Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Playlist Del Coprifuoco


  • Please log in to reply
11 replies to this topic

#1 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13016 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 30 ottobre 2020 - 16:32

*
POPOLARE

Due mesi in breve
Alice in chains – Dirt 87/100
La controparte eticamente accettabile dei Guns ‘n Roses
 
Tori Amos – Boys for Pele 87/100
Santa e puttana, bambina e donna, vittima e carnefice, la prima Amos è un universo. 70 minuti senza
cadute (di forma), mi espongo e dico che è tra le più grandi cantautrici di sempre.
 
Arcade Fire – Everything now! 60/100
Classico caso in cui quando erano indie con le chitarre erano meglio. Sbandano vistosamente, ma
sono ancora accettabili. Sì, ma per quanto? La title track comunque ha le stigmate dell’instant
classic.
 
Boards of Canada – In a beautiful place out in the country ep 78/100
IDM sostanzialmente semplicissima eppure estremamente coinvolgente e rilassante. Passerò agli lp
con convinzione.
 
Butthole Surfers – Psychic…powerless…another man’s sac 93/100
La bellezza del marcio. Scaruffate a parte, è veramente fico, basso di granito, voce da serial killer
(oltre al campionario vario di rutti, vomito e peti della celebre Lady Sniff), velocità. Parte centrale
Negro observer/Butthole surfer/Lady sniff tra le migliori sempre, mentre Cherub, che qualcuno
considera il capolavoro del disco, è proprio il pezzo che mi piace meno e che mi impedisce di
considerarlo un capo assoluto.
 
Comet is coming – Trust in the lifeforce of deep mistery 87/100
Io di purezza o tecnica jazz capisco un cazzo, non so dire quanto e se Shabaka Hutchings sia un
jazzista bravo, però una cosa la dico: ascoltandolo, si ha l’impressione di un jazz veramente attuale,
giovane, non cadaverico mammuth indissolubilmente legato a quegli anni e a quei nomi. Un disco
fantastico, davvero
 
Drones – I see seaweed 87/100
La mia fissa per i Drones l’ho esternata ogni volta che potevo. I see seaweed è il loro solito
campionario di cicatrici esterne ed interne, rese vive da un’elettricità lancinante, ed è sempre
bellissimo, addirittura il loro miglior disco por moi.
 
Fleetwood Mac – Then play on 91/100
Tra l’incudine blues ed il martello pop. Perfetta sintesi delle due anime, anche geograficamente
perfetto equilibrio tra la radice inglese e la frontiera americana.
 
Josephine Foster & The Victor Herrero Band – Perlas 75/100
Lei mi piace tanto, anche qui, dove anticipa la wave non anglofona del forum e canta canzoni e
traditional spagnoli in spagnolo. Astenersi hater di Joanna Newsom.
 
Flavio Giurato – La scomparsa di Majorana 80/100
Dopo la bellissima resurrezione di Il manuale del cantautore, La scomparsa di Majorana vede un
Flavio Giurato sempre più unicum del nostro panorama. Mischia i piani temporali e geografici (ecco,
questo emergerà violentemente nel suo capolavoro assoluto Digos, nel disco successivo), ripete fino
allo sfinimento, si addormenta, si dimentica, cincischia, butta a cazzo le parole, torna indietro, si crea
le vesti di novello Rodari ed inventa canzoni per bambini (emo). Se piace, e io lo amo, è ok, ma
altrimenti non lo consiglierei mai come primo contatto con lui.
 
Goat – Commune 85/100
Rock acidissimo dal DNA marziale e tribale. 35 minuti di rito sabbatico, conclusi da Gathering of
ancient tribes, pazzesco salto nel vuoto.
 
Rickie Lee Jones – Pirates 75/100
È sicuramente una cantautrice dalla voce di cristallo (ovviamente figlia di Joni Mitchell) e dagli
arrangiamenti sobri ma di spessore (si va dalla ballatona Skeletons al funk stradaiolo Woody and
Dutch on the slow train to Peking), ma mi manca qualcosa che me la faccia amare.
 
Membranes – Time warp 1991 ep + Kiss ass…Godhead 80-81/100
Il riferimento principale per descriverli sono stati I Fall, ma qui (e Kiss ass guardacaso è prodotto da
Albini) sembra più di una volta di avere a che fare con la risposta britannica ai Big Black. Confronti a
parte, non si stacca la spina un attimo, sembra di essere sempre nel bel mezzo di un polverone di
suoni e stridori, un casino prodotto da 3 senza Dio che fanno rumore come 30 cristiani.
 
Morphine – Like swimming 80/100
I Morphine fanno parte di quella schiera che fanno sempre lo stesso disco, ed è un gran bel disco.
 
OMD – OMD 84/100
“I don’t understand you,guys: do you want to be ABBA or Joy Division?” (Carol Wilson, boss della Din
Disc)
 
Parquet courts – human performance 80/100
Ad oggi, compreso il successive Wide Awake, non solo non hanno sbagliato un colpo, ma continuano
a ripulire il sangue nel corpo ormai debilitato di quello che chiamavamo indie rock.
 
Rites of Spring – S/T + All though a life ep 84-74/100
Nient’altro che rabbia giovanile. Hai detto poco
 
Claudio Rocchi – Volo magico n.1 80/100
I testi fanno tenerezza, sono totalmente figli di quell’improvvisa voglia di nuovo ed inseplorato di
quegli anni, però è comunque un sublime esempio di pop psichedelico, una specie di Astral Weeks di
provincia.
 
Siouxsie and the banshees – The scream 82/100
Il classic disco new wave della classica band new wave. Mi piacciono, però non hanno mai la
zampata inaspettata, ecco.
 
Tindersticks – The waiting room 80/100
Una persistente penombra lievemente ubriaca. Hey Lucinda è una canzone stupenda
 
Wilco – Summerteeth 80/100
La rivincita dei nerd, sempre più scimmiati con Beatles e Beach Boys.
 
Yo La Tengo – Fade 74/100
Come rivedere i cugini lontani una volta all’anno: aria di casa.
 
Flaming lips – Telepathic surgery 88/100
Sempre (auto)distruttivi, seppur meno drogati (nelle intenzioni, non nei fatti) rispetto specialmente
al precedente Oh my Gawd. Pestavano di brutto comunque. La versione cd contiene Fryin up e
soprattutto Hell’s Angel’s cracker factory, 23 minuti di tornado che prende e spazza via tutto.

  • 10
Adescatore equino dal 2005

#2 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10695 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 ottobre 2020 - 18:13

City of Caterpillar - City of Caterpillar [2002; screamo/post-hardcore] 8,5

The Fall of Troy - Doppelgänger [2005; post-hardcore/mathcore] 7
Vocalmente (e non solo) possono rimandare agli at the drive-in, ma al doppio della velocità. Spesso non si capisce dove vogliano andare a parare ma ci sono anche dei passaggi notevoli per originalità e incisività.

Thrice - The Artist in the Ambulance [2003; melodic hardcore] 8
- Vheissu [2005; Alternative rock] 8,5
Ripulito parzialmente dal post-hardcore degli esordi Vheissu è un album che non spicca per originalità ma le canzoni sono scritte e suonate talmente bene che la cosa è assai trascurabile. Paraculi ma sinceri

Breach - It’s me God [1997; post-hardcore/sludge metal] 9

Tragedy - Vengeance [2002; crust punk] 8,5

Amebix - Arise! [1985; crust punk] 8

Fall of Efrafa - Owsla [2006; crust punk/sludge metal] 8
  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]

Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


probabilmente off topic


#3 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    Furious Angel

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7596 Messaggi:

Inviato 30 ottobre 2020 - 18:36

ascolti e riascolti vari

 

10,000 Maniacs - MTV Unplugged [1993] 8,5

Un greatest hits dal vivo in pratica. Bello

 

Bad Religion - Stranger Than Fiction [1994] 7,5

In equilibrio tra punk rock e melodia ,convince grazie a dei ottimi pezzi [Infected su tutte]

 

Polykroma - Metropolique [2002] 7/8

ibrido ambient/trip hop/shoegaze alquanto bizzaro , ma affascinante.

 

Various Artists - The Million Dollar Hotel  [2000] 7,5

Belli i due pezzi degli U2 [forse le ultime cose degne di note che hanno fatto]

 

The Seahorses - Do It Yourself [1997] 7

Disco britpop venato di psichedelia , niente male.


  • 0

#4 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4496 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 31 ottobre 2020 - 13:50

 

Siouxsie and the banshees – The scream 82/100
Il classic disco new wave della classica band new wave. 

 

 

Eh ma è proprio con quel disco che hanno contribuito a rendere "classico" quel suono. Stiamo parlando del 1978, Joy Division, Cure e compagnia bella non avevano ancora esordito... 


  • 0

#5 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4652 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2020 - 15:46

Anna von Hausswolff - Ceremony (2012)
Anna von Hausswolff - Dead Magic (2018)
Anna von Hausswolff - All Thoughts Fly (2020)

Un po' ne ho scritto nel thread dedicato, aggiungo che Dead Magic più lo ascolto più mi convince. All Thoughts Fly ha fascino ma patisce la monotematicità e la mancanza della voce, comunque da ascoltare meglio.

Weyes Blood - Front Row Seat to Earth (2016)
Weyes Blood - Titanic Rising (2019)

L'avevo in lista dall'anno scorso visto che Movies mi era rimasta impressa immediatamente e il live KEPX è super però dopo una rapida ascoltata mi sono fissato con la suddetta svedese. Ci ritornerò più avanti.

Angie McMahon - Angie McMahon on Audiotree Live (2019)
Angie McMahon - Piano Salt (2020)

Due uscite brevi per la mia australianina preferita. Il primo è un live per chitarra e voce, nel secondo si cimenta a riproporre in versione piano e voce alcune canzoni dall'esordio dell'anno scorso (Salt) con due cover (Springsteen e Del Rey) di contorno. Tra le due meglio la prima. Restando in tema voce e chitarra questa cover di Helpless è da brividi.
Mi ero ripromesso varie volte di aprirci un thread ma ormai ho procrastinato troppo per farlo su un album dell'anno scorso. In poche parole è una cantautrice abbastanza classica dove più che le canzoni (ottime eh) a farmi tornare è la voce e il modo di cantare.
 
Songs: Ohia - Journey On: Collected Singles (2014)
Magnolia Electric Co. - Trials & Errors (2005)

Raccoltona con tutti i singoli di Molina usciti a nome Songs: Ohia che potrebbe funzionare come riepilogo dei vari stili succedutisi negli anni. Qualità media molto alta con un paio di chicche però il meglio mi sa che resta negli album.
Trial & Errors invece è un massiccio live pieno di cavalcate younghiane. Gran parte sono pezzi che la band stava rodando dal vivo e quindi con ampi spazi per rifinitura, però se un album attacca così per me va già nella colonna dei classici istantanei.

Charles Bronson - Youth Attack! (1997)
L'unico album dei Charles Bronson totalizza 20 canzoni in 12 minuti, la discografica completa completa si aggira sui 100 pezzi per 70 minuti. Insomma potete aspettarvi un gran sberla harcore non chissà che sviluppi melodici. Divertentissimo.

Records - Shades in Bed (1979)
Il singolo Starry Eyes è la perfezione power pop, l'album non sono neanche riuscito a finirlo tra sound di merda e canzoni fiacche.


  • 2

#6 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11674 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2020 - 17:53


Records - Shades in Bed (1979)
Il singolo Starry Eyes è la perfezione power pop, l'album non sono neanche riuscito a finirlo tra sound di merda e canzoni fiacche.


Il disco da avere è il secondo, molto migliore.
  • 1

#7 Eugene

Eugene

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4272 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 31 ottobre 2020 - 22:53

Gesù, i Goat. Album che devo recuperare al più presto.
  • 0
Immaginate che abbia messo in firma qualcosa di interessante

#8 Narostium

Narostium

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 150 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2020 - 23:21

Idles - Ultra Mono 8

Puscifer - Existential Reckoning 7

Ulver - Flowers of Evil 7

 

 

 

 

 

 

 

Ulver - Kveldssanger 

Yes - Fragile 

King Crimson - Red 


  • 0

#9 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13016 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 01 novembre 2020 - 11:41

Siouxsie and the banshees – The scream 82/100
Il classic disco new wave della classica band new wave.

 
Eh ma è proprio con quel disco che hanno contribuito a rendere "classico" quel suono. Stiamo parlando del 1978, Joy Division, Cure e compagnia bella non avevano ancora esordito...
 

Ne sono consapevole, però quel che noto in loro è sicuramente azzeccare le melodie, però poi vanno avanti senza grosse variazioni, non so se mi sto spiegando. Li trovo sicuramente ottimi ma monotematici. Ad oggi il loro che preferisco rimane Join hands
 

Gesù, i Goat. Album che devo recuperare al più presto.


Veramente bello se ti piace il genere. Forse la voce femminile un po' troppo sopra le righe, ma l'impasto sotto è fantastico
  • 0
Adescatore equino dal 2005

#10 Garp in Mono

Garp in Mono

    Keine gegenstände aus dem fenster werfen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23737 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2020 - 09:42

Kelly Jones - Only the Names Have Been Changed (2007)
Circa 40 minuti solo chitarra e voce per il leader dei 'Phonics. Apprezzabile sì. 
 
Traffic Sound - Traffic Sound (1970)
Los York's - 68 (1968)
La psichedelia peruviana e latino america in generale.
 
Mystic Braves - Days of Yesteryear (2015)
Uno degli apici di un certo fare neo pop psichedelia
 
Theaudience - Theaudience (1998)
Discreto esordio britpopper per la splendida Sophie Ellis Bextor
 
Andy Bell - The View From Halfway Down (2020)
Speravo e pensavo meglio anche se due tre apici li ha pescati il buon Andy.
 
Travis - 10 Songs (2020)
Gradito ritorno a certe sonorità per Healy e soci. 
 
Mansun - Legacy: The Best of Mansun (2006)
Zona summa del britpop o giù di lì.
 
Denise Johnson - Where Does It Go (2020)
LA voce di Screamadelica e tante alle produzioni manchesteriane alle prese col disco postumo solista. Magnifica lei, magico il disco.
 
The Hives - Live at Third Man Records (2020)
Solita garanzia dal vivo anche se gli anni passano anche per loro.

  • 1
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
 

 


#11 Eugene

Eugene

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4272 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 02 novembre 2020 - 14:57

Due album non anglofoni 'sta settimana:

Gezan - Klue - 2020 - 9.5
Per me già album dell'anno.

Catherine Ribeiro + Alpes - Paix -1972 - 9.5
Capolavoro che non conoscevo, conquistato.
  • 0
Immaginate che abbia messo in firma qualcosa di interessante

#12 Unison

Unison

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1248 Messaggi:

Inviato 05 novembre 2020 - 20:30

Current 93 - Swastikas for Noddy (1988) - 4/5

SALEM - Fires in Heaven (2020) - 2/5

David Sylvian - Gone To Earth (1986) - 4.5/5

Shackleton & Zimpel - Primal Forms (2020) - 3/5

Kimiko Kasai & Herbie Hancock - Butterfly (1979) - 3/5

Cecilia - Adoration (2018) - 3.5/4

Metal Preyers - Metal Preyers (2020) - 4/5

CSI - Linea Gotica (1996) - 4/5

Logic System - Venus (1981) - 3.5/5

Oneohtrix Point Never - Magic Oneohtrix Point Never (2020) - 2.5/5

Eartheater - Phoenix: Flames Are Dew Upon My Skin (2020) - 3.5/4

 

Jessie Ware - What's Your Pleasure? (2020)

Death In June - But What Ends, When the Symbol Shatter? (1992)

Björk - utopia (2017)

Rajie - Heart To Heart (1977)

Rajie - LOVE HEART (1978)

Rajie - Quatre (1979)

Rajie - Le Trottoir D'Apres-Midi  (1980)

Rajie - Acoustic Moon (1981)

Rajie - Relief (1984)

Rajie - Espresso (1985)


  • 0

“Looking forward is only an imagination of your brain.

It’s what you want to imaginate.

I can honestly say what I think now, ‘cause I’m in the time now, is what I can tell you.

So, giving you a story of the future is just an imagination.”





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq