Vai al contenuto


Foto
- - - - -

In Quale Lingua Leggete?


  • Please log in to reply
63 replies to this topic

#1 Forretress

Forretress

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1251 Messaggi:

Inviato 16 April 2017 - 11:10 AM

Io in inglese non ci riesco proprio, decisamente troppo impegnativo. Qua intendo romanzi, invece in generale non ho problemi con le poesie. 

 

dunque tutto quello che é stato scritto in inglese, francese e tedesco, oppure spagnolo e altre derivazione latine, di norma lo leggo in lingua italiana. 

 


  • 0

#2 William Wilson

William Wilson

    Doppelgänger

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1139 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 April 2017 - 16:47 PM

Mi capita ogni tanto di leggere in English, anche American E., saggi e articoli.
In francese prima leggevo di tutto, romanzi poesie saggi, ora soprattutto articoli.
  • 0

#3 piersa

piersa

    DOMERATORE

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18020 Messaggi:
  • LocationStatuto - Lucifero

Inviato 16 April 2017 - 16:54 PM

Scusa ma topic del cazzo.
Fai direttamente 3d "CV" invece di una singola sezione "Lingue conosciute".
  • 0

#4 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10961 Messaggi:

Inviato 16 April 2017 - 19:34 PM

Piersa, vorrei leggere la bio di Choderlos De Laclos di Bertaud ma è troppo lungo da leggere in francese. Me lo traduci?
  • 0
Clearly money has something to do with life

#5 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21548 Messaggi:

Inviato 16 April 2017 - 19:53 PM

I libri francesi mi piace leggerli in tedesco; i russi rendono bene in francese; i sudamericani sono spesso migliorati da una buona traduzione ungherese.


Muk: come mai italiano e non nella tua lingua madre?
  • 5

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#6 Reynard

Reynard

    Trulland Empire

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8759 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 16 April 2017 - 20:02 PM

I libri francesi mi piace leggerli in tedesco.
 

Il primo libro che ho letto in tedesco è stato "Il piccolo principe" ashd

 

(e sorvoliamo sul perché abbia letto "Il piccolo principe", fra l'altro in non tenera età. Diciamo che era un regalo e lasciamola lì).


  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#7 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15828 Messaggi:

Inviato 16 April 2017 - 20:11 PM

Non ho mai avuto il coraggio di mettermi seriamente a leggere un romanzo in inglese (l'unica lingua che conosco). Articoli, pure tecnici, e fumetti nessun problema.

 

Prima o poi mi studierò il francese per comprarmi l'opera omnia di Franquìn.


  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#8 Gonzalo Pirobutirro

Gonzalo Pirobutirro

    La disallegria di una canoa

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 858 Messaggi:
  • LocationMaledetta Toscana

Inviato 16 April 2017 - 20:25 PM

Inglese e francese quando capita, iddio benedica le mie prof del liceo linguistico.
Il tedesco mi piacerebbe riprenderlo, ad averci un po' più di tempo.
  • 0

#9 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3543 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 16 April 2017 - 21:14 PM

Io i libri scritti in lingua inglese oramai li leggo esclusivamente in lingua originale (saggi divulgativi, racconti e romanzi: niente di particolarmente complesso o tecnico).

 

E' una capacità, di cui sono molto soddisfatto, che ho sviluppato qualche anno fa dopo aver preso un tablet: con gli ebook basta un clic per avere la traduzione istantanea di un vocabolo che non si conosce e tutto è più semplice : )

 

Il primo libro con cui mi sono cimentato sono state le opere complete di Lovecraft e leggendole mi sono reso conto che quello che mi ha sempre tenuto alla larga dai libri in inglese era di fatto un blocco mentale, perché in fin dei conti la lingua scritta la capisco bene e l'ho sempre letta tranquillamente in rete su base quotidiana.

 

Ora vorrei tentare con qualcosa di un po' più sofisticato, tipo Virginia Woolf o Faulkner.

 

Il sogno: imparare il tedesco (mai studiato in vita mia) per leggere Kafka in lingua originale.


  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#10 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18230 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 17 April 2017 - 14:16 PM

Leggo in italiano e in inglese interscambiabilmente. In inglese sono un po' più lento, ma me ne rendo conto solo quando il testo è corposo (a finire un romanzo in inglese ci metto in genere un po' di più).
Col francese vado benone su articoli, testi scientifici e fumetti, mentre coi romanzi faccio fatica (il che non significa che di quando in quando non mi ci metta comunque, ma è dura).
Del tedesco ho una comprensione superficiale, sufficiente a capire il grosso di un articolo di giornale ma non di apprezzarne le sfumature o le frasi più complesse.

 

Tendenzialmente comunque leggo in inglese le opere letterarie scritte originalmente in inglese o di cui non ci siano ancora traduzioni italiane. In francese giusto le cose francesi. Tutto il resto in italiano.


  • 0

#11 Gonzalo Pirobutirro

Gonzalo Pirobutirro

    La disallegria di una canoa

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 858 Messaggi:
  • LocationMaledetta Toscana

Inviato 17 April 2017 - 18:33 PM

Il sogno, per me, sarebbe imparare il russo. Sogno bagnatissimo, ormai a ventott'anni che diamine vuoi imparare...


  • 1

#12 ElleFanTin

ElleFanTin

    バセンジー物語 ألف الكلاب

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5135 Messaggi:
  • LocationMaleducazione e Facinorosità

Inviato 17 April 2017 - 19:01 PM

Il sogno, per me, sarebbe imparare il russo. Sogno bagnatissimo, ormai a ventott'anni che diamine vuoi imparare...


Bagnato sarà pure bagnato, vabbè, comunque finita l'infanzia non so quanto ti cambi come capacità di apprendimento, sicuramente c'hai altre contingenze rispetto a quelle di un liceale, ma se sai come si studia una lingua e puoi permettertelo, vai.

Studiare una lingua per leggerla non mi passa per la testa. Leggo nella lingua che trovo se si tratta di romanzi o saggi trovati in italiano e in inglese (in circa 3 casi spagnolo e francese), la poesia per ora in originale se ita/eng/es/fr (ma es/fr evito proprio e non è come leggerle da madrelingua).
Quanto alla battuta di debaser, in effetti un poeta tedesco mi sa che me lo leggerei volentieri tradotto in inglese piuttosto che in italiano, ma gli scambi vagamente sensati si fermerebbero qua.
  • 1

per entrare nell'olimpo assoluto degli esseri umani gli manca solo il coming out, che diventerebbe il momento di svolta definitiva nella storia dell'omosessualità in occidente. ma capisco che non voglia manco far passare in secondo piano tutto quello che fa in campo, per non parlare di quanto renderebbe la vita difficile al figlio (la cui madre non ci è dato conoscere, tra l'altro)


Non c'è nemmeno da far polemica, stanno votando per gli Stato Sociale dei loro tempi


There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

#13 Ronald Regaz

Ronald Regaz

    ritardato mentale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 634 Messaggi:
  • LocationSirolo

Inviato 17 April 2017 - 23:55 PM

articoli scientifici/saggistica: inglese, francese, tedesco (nel mio campo tocca, infatti so leggere meglio quelli d'un articolo di giornale perché conosco argomenti e terminologia), spagnolo

 

romanzi/narrativa: inglese, francese (più spesso del primo)

 

poesia: inglese, francese, col testo a fronte capisco qualcosa anche di tedesco e spagnolo

 

il tutto senza contare lingue antiche e morte, nelle quali per lavoro leggo naturalmente parecchio


  • 1

#14 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 18 April 2017 - 08:08 AM

Articoli scientifici ovviamente in inglese.

 

Romanzi - quelle rare volte che ne leggo - in italiano o francese. Ho provato con Dick e Vonnegut a iniziarmi alla lettura dei romanzi anglofoni in originale, ma per il momento ho dovuto desistere, per uno strano misto tra noia e fatica.

Fun fact: ho letto Cristo si è Fermato a Eboli (solo) in francese. Ecco, l'ho detto. Adesso smerdatemi pure, nun ve temo - e forse me lo merito.   ashd

 

Fumetti in inglese e francese, raramente in italiano.

 

Giornalismo, recensioni, articoli vari e cazzate su internet in inglese, italiano, francese, in quest'ordine.

 

 

Ormai direi che l'inglese, oltre a essere la lingua in cui penso e scribacchio matematica, è diventata la principale lingua in cui subisco l'intrattenimento, in un'accezione ampia che oltre alla narrativa (serie tv, cinema, tv show, fumetto, musica) comprende anche il cazzeggio internettiano. Fa eccezione la narrativa in prosa appunto, perché oh bisogna ammettere i proprio limiti.


  • 2

#15 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3543 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 18 April 2017 - 08:19 AM

il tutto senza contare lingue antiche e morte, nelle quali per lavoro leggo naturalmente parecchio

 

Fico, che lavoro fai?


  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#16 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18230 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 18 April 2017 - 08:43 AM

Ormai direi che l'inglese, oltre a essere la lingua in cui penso e scribacchio matematica,


Per ovvi motivi professionali io matematicheggio in italiano (le rare volte che ho tentato di far leggere qualcosa in inglese mi sono scontrato col fatto che gli studenti sono delle capre malamente ammaestrate), però ammetto che quando mezzo sovrappensiero mi parte qualche train of thought matematico spesso almeno inizialmente è in inglese. Immagino sia perché il grosso di quel che ho letto e quotidianamente leggo in quel campo è proprio in inglese.
Circa ogni giorno poi mi confronto col fatto che ci sono espressioni settoriali che in italiano proprio non esistono o suonano ridicole ("well-behaved" come cazzo si traduce, per dirne una?).


  • 0

#17 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 18 April 2017 - 09:04 AM

Sì infatti, non c'è bisogno di fare ricerca per pensare matematicamente in inglese. Nel momento in cui arrivi al corso di laurea magistrale e le nozioni ti sono presentate direttamente in inglese non torni più indietro. Molte non hanno traduzione perché nessuno ha mai avuto necessità di esprimerle nella sua lingua madre.

 

Però in Francia sono un po' meno permeabili all'inglese. Tanto che quando ho fatto il master 2 francese (corrispondente al secondo anno di magistrale italiana) ho iniziato a pensare, prendere appunti, scrivere in francese. Ho anche scritto la tesi di laurea di quel master in francese infatti.

 

Poi negli anni la cosa è passata. Però ancora quando scribacchio qualcosa su dei fogli o sulla lavagna mi diverto ad alternare le tre lingue, pur partendo dall'inglese di default. Anche perché i miei co-autori (leggasi: i miei amici che risolvono i problemi che da solo non so risolvere ashd ) sono per lo più italiani o francesi. E se nel mezzo di un discorso in italiano o francese devo dire una cosa come "well-behaved", beh, lo dico in inglese e amen.

 

Avevo anche il diritto di scrivere la tesi di dottorato in francese (in Italia si può scrivere in italiano?). Credo per le rocket science sia una stronzata immane. Ma c'è chi lo fa, come tutte le stronzate immani.  asd


  • 0

#18 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10180 Messaggi:

Inviato 18 April 2017 - 10:07 AM

Che manica di secchioni che siete.
Vorrei essere il quarterback di un college americano per bullizzarvi tutti.
 
Io leggo solo in italiano.
Il tedesco, come da regola in Trentino, me l'avevano inculcato da ragazzino, ma come tutti l'ho totalmente rimosso. 
In inglese leggo solo fumetti, ma con i romanzi mi rompo subito i coglioni. Ci sto provando anche ora, ma mi sembra di essere tornato a scuola e la sensazione di star "studiando" (orrore!) mi prende male.
 
Che poi i miei scrittori del cuore sono i russi. Che faccio, imparo il russo solo per leggere dei romanzi?
Ma poi chi se ne frega, mica devo scrivere la Storia della Letteratura o dare voti, quel che mi arriva mi arriva, quel che perdo lo perdo. Va bene anche la traduzione dove Aleksej Karamazov diventa Alioscia e buonanotte.


  • 3

#19 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10961 Messaggi:

Inviato 18 April 2017 - 10:17 AM

Anche a me prende male leggere cose lunghe (> 100 pagine a meno che non siano robe scomponibili: racconti, saggi diversi raccolti) in inglese, soprattutto perché ci impiego molto di più (ho provato con Humboldt's gift e a metà sono passato all'ita). Le cose brevi come Of mice and men sono la mia misura.
  • 0
Clearly money has something to do with life

#20 geeno

geeno

    quick, clean & efficient since 1975

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10755 Messaggi:

Inviato 18 April 2017 - 10:45 AM

Se ci sono molti dialoghi io reggo anche 500 pagine in inglese senza problemi (es. George V. Higgins o Ellroy), trovo proprio che la forma dialogo venga troppo stravolta dalla traduzione (va detto che l'inglese è l'unica lingua straniera che maneggio ad un buon livello e di cui colgo molte sfumature a differenza di altre lingue che capisco ma ad un livello molto più elementare).

 

Fatico molto invece con una prosa più lirica, non nel senso che non capisco ma proprio che mi stanco, anche nei fumetti, ad esempio ultimamente ho penato con Black Panther della Marvel anni70 di Don McGregor.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq