Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Cinema Di Genere Italiano 1958 - 1985


  • Please log in to reply
8 replies to this topic

#1 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2019 - 20:02

Volevo aprire questo thread contenitore sul cinema di genere italiano. Ho messo come data di inizio il 1958 perchè se ricordo bene è l'anno in cui iniziarono a produrre in serie i peplum, poi da li gli spaghetti western, un po' di film sulla falsariga dei film di James Bond, i thriller e infine il poliziottesco.
Nel mezzo pure qualche film d'avventura, l'horror più o meno sempre presente durante tutto il periodo anche se con meno titoli, qualche film di guerra sempre di scarso successo, cannibal movie etc

Lascerei fuori commedie, decamerotici e affini.

Per iniziare volevo segnalare un documentario ben fatto sul poliziottesco, ovvero Eurocrime! The Italian Cop and Gangster Films That Ruled the '70s.
Parte con una breve storia del cinema di genere in Italia per capirne le dinamiche e analizza in maniera abbastanza equilibrata vari aspetti della produzione di questi film, per una volta evitando di scadere nell'agiografia pure e semplice (che bei tempi, che bei film, quanti capolavori invece adesso è tutto Muccino etc)

 

https://nandar.vhx.t...imedistribution

Non conoscevo sto sito, non so quanto lo terranno online ma io un'occhiata gliela darei.


  • 5

#2 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13207 Messaggi:

Inviato 16 febbraio 2019 - 08:17

un po' di film sulla falsariga dei film di James Bond

 

Il concetto "un po' di film" e' sempre relativo quando si parla di cinema di genere. Soprattutto italiano, soprattutto di quegli anni.

 

Spoiler

:P

 

Notare come si passasse dal produrre un tipo di film a badilate a non produrne quasi piu' mezzo nel giro di un niente.

 

In effetti genere minore nel nostro cinema, che nonostante l'abbondanza non pare abbia dato un solo titolo da tenere a mente. Probabilmente perche' imitando i film di James Bond veniva meno la caratteristica tipica del nostro cinema che era di rendere in chiave exploitation i vari generi, ma gli 007 con Connery per l'epoca erano gia' al limite in quanto a eccessi visivi, violenza ed allusioni sessuali, per cui le imitazioni italiane erano paradossalmente spesso piu' censurate degli originali.

 

Pero' Kiss Kiss Bang Bang di Duccio Tessari con Giuliano Gemma, fratello gemello dei due Ringo (il cast e' sempre quello) e' un mio piccolo cult. Parodia pop (che era forse l'unica carta che si poteva giocare per distinguersi) dei film di 007 girato come un film dei Beatles di Richard Lester...

 


  • 5

#3 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6670 Messaggi:

Inviato 16 febbraio 2019 - 10:05

Parto subito fuori dal coro, segnalando un heist movie (genere non frequentatissimo dai registi italiani di quel periodo) di Montaldo, anche questo mio cult personale. Recupero due righe che ho buttato giù tempo addietro.
 
Ad ogni costo (Giuliano Montaldo, 1967)

 

8032134034479.jpg
 
Grandissimo - ed inspiegabilmente dimenticato - heist movie, magistralmente diretto da Montaldo (uno che dietro la macchina da presa ci sapeva stare), con un cast stellare (Janet Leigh, Edward G. Robinson, Klaus Kinski, Adolfo Celi, RIccardo Cucciolla...), variegato il giusto, e una solidissima sceneggiatura che, pur rifacendosi al classico canovaccio del genere (alla Ocean's Eleven, per intenderci) è assolutamente ben oliata e permeata di una certa freschezza.
Eccellente l'ambientazione brasiliana, che dà al film quel sapore un po' esotico alla 007. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per divertirsi un bel po', compreso un ottimo (e non banale) finale.
Tra gli extra del dvd c'è una bella intervista a Giuliano Montaldo, che racconta alcuni gustosi aneddoti. Su tutti, manco a dirlo, la spunta quello a proposto di Kinski il quale, prima propose ad un operatore di giocare a "flic e floc" e quindi, quando questi accettò, gli spezzò letteralmente il dito.


  • 5

#4 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 16 febbraio 2019 - 18:50

 

un po' di film sulla falsariga dei film di James Bond

 

Il concetto "un po' di film" e' sempre relativo quando si parla di cinema di genere. Soprattutto italiano, soprattutto di quegli anni.

 

Spoiler

:P

 

Notare come si passasse dal produrre un tipo di film a badilate a non produrne quasi piu' mezzo nel giro di un niente.

 

In effetti genere minore nel nostro cinema, che nonostante l'abbondanza non pare abbia dato un solo titolo da tenere a mente. Probabilmente perche' imitando i film di James Bond veniva meno la caratteristica tipica del nostro cinema che era di rendere in chiave exploitation i vari generi, ma gli 007 con Connery per l'epoca erano gia' al limite in quanto a eccessi visivi, violenza ed allusioni sessuali, per cui le imitazioni italiane erano paradossalmente spesso piu' censurate degli originali.

 

Pero' Kiss Kiss Bang Bang di Duccio Tessari con Giuliano Gemma, fratello gemello dei due Ringo (il cast e' sempre quello) e' un mio piccolo cult. Parodia pop (che era forse l'unica carta che si poteva giocare per distinguersi) dei film di 007 girato come un film dei Beatles di Richard Lester...

 

 

 

Si sapevo che erano circa 200, mi ricordo che fino a poco tempo fa erano in gran parte introvabili, ma non avendone mai sentito parlare bene non mi sono mai avventurato nel genere. Pure il peplum l'ho evitato in toto eccetto quello girato da Bava, che comunque mi ha annoiato, nonostante visivamente come tutti i film di Bava avesse i suoi momenti.

Ad ogni costo non l'ho mai visto, magari vedo di recuperarlo, il cast promette bene, non credo di aver mai visto un film di Montaldo
 


  • 0

#5 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2019 - 16:21

Mai stato un cultore dei film "so bad is good", di solito se è brutto mi annoio e basta però devo fare un eccezione per Delirio Caldo di Renato Polselli, regista dalle grandi ambizioni ma mezzi a dir poco modesti.

 

Esistono due versioni, io vidi quella italiana che dura una decina di minuti in più.
Si parte con una scena pure riuscita di una certa violenza e sadismo, da li in poi nessun'altra scena ha la minima logica o credibilità.
Dallo psichiatra che prevede il luogo e l'ora del prossimo delitto tramite conferenza metereo-psichica a Tano CImarosa che spunta fuori sempre al momento sbagliato senza sapere il motivo, al protagonista Mickey Hargitay che farebbe sembrare Henry Silva un novello Volontè etcetc
Smisi di vederlo dopo circa 30 minuti per eccesso di stupidità, ma poi il giorno dopo la stupidità era così incredibile da spingermi a continuare. Ricordo una scena finale (o quasi finale) completamente delirante e ricordo che su imdb c'era pure uno che lo chiamava capolavoro in quanto uno dei thriller italici più violenti mai fatti  asd 

Qualcuno ha avuto il coraggio/(s)fortuna di vederlo?


  • 0

#6 Sandor

Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3798 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 21 marzo 2019 - 13:48

Ho visto "Danza Macabra" di Anthony M. Dowson,pseudomino di Antonio Margheriti,del 1964 con la solita Barbara Steele e Georger Riviere.

Per me siamo sul livello della" Maschera del demonio",un bianco e nero stupendo,primi piani notevoli dove giganteggia la Steele super sensuale e musica perfetta.

Ci sono fantasmi che rivivono gli ultimi violenti istanti di vita e hanno bisogno del sangue dei vivi ,c'è una storia lesbo ,c'è pure 

Edgar Allan Poe .

Di Margheriti ho visto soltanto "Apocalypse domani",bello pure quello, ma di sicuro mi voglio recuperare altro,consigli?


  • 0

#7 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13207 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2019 - 14:01

"Contronatura", "La vergine di Norimberga" e "I lunghi capelli della morte" per il gotico.

Mentre "E Dio disse a Caino" e' uno dei capolavori dello spaghetti western (e alla fine e' un film gotico pure questo).


  • 2

#8 Eugene's Axe

Eugene's Axe

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3333 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2019 - 06:13

Dei film che avete nominato ne avrò visto solo uno asd .
Ricordo che da bambino su Italia 7 davano gli Zorro e gli 007 all'italiana e li guardavo ashd .
  • 0
Arcinemico della parola CRINGE

#9 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2019 - 17:21

Ho visto "Danza Macabra" di Anthony M. Dowson,pseudomino di Antonio Margheriti,del 1964 con la solita Barbara Steele e Georger Riviere.

Per me siamo sul livello della" Maschera del demonio",un bianco e nero stupendo,primi piani notevoli dove giganteggia la Steele super sensuale e musica perfetta.

Ci sono fantasmi che rivivono gli ultimi violenti istanti di vita e hanno bisogno del sangue dei vivi ,c'è una storia lesbo ,c'è pure 

Edgar Allan Poe .

Di Margheriti ho visto soltanto "Apocalypse domani",bello pure quello, ma di sicuro mi voglio recuperare altro,consigli?

 

Come bello Apocalypse Domani??  asd  asd

Per Saxon il suo film più brutto, io me lo ricordo abbastanza sgangherato, budget sotto zero come al solito per Margheriti, con la seconda parte veramente da c-movie. 
Danza Macabra invece non me lo ricordo per niente, ma ricordo che mi piacque.

La maschera del demonio (e dopo aver detto questo verrò perseguitato in eterno dal frusciante e i suoi adepti) mi fece praticamente addormentare, fotografia bellissima ma non succede niente per tutto il film, rientra in quella tipologia di film di Bava "tutta atmosfera" che io purtroppo, complice anche i 60 anni della pellicola, non riesco ad apprezzare. Un altro che metterei nel filone è la frusta e il corpo, anche li fotografia bellissima ma dopo una trentina di minuti mi cala la palpebra...


Ritornando a Margheriti anche a me piacque il suo western con Kinski, molto semplice ma efficace e si pure un po' gotico.

  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq