certa sensazione di baracconata modaiola. Ditemi voi che l'avete visto
  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#12 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25050 Messaggi:

Inviato 28 gennaio 2024 - 09:47

Stiamo apparecchiati proprio bene...

Non ci credo che nessun altro qui dentro lo ha visto.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#13 Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4073 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2024 - 10:20

pensieri sparsi, il giorno dopo la visione:

 

Mi sono evitato ogni trailer possibile, come faccio sempre con i film che attendo. Me lo aspettavo diverso, più modaiolo e meno ficcante. Per me la vera sorpresa sono i dialoghi, in cui si passa dall'ironia demenziale ma sottile all'esistenzialismo.

 

Si parla di fiaba gotica, ma qui di gotico per me non c'è nulla, nemmeno le studiatissime scenografie, che per quanto riuscitissime risultano comunque dei poster applicati allo sfondo. Un racconto per risultare "gotico" deve in qualche modo intaccare la trama. Nel caso di PT! la trama consiste in una presa di coscienza di una persona per far riflettere su sovrastrutture sociali rigide e insulse che potrebbero sembrare ovvie, ma a cui purtroppo anche i più illuminati risultano sempre più narcoticamente abituati. Prima di vedere il film, credevo che le "creature" fossero i rimaneggiamenti sperimentali del Dott. Godwin Baxter, dopo averlo visto mi sono convinto che siano tutti gli umani.

 

E passo al parallelo con Frankestein: non ci vedo molti paralleli, se non la condizione di partenza.

In Frankestein il gotico appunto emerge nella manifestazione del dolore della creatura, che per quanto ci provi, viene rifiutata dai meschini e ipocriti umani. Tutta la storia è un urlo disperato, statico ed inesorabile, che non può che tramutarsi in violenza estrema.

In PT! siamo quasi all'estremo opposto: una creatura compie un viaggio geografico e soprattutto di autoconsapevolezza, in cui si passa da una creatura tenera nel suo essere infantile, ad una neo-rivoluzionaria naturale (non ostentata) charmatica e magnetica, che tutti desiderano, non più solo sessualmente.

 

La cifra stilistica che tiene incollati è la sagacissima ironia, che nell'epoca del "me too" riesce pure a far ridere la sala di fronte a un "troooooooooiaaaaa" urlato dal gigantesco Mark Ruffalo, invece che voler creare una sensazione di rabbia e sdegno, come avrebbe fatto un qualsiasi altro film con il concetto di patriarcato.

Ad alcune battute ho proprio sganasciato in sala, ("toh guarda quella donna, sta prendendo fuoco" detto in un momento di noia, con la genialata di lasciare sfuocata sullo sfondo la donna infuocata).

 

SPOILER

 

Nei 15 minuti finali (cena a tavola) diventa quasi un horror per la tensione che sale. Qui però poteva essere gestito un po' meglio secondo me: il cattivo è un po' troppo cattivo puro, con gag sopra le righe.

 

Ma l'unico momento di sincera repulsione l'ho avuto nel vero e proprio finale: con quella scena imbarazzante di voler ridicolizzare per forza il cattivone facendolo diventare un capra, scade tutto nel classico slogan anti-patriarcato (qui veramente, ma per fortuna solo qui).

Ad esempio, se si fosse voluto seriamente far concludere il percorso di crescita di Bella, perchè non prendere il cervello del morente "padre" e metterlo nel corpo dell'ex marito? Non sarebbe stata questo forse un atto di maturità? O forse no, perchè appunto per maturare bisogna anche vedere il genitore morire, però insomma ecco, almeno avrebbe fatto riflettere più di quella sciocchezzuola di finale.

 

END SPOILER

 

Le scenografie mi hanno ricordato molto più Terry Gilliam del troppo citato Tim Burton. 

Tim Burton (nei suoi capolavori ormai distanti) vuole creare un'esattissima atmosfera, un trademark che ha fatto storia per quanto era potente (Del Toro ha provato a imitarlo con risultati cartolineschi di gran lunga inferiori).

Terry Gilliam invece ha sempre puntato sul non dare riferimenti esatti, quindi su una sensazione di spaesamento, che noto tantissimo anche in Povere Creature, anche perchè le città potrebbero essere enormi ma anche un plastico/presepe di pochi metri quadri, per come vengono rappresentate.

 

La musica è pazzesca, troppo poco menzionata in giro.

Il piano caracollante e distorto glissato, gli archi che vengono tirati in acuto ed in bassissimo: tutto crea una sensazione inquietante, forse pure troppo per ciò che sta raccontando la storia. Ma comunque diciamo che danno una nota nera ad una fiaba che sta a mezza via.

 

Avercene di film così comunque, ne parlerei per giorni.


  • 3

#14 aomame

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 103 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2024 - 14:20

Non ne ho un ricordo vivido, ma effettivamente la proprietaria e le scene del bordello parigino mi hanno ricordato Gilliam. Così come la signora sulla nave poteva benissimo fare parte di Brazil.


  • 0

#15 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23429 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 29 gennaio 2024 - 17:48

vabbuò, mi avete convinto! 


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#16 Man-Erg

    Quando sulla riva verrai

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12508 Messaggi:

Inviato 01 febbraio 2024 - 08:47

Bomba assoluta. Divertentissimo, sboccato, sgargiante nei colori e nella vitalità; deliziosi quei grandangoli a dare profondità agli interni rendendoli al tempo stesso delle specie di case delle bambole; esagerato nelle intenzioni, ma profondamente poetico e delicato; si disvela nuovamente ai nostri occhi la meraviglia della scoperta, della novità, della vita che si dipana di fronte a noi.

 

Le parole grosse e importanti e tecniche ci sono già nella recensione, io non so cos'altro aggiungere se non che questo è cinema di primissimo livello e che un film così merita di essere rivisto in sala multiple volte. Concordo con chi ha già detto che la musica/colonna sonora è strepitosa, assolutamente imprescindibile nell'abbellimento del racconto.

 

E poi finalmente potremo gridare a pieni polmoni, parafrasando Carlo Pellegatti: PESANTE COME UN FILM DI LANTHIMOS CON HANNA SHYGULLA


  • 2
Though we've been denied
Too much hope in our lives
Let tonight be the night
Let tonight be the night when it ends

#17 100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7697 Messaggi:

Inviato 01 febbraio 2024 - 19:03

visto, molto bello e anche per me più Gilliam che Burton, anche per quelle deformazioni delle lenti (già viste in realtà nella Favorita) e quei colori, ma anche per il divertimento eccessivo di quel grottesco - un'altra cosa che non mi aspettavo e che mi ha colpito in positivo è quanto sia divertente*

mi ha fatto venire in mente anche Barbie, in un confronto impietoso ovviamente, ma essendo forse i due eventi cinematografici dell'anno (scorso) il parallelismo mi viene inevitabile

però però: un po' troppo scontato e risolto per essere un lanthimos (così come anche quello scorso, non per niente i due più premiati?), non mi ha sorpreso né inquietato più di tanto (nonostante la bella colonna sonora, come dite), non c'è quel buco di senso che trovavo nei precedenti e che non chiariva tutto tutto - ho letto che gli ultimi due sono stati scritti da Tony McNamara e non da lui, e neanche dal suo sodale Filippou, magari la differenza sta anche lì - ho letto anche che il prossimo invece, sempre con Emma Stone Willem Dafoe, tornerà a essere scritto dai due greci che hanno sceneggiato tutti i film precedenti alla Favorita, chissà

 

*un momento che mi ha fatto molto ridere, ma che ho ridimensionato subito dopo è stato lo zoom sulla capra nel finale (non dico altro per non spoilerare, vabbè), che per un attimo mi è sembrato puramente demenziale e mi ha fatto sganasciare, per poi rendermi conto di quanto in realtà presagiva e che in realtà mi è sembrata una soluzione non così interessante


  • 1

#18 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11041 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 03 febbraio 2024 - 20:56

Lanthimos continua a chiudere i suoi personaggi in torri d'avorio dalle quali cercano, più o meno consapevolmente, di uscire.

 

Devo dire che all'inizio è stato un po' faticoso, è come se il film stesso avesse bisogno di liberarsi, di prendere il volo, esattamente come la protagonista.
E quando, insieme a lei, usciamo dal guscio e abbracciamo i colori, diventa tutta un'altra storia.

 

La svolta avviene in un momento preciso, la magnifica scena del ballo nell'hotel, quando Duncan comincia a dare di matto.

Da lì in poi è spettacolo puro, ogni eccesso visivo o comportamentale diventa perfettamente adeguato e tutto si intona.

Perfino la "capra" del finale è approvata, per quanto mi riguarda.

 


  • 1

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#19 William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17698 Messaggi:

Inviato 06 febbraio 2024 - 17:37

visto, molto bello e anche per me più Gilliam che Burton, anche per quelle deformazioni delle lenti (già viste in realtà nella Favorita) e quei colori, ma anche per il divertimento eccessivo di quel grottesco

 

mi pare che il faro di questa produzione scritta da Tony McNamara sia abbastanza evidentemente Peter Greenaway


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#20 100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7697 Messaggi:

Inviato 06 febbraio 2024 - 21:06

bravo, ottimo riferimento, ma troppo narrativo per il buon greenaway
  • 0

#21 tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4568 Messaggi:

Inviato 07 febbraio 2024 - 14:41

Il film è bello, ottimamente recitato e sì, niente Frankstein, nessuno strazio gotico, semmai il momento fatidico del trapianto è visivamente tutto Metropolis e io lì troverei il suo rimando più pieno, sia dal punto di vista della costruzione scenografica e futuribile, sia dal punto di vista del ruolo di Bella/Maria, una rivoluzionaria che mette in gioco il sé costruendo il sé.

E’ un film in cui il dominio del corpo è evidente, ma i film di Lanthimos sono questi, ricondurre comunque ogni sofisticazione culturale al corpo, una danza da possessione che è una danza di liberazione attraverso un buttarsi nel mondo, ma non solo. Bella legge, legge Emerson, legge Marx, legge Spinoza per il quale si “attraversa la vita non con paura e pianto, ma in serenità, letizia e ilarità”.

Vi si possono leggere tante cose, mi è capitato nell’imbattermi sulla questione sesso dell’embrione da cui si è tratto il cervello, ma in originale è baby, generico (da cui, Bella è cresciuta come donna perché in un corpo di donna, ma il cervello? E via discorrendo); sulla questione patriarcale del padre/dio, del marito/padrone, dell’amante che la rapisce e ingabbia, della prostituzione come massimo dell’immaginario erotico maschile, insomma ogni aspetto può essere discusso/contestato/rivoltato.

Bello ritrovare la Schygulla dispensatrice senza fine di libri; ancora una volta gli animali sono il contraltare e uno specchio della vita degli uomini, sono un tema evidentemente caro a Lanthimos come a ricordare la non enorme lontananza fra noi e loro e sì, forse è un film rassicurante, ti lascia con un sorriso che nulla ha a che fare con quella capacità di essere disturbante dei suoi film pre La favorita, arriva sicuramente ad un pubblico più ampio ed è più rassicurante.
  • 0

#22 captino

    ł

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1577 Messaggi:

Inviato 12 febbraio 2024 - 11:38

Che il film sia bello è abbastanza opinabile, mi sembra che ormai certi registi, protetti da budget sproporzionati rispetto al loro reale talento e circondati da attori fidati che non li lasciano mai a piedi, siano dati per geniacci nonostante affastellino una cafonata sopra l'altra senza alcun ritegno.

 

Io francamente ho trovato insostenibili le scenografie, il trucco, la recitazione e la fotografia. Il messaggio inoltre è quanto di più didascalico e distante dalle presunte reali intenzioni si possa immaginare, continuamente in bilico tra le fantasie di stupro* dell'intellettualoide medio e il tentativo maldestro e offensivo di spacciarsi per un film su un personaggio femminile che esce dai confini imposti dal suo padre-artefice, quando in realtà è una roba di un chiassoso e "maschile" allucinante, c'è meno "male gaze"* in Die Hard e Fast & Furious che in 'sta minchiata.

 

I costumi sono curati, e alcune scene sono anche divertenti, su tutte la parentesi con Hanna Schygulla, che in dieci minuti di recitazione fa parzialmente dimenticare quanto recitano male Emma Stone e Mark Ruffalo, ma per me finisce lì, anzi è stata un'esperienza a tratti stomachevole.

Chi ha lodato il coraggio di questo film nel suo essere "sboccato": beh, non sono così tutti i film anglo-americani degli ultimi vent'anni? Chiedo in tutta onestà e senza polemica, perché a me pare di sì, ho visto diversi film americani in cui la grezzata autocompiaciuta veniva più facile di una scena "normale", e alcuni sono già vecchiotti eh. Questo linguaggio banalmente scurrile e pieno di sé, come se inserire un "fottuto" o un "fica" in mezzo a una frase dalle pretese filosofiche non fosse vecchiume già nel 1995.

*Io non sono un grandissimo sostenitore di questi discorsi sulle "rape fantasy del maschio bianco" o sul presunto "male gaze" ecc. ecc., ma quando ci vuole ci vuole, perché Poor Things mi sembra tutt'altro che un film che "parla di donne alle donne", anzi mi sembra un prodotto quasi "da maschi" (e non sto dicendo che qualcuno abbia detto in questo thread che si tratta di un film femminista, non ho letto tutti gli interventi, ma su internet ne ho lette di panzane).

**Che poi è ovvio stiano facendo quello che gli è stato chiesto di fare, ovvero schifo, e sono sicuro che in mano ad altri registi farebbero anche qualcosa di buono, ma qui davvero sarebbero da prendere a randellate ritualmente finché non decidono di farsi cinque anni in punizione a recitare nelle fiction Rai tipo gulag per attori.


  • 4

#23 James Lepo

    Afro Kolektyw

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 706 Messaggi:
  • LocationIn the chinese restaurant

Inviato 12 febbraio 2024 - 11:53

 

Chi ha lodato il coraggio di questo film nel suo essere "sboccato": beh, non sono così tutti i film anglo-americani degli ultimi vent'anni? Chiedo in tutta onestà e senza polemica, perché a me pare di sì, ho visto diversi film americani in cui la grezzata autocompiaciuta veniva più facile di una scena "normale", e alcuni sono già vecchiotti eh. Questo linguaggio banalmente scurrile e pieno di sé, come se inserire un "fottuto" o un "fica" in mezzo a una frase dalle pretese filosofiche non fosse vecchiume già nel 1995.
 

 

Il film non l'ho visto*, ma sottoscrivo questo passaggio anche nelle virgole.

 

 

*magari il film in sé mi piace, anche se da quello che ho visto Lanthimos lo preferivo decisamente nella sua fase non 'hollywoodiana'.


  • 1

#24 Man-Erg

    Quando sulla riva verrai

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12508 Messaggi:

Inviato 12 febbraio 2024 - 15:05

Ma 'sta cosa del femminismo dovrebbe essere implicita o l'ha espressamente detto Lanthimos? Perché a me sembra semplicemente una sorta di romanzo di formazione (come giustamente diceva Paloz in apertura) con una donna protagonista, la quale scopre il mondo liberamente e priva di pregiudizi e di freni inibitori; mi pare che ultimamente la si butti un po' troppo facilmente sul femminismo, sia per cavarsi d'impaccio che per criticare senza addentrarsi su altri aspetti. Con tutto che non capisco per quale motivo bisognerebbe aspettarsi da un film fantastico - con le sue esagerazioni e distorsioni - un trattato di femminismo applicato, anche se fosse.


  • 1
Though we've been denied
Too much hope in our lives
Let tonight be the night
Let tonight be the night when it ends

#25 captino

    ł

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1577 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2024 - 13:53

Lanthimos dubito l'abbia mai detto, ma parecchi commenti e recensioni ci trovano il femminismo, ce lo forzano.


  • 0

#26 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25050 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2024 - 15:39

La critica e l'opinione pubblica ormai strumentalizzano qualunque cosa per l'una o l'altra battaglia; almeno Lanthimos non ha vergogna di fare un film libero e scorretto senza rinunciare all'ambizione artistica.


  • 2

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#27 corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12345 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 13 febbraio 2024 - 15:40

Attenberg e Dogtooth/Kynodontas li ho trovati insopportabili. La Favorita però mi è piaciuto. Sono combattuto se vedere o meno questo.


  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと ... 僕はわかった

 


#28 tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4568 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2024 - 09:58

Direi che è opinabile che sia una cafonata, mi sembra eccessivo per lo meno, può sembrare strano solo per chi non conosce il registro Lanthimos. Ma la polarizzazione delle opinioni è evidentemente un po’ ovunque, ne linko due casi agli antipodi, appunto.

https://www.iltascab...mos-essoterico/

https://www.internaz...povere-creature
  • 0

#29 neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3956 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato Ieri, 06:41

Ma 'sta cosa del femminismo dovrebbe essere implicita o l'ha espressamente detto Lanthimos? Perché a me sembra semplicemente una sorta di romanzo di formazione (come giustamente diceva Paloz in apertura) con una donna protagonista, la quale scopre il mondo liberamente e priva di pregiudizi e di freni inibitori; mi pare che ultimamente la si butti un po' troppo facilmente sul femminismo, sia per cavarsi d'impaccio che per criticare senza addentrarsi su altri aspetti. Con tutto che non capisco per quale motivo bisognerebbe aspettarsi da un film fantastico - con le sue esagerazioni e distorsioni - un trattato di femminismo applicato, anche se fosse.


D'accordissimo. È un film che alla fine si pone la stessa domanda dei miserabili: le persone possono cambiare? O siamo predeterminati dal nostro contesto (ad esempio ma non solo dal piano che gli altri hanno su di noi)? È una questione che si intreccia con il patriarcato, ma ben più ampia.

Nota secondaria sullo sboccato o meno. Non è questione di parolacce, è proprio liberatorio vedere gente scopare felicemente e goderne in un film americano tutto sommato abbastanza mainstream. Infatti, come si vede dalle interviste alla povera Emma Stone che sono tutte su questo argomento, la gente non se ne capacita.
  • 1
apri apri, apri tutto!

#30 tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4568 Messaggi:

Inviato Ieri, 07:07

Riporto: “ Il romanzo di formazione mostra un percorso per diventare quello che la società domanda o aspetta, mentre il romanzo di iniziazione racconta i passaggi che ti portano a scoprire quella che sei, e a diventare quella che puoi essere, più profondamente. L’iniziazione ha a che fare con la nascita della libertà, quella associata alla scoperta di sé”. Qui la parte in casa, sommariamente quella in bianco e nero, è la formazione, la parte fuori casa è l’iniziazione.
Sulle parolacce, ma davvero stiamo a parlare dello sboccato in un film in cui ogni aspetto ha una sua coerenza interna?
  • 0

#31 William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17698 Messaggi:

Inviato Ieri, 08:34

 

"Guarda mamma, so cosa significa essoterico"


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#32 William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17698 Messaggi:

Inviato Ieri, 08:46

Ma 'sta cosa del femminismo dovrebbe essere implicita o l'ha espressamente detto Lanthimos? Perché a me sembra semplicemente una sorta di romanzo di formazione (come giustamente diceva Paloz in apertura) con una donna protagonista, la quale scopre il mondo liberamente e priva di pregiudizi e di freni inibitori; mi pare che ultimamente la si butti un po' troppo facilmente sul femminismo, sia per cavarsi d'impaccio che per criticare senza addentrarsi su altri aspetti. Con tutto che non capisco per quale motivo bisognerebbe aspettarsi da un film fantastico - con le sue esagerazioni e distorsioni - un trattato di femminismo applicato, anche se fosse.

 

Però che il film contenga tutte le istanze del femminismo e della messa in discussione della costruzione della donna in una società patriarcale mi pare un fatto evidente. Avveniva pure in Barbie ma, rispetto alla Gerwig, Lanthimos mantiene una sua autonomia dissacrante, non moralistica né moraleggiante (probabilmente aiutato dalla fonte letteraria). Poi essendo un film sulla formazione, sull'evasione, la libertà rispetto alla propria autodeterminazione (abbiamo un'anima, siamo puro meccanismo?) è anche universale, ma non è che se un personaggio non ripete "patriarcato" ogni dieci minuti allora non è esplicita la posizione del film.

 

 

"Guarda mamma, so cosa significa essoterico".


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi