Vai al contenuto


Foto
- - - - -

The Strokes - The New Abnormal (Rca, 2020)


  • Please log in to reply
22 replies to this topic

#1 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7644 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 aprile 2020 - 11:02

É ora di aprirci il thread. È piaciuto a più di un forumista (garp, inci, markmus, araki).

Che meraviglia tornare a sentirli così.

Sì, un po' fuori tempo massimo e senza il tiro degli esordi.

Ma un pezzo così è già pezzo dell'anno


  • 9
Immagine inserita

#2 William Wilson

William Wilson

    Doppelgänger

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1184 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 aprile 2020 - 13:11

Il pezzo migliore senza dubbio. Lo suonano dal vivo già da un anno, in una versione per forza di cose meno "sofisticata", che rende anche di più secondo me.https://youtu.be/akANAiFN_7U
  • 0

#3 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6547 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 12 aprile 2020 - 18:06

Hai scelto la migliore insieme a Endless Summer. Il disco non è perfetto eh, ma hai ragione fa un gran piacere ritrovarli così. Recensione on its way. 


  • 1

#4 servant

servant

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 440 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2020 - 01:41

Appena finito di ascoltare, davvero ottimo! Grazie a Good Vibrations per aver aperto il topic e avermi fatto così scoprire The Adults Are Talking, canzone dell'anno anche per me. Mi sembra che con questo album abbiano raggiunto un certo tipo di sound solido, maturo e consapevole, pesando benissimo i synth e l'elettronica senza snaturare il loro sound sempre comunque presente alla base dei pezzi (scopro ora essere stato prodotto da Rick Rubin (!)).
Le canzoni sono molto corpose e mai inutilmente sbrodolose. Aggiungo a The Adults Are Talking e Endless Summer già menzionati come pezzi migliori anche At The Door e la conclusiva Ode To The Mets (dedicata ai NY Mets di cui Casablancas è fan). Complessivamente ho apprezzato tutti i pezzi, peccato per Brooklyn Bridge To Chorus che avrei voluto essere sviluppata in maniera diversa visto il potenziale.

 

Promosso, è dalle parti dell'8 nella mia pagella volendogli dare una valutazione numerica. Ho riascoltato per l'occasione Is This It e nonostante sia difficile comparare i due direi che come livello generale siamo da quelle parti.
E la voce di Casablancas a momenti fa innamorare, non so se sono l'unico...

Drums please, Fab


  • 0

#5 Central Perk

Central Perk

    Il fu Chanandler Bong

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 847 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 13 aprile 2020 - 12:08

The Adults Are Talking è il pezzo degli Strokes che aspettavo da 10 anni. Erano anni che non riuscivano a bilanciare tutto così bene e quando lo fanno non puoi non volergli un bene dell'anima.


  • 1

#6 Garpilandia

Garpilandia

    Keine gegenstände aus dem fenster werfen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23458 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2020 - 14:43

Adoro la spensieratezza di Selfless. Pezzo primavera 2020.
  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
 

 


#7 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22116 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2020 - 14:49

avete notato che (per 5 secondi) Eternal Summer = The Ghost in You asd


  • 1

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#8 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6547 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 13 aprile 2020 - 14:50

Rece, cresta dell'onda rock: https://www.ondarock...newabnormal.htm
  • 1

#9 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7644 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 13 aprile 2020 - 17:33

avete notato che (per 5 secondi) Eternal Summer = The Ghost in You asd


Io odo echi di Anastacia (asd) in Ode to the Mets
  • 1
Immagine inserita

#10 Araki

Araki

    Utente Tracotante

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8080 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2020 - 20:29

avete notato che (per 5 secondi) Eternal Summer = The Ghost in You asd

 

Se ne sono accorti anche loro, non a caso Tim e Richard Butler risultano tra gli autori del pezzo. Stesso discorso per Bad Decisions e Dancing With Myself, che vede Billy Idol e Tony James nei credits.


  • 0
Just when they think they've got the answers, I change the questions.

#11 Lota

Lota

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 249 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 06:26

Se avessi dovuto scommettere su un gruppo della scena di Nyc dei primi anni 2000, avrei pensato che Tv On The Radio o Interpol potessero durare nel tempo, invece nel 2020 ci sono ancora gli Strokes. La loro fortuna consiste nel non avere la necessità (anche e soprattutto economica) di dover per forza fare uscire un disco ogni tot anni? O sono ancora qua perché non hanno mai avuto troppe pretese e hanno semplicemente continuato a fare ciò che gli viene meglio?


  • 0

#12 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6547 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 25 aprile 2020 - 08:05

Se avessi dovuto scommettere su un gruppo della scena di Nyc dei primi anni 2000, avrei pensato che Tv On The Radio o Interpol potessero durare nel tempo, invece nel 2020 ci sono ancora gli Strokes. La loro fortuna consiste nel non avere la necessità (anche e soprattutto economica) di dover per forza fare uscire un disco ogni tot anni? O sono ancora qua perché non hanno mai avuto troppe pretese e hanno semplicemente continuato a fare ciò che gli viene meglio?

 

Però gli Interpol sono durati eh, mostrando peraltro molta più continuità degli Strokes. Anche i Tv On The Radio proprio una parabola corta non sono stati, al netto di un'evoluzione sintetica e della perdita progressiva di mordente. 


  • 0

#13 Lota

Lota

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 249 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 09:16

 

Se avessi dovuto scommettere su un gruppo della scena di Nyc dei primi anni 2000, avrei pensato che Tv On The Radio o Interpol potessero durare nel tempo, invece nel 2020 ci sono ancora gli Strokes. La loro fortuna consiste nel non avere la necessità (anche e soprattutto economica) di dover per forza fare uscire un disco ogni tot anni? O sono ancora qua perché non hanno mai avuto troppe pretese e hanno semplicemente continuato a fare ciò che gli viene meglio?

 

Però gli Interpol sono durati eh, mostrando peraltro molta più continuità degli Strokes. Anche i Tv On The Radio proprio una parabola corta non sono stati, al netto di un'evoluzione sintetica e della perdita progressiva di mordente. 

 

 

Gli Strokes sono riusciti a durare quasi 20 anni, nonostante in pochi credevano che avrebbero continuato dopo First Impressions Of Earth del 2006. Eppure nel 2020 ce li ritroviamo ancora qua, nonostante non siano stati il classico gruppo che ha macinato concerti su concerti e che ha avuto chissà quale particolare rapporto con i propri fan, oltre a non essere mai sembrati veramente uniti. Mi chiedo cosa abbia spinto ogni volta i discografici a credere in loro, soprattutto dal 2010 in avanti. Hanno una fan base talmente grande da potersi permettere di suonare dal vivo poco e (spesso) male e pubblicare dischi in cui loro per primi sembrano non crederci nemmeno? Della fortunata scena newyorkese della decade 2001-2011 erano quelli tecnicamente più scrausi, ma la loro immagine è riuscita ad andare oltre a palesi mancanze (anche se i riff e i ritornelli catchy non sono mai mancati, questo gli va riconosciuto).

Secondo te a cosa è dovuto il loro successo (sempre che si possa definirlo tale oggi) dopo tutti questi anni?


  • 0

#14 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6547 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 25 aprile 2020 - 09:21

 

 

Se avessi dovuto scommettere su un gruppo della scena di Nyc dei primi anni 2000, avrei pensato che Tv On The Radio o Interpol potessero durare nel tempo, invece nel 2020 ci sono ancora gli Strokes. La loro fortuna consiste nel non avere la necessità (anche e soprattutto economica) di dover per forza fare uscire un disco ogni tot anni? O sono ancora qua perché non hanno mai avuto troppe pretese e hanno semplicemente continuato a fare ciò che gli viene meglio?

 

Però gli Interpol sono durati eh, mostrando peraltro molta più continuità degli Strokes. Anche i Tv On The Radio proprio una parabola corta non sono stati, al netto di un'evoluzione sintetica e della perdita progressiva di mordente. 

 

 

Gli Strokes sono riusciti a durare quasi 20 anni, nonostante in pochi credevano che avrebbero continuato dopo First Impressions Of Earth del 2006. Eppure nel 2020 ce li ritroviamo ancora qua, nonostante non siano stati il classico gruppo che ha macinato concerti su concerti e che ha avuto chissà quale particolare rapporto con i propri fan, oltre a non essere mai sembrati veramente uniti. Mi chiedo cosa abbia spinto ogni volta i discografici a credere in loro, soprattutto dal 2010 in avanti. Hanno una fan base talmente grande da potersi permettere di suonare dal vivo poco e (spesso) male e pubblicare dischi in cui loro per primi sembrano non crederci nemmeno? Della fortunata scena newyorkese della decade 2001-2011 erano quelli tecnicamente più scrausi, ma la loro immagine è riuscita ad andare oltre a palesi mancanze (anche se i riff e i ritornelli catchy non sono mai mancati, questo gli va riconosciuto).

Secondo te a cosa è dovuto il loro successo (sempre che si possa definirlo tale oggi) dopo tutti questi anni?

 

 

Semplicemente perchè, magari anche solo grazie a quel primo disco, sono entrati nell'immaginario collettivo. Io stesso li rinnego da anni, ma poi ogni loro nuova uscita me la vado ad ascoltare. Ormai ci avevo perso le speranze, ma proprio a causa di questo affetto atavico, perché sono una delle poche band game changing vissute più o meno in diretta, che sono finito ad ascoltare anche questo ultimo e con somma sorpresa apprezzarlo. 

 

Ma ho una domanda più interessante e sincera. Perché ti chiami Lota? Da napoletano è stranissimo parlare con qualcuno che ha scelto come nickname Lota. 


  • 1

#15 Lota

Lota

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 249 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 10:39

 

 

 

Se avessi dovuto scommettere su un gruppo della scena di Nyc dei primi anni 2000, avrei pensato che Tv On The Radio o Interpol potessero durare nel tempo, invece nel 2020 ci sono ancora gli Strokes. La loro fortuna consiste nel non avere la necessità (anche e soprattutto economica) di dover per forza fare uscire un disco ogni tot anni? O sono ancora qua perché non hanno mai avuto troppe pretese e hanno semplicemente continuato a fare ciò che gli viene meglio?

 

Però gli Interpol sono durati eh, mostrando peraltro molta più continuità degli Strokes. Anche i Tv On The Radio proprio una parabola corta non sono stati, al netto di un'evoluzione sintetica e della perdita progressiva di mordente. 

 

 

Gli Strokes sono riusciti a durare quasi 20 anni, nonostante in pochi credevano che avrebbero continuato dopo First Impressions Of Earth del 2006. Eppure nel 2020 ce li ritroviamo ancora qua, nonostante non siano stati il classico gruppo che ha macinato concerti su concerti e che ha avuto chissà quale particolare rapporto con i propri fan, oltre a non essere mai sembrati veramente uniti. Mi chiedo cosa abbia spinto ogni volta i discografici a credere in loro, soprattutto dal 2010 in avanti. Hanno una fan base talmente grande da potersi permettere di suonare dal vivo poco e (spesso) male e pubblicare dischi in cui loro per primi sembrano non crederci nemmeno? Della fortunata scena newyorkese della decade 2001-2011 erano quelli tecnicamente più scrausi, ma la loro immagine è riuscita ad andare oltre a palesi mancanze (anche se i riff e i ritornelli catchy non sono mai mancati, questo gli va riconosciuto).

Secondo te a cosa è dovuto il loro successo (sempre che si possa definirlo tale oggi) dopo tutti questi anni?

 

 

Semplicemente perchè, magari anche solo grazie a quel primo disco, sono entrati nell'immaginario collettivo. Io stesso li rinnego da anni, ma poi ogni loro nuova uscita me la vado ad ascoltare. Ormai ci avevo perso le speranze, ma proprio a causa di questo affetto atavico, perché sono una delle poche band game changing vissute più o meno in diretta, che sono finito ad ascoltare anche questo ultimo e con somma sorpresa apprezzarlo. 

 

Ma ho una domanda più interessante e sincera. Perché ti chiami Lota? Da napoletano è stranissimo parlare con qualcuno che ha scelto come nickname Lota. 

 

 

Il nick doveva essere Loto ma per qualche strano motivo è uscita un A al posto della O e me ne sono accorto a cose fatte (avrei voluto cambiarlo, ma non ricordo la password).


  • 0

#16 TommasoB

TommasoB

    Groupie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 208 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 11:04

Non sono molto d’accordo sul fatto che fossero tecnicamente scrausi. Più che altro erano per scelta “geometrici”: la batteria dritta e le chitarre seguono fedelmente ricamando melodie semplici e appiccicose. Sul fatto che il loro culto continui ancora, direi che possono vantare su un primo disco capolavoro totale (ed è già tanto), fuori da ogni moda perché essenzialmente è rock n roll, più una manciata di singoloni tipo Reptilia che l’80% delle band non indovinerà mai. Ogni ragazzo e ragazza affascinato da quel mondo “alternativo” a 15-16 anni finisce per forza con imbattersi con gli Strokes (ultimamente passando per gli AM, magari) e quindi si affeziona irrimediabilmente a loro. In più mettici il fatto che fanno 10 concerti l’anno e quindi non riesci mai a vederli, ed ecco spiegato il culto che continua ancora oggi nonostante 3-4 dischi sottotono


  • 2

#17 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8092 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 11:27

Casablancas ha anche un talento melodico fuori dal comune che pochi da quella generazione hanno, sono parecchie le loro canzoni che suonano bene solo chitarra e voce.

Comunque Virtue dei Voidz di un paio d’anni fa riascoltatevelo che è bellissimo.
  • 0

#18 Central Perk

Central Perk

    Il fu Chanandler Bong

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 847 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 25 aprile 2020 - 12:36

Come scritto nella recensione, che condivido in pieno, per una volta sembra che avessero veramente voglia di essere e fare gli strokes, senza inventarsi minestroni di tutte le loro esperienze soliste (e ce ne sono di interessanti eh, quella d i Julian in primis) messe insieme per trovare un senso per combattere la noia del ritrovarsi a tavolino. Anche il fatto di aver fatto quelle videochat promozionali tutti tranquilli e cazzeggianti mi fa pensare a un clima proprio diverso e guarda caso un bel po' di qualità è tornata a fare capolino. E la gente sta dimostrando di volergli ancora bene quando non fanno le cose per noia/dovere. Io per primo.


  • 0

#19 Lota

Lota

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 249 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2020 - 12:55

Non sono molto d’accordo sul fatto che fossero tecnicamente scrausi. Più che altro erano per scelta “geometrici”: la batteria dritta e le chitarre seguono fedelmente ricamando melodie semplici e appiccicose. Sul fatto che io loro culto continui ancora, direi che possono vantare su un primo disco capolavoro totale (ed è già tanto), fuori da ogni moda perché essenzialmente è rock n roll, più una manciata di singoloni tipo Reptilia che l’80% delle band non indovinerà mai. Ogni ragazzo e ragazza affascinato da quel mondo “alternativo” a 15-16 finisce per forza con imbattersi con gli Strokes (ultimamente passando per gli AM, magari) e quindi si affeziona irrimediabilmente a loro. In più mettici il fatto che fanno 10 concerti l’anno e quindi non riesci mai a vederli, ed ecco spiegato il culto che continua ancora oggi nonostante 3-4 dischi sottotono

 

Non considerò la semplicità un difetto, perché non è affatto semplice comporre melodie semplici in grado di rimanere impresse e definire il suono di un gruppo, come è stato anche nel caso degli Strokes. Per scrausi non intendo incapaci, ma dotati in maniera minore rispetto ad alcuni dei musicisti degli Interpol e Yeah Yeah Yeahs (per citare i gruppi più vicini al loro), ritengo Fogarino-Kessler e Zinner-Chase superiori a Moretti e Hammond Jr., le loro carriere hanno però dimostrato che non sempre (per non dire raramente) chi è più capace ottiene anche più successo. Gli Strokes hanno sempre avuto un'immagine che piaceva di più (nonostante gli Interpol sebbene diversi, non fossero da meno), ma chi era affascinato da quel mondo alternativo a 16 anni oggi ne ha quasi 40 ed è lecito pensare che ascolti altro, mentre chi ha quell'età oggi più che affascinato da loro lo è da artisti trap e più in generale rap (non escludo che parte della loro fan base sia composta anche da nostalgici che sono cresciuti con loro). Semplice considerazione a quasi 20 anni dal loro debutto.


  • 0

#20 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8092 Messaggi:

Inviato 02 maggio 2020 - 22:15


  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq