Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Plagi Ai Danni Di Ondarock


  • Please log in to reply
62 replies to this topic

#1 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 03 settembre 2023 - 20:27

*
POPOLARE

Di roba mia ne ho trovata diversa, ma sono sicuro che è stato scopiazzato chiunque. Credo sia ovvio che ognuno di noi saprà riconoscere soltanto il proprio materiale, quindi mettete qui tutto quello che riuscite a ricordare.

Inizio coi miei dunque.

 

 

Luca Bocci

mia recensione https://www.ondarock...bocci-ahora.htm

tale Filippo Greggi per The Submarine https://thesubmarine...nelle-playlist/

 

La sua recensione è in sostanza un riassunto della mia. L'unica differenza è aver rimosso i riferimenti argentini (del resto chi diamine saranno mai 'sti Fito Páez e Luis Alberto Spinetta?) e averli sostituiti con... Calcutta. E vabè. das.gif

Gli ho scritto, ma la difesa è che non ci sono frasi identiche (tecnicamente è vero), ma ogni concetto espresso è identico e addirittura è identico l'ordine di esposizione.

La cosa più sgamabile è che gli unici versi che il tizio ha tradotto da tutto l'album sono proprio gli unici versi che ho tradotto anche io. E vabbè, coincidenze.

 

 

Troye Sivan

mia rece https://www.ondarock...sivan-bloom.htm

tale Marco Torcasio per gay.it https://www.gay.it/t...milano-fabrique

 

Qui purtroppo non troverete niente. Feci notare la scopiazzatura - questa davvero frase per frase, una roba clamorosa - commentando sulla loro pagina Facebook. Il giorno dopo il mio commento era sparito, ma almeno erano spariti anche i copia-incolla.

 

 

City Pop

mio articolo sul city pop https://www.ondarock...ali/citypop.htm

tale Luca Canini per Giornale della Musica: https://www.giornale...ire-il-city-pop

 

Al di là di molte similitudini a livello descrittivo, e delle cose più ovvie (Yamashita in vetta, è praticamente obbligatorio per chiunque), la scelta di un paio di pezzi è davvero indicativa: "Can't You See" di Kadomatsu e "Ame no Wednesday" di Ohtaki.

 

Il pezzo di Kadomatsu in particolare non è per niente famoso: non è mai stato singolo, non lo conosce nessuno manco in Giappone e il disco da cui è tratto è poco noto anche fra i fan occidentali (basti vedere su RYM che ancora non raggiunge i 100 voti, mentre l'artista ha un disco a 1300 voti, uno a 800, un paio a 300, eccetera). Da nessuna parte è solitamente indicato fra i suoi pezzi più rappresentativi.

Coincidenza che insieme all'altra coincidenza di Ohtaki, fa abbastanza una certezza.

 

Ovviamente l'articolo è zeppo di superficialità, tipo parla di "otto minuti" quando descrive "Plastic Love", perché la versione remixata che è diventata virale è di otto minuti. Il tizio ignora evidentemente che è stata estesa a otto minuti, mandandone in loop delle parti, dal proprietario di quel canale Youtube: l'originale non arriva a cinque.

 

 

Le Ormeeeeeeee! Le Ormeeeeeeee!

mia rece https://www.ondarock...rme_collage.htm

tale Andrea La Rovere per Ondamusicale https://www.ondamusi...ssivo-italiano/

 

Ondamusicale è in pratica una versione populista di Ondarock, che ultimamente su Facebook picchia durissimo, con numeri che il nostro sito si sogna: credo sia perché pagano, ma a ogni modo è triste vedere un sito raffazonato e derivativo come quello sopravanzare la sua fonte originale in popolarità.

 

Nel caso specifico, credo davvero non ci sia bisogno di commenti: è in sostanza una lunga parafrasi del mio articolo, lo segue frase per frase cambiando di volta in volta le parole, così tecnicamente non è plagio... ma nei fatti, giudicate voi.

Ci sono cose su questo disco che praticamente in tutta la rete vengono scritte solo in questi due articoli: la più clamorosa di tutte, la riflessione sull'uso del generatore di forme d'onda, ma anche la citazione del "Bolero" di Ravel non è male. Anche in questo caso, coincidenze. das.gif


  • 11
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#2 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37492 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 04 settembre 2023 - 00:29

tra i classici il buon vecchio SPAZIOROCK e il suo "omaggio" al nome e logo ashd

https://www.spaziorock.it/
  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#3 Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8308 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 04 settembre 2023 - 06:54

Game, set, match: https://www.ondamusicale.it/
  • 1

#4 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17651 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 08:47

 

Nel caso specifico, credo davvero non ci sia bisogno di commenti: è in sostanza una lunga parafrasi del mio articolo, lo segue frase per frase cambiando di volta in volta le parole, così tecnicamente non è plagio... ma nei fatti, giudicate voi.

 

Ma quindi fatemi capire (chiedo perché non so come funzioni): se uno copia integralmente l'articolo, ma cambia i verbi usando dei sinonimi, non si tratta di plagio?

P.s.: avete scritto a questi tizi? (di un paio hai specificato che lo hai fatto) Vi hanno risposto? Se sì, cosa?


  • 0

#5 Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 39770 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 04 settembre 2023 - 09:26

Bisognerebbe mettersi a scrivere a tutti, ma è un lavoro! Se qualche anima pia della redazione (magari gli interessati del plagio a seconda delle situazioni) volesse farlo, sarebbe magnifico.


  • 0

#6 tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3295 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 09:37

 

 

Nel caso specifico, credo davvero non ci sia bisogno di commenti: è in sostanza una lunga parafrasi del mio articolo, lo segue frase per frase cambiando di volta in volta le parole, così tecnicamente non è plagio... ma nei fatti, giudicate voi.

 

Ma quindi fatemi capire (chiedo perché non so come funzioni): se uno copia integralmente l'articolo, ma cambia i verbi usando dei sinonimi, non si tratta di plagio?

P.s.: avete scritto a questi tizi? (di un paio hai specificato che lo hai fatto) Vi hanno risposto? Se sì, cosa?

 

 

 

Oramai con ChatGPT è una fesseria "riscrivere" un articolo con parole diverse.

 

Non devono nemmeno perdere tempo a leggerlo.


  • 0

#7 tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3295 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 09:41

30 secondi per fare questo, non ho letto nè l'originale nè quello che sto incollando:

 

Con una straordinaria cifra di 31,5 milioni di album certificati venduti negli Stati Uniti, Willie Nelson si afferma come il cantante country più prolifico in termini di vendite tra quelli che hanno fatto il loro debutto prima degli anni Sessanta. Persino icone del calibro di Johnny Cash e Dolly Parton devono inchinarsi al suo incredibile successo. Tuttavia, la strada verso il successo di Nelson è stata tutt'altro che agevole, e per molti anni la sua figura è stata sottovalutata, considerata inadatta a conquistare il grande pubblico.
 
La storia di Nelson ha inizio nel 1933, quando nasce ad Abbott, una cittadina nel cuore del Texas, popolata da soli trecento abitanti. Cresciuto dai nonni paterni dopo essere stato abbandonato da entrambi i genitori, Willie e sua sorella Bobbie sviluppano una profonda passione per la musica fin da bambini. Partecipano ai cori della chiesa locale e imparano a suonare rispettivamente la chitarra e il pianoforte. Crescendo in una zona rurale nel sud degli Stati Uniti, Nelson si innamora naturalmente della musica country, ma è anche influenzato dal jazz, che avrà un impatto significativo sul suo stile musicale.
 
A partire dagli anni '50, quando abbandona la scuola, la vita di Nelson si trasforma in una sorta di odissea. Viaggia attraverso gli Stati Uniti da uno stato all'altro, lavorando in una varietà di occupazioni, alcune legate al mondo della musica come presentatore radiofonico e cantante in bar e taverne, altre completamente diverse, come venditore porta a porta e lavapiatti. Nelson affronta diverse difficoltà finanziarie e si ritrova più volte senza un soldo, tanto da dover chiedere l'elemosina per un biglietto del treno. Tuttavia, riesce sempre a rimettersi in piedi.
 
Nel 1959, finalmente Nelson fa il suo ingresso nel mondo della musica grazie all'interesse del produttore Larry Butler, incontrato nell'honky tonk Esquire Ballroom a Houston. Le sue canzoni iniziano a ottenere riconoscimenti da parte di manager e discografici, che le propongono a cantanti country di successo dell'epoca. Tra il 1960 e il 1963, le sue composizioni diventano dei veri classici e sono interpretate da artisti del calibro di Claude Gray ("Family Bible"), Faron Young ("Hello Walls"), Billy Walker ("Funny How Time Slips Away"), Patsy Cline ("Crazy"), e Ray Price ("Nite Life"). Persino Roy Orbison, che al tempo non era considerato un artista country, ottiene un successo con la sua interpretazione di "Pretty Paper".
 
Nonostante vari tentativi di affermarsi come cantante, Nelson fatica a ottenere successo fino al 1962, quando raggiunge il settimo posto nella classifica country con "Touch Me," pubblicata dalla Liberty Records. Nello stesso anno, pubblica il suo album di debutto, "…And Then I Wrote," che purtroppo si rivela un insuccesso. Poco dopo, la Liberty Records chiude la sua divisione country a causa di problemi finanziari.
 
Nel 1965, Nelson firma un contratto con la Rca Victor, un'etichetta che rappresenta il cosiddetto "Nashville sound," caratterizzato da arrangiamenti sofisticati con cori, archi e pianoforte, in netto contrasto con lo stile honky tonk che aveva affascinato Nelson da giovane. La sua permanenza alla Rca dura fino al 1972 e produce tredici album in studio, nessuno dei quali riesce a entrare nella top 200 settimanale di Billboard. Nonostante le vendite modeste, i suoi dischi di quel periodo sono considerati dignitosi in retrospettiva. Tuttavia, il suo stile vocale e il fraseggio jazzistico non si adattano bene all'industria musicale country dell'epoca.
 
Nel 1969, Nelson cambia la sua chitarra e incorpora alcune componenti elettriche per ottenere un suono acustico amplificato, ispirandosi al chitarrista jazz francese Django Reinhardt. Purtroppo, questa nuova chitarra non riceve la giusta attenzione fino a quando Nelson resta sotto contratto con la Rca.
 
Frustrato dagli insuccessi, Nelson decide di ritirarsi dalla musica, ma cambia idea dopo alcuni mesi e firma un contratto con la Atlantic Records, che aveva appena aperto una divisione dedicata alla musica country. Tra le condizioni del contratto, ottiene il pieno controllo artistico sui suoi dischi, un privilegio che la Rca non gli aveva mai concesso. Tuttavia, questa partnership dura solo due album, "Shotgun Willie" (1973) e "Phases And Stages" (1974), entrambi con vendite modeste, portando la Atlantic a chiudere la sua divisione country.
 
L'album "Phases And Stages," oggetto di questo articolo, è stato interamente scritto da Nelson senza collaboratori esterni ed è rimasto l'ultimo album con questa caratteristica fino a "Spirit" (Island, 1996). Il disco è stato prodotto da Jerry Wexler, uno dei più celebri produttori dell'industria musicale americana, noto soprattutto per il suo lavoro nel soul, ma capace di adattarsi allo stile di Nelson e finalmente far emergere il suo talento, lasciandogli libertà nella scelta dei musicisti da coinvolgere.
 
L'album è stato registrato presso lo storico studio Muscle Shoals a Sheffield, Alabama. Inizialmente incerto sui risultati delle sessioni, Nelson ha persino cercato di registrarle nuovamente da solo, ma Wexler lo ha convinto a mantenere la prima versione. "Phases And Stages" è spesso considerato un concept album, anche se il concetto qui è una storia anziché un tema. Il primo lato del disco racconta un divorzio dalla prospettiva della moglie, mentre il secondo lato lo racconta dal punto di vista del marito. La storia è così dettagliata che potrebbe essere adattata per il cinema.
 
Per enfatizzare la narrativa, Nelson compone un breve interludio chiamato "Phases And Stages (Theme),

  • 0

#8 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 09:51

P.s.: avete scritto a questi tizi? (di un paio hai specificato che lo hai fatto) Vi hanno risposto? Se sì, cosa?

 

A Ondamusicale sulle Orme ho appena scritto. Ecco la loro risposta: 

 

chiuque legga i due articoli si accorgerà che entrambi parlono dello stesso argomento (Collage de Le Orme). Da qui alle accuse di "scopiazzamento" ci vuole una bella fantasia (la sua) per formularle. Ritengo tuttavia doveroso invirtarla a riflettere maggiormente - in futuro - prima di fare accuse infamanti e inesistenti. Buona giornata.

 

Sicché gli ho fatto notare che: 

 

Ci sono riflessioni su questo disco che compaiono solo in questi due articoli in tutta la rete: peccato che il mio articolo venga cinque anni prima. Un esempio, la riflessione sull'uso del generatore di forme d'onda in quanto la band ancora non aveva i sintetizzatori all'epoca. Fate una ricerca abbinando "collage" e "generatore di forme d'onda" e vedrà che escono solo questi due risultati. Un'altra? La citazione del "Bolero" di Ravel. Anche in questo caso, faccia una ricerca abbinando "orme", "collage", "bolero" e "ravel" e vedrà che usciamo solo noi due. Vogliamo poi parlare della riflessione sull'impegno politico degli Area posta verso il finale, esattamente come nel mio pezzo?

 

Tanto non servirà a niente. Io però fossi un Claudio ci penserei su a fare un articolo per Ondarock in cui raccogliamo tutte queste cose. asd Però ogni redattore dovrebbe indicare i propri pezzi saccheggiati, perché ovviamente non possiamo riconoscere i pezzi altrui.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#9 solaris

    Simmetriade.

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8347 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 09:55

E ottenere cosa, dare ancora più visibilità a 'sta gente? Apparire come rosiconi?


  • 0

#10 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 09:59

Vedere riconosciuto il proprio lavoro, per esempio... che so, a me non fa troppo piacere pensare che, dopo tutto il mazzo che mi faccio, qualcuno prenda la mia roba a pappa fatta e se la intesti.

A te piacerebbe se prendessero i tuoi lavori grafici, gli cambiassero saturazione e qualche elemento ambientale e se li intestassero?

Poi oh, io l'ho solo buttata lì, non ho detto che bisogna farlo per forza. Però se non si rosica per una cosa del genere, non ho idea di per cosa si debba rosicare francamente.


  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#11 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22569 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 04 settembre 2023 - 10:01

I nostri articoli sono protetti da licenza Creative Commons, riportata in calce a ogni pagina. Questi plagi sono surreali: volessero copiare di peso i nostri contenuti, potrebbero farlo in modo lecito semplicemente riportando in modo chiaro fonte ed autore, e specificando nuovamente la licenza.

Comunque sia, il prendere di peso informazioni e analisi dai nostri articoli, che sono pubblici, è forse esecrabile su un piano deontologico (soprattutto in assenza di ulteriori elementi personali) ma difficilmente inquadrabile come plagio, credo.
  • 2
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#12 Kazu Makino

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 10:14

A te piacerebbe se prendessero i tuoi lavori grafici, gli cambiassero saturazione e qualche elemento ambientale e se li intestassero?

in campo grafico praticamente è la norma :(

non c'è nemmeno quel senso di vergogna che ancora si prova quando si copia qualcosa di scritto


  • 0

#13 solaris

    Simmetriade.

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8347 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 10:14

Vedere riconosciuto il proprio lavoro, per esempio... che so, a me non fa troppo piacere pensare che, dopo tutto il mazzo che mi faccio, qualcuno prenda la mia roba a pappa fatta e se la intesti.

A te piacerebbe se prendessero i tuoi lavori grafici, gli cambiassero saturazione e qualche elemento ambientale e se li intestassero?

Poi oh, io l'ho solo buttata lì, non ho detto che bisogna farlo per forza. Però se non si rosica per una cosa del genere, non ho idea di per cosa si debba rosicare francamente.

È successo e ho rosicato asd

Per questo dico che accenderci un riflettore su non aiuta per nulla, finisci col legittimarli e dar loro visibilità anche dai tuoi canali. O c'è una via legale o non risolvi niente, specialmente se gli articoli sono rimaneggiati un minimo.

Il tuo riconoscimento lo trai da chi legge e apprezza OR.

 

P.S. Non era una critica, né serve specificare da che parte sto :)


  • 0

#14 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 10:16

chiuque legga i due articoli si accorgerà che entrambi parlono dello stesso argomento (Collage de Le Orme). Da qui alle accuse di "scopiazzamento" ci vuole una bella fantasia (la sua) per formularle. Ritengo tuttavia doveroso invirtarla a riflettere maggiormente - in futuro - prima di fare accuse infamanti e inesistenti. Buona giornata.

 

Sicché gli ho fatto notare che: 

 

Ci sono riflessioni su questo disco che compaiono solo in questi due articoli in tutta la rete: peccato che il mio articolo venga cinque anni prima. Un esempio, la riflessione sull'uso del generatore di forme d'onda in quanto la band ancora non aveva i sintetizzatori all'epoca. Fate una ricerca abbinando "collage" e "generatore di forme d'onda" e vedrà che escono solo questi due risultati. Un'altra? La citazione del "Bolero" di Ravel. Anche in questo caso, faccia una ricerca abbinando "orme", "collage", "bolero" e "ravel" e vedrà che usciamo solo noi due. Vogliamo poi parlare della riflessione sull'impegno politico degli Area posta verso il finale, esattamente come nel mio pezzo?

 

 

Torno su questo articolo perché a mio avviso è eclatante.

 

Ci sono cose che personalmente non trovo plagi, anche se molto simili. Per esempio i cenni biografici. Se tizio nasce a Monaco di Baviera, poi si sposta a Catania, inizia a incidere a Los Angeles e muore a Tokyo e nel mezzo si sposa tre volte e collabora con tizio e caio, e io scrivo queste cose parafrasando altre sue biografie, non c'è niente di male. Queste sono cose che per forza di cose dovrai dire e l'unico mezzo che hai è cambiare l'ordine delle parole, ma non puoi cambiare i concetti.

 

Su questo non avrei avuto alcunché da ridire. In questo caso però ci sono tre cose davvero estremamente specifiche.

 

C'è una riflessione sulla differenza di considerazione odierna fra Orme e Area dovuta al loro differente impegno politico: è una riflessione molto specifica. Lui l'ha scritta con parole diverse, ma già solo il fatto di averla formulata in un articolo sullo stesso disco e di averla posta sul finale esattamente come me, è curioso.

 

E avrei anche potuto passarci sopra se non fosse stato che l'articolo contiene altre due cose che compaiono praticamente solo nel mio e in quest'altro. A quel punto tre indizi fortissimi fanno una certezza.

 

Perché se facendo le ricerche con Google esce che a parte noi due, nessuno ha fatto notare che la band usava il generatore di forme d'onda perché i synth sarebbero arrivati solo un anno dopo e che c'è un pezzo che somiglia vagamente al "Bolero" di Ravel, cosa devo pensare?

 

Due (Area e Ravel) sono elementi che derivano da riflessione, non sono cenni biografici obbligatori che non puoi evitare. L'uso del generatore è un aspetto tecnico, ma un aspetto che nessuno fa mai notare, tant'è che appunto ci siamo solo noi due in tutta la rete.

Se non è plagio questo mi domando cosa lo sia francamente.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#15 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4105 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 10:19

La cosa mi sembra oramai fuggita di mano, l'unica cosa che si puó fare é puntare tutto sull'autorevolezza della fonte, cosa per'altro che si potrebbe insegnare anche nelle scuole (utile anche per evitare di leggere minchiate)

 

Il tuo riconoscimento lo trai da chi legge e apprezza OR.

 

 

 infatti, chi é interessato a fare un minimo di ricerca penso scoprirá velocemente il gap tra un sito come OR e le altre stronzate di sito


  • 0

#16 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 10:38

chi é interessato a fare un minimo di ricerca penso scoprirá velocemente il gap tra un sito come OR e le altre stronzate di sito

 

A giudicare dal ritmo con cui sta crescendo 'sto Ondamusicale non sarei così ottimista... al momento su FB hanno un engagement che fa impallidire quello di OR. Poi sì, sospetto che paghino, ma anche così è ben triste.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#17 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 11:26

Vi do una brutta notizia: se di casi come questi, online, ce ne saranno a centinaia, provate a immaginare su cartaceo (riviste e libri), dove nessuno o quasi si accorgerà mai del plagio...


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#18 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4105 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 11:32

Ok ma di che riviste o libri stiamo parlando? L'online è più soggetto al plagio proprio perché praticamente può pubblicare chiunque, per quel che riguarda le riviste immagino ci sarà un minimo di controllo. A livello accademico si son talmente cagati addosso che oramai non puoi pubblicare nulla senza aver fatto quarantamila citazioni
  • 0

#19 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17651 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 12:47

Vi do una brutta notizia: se di casi come questi, online, ce ne saranno a centinaia, provate a immaginare su cartaceo (riviste e libri), dove nessuno o quasi si accorgerà mai del plagio...

 

E prova a pensare a podcast e simili...dove nessuno o quasi si accorgerà mai del plagio, soprattutto perché non è molto "immediato" fare copia/incolla per cercare sul web, e soprattutto ascoltando manco te ne accorgi.

 

 

 

A Ondamusicale sulle Orme ho appena scritto. Ecco la loro risposta: 

 

chiuque legga i due articoli si accorgerà che entrambi parlono dello stesso argomento (Collage de Le Orme). Da qui alle accuse di "scopiazzamento" ci vuole una bella fantasia (la sua) per formularle. Ritengo tuttavia doveroso invirtarla a riflettere maggiormente - in futuro - prima di fare accuse infamanti e inesistenti. Buona giornata.

 

Sicché gli ho fatto notare che: 

 

Ci sono riflessioni su questo disco che compaiono solo in questi due articoli in tutta la rete: peccato che il mio articolo venga cinque anni prima. Un esempio, la riflessione sull'uso del generatore di forme d'onda in quanto la band ancora non aveva i sintetizzatori all'epoca. Fate una ricerca abbinando "collage" e "generatore di forme d'onda" e vedrà che escono solo questi due risultati. Un'altra? La citazione del "Bolero" di Ravel. Anche in questo caso, faccia una ricerca abbinando "orme", "collage", "bolero" e "ravel" e vedrà che usciamo solo noi due. Vogliamo poi parlare della riflessione sull'impegno politico degli Area posta verso il finale, esattamente come nel mio pezzo?

 

Tanto non servirà a niente. Io però fossi un Claudio ci penserei su a fare un articolo per Ondarock in cui raccogliamo tutte queste cose. asd Però ogni redattore dovrebbe indicare i propri pezzi saccheggiati, perché ovviamente non possiamo riconoscere i pezzi altrui.

 

 

Chissà se in questo momento nel forum di Ondamusicale (ammesso che esista, non ho voglia di cercare) c'è qualcuno che sta dicendo "oh, alcuni rompicazzo di Ondarock dicono che gli copiamo gli articoli" ashd


  • 0

#20 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 13:51

per quel che riguarda le riviste immagino ci sarà un minimo di controllo.

 

 

Come sei ottimista.


  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#21 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 13:53

 

Vi do una brutta notizia: se di casi come questi, online, ce ne saranno a centinaia, provate a immaginare su cartaceo (riviste e libri), dove nessuno o quasi si accorgerà mai del plagio...

 

E prova a pensare a podcast e simili...dove nessuno o quasi si accorgerà mai del plagio, soprattutto perché non è molto "immediato" fare copia/incolla per cercare sul web, e soprattutto ascoltando manco te ne accorgi.

 

 

Questo credo avvenga quotidianamente, al conduttore radio di turno non costa nulla cercare su google e grossomodo leggere pari pari quel che trova di pertinente. Mi pare che già qualcuno di OR avesse sgamato il furbetto anche in questo caso.


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#22 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22569 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 04 settembre 2023 - 15:05

Però per me il problema, più che la ripresa di altrui contenuti, è la mancanza di trasparenza. Il Post, che è senz'altro la testata giornalistica generalista italiana che stimo maggiormente, sforna una percentuale importante dei suoi contenuti traducendo e adattando articoli esteri e non solo. Lo dichiara ed è sempre puntuale nel fornire citazioni e link, fin dalle primissime righe. Questo non ha impedito alla rivista di affermarsi come modello di giornalismo virtuoso, in contrasto con i quotidiani "classici" molto più restii a questo tipo di operazioni (o almeno alla loro esplicitazione) e al tempo stesso crescentemente votati ai contenuti di bassissima qualità (rifrittura di agenzie se non addirittura di tabloid).
Quello che mi chiedo è che cosa fare perché diventi più consueto il palesare le proprie fonti, e la risposta che mi do è cominciare a farlo noi, in maniera sempre più sistematica. Noto che un numero sempre maggiore di redattori ci tiene a rendere visibili i propri riferimenti e che sempre più nei nostri articoli abbondano i link esterni, che spingono il lettore verso l'approfondimento e il confronto incrociato. Facciamo del nostro meglio per abituare chi segue l'informazione musicale a valorizzare e pretendere questo tipo di atteggiamento: non è detto che paghi, men che meno che paghi subito, ma credo che il nostro distinguerci e il restare modello per altri (perché alla fine fine le tante scopiazzature questo attestano) passi anche di qui.
  • 5
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#23 xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13277 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 16:44

Problema già sollevato con Claudio e Giuliano in occasione di questo plagio che non ha nessuna scusa plausibile, peraltro opera di un giornalista che ha scritto vari libri e che si presenta come  Conservatore dei Beni Culturali e Geopolitici d'Europa e d'Occidente di origini greco- romane e normanne, ha anche l'ulteriore difetto di scrivere per un giornale ideologicamente abietto

il mio articolo del 2019

 https://www.ondarock...anceanddust.htm

 la versione copia e scolla del 2021

https://www.destra.i...-thomas-feiner/

 

alcuni esempi 

IO:  Con “Book Of Romance And Dust” Thomas Feiner mette insieme i tasselli di una carriera artistica volutamente frammentaria, raccogliendo quelle energie coltivate nei sparuti progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte di fan ostinati e motivati.

LUI :per mezzo dell’album: Book Of Romance And Dust (2018). Thomas Feiner sembrerebbe dare ordine a una carriera artistica frammentaria, raccogliendo ispirazione, creatività ed energie già presenti nei progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte della critica di settore e di molti ascoltatori.

 

ED ANCORA

IO : Thomas Feiner e compagni si avventurano in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno marchiato a fuoco, a volte si muovono cauti come se volessero evitare di emulare nobili gesta passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con un certo tipo di jazz sperimentale ed esoterico avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando emozioni e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

LUI : Gli Exit North si spingono in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno a loro volta già percorso, cauti come se volessero evitare di emulare partiture passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con una certa musica d’ambiente, sperimentale ed esoterica, avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando estetiche e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

 

E COSì A SEGUIRE

 

qui non si tratta di suggestioni ma di copia senza vergogna


  • 1

#24 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 16:47

Sì, è proprio copia-incolla, come è successo a me con Sivan, manco lo sforzo di parafrasare. asd


  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#25 good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8802 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 04 settembre 2023 - 16:51

Problema già sollevato con Claudio e Giuliano in occasione di questo plagio che non ha nessuna scusa plausibile, peraltro opera di un giornalista che ha scritto vari libri e che si presenta come  Conservatore dei Beni Culturali e Geopolitici d'Europa e d'Occidente di origini greco- romane e normanne, ha anche l'ulteriore difetto di scrivere per un giornale ideologicamente abietto

il mio articolo del 2019

 https://www.ondarock...anceanddust.htm

 la versione copia e scolla del 2021

https://www.destra.i...-thomas-feiner/

 

alcuni esempi 

IO:  Con “Book Of Romance And Dust” Thomas Feiner mette insieme i tasselli di una carriera artistica volutamente frammentaria, raccogliendo quelle energie coltivate nei sparuti progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte di fan ostinati e motivati.

LUI :per mezzo dell’album: Book Of Romance And Dust (2018). Thomas Feiner sembrerebbe dare ordine a una carriera artistica frammentaria, raccogliendo ispirazione, creatività ed energie già presenti nei progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte della critica di settore e di molti ascoltatori.

 

ED ANCORA

IO : Thomas Feiner e compagni si avventurano in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno marchiato a fuoco, a volte si muovono cauti come se volessero evitare di emulare nobili gesta passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con un certo tipo di jazz sperimentale ed esoterico avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando emozioni e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

LUI : Gli Exit North si spingono in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno a loro volta già percorso, cauti come se volessero evitare di emulare partiture passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con una certa musica d’ambiente, sperimentale ed esoterica, avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando estetiche e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

 

E COSì A SEGUIRE

 

qui non si tratta di suggestioni ma di copia senza vergogna

 

ahahahah ho aperto per caso un altro articolo di queso sito "Destra.it" e ho notato che l'ha scritto il nostro Bronco Billy

 

https://www.destra.i...e-braccia-tese/


  • 0
Immagine inserita

#26 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2023 - 17:26

ahahahah ho aperto per caso un altro articolo di queso sito "Destra.it" e ho notato che l'ha scritto il nostro Bronco Billy

 

 

"Personaggi finiti"?


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#27 RogerCrimson

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1349 Messaggi:
  • LocationToscana

Inviato 05 settembre 2023 - 01:11

Ok ma di che riviste o libri stiamo parlando? L'online è più soggetto al plagio proprio perché praticamente può pubblicare chiunque, per quel che riguarda le riviste immagino ci sarà un minimo di controllo. A livello accademico si son talmente cagati addosso che oramai non puoi pubblicare nulla senza aver fatto quarantamila citazioni

 

Sei molto ottimista. Nel thread sui "critici stroncatori" avevo scritto:

 

Per quanto mi riguarda (sono semplicemente un avvocato appassionato di teatro e con un briciolo di cultura musicale da autodidatta) mi sono ritrovato scopiazzato (vi potrei fare diversi noiosissimi esempi) tanto dall'ultimo dei ragazzetti-coglioni-blogger quanto da insegnanti di conservatorio (anche su riviste di carta patinate e blasonate), tutti regolarmente accreditati dai teatri più importanti. 

 

Ecco tre estratti di che cosa mi sono ritrovato a leggere su una nota e prestigiosa rivista cartacea specializzata patinata in una recensione di un'opera dal Rossini Opera Festival di Pesaro del 2022 dove ero accreditato per la rivista specializzata on line per cui scrivo abitualmente.

Le tre recensioni dei tre spettacoli, non solo questa, sono tutte più o meno così.

Ovviamente le mie recensioni sono uscite prima delle tre del collega (che insegnava al conservatorio).

 

Io in verde e lui in blu.

 

SUL SOPRANO
Io:
Maria Grazia Schiavo è Lisetta, ruolo di vera primadonna buffa, lungo e dalla scrittura irta di difficoltà, che prevede colorature a cascata, picchettati e roulades. Un ruolo affrontato con piglio e mordente e con una caratterizzazione scenica disinvolta e pepata che le consente di emergere a fronte di qualche imprecisione vocale.
L'altro:
La parte di Lisetta, primadonna, è assai impegnativa, lunga e punteggiata di difficoltà, tra colorature e varie agilità. Maria Grazia Schiavo la interpreta con bella tempra e vivacità, anche scenica, e una vocalità convincente, a cui non fa ombra qualche trascurabile inesattezza.
 

No comment.

SUL BARITONO
Io:
I passi di agilità caratterizzano anche il ruolo di Filippo e trovano Giorgio Caoduro nel pieno del suo elemento: voce di discreta qualità, tecnica rifinita, dizione cristallina, ma soprattutto un controllo della coloratura pirotecnico, quasi diabolico, che si scatena nell'aria del secondo atto “Quando la fama altera”.
L'altro:
Molto bene il baritono Giorgio Caoduro, che dà voce a Filippo con bella tecnicadizione limpida, e infallibile sillabazione nelle vorticose colorature nella grande aria dell’atto secondo.

Insomma tecnica, agilità (agiità e coloratura sono quasi sinonimi), dizione, l'aria del secondo atto diventa l'aria dell'atto secondo... sai che sforzo.

SUL TENORE
Io:
Onorevole la prova come Alberto del giovane tenore Pietro Adaíni, dal timbro chiaro e gradevole, stile appropriato, interpretazione impostata su accenti dolci e malinconici e qualche tensione nel registro acuto.
L'altro:
Si orienta per lo più su accenti teneri e nostalgici la linea del tenore Pietro Adaìni per la figura di Alberto, ben dipinta con suono pulito e amabile; perciò anche per lui risulta irrilevante l’acuto impreciso nell’aria O lusinghiero amor, atto secondo.

Chiaro e gradevole/Pulito e amabile
Dolci e malinconici / Teneri e nostagici
Sembra un giochino, anche abbastanza ridicolo, sui sinonimi. E poi, ahi, anche lui ha notato l'acuto.

 

Se qualcuno mi chiede se ho fatto causa - visto che tra l'altro sono avvocato - la risposta è no.

Troppo complicato, lungo, noioso e addirittura rischioso. Ne ho parlato anche a una collega a un convegno sul diritto d'autore e di fatto mi ha sconsigliato.

E questo è solo uno dei molti casi che mi sono capitati.


  • 1

#28 RogerCrimson

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1349 Messaggi:
  • LocationToscana

Inviato 05 settembre 2023 - 02:21

 

 

Nel caso specifico, credo davvero non ci sia bisogno di commenti: è in sostanza una lunga parafrasi del mio articolo, lo segue frase per frase cambiando di volta in volta le parole, così tecnicamente non è plagio... ma nei fatti, giudicate voi.

 

Ma quindi fatemi capire (chiedo perché non so come funzioni): se uno copia integralmente l'articolo, ma cambia i verbi usando dei sinonimi, non si tratta di plagio?

 

Sostanzialmente lo è, ma è più difficile (non impossibile) provarlo in giudizio. Nel mio caso, come ho scritto sopra, per ora ho desistito.


  • 0

#29 simon is back

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 54 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2023 - 07:08

Alcuni anni fa Umberto Eco scrisse delle pagine importanti su come fosse facile scrivere un libro all'epoca di Internet. Tra libri diciamo così in "carne e ossa" tesi di laurea e grazie a determinati spacciatori di libri elettronici HQ ho circa duemila libri.

 

Ho studiato e studio ermeneutica e come ben sapete ho citato spesso l'amato DERRIDA.

 

Decostruire e interpretare è una libertà che grazie ad Internet ti permette di ridurre il lavoro (potete anche metterci le virgolette) e trasformare un qualche cosa di morto concettualmente in un divenire vita.

 

Plagiare ovviamente è tutta un'altra cosa. Patetico plagiare una banda di ragazzetti che ci mettono l'anima per scrivere dei bellissimi testi musicali, anzi questo plagiare si può definire del tutto criminale.

 

Ci sono anche dei singolari casi di auto-plagio e penso all'ottimo professor Umberto Galimberti, ma.. come dire siamo su un altro livello. Anzi.. la filosofia del corpo di Galimberti potrebbe andare molto bene nella celeberrima discussione sulla transfobia.

 

Solidarietà comunque (e due!) per le persone che si sbattono presumibilmente gratis e vengono piratate: prima di tutto un'etica. Claudio è un ottimo Maestro, vi ha insegnato ad avere un'etica, continuate il vostro lavoro (alcuni di voi se non erro sono stati premiati ed hanno avuto la possibilità di scrivere anche dei libri).


  • 0

#30 xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13277 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2023 - 08:58

 

Problema già sollevato con Claudio e Giuliano in occasione di questo plagio che non ha nessuna scusa plausibile, peraltro opera di un giornalista che ha scritto vari libri e che si presenta come  Conservatore dei Beni Culturali e Geopolitici d'Europa e d'Occidente di origini greco- romane e normanne, ha anche l'ulteriore difetto di scrivere per un giornale ideologicamente abietto

il mio articolo del 2019

 https://www.ondarock...anceanddust.htm

 la versione copia e scolla del 2021

https://www.destra.i...-thomas-feiner/

 

alcuni esempi 

IO:  Con “Book Of Romance And Dust” Thomas Feiner mette insieme i tasselli di una carriera artistica volutamente frammentaria, raccogliendo quelle energie coltivate nei sparuti progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte di fan ostinati e motivati.

LUI :per mezzo dell’album: Book Of Romance And Dust (2018). Thomas Feiner sembrerebbe dare ordine a una carriera artistica frammentaria, raccogliendo ispirazione, creatività ed energie già presenti nei progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte della critica di settore e di molti ascoltatori.

 

ED ANCORA

IO : Thomas Feiner e compagni si avventurano in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno marchiato a fuoco, a volte si muovono cauti come se volessero evitare di emulare nobili gesta passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con un certo tipo di jazz sperimentale ed esoterico avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando emozioni e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

LUI : Gli Exit North si spingono in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno a loro volta già percorso, cauti come se volessero evitare di emulare partiture passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con una certa musica d’ambiente, sperimentale ed esoterica, avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando estetiche e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

 

E COSì A SEGUIRE

 

qui non si tratta di suggestioni ma di copia senza vergogna

 

ahahahah ho aperto per caso un altro articolo di queso sito "Destra.it" e ho notato che l'ha scritto il nostro Bronco Billy

 

https://www.destra.i...e-braccia-tese/

 

LA  gentile risposta di scuse del direttore, in questo caso apprezzo l'onesta (lo hanno già escluso da anni dalla redazione)

 Tommaso de Brabant

Buongiorno Gianfranco Marmoro, chiedo scusa per il vergognoso plagio. Il redattore in questione è già stato allontanato proprio su mia richiesta, lo scorso dicembre, in quanto plagiatore seriale (per lo più di pagine Wikipedia). La nostra rivista non è a pagamento, per lo meno nessuno - nemmeno l'ex redattore in questione, che pur avendo mancato di rispetto anche a noi si è pure permesso un contegno altezzoso - ha guadagnato nulla da questo plagio. Il che non lo rende comunque meno deplorevole, e ovviamente non ne evita la rimozione.
Buona giornata, rinnovo le scuse.
Tommaso

  • 0

#31 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2023 - 10:13

LA  gentile risposta di scuse del direttore, in questo caso apprezzo l'onesta (lo hanno già escluso da anni dalla redazione)

 Tommaso de Brabant

 

La risposta sarà gentile ma lui mica tanto. Ecco l'immagine che si porta sullo sfondo. Complimenti a lui. La metto in spoiler perché fa vomitare.

 

Spoiler


  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#32 good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8802 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 settembre 2023 - 10:54

LA  gentile risposta di scuse del direttore, in questo caso apprezzo l'onesta (lo hanno già escluso da anni dalla redazione)
 =AZXbo6suu7Cdj80l4R2RGlLwqSYbEOZ0M57qz-jRb09NX0CtCnQxeiGnvoN3hjw2_UuqIYqXpqibGWC5ukp6SZnuYMARiME8Kk-2i1LbDEkzjw7nIyneFn9yLXQKYSkSQ4c&__tn__=R]-R]Tommaso de Brabant

 
La risposta sarà gentile ma lui mica tanto. Ecco l'immagine che si porta sullo sfondo. Complimenti a lui. La metto in spoiler perché fa vomitare.
 
Spoiler

Ma già quando scriveva qui sul forum non nascondeva questo orientamento, mi pare
  • 0
Immagine inserita

#33 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2023 - 11:13

Beh, di destra è un conto, quella roba lì è un altro, direi. Poi magari s'era già dimostrato così estremo e me l'ero perso, per fortuna scriveva quasi sempre in "altro" e non mi ci imbattevo quasi mai. 


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#34 Mr Repetto

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7827 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2023 - 13:07

Claudio Fabretti, che è un faro morale della comunitàNazione tutta, ha plagiato Scaruffone alla grande in tante schede, immagino quando doveva fare massa per fare il sito.  Mettendoci del suo e cambiando, per carità, ma comunque era palese che l'impostazione di molte considerazioni fosse quella di Pierone nostro (mi è capitato di leggere schede qui e lì in parallelo parecchie volte). Claudio ammettilo, non mi fare andare a cercare das.gif.  

Ha fatto bene. Comunque il taglio che viene dato è diverso etc... Inoltre è ovvio che se uno fa questo tipo di operazione enciclopedica fa un collage di quello che c'è già. La differenza è il come, e come la si porta avanti, la comunità che si crea etc..Mentre invece per questi casi qua di gozer, capisco che girano i coglioni, ma questa gente fa davvero pena.

Mi piace però il discorso di wago: perchè non includere le fonti bibliografiche alle vostre monografie? Oltre che onesto, arricchisce il contenuto.


  • 0

#35 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37492 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 05 settembre 2023 - 13:34

 

 

Problema già sollevato con Claudio e Giuliano in occasione di questo plagio che non ha nessuna scusa plausibile, peraltro opera di un giornalista che ha scritto vari libri e che si presenta come  Conservatore dei Beni Culturali e Geopolitici d'Europa e d'Occidente di origini greco- romane e normanne, ha anche l'ulteriore difetto di scrivere per un giornale ideologicamente abietto

il mio articolo del 2019

 https://www.ondarock...anceanddust.htm

 la versione copia e scolla del 2021

https://www.destra.i...-thomas-feiner/

 

alcuni esempi 

IO:  Con “Book Of Romance And Dust” Thomas Feiner mette insieme i tasselli di una carriera artistica volutamente frammentaria, raccogliendo quelle energie coltivate nei sparuti progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte di fan ostinati e motivati.

LUI :per mezzo dell’album: Book Of Romance And Dust (2018). Thomas Feiner sembrerebbe dare ordine a una carriera artistica frammentaria, raccogliendo ispirazione, creatività ed energie già presenti nei progetti discografici che dal 1993 sono costante oggetto di attenzione da parte della critica di settore e di molti ascoltatori.

 

ED ANCORA

IO : Thomas Feiner e compagni si avventurano in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno marchiato a fuoco, a volte si muovono cauti come se volessero evitare di emulare nobili gesta passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con un certo tipo di jazz sperimentale ed esoterico avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando emozioni e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

LUI : Gli Exit North si spingono in quella terra di mezzo che musicisti come Mark HollisScott Walker e David Sylvian hanno a loro volta già percorso, cauti come se volessero evitare di emulare partiture passate, in alcuni frangenti abbozzano legami con una certa musica d’ambiente, sperimentale ed esoterica, avvalendosi anche della preziosa collaborazione di Lars Danielsson, seminando estetiche e raccogliendo solitudine, in un processo fisico e cerebrale che ha i contorni della poesia e del romanticismo.

 

E COSì A SEGUIRE

 

qui non si tratta di suggestioni ma di copia senza vergogna

 

ahahahah ho aperto per caso un altro articolo di queso sito "Destra.it" e ho notato che l'ha scritto il nostro Bronco Billy

 

https://www.destra.i...e-braccia-tese/

 

LA  gentile risposta di scuse del direttore, in questo caso apprezzo l'onesta (lo hanno già escluso da anni dalla redazione)

 Tommaso de Brabant

Buongiorno Gianfranco Marmoro, chiedo scusa per il vergognoso plagio. Il redattore in questione è già stato allontanato proprio su mia richiesta, lo scorso dicembre, in quanto plagiatore seriale (per lo più di pagine Wikipedia). La nostra rivista non è a pagamento, per lo meno nessuno - nemmeno l'ex redattore in questione, che pur avendo mancato di rispetto anche a noi si è pure permesso un contegno altezzoso - ha guadagnato nulla da questo plagio. Il che non lo rende comunque meno deplorevole, e ovviamente non ne evita la rimozione.
Buona giornata, rinnovo le scuse.
Tommaso

 

 

gli possiamo vendere de baptistis ashd


  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#36 Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 39770 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 settembre 2023 - 15:53

Beh, non confonderei comunque "rifarsi a informazioni fornite da" - e magari a sua volta "riprese da" (che si potevano in effetti citare con noterelle bibliografiche, questo sì), con un vero e proprio plagio che consiste nel "pubblicare o dare per propria l’opera letteraria o scientifica o artistica di altri" (cit. Treccani).

Poi dipende anche dal tipo di info: citare una storia biografica o dire che tizio fa un certo genere musicale è diverso da riprendere, per dire, un intero parallelo artistico o un ragionamento.


  • 0

#37 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20501 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 05 settembre 2023 - 20:39

Copiare è lecito e addirittura giusto, se si copia qualcosa di valido che così diventa ridondante nelle query a Google. La primogenitura è un valore che ciascuno si porta nel cuore, e quello non te lo toglie nessuno.
  • 0

#38 xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13277 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 09:11

Beh, non confonderei comunque "rifarsi a informazioni fornite da" - e magari a sua volta "riprese da" (che si potevano in effetti citare con noterelle bibliografiche, questo sì), con un vero e proprio plagio che consiste nel "pubblicare o dare per propria l’opera letteraria o scientifica o artistica di altri" (cit. Treccani).

Poi dipende anche dal tipo di info: citare una storia biografica o dire che tizio fa un certo genere musicale è diverso da riprendere, per dire, un intero parallelo artistico o un ragionamento.

infatti è ben diverso il ricavare notizie o qualche suggestione ormai consolidata e riproporla in uno scritto, nel caso in questione è una copia senza alcun elemento di giustifica, ecco perché l'ho posto all'attenzione, citare o richiamare brevi frasi può accadere, ma copia è incolla è poco corretto. 


  • 0

#39 Mr Repetto

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7827 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 09:52

Beh, non confonderei comunque "rifarsi a informazioni fornite da" - e magari a sua volta "riprese da" (che si potevano in effetti citare con noterelle bibliografiche, questo sì), con un vero e proprio plagio che consiste nel "pubblicare o dare per propria l’opera letteraria o scientifica o artistica di altri" (cit. Treccani).

Poi dipende anche dal tipo di info: citare una storia biografica o dire che tizio fa un certo genere musicale è diverso da riprendere, per dire, un intero parallelo artistico o un ragionamento.

Sì, ovviamente la distinzione non è netta ma un continuo, per cui dipende un po' dalla sensibilità. I casi scandalosi e patetici non li so spiegare. Ma perchè lo fa questa gente? Pensano di guadagnare qualcosa col traffico Internet con quei siti orrendi? Ma davvero c'è concretamente questa possibilità?


  • 0

#40 reallytongues

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26124 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 12:13

Ma non siete contenti di essere copiati? Vuol dire che godete di una certa considerazione.
Tanto comunque di soldi mica ne prendete in OR quindi non vedo di cosa vi lamentate asd
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#41 The Careless Whisper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3878 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 13:37

A me girerebbero di brutto se fossi copiato, perché se hai soldi per sponsorizzare ma sei una schiappa nei contenuti, basta cambiare un po' cose scritte faticosamente da altri e prendersi i meriti.

Con Chat GPT appunto non fai neanche la fatica di rielaborare.
La considerazione da godere ce l'hai se vieni giustamente citato come fonte, come si fa in ogni lavoro compilativo che si rispetti.
  • 0

https://www.decandiamauro.com

 

Instagram

 

 

"Mi rifiuto di sentire gli artisti di oggi perché ho già sentito di meglio 20-30 anni fa." (Ricky Portera)

"Non mi piace la musica elettronica: amo la musica che viene effettivamente creata da un artista, creata da un musicista" (John Lodge, dei Moody Blues)

"Oggi è tutto elettronico ma fa anche tutto schifo" (Alberto Radius)

 

 


#42 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 14:10

Ma non siete contenti di essere copiati? Vuol dire che godete di una certa considerazione.

 

 

O che copiare, indipendentemente dalla fonte, è sempre più comodo che dover accendere il cervello e farsi un'idea per conto proprio.


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#43 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22569 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 06 settembre 2023 - 14:18

Sì, ma che gliene viene in tasca? Capirei se parlassimo di contesti in cui girano i soldini, ma visto che il campo in questione è ripagato solo dalla consapevolezza di aver condiviso (spesso non si sa bene con chi e con quale ritorno) la propria espressione, a che pro rinunciare a proporre la propria lettura per dare spazio invece a quella di qualcun altro?
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#44 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 14:36

Sì, ma che gliene viene in tasca? Capirei se parlassimo di contesti in cui girano i soldini, ma visto che il campo in questione è ripagato solo dalla consapevolezza di aver condiviso (spesso non si sa bene con chi e con quale ritorno) la propria espressione, a che pro rinunciare a proporre la propria lettura per dare spazio invece a quella di qualcun altro?

 

 

Il conduttore di una Radio Capital o Radio Bruno di sicuro non sta lì per la gloria, e se deve portare a casa un'ora di trasmissione va là che gli fa ben comodo avere la pappa pronta, in barba all'opinione personale (che non entra quasi mai in gioco, peraltro). E non si creda che l'esempio sia campato per aria: con l'ottima indicizzazione di cui gode OR è assai probabile che molti della categoria usufruiscano quotidianamente dei contenuti del sito.


  • 2

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#45 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22569 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 06 settembre 2023 - 14:42

Chiaramente per dei professionisti (poco professionali, ma professionisti) il plagio può avere un senso. Ciò che mi lascia perplesso è vedere quanto le scopiazzature abbondino anche in piattaforme gratuite che realisticamente generano gran pochi proventi economici.
C'è stato qualche caso anche su Ondarock in passato, va ammesso, ma la posizione della testata è sempre stata ferrea riguardo alla questione. Mi pare di capire, invece, che per altri il negare o l'affermare che non ci sia nessun problema siano moneta corrente.
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#46 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25129 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 15:41

Ciò che mi lascia perplesso è vedere quanto le scopiazzature abbondino anche in piattaforme gratuite che realisticamente generano gran pochi proventi economici.

 

 

Proventi sicuro no, ma tutti quando pubblicano su una qualsivoglia zine digitale sperano, in fondo in fondo, di ottenere una seppur minima visibilità per il proprio nome, o anche solo qualcosa da condividere sul proprio profilo social per tirare su due like degli amici - i quali mai potrebbero sospettare un plagio. Il livello di disperazione purtroppo è questo: "supplicare di esser popolari", cantano i Baustelle in uno degli ultimi singoli.


  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#47 vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18645 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 15:58

 

 

E non si creda che l'esempio sia campato per aria: con l'ottima indicizzazione di cui gode OR è assai probabile che molti della categoria usufruiscano quotidianamente dei contenuti del sito.

 

Infatti possiamo discutere sulle singole modalità, ma da qui non si scappa. E credo sia proprio uno dei motivi principali. A volte pescano semplici informazioni, altre interi periodi stravolti poi in un certo modo. E' tutto infinitamente triste e in linea con il periodo storico.


  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#48 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20501 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 06 settembre 2023 - 16:02

Mi verrebbe quasi voglia di dire ma chi vi credete di essere. Se copiano cose buone è bene, se copiano stronzate allora stronzata più o meno...
(Non mi escono le faccine sul telefono :)
  • 0

#49 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28036 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2023 - 16:32

Quanto non m'eri mancato... asd


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#50 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20501 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 06 settembre 2023 - 16:40

asd
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi