Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Infrared Memory Encouragement Playlist (22/05 - 30/05)


  • Please log in to reply
8 replies to this topic

#1 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10148 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2020 - 09:25

7.6

Pep Llopis - Poiemusia la nau dels argonautes (1987) - (post)minimalismo + elettronica '80 + declamazione di poesie in catalano

7.5

Paul Hardcastle - Rain Forest (1985) - electro/synth funk

Intelligence Dept. - Sleeping City (1984) - minimal synth italiano + sax, presenti nella compila Danza Meccanica

7.4

András Magyari & Brian Coburn - Ecco the Dolphin (1992) - soundtrack 16 bit del gioco per mega drive

7.3

Solar Lodge - Heartbeat of the Roses (1989) - italo ambient/new age 

Giovanotti Mondani Meccanici - Giovanotti Mondani Meccanici (1984) - italo ambient sperimentale

7.2

EarthNet™ - Life Connect® (2019) - vaporwave (un po' utopian virtual un po' mall soft)

7

Alan Shearer (...) - Dark is the Colour (1985) -  library music ottantiana


  • 2

#2 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    Central Reservation

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7469 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2020 - 10:10

ascolti e riascolti vari

 

Threefifty - Collapses [2013] [post rock, classical crossover] 7m.png

Amstrong - Sprinkler [1999] [trip hop, industrial] 8m.png

Creedence Clearwater Revival - Willy And The Poor Boys [1969] [swamp rock] 7m.png

Underwater - This is Not a Film [2001] [trip hop] 7m.png

The Connels - Ring [1993] [jangle pop, pop rock] 6m.png

Tricky - Pre-Millennium Tension [1996] [trip hop] 6m.png

Grandaddy - The Sophtware Slump [2000] [indie rock] 7m.png

Fleetwood Mac - Fleetwood Mac [1975] [pop rock] 8m.png

Genesis - Nursery Cryme [1971] [progressive rock] 9m.png

Pineal Ventana - Breathe As You Might [1997] [noise rock] 7m.png


  • 0

*lastfm*

 

 

Delia, queen of the fairies.was presiding over the feast of plenty,celebrating 3,000 years of peace. In the midst of the celebration Delia felt a pull from the skies.She looked up and saw dark clouds forming on the horizon in every direction. She fell into a trance and left the party
heading for her home on a high hill. At first, the fairies were puzzled. But then they too felt a force drawing them to follow.Delia was alone inside. The storm grew until it was a raging cyclone hovering over the dwelling. One of the older fairies ventured inside the house. There lay Delia on her bed holding a pair of twins in her arms. The older fairy instantly knew that these were not ordinary twins, but magical wizards. The baby wizards were polarized like magnets: one attracting with a magnetic draw., the other repelling and impossible to get near. Avatar, the kind and good wizard. spent much of his boyhood entertaining his mother with beautiful visions. Blackwolf, the mutant wizard would never visit his mother and spent his time torturing small animals.

 


#3 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12745 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 30 maggio 2020 - 10:56

Current 93 – Crooked crosses for the nodding God 45/100
Disco di remix di Swastikas for Noddy (76/100, un po’ un pasticcio, ancora forse incerto nel passare
dall’apocalisse e basta all’apocalisse folk, ma secondo me molto interessante) che non solo è superfluo,
ma peggiora il disco originale, basti pensare a Beausoleil, tolta dalla sua veste euforica e diventata una
noia mortale di pari durata.
 
Dargen D’Amico – Nostalgia istantanea 73/100
Finalmente un suo disco che mi convince, probabilente perché è quello più asciutto, questa veste stile
flusso di coscienza su base immutata funziona ed è molto meno pomposa degli altri dischi pur
allungando a dismisura il minutaggio (sono due pezzi da 10 minuti circa).
 
Fat White Family – Champagne Holocaust 80/100
Si parte a bomba con Auto Neutron, roba acidissima degna di gente Brian Jonestown Massacre e
Warlocks, ma ben presto si vira su un garage rock molto sporco (lo stomp Heaven on heart, molto
crampsiano, Is it raining in your mouth?, Wild american prairie) con un’attitudine white trash (Who shot
Lee Oswald?, Touch the leatehr redux) che non ti aspetteresti da degli sbarbati inglesi. Disco strafigo.
 
Peter Grabriel – So 79/100
Il think tank del pop colto di metà anni 80 (v. Anche Laurie Anderson, Bill Laswell, ecc.) ha i suoni
invecchiati malissimo, specie la componente etnica posticcia, ed in generale ha una patina che smussa e
appesantisce il tutto. Ciononostante, le melodie sono veramente buone, Gabriel ha una voce
estremamente espressiva (Don’t give up con la Bush, dove abbellisce una ballata che altrimenti
puzzerebbe un po’ troppo di melassa) e quindi va bene così.
 
Gazelle Twin – Pastoral 83/100
Non sono un habituè dell’elettronica sperimentale (già il fatto che la chiamo così vi fa capire), ma questo
è un disco in primis particolarissimo, in secundis molto molto interessante, a tratti esaltante. La
copertina – un ambiente naturale con lei - tra l’altro una bella donna in abiti civili - vestita da fantina
con le adidas ed un flauto e macchie di giallo a sporcare il tutto – dice tutto: scintille di caos a ripudiare
la perfezione bucolica, voci sia aeree e potenti sia – più spesso – trattate elettronicamente, un
improbabile mischione in cui ricadono EDM, Cocteau Twins e qualcosa di Diamanda Galas senza la
sovrastruttura religiosa.
 
Lalli – Tempo di vento 75/100
Bel disco solista della voce dei Franti, moderatamente elettrico, molto introspettivo.
 
Liars-WIXIW 64/100
I Liars sono un gruppo che apprezzo molto, ma WIXIW è un po’ il loro KID A e toppano proprio dove
invece i Radiohead ascesero al cielo, accartocciandosi su se stessi attorno ad un buco in cui però non
riescono a scendere veramente. Rimangono un paio di ammirabili esempi di disco paranoica (No.1 against the
rush e Brats), una fedele riproposizione della rivoluzione chitarristica dei My bloody valentine (la title
track) e poco altro.
 
MI AMI – Watersports 80/100
Come fecero I Rapture, i Mi Ami prendono la lezione dei Liquid Liquid e la inzuppano nella nevrastenia,
affogandola però in un turbine noise  che non fa prigionieri. Ottima scoperta.
 
Paper Chase – Someday this could all be yours Vol.I 79/100
John Congleton oltre che essere frontman dei Paper Chase è stato produttore di tante band, tra cui i
Modest Mouse. In questo passo di addio, evidentemente non voluto come dimostra la dicitura Vol.I, i
Paper Chase sembrano proprio una versione ancora più estremizzata e sardonica degli spigoli dei
Modest Mouse, con testi biblici e apocalittici esagerati così come esagerati sono i titoli e il bordone del
loro indie, sovraccarico ma satirico, pomposo (il ritornello improvvisamente arioso di The rape, il vortice
rumoroso di The tornado, l’andirivieni di What should we do with your bodies). Le ultime parole di We
have ways to make you talk si chiudono con un lampo di luce, con le urla “someday it could be yours”,
ma più che una promessa pare una minaccia.
 
Prince – Lovesexy 80/100
Mentre proprio in questi giorni Minneapolis brucia di rabbia e vendetta contro i soprusi, allora bruciava
di speranza e funk e sesso. Sempre parafrasandolo, sign ‘o the times...
 
Kanye West – My beautiful dark twisted fantasy 85/100
Sembra tutto troppo al suo posto, ma bando alle ciance, un’ora e dieci senza momenti morti, anzi, con
diversi momenti trascinanti (il mio personale è il rappato di Nicky Minaj che pare prenderti a morsi dopo
averti intrappolato voi sapete dove), in bilico tra fashion e impegno politico (vedi finale con ripresa di Gil
Scott Heron), con una marea di primedonne (Rihanna, Bon Iver, Jay Z, Kid Cudi, Elton John, Alicia Keys ed
altri) che incredibilmente si mettono al suo servizio. Crea qualcosa di grosso e potente, quello che 30/40
anni prima faceva il rock
 
Weyes Blood – Front row seat to earth 78/100
Natalie Mering, reincarnazione della Romina Power lolita e perciò talmente bella da uccidere, è
l’ennesimo esempio di cantautorato femminile del nuovo millennio, canzoni impalpabili ma spumose,
Tori Amos ma analogica, tradizionale ma cresciuta con l’indie in cameretta. Mi ricorda Julia Holter, ma
senza il conservatorio, pur non mancando complessità e ricercatezze negli arrangiamenti. Qualche
momento di stasi, ma soprattutto iniezioni di estasi, su tutte la meravigliosa Seven words. A presto,
tesoro.

  • 3
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#4 suche

suche

    Strunz

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22972 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2020 - 11:58

Spoiler


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic


#5 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12745 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 30 maggio 2020 - 12:32

Non mi faccio dire cosa ascoltare e non accetto consigli, l'utero è mio e me lo gestisco io
  • 1
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#6 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1562 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 30 maggio 2020 - 15:22

6.8

Alan Shearer (...) - Dark is the Colour (1985) -  library music ottantiana

 

7.5 per queste due

 

 

 

la seconda poi ripresa anche da OPN
 


  • 2

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#7 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10148 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2020 - 15:43

la prima è molto bella si. OPN dove avrebbe ripreso l'altra?

gli do 7 dai, alcuni pezzi mi avevano annoiato un po' (del resto i miei voti sono sempre più bassi della media. quando sentirò un disco da 10 darò 10)


  • 0

#8 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7600 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 maggio 2020 - 19:08

OLD
Fishbone - Fishbone [1985] 4
Funk e ska posticcio e irritante. Eppure Sunless Saturday (che conoscevo) mi piace assai.

Tindersticks - Curtains [1997] 8
Più simile ai loro ultimi lavori che ai primo due (i migliori). Tanta classe comunque, e una manciata di pezzi strepitosi (Another Night In su tutti).

Fishmans - Long Season [1996] 10
Un sogno lungo poco più di 30 minuti.


2019/2020
Max Bloom - Perfume [2020] 8
Indie pop in odore di Felt. Bello bello.

Strokes - The New Abnormal [2020] 7.5
Disco fresco e ispirato. The Adults are talking è già uno dei loro classici.

Paul Roland - 1313 Mocking Bird Lane [2019] 7
Indie rock e tocchi di psichedelia. Un po' anacronistico, ma ascolto gradevole.

Fiona Apple - Fetch the Bolt Cutters [2020] 9
Capolavoro. E non è nemmeno il suo migliore.

Wire - Mind Hive [2020] 6
Sufficienza di stima.


Spinettiadi
Invisible - El jardín de los presentes [1976] 10
Luis Alberto Spinetta - Kamikaze [1982] 8.5
Spinetta Jade - Alma de diamante [1980] 8
Pescado Rabioso - Artaud [1973] 9
  • 2
Immagine inserita

#9 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23590 Messaggi:

Inviato 31 maggio 2020 - 14:40

7.6

Pep Llopis - Poiemusia la nau dels argonautes (1987) - (post)minimalismo + elettronica '80 + declamazione di poesie in catalano

 

 

Che gioiellino questo, fortuna che l'hanno ristampato e ho potuto scoprirlo un paio d'anni fa. Certo c'è molto dell'Einstein di Glass, e forse anche per quello mi fa ballare il cervello.


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq