Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Licorice Pizza (P. T. Anderson, 2022)


  • Please log in to reply
23 replies to this topic

#1 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24363 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2022 - 21:57

Licorice Pizza:

 

Spoiler

  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#2 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7203 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2022 - 22:53

Piuttosto insulso per quanto mi riguarda. Allungarlo? Dio, no...


  • 2

#3 Garga Charrua

Garga Charrua

    Morte a Boldrin!

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10005 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2022 - 18:44

Ennesimo centro per me. Girare un film che è l'esatto opposto del precedente (capolavoro) e non perdere un grammo in forza espressiva è roba da pochi. E poi dai, come può non piacermi un film che chiaramente si ispira ad alcuni miei totem assoluti come American Graffiti e Dazed and Confused? Infatti l'ho adorato. Mostruosi entrambi i protagonisti (sempre pensato che la Haim avesse sbagliato mestiere, questa è un'ulteriore conferma), la scena del camion in retromarcia e quella della telefonata muta già entrate di diritto tra le sequenze migliori di tutta la filmografia di Paul Thomas Anderson, che iddio lo benedica. Ora mi è venuta voglia di correre.


  • 0

"Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Gargamella."


#4 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5003 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 21 febbraio 2022 - 18:50

I sottotitoli in italiano non si trovano ancora, confermate?

 

 

come può non piacermi un film che chiaramente si ispira ad alcuni miei totem assoluti come American Graffiti e Dazed and Confused?

 

Vorrei aspettare per godermelo al cinema, ma come faccio a resistere quando vengono tirati in ballo cult del genere? 


  • 0
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#5 Garga Charrua

Garga Charrua

    Morte a Boldrin!

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10005 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2022 - 19:05

I sottotitoli in italiano non si trovano ancora, confermate?

 

 

Si trovano ma sono una porcheria. Presumo che entro qualche giorno un'anima pia ci metterà mano e li correggerà.


  • 0

"Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Gargamella."


#6 Fidelio

Fidelio

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1331 Messaggi:

Inviato 23 febbraio 2022 - 15:50

Metto sotto spoiler:

 

a me sembra che l'ultima di PTA sia una critica molto accesa nei confronti dei giovani di oggi, per la serie: guardate come eravamo noi alla vostra età. I due protagonisti infatti sono due dinamici figli del loro tempo, immersi nella recitazione, nella voglia di sfondare o in quella di mettere su un piccolo business. Restano sempre dei giovani e devono in qualche modo fare l'esperienza più importante, quella di innamorarsi.

PTA come sa fare benissimo prende due persone, due persone differenti tra loro, le fa avvicinare e poi si diverte a guardare cosa succede. Da questo punto di vista Licorice Pizza non è molto diverso da The Master o da The Phantom Thread. Il regista riesce in maniera eccellente a raccontare la crescita dei singoli protagonisti - più determinato e idealista Gary, più fragile ma anche più tosta Alana - ma anche della coppia, messa a dura prova da una serie di eventi, anzi di personaggi che si mettono tra di loro ma che alla fine non fanno altro che aiutare i due ad avvicinarsi.

Da qyesto punto di vista sono meravigliose le scene con Tom Waits e Sean Penn e quella con quel pazzo di Bradley Cooper.

I due sono giovani, giovanissimi, corrono, si danno da fare, si fanno i dispetti, si innamorano. Licorice Pizza è una parabola, tenera e quasi ingenua che racconta la nascita di una storia d'amore. PTA racconta come sa fare gli anni settanta con una fotografia sontuosa e una serie di brani che raccontano quel periodo.

Forse uno dei film più personali del regista, anzi IL più personale.


  • 1

#7 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17338 Messaggi:

Inviato 23 febbraio 2022 - 17:42

Mah onestamente stento a capire come ci possa essere una critica ai giovani d'oggi, che forse sono attivi e politicizzati come quelli degli anni 70 (ovviamente con le mille differenze del caso etc etc). Inoltre, quella mica è la generazione di Anderson, che adolescente lo è stato nella seconda metà degli anni 80.


  • 2
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#8 Sandor Krasna

Sandor Krasna

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 633 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 20 marzo 2022 - 19:38

Io sono d'accordo con Fidelio, alla fine non importa molto se 70s o 80s, quello che conta era la vita analogica, pre-internet.

Dobbiamo tornare a fare i cowboy.

Le scene con Bradley Cooper Sean Penn Tom Waits valgono il prezzo del biglietto.
  • 1

#9 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5003 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 21 marzo 2022 - 17:55

Nel genere, "American Graffiti" rimane fuori scala e non è al livello de "La vita è un sogno" (o di "Boogie Nights", per rimanere alla filmografia di PTA) e forse neanche di "Tutti vogliono qualcosa", ma "Licorice Pizza" rimane comunque un gran bel vedere. Forse è un filo penalizzato dal fatto di essere molto meno corale rispetto alle pellicole che ho citato.
 
Davvero eccezionale la fotografia.
 
auKjQya.png
 
IHZKBAQ.gif
 

 

sempre pensato che la Haim avesse sbagliato mestiere, questa è un'ulteriore conferma

 

 

asd

 

Anche se, a ben vedere, questo loro vecchio pezzo diventa la chiave di volta del film:

 

 

E, sempre a proposito delle Haim, Danielle nelle scene in cui compare è  :wub:


  • 1
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#10 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17338 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2022 - 18:37

E almeno kerza ha letto asd


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#11 thom

thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3327 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2022 - 12:08

solo io ho visto nella seconda parte quasi un manifesto al liberismo capitalista, vera forza fondante della società americana, a discapito di qualsiasi ideologia politica, che ne esce sempre e comunque malata alla radice? (su entrambe le sponde, che si tratti di Nixon o di Wachs)

 

il film è visivamente eccezionale nella sua funzione di amarcord, i movimenti di macchina sono perfetti e originali (senza risultare pedanti come in un Sorrentino/Gilliam ad es.), gli interpreti ottimi, tuttavia la seconda parte perde di ritmo (ad essere brutale avrei editato tutto il sub-plot di Wachs)

 

è un film soprattutto sui brufoli, rosacee, rughe e altre svariate imperfezioni cutanee, cosa che ho sinceramente apprezzato in tempi di perfette levigature da avatar; come citazione iniziale ci sarebbe potuta stare quella dell'ultimo (brutto) film di Thomas Vinterberg:

 

cos’è la giovinezza? Un sogno. Cos’è l’amore? Il contenuto di un sogno. (Kierkegaard)


  • 1

#12 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17338 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2022 - 13:47

 
Nella sua semplicità e leggerezza, "Licorice Pizza" cela la quintessenza del cinema di Paul Thomas Anderson, in cui ricorrono e si rincorrono topoi e figure della sua arte. Nel suo film all'apparenza più luminoso e spensierato, Anderson rielabora le sue ossessioni risolvendole nell'orizzonte tenero e innocente, ma tutt'altro che innocuo o privo di ambiguità, del primo amore
 

 

licoricepizza-locandina.jpg

 

https://www.ondacine...rice-pizza.html

 

 

[fatemi sapere se volete che sposti i messaggi]


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#13 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7203 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2022 - 13:58

sì dai però date 8.5-9 a qualsiasi cazzata :D


  • -2

#14 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17338 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2022 - 15:08

sì dai però date 8.5-9 a qualsiasi cazzata :D

 

C'è un'analisi che sorregge la mia valutazione. Che diamo 8.5 e 9 a qualsiasi cazzata è altrettanto una cazzata. Se vado nel tabellone del 2022 vedo come voto di recensione (perché poi ciascuno può essere d'accordo o meno con la valutazione della recensione) solo un 8.5 e un 9. Poi se questo film è una cazzata... 


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#15 tiresia

tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4420 Messaggi:

Inviato 23 marzo 2022 - 09:59

E' come un libro di racconti animati dagli stessi protagonisti, un insieme di piccole storie legate dall'incontro e dal colpo di fulmine di lui verso lei. Io non vi ho visto nessuna critica ai giovani di oggi, nessuno sguardo giudicante, piuttosto Anderson dipinge un periodo in cui le possibilità, in America, erano ancora tante e apertissime e sulla base di quella realtà, radicatamente americana, racconta i ragazzi, ossia una età dalle mille strade e opportunità.
Dentro ci mette il suo mondo raccontato ad altezza adolescenza per cui gli adulti sono, giustamente, comprimari, ma detentori del gioco principale ossia del gioco del mondo in cui loro due stanno per entrare.
La caratterizzazione dei due protagonisti è tutta centrata su una freschezza quasi tangibile, anche Alma, che è a tutti gli effetti già grande, proprio per l'indefinito della sua vita ancora senza una strada precisa, presa da mille passioni, affascinata dai ragazzini, è radiosa in quel modo tipico dei ragazzi stessi. Questa universalità è il fascino del film che, altrimenti, è tipicamente americano in un modo che impedisce ogni immedesimazione: la giostra degli attori bambini, i grandi divi e produttori di Hollywood, le grandi scommesse economiche estemporanee e plurime, la politica come scelta accessibile e democratica, le famiglie già negli anni settanta il più diverse possibile, il sistema di pubblica sicurezza così arbitrario. Ma l'incanto di Anderson non è questo? Saper essere universale anche in un racconto che è così tipizzato, così unico, perchè le corse furiose, gioiose, a perdifiato dei due ragazzi sono corse di tutti, ovunque.
Forse un pelino lungo il film è divertente e non banale, ha le iperbole di Anderson.
Un discorso a parte è Cooper Hoffman: stesse labbra del padre, stesse dita del padre, stesso modo di infilarsi la camicia nei pantaloni, che malinconia. Lui Bravissimo, lei superlativa.
A me è piaciuta anche questa festa di volti giovani, normali, luminosi, belli.
  • 8

#16 Greed

Greed

    round control to major troll

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12764 Messaggi:

Inviato 23 marzo 2022 - 16:49

 perchè le corse furiose, gioiose, a perdifiato dei due ragazzi sono corse di tutti, ovunque.

 

Bellissime quelle corse quasi gratuite. Sicuramente ha un senso diverso ma mi ha fatto pensare alla corsa nel finale dei 400 colpi.


  • 1

#17 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15031 Messaggi:

Inviato 25 marzo 2022 - 08:49

Due appunti.
 
- notato che nel trailer ci sono almeno quattro sequenze poi assenti nel film? Compresa quella di Cooper che impazzisce al distributore recuperata in extremis solo come scheggia nei titoli di coda, nei quali per altro si intravede un'ulteriore sequenza che nel film non c'e'.
 
- ok si', w giovani con i blue jeans, ma le scene e le trovate piu' memorabili del film sono tutte appannaggio dei vecchidemmerda, bambinoni patriarcali irrimediabilmente coglionazzi, ma comunque bigger than life: Sean Penn/pseudo-Willam Holden, Tom Waits*/simil-Peckinpah, Bradley Cooper/Jon Peters (se ci si informa sul personaggio reale, soprattutto come lo racconta Kevin Smith in alcuni suoi spettacoli, tutta la sequenza fa ridere il doppio), il mito che si sposa le giapponesi.
 
*ma vogliamo parlare di come si sia praticamente pensionato come musicista ( ;_; ) per diventare uno dei piu' formidabili caratteristi degli ultimi anni?


  • 0

#18 tiresia

tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4420 Messaggi:

Inviato 25 marzo 2022 - 10:11

Anderson si è ispirato ad un vero Gary, Gary Goetzman, attore bambino (anche con lucille Ball citata nel film) che ebbe una impresa di flipper e vendette materassi ad acqua anche direttamente a Peters. I ristoranti teatro di molte scene del film esistevano davvero ed erano, massicciamente, frequentati dalle star di Hollywood. Il bello di tutte le iperbole di Anderson è che molte sono vere, non frutto di una esagerazione cinematografica volta a far emergere una qualche visione di quel passato, no, è tutto vero.
Il tocco di surreale che esplode dalle situazioni, dai colori, dagli atteggiamenti e dalle pose è la realtà riportata alla luce (Lucille Ball gridava in continuazione “Gary Gary” perché chiamava il suo secondo marito, ma Goetzman credeva ce l’avesse con lui).
La storia di Wachs, i genitori veri/falsi di Alana, Nixon alla tv, l’Holdman crepuscolare e sempre brillo, l’insieme dei personaggi strepitosi ai provini sono uno spaccato di realtà adulta che emerge quasi lisergica come palcoscenico dei prossimi adulti.
Non dimentichiamo che anche il ricordo della crisi petrolifera, con quelle code infinite alle pompe di benzina, avrebbero avuto un tocco di straniamemto se la Storia non si rifosse messa curiosamente in moto negli ultimi mesi nella stessa maniera, più o meno.
  • 2

#19 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 986 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2022 - 10:08

Tom Waits*/simil-Peckinpah,


Io avevo pensato a Samuel Fuller, ma leggo che il personaggio dovrebbe essere invece ispirato a Mark Robson (ovvero il regista de I ponti di Toko-Ri con Holden e la Kelly citato nel film)

Peckinpah direi di no, aveva una coolness di tutt'altro tipo e una voce completamente diversa


  • 0

#20 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15031 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2022 - 10:39

Si', certo non assomiglia per nulla al veccho Sam, intendevo come personaggio, ma forse neanche quello a pensarci.

Di Robson non si trovano molte foto, ma direi che fisicamente hai c'entrato il modello con Fuller.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq