Vai al contenuto


Foto
* - - - - 1 Voti

Bruce Springsteen - Letter To You (Columbia 2020)


  • Please log in to reply
2 replies to this topic

#1 MaxSart

MaxSart

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 3 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 26 ottobre 2020 - 18:44

https://www.ondarock...lettertoyou.htm

 

 

 

L’impressione (purtroppo) è quella di un compendio sfiatato di vecchie canzoni. :facepalm: Ci sono richiami ai suoni limpidi e scintillanti di Born to run. Echi di Darkness on the edge of town. Vecchie canzoni rifatte. Un pochino di questo, un pochino di quello, ma tutto senza la aggressività strumentale, emotiva e vocale di quegli anni e soprattutto senza quella genialità compositiva. Ci sono ritornelli semplici e tanto mestiere. C’è anche qualche scintilla here and there ma è un eco. Non c’è la forza, non c’è il graffio. Non c’è il progetto artistico e l'ispirazione personale che hanno dato il corpo ai migliori momenti del boss.

E se a volte ho avuto la sensazione di una vetta che si intravedeva senza riuscire a raggiungerla è solo perché ho confuso il ricordo con la realtà. E in fondo questa è la trappola che ti prepara, volutamente, il disco.

Random songs:

Letter to you. Melodia piacevolina. L’arrangiamento è il minimo garantito che ci si aspetta dalla Band. Il testo è dimenticabile.

Song for orphans. Uno Springsteen d’annata, Qui Robert Zimmerman riecheggia potente… Si intravedono qua e là sprazzi della grandezza passata.

Ghosts. La migliore forse.

House of a thousand guitars. Buona melodia. Catchy…

If I was the priest. Directly from the past. Una delle migliori (ovviamente)

One minute you’re here. La cito solo perché per me è la più debole. Sicuramente la 

piu noiosa.


  • 1

#2 eugenio_barba

eugenio_barba

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 324 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2020 - 13:40

Letter to you: qualche pezzone (quelli vecchi), qualche pezzo inutile di troppo, c' il boss acustico di Devils&Dust (One Minute you're here), quello rockettaro di BITU o Lucky Town (Burnin' Train), quello dei lunghi poemi epici di provincia di DOTEOT (Janie needs a shooter), quello pop rock più enfatico di The Rising (Rainmaker), ma anche quello dei pezzi radiofonici inutili del post-The Rising. cmq non male, dai, per ora.

Pezzi miglior ad ora per me: Burnin' Train, Janie needs a shooter, if I was the Priest.

Pezzi peggiori: la sequenza: Last man standing, Rainmaker.


  • 1

#3 MaxSart

MaxSart

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 3 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 28 ottobre 2020 - 19:18

Pienamente d’accordo con su Rainmaker. Una enfasi di cui non se ne sente il bisogno se non come velo a coprire la fondamentale mancanza di ispirazione.

Last man standing ha un poco più di senso. (ma poco, poco he! :D

 )
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq