Vai al contenuto


Foto
- - - - -

La Mitopoiesi Del Risentimento Della Playlist [24-30 Marzo]


  • Please log in to reply
26 replies to this topic

#1 Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6370 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2017 - 22:59

Periodo incasinato e solo pochi album ascoltati nelle ultime settimane. Vabbè

 

U2 - The Unforgettable Fire [1984] 10

Album del <3 e se mi dite che ha fatto tutto Eno (con Lanois) vi sputo in un occhio.

 

HVOB & Winston Marshall - Silk [2017] 8,5

Che ci fa un componente dei Mumford & Sons (e non un componente a caso... ma quello che qualche anno fa, col suo banjo, caratterizzava la band anche sul piano iconico) nell'album di un talentuoso duo di algida, malinconica, house elettronica?

Forse non lo sanno nemmeno loro tre, ma questo lavoro (un album corto o un EP lungo, fate voi, giacchè si tratta di 5 pezzi più due brevi pezzetti strumentali per complessivi 34' di musica), è terribilmente affascinante e bello.

Mi sta a fatica descrivere i pezzi, meglio affidarsi a chi già l'ha recensito (in maniera tutto sommato condivisibile).

 

Che ci fa la copertina di Silk nel mio avatar? Niente... solo un disperato tentativo di creare un minimo di interesse su un album che vale la pena di ascoltare ashd. Ma lo sguardo perplesso di Anna Mueller e Marshall tradisce la loro sfiducia per questo mio tentativo.

 

HVOB_and_Winston_Marshall_%C2%A9Lukas_Ga

 

Thundercat - Drunk [2017] 7,5

Al momento mi è piaciuto ma ancora non so.

C'è qualcosa che mi sfugge.

C'è qualcosa che impedisce che i pezzi di quest'album mi rimbalzino in testa (come pure potrebbero fare). E non è solo per il quotidiano profluvio di scazzi e beghe.

 

Però me lo tengo lì; magari prima o poi la scintilla scoccherà.

 

Cobalt Chapel - Cobalt Chapel [2017] 7+

Vabbè al di là del genere che non mi interessa: bel disco ad un primo ascolto, abbondanza di buoni pezzi. Non è lunghissimo ma sulla distanza mi ha tediato, forse anche per l'uniformità negli arrangiamenti 

Ringrazio Greedy per l'intervento che sottoscrivo (poi vabbè lui scrive anche altre cose, ma queste erano quelle che mi serviva citare asd).


  • 1

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#2 Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 07:45

The Anaksimandros - Life Is a Skullbow (2001): 7 free folk

Ancient Methods - The First Siren (2017): 6 industrial techno

Bedwetter - Volume 1: Flick Your Tongue Against Your Teeth and Describe the Present. (2017): 6.5 experimental hip hop

Big Blood & The Wicked Hex - Big Blood & The Wicked Hex (2011): 7 psychedelic folk

Kazumoto Endo - Evergreen (1996): 6.5 harsh noise

I Am a Lake of Burning Orchids - Innocence (2011): 7 harsh noise

Jyocho - 祈りでは届かない距離 (2016): 6.5 midwest emo

宇宙コンビニ [Uchu Conbini] - 染まる音を確認したら (Somaru Oto wo Kakunin Shitara) (2013): 7 midwest emo


  • 1

#3 Cliff

    allievo del peggior Guzzanti heavy metal

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11474 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 31 marzo 2017 - 08:33

Solo vecchiume

Van Morrison - Astral Weeks 12
Bob Dylan - Highway 61 Revisited 10,5
Bob Dylan - Blonde on Blonde 10
Neil Young - After the Gold Rush 10
Neil Young - Harvest 11

Così non rompete i coglioni sui voti asd
  • 1
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante


#4 wild horse

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4616 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 08:55

Nobunny - First Blood     8

 

Nobunny - Secret Songs     8

 

Peso massimo delle canzonette. Cramps, Ramones e tanto altro frullato assieme

 

 

 

 

 

Motorpsycho - Timothy's Monster      8

 

Ogni volta che lo ascolto lo apprezzo un po' di più. The Wheel é un capolavoro per come riescono ad esprimere una tensione crescente senza arrivare mai ad una vera esplosione

 

 

 


  • 3

 


#5 Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28168 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 31 marzo 2017 - 09:33

Alfredo Antonio Carlo Buongusto (aka Fred Bongusto) - Una rotonda sul mare/Best of = 10

Perchè anche noi ci abbiamo i crooner (in Molise)


  • 1

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#6 Reynard

    No OGM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10305 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 31 marzo 2017 - 09:39

Un trittico di capolavori:

 

John Mayall - The Turning Point

Tangerine Dream - Zeit

Boards of Canada - The Campfire Headphase


  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#7 solaris

    Simmetriade.

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8310 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 09:41

capolavori:

Boards of Canada - The Campfire Headphase

 

 

Amen!


  • 0

#8 Dark Mavis

    Snacky Mike’s haircut fan

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1351 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 11:34

emo, post hardcore, screamo

 

On the might of princes - When you are and when you want to be

La Dispute - Somewhere at the Bottom of the River Between Vega and Altair

Penfold - Amateurs andprofessionals

Mineral - EndSerenading

Sorority Noise - You're not as ___as you think

The World is a beautiful place & i am no longer afraid to die - Harmlessness

 

 

 

 

The Beloved - Happiness

Li conoscevo solo per Sweet Harmony, pensavo fossero una sorta di one hit wonder, invece questo disco è proprio bello. Synth pop solare e frizzante, adatto alla primavera che sboccia, con un pizzico di malinconia tra le righe.

 

Black Rebel Motorcycle Club - B.R.M.C

                                                     Take them on, on your own

Grandissimo il primo: rock, garage uniti ad influenze ed umori wave e dark. Segue a ruota il secondo.

 

Enzo Carella - Sfinge

Capolavoro tra pop, funk, aria mediterranea e ottimi arrangiamenti. Ora devo scoprire il resto.

 

Jozef Van Wissem & SQÜRL - Only Lovers Left Alive (Original Motion Picture Soundtrack)

OST degna accompagnatrice delle immagini e delle atmosfere del film

 

Kairon; IRSE! - Ruination

Interessante miscuglio dalla Finlandia di psych, progressive, space rock e aperture al limite con lo shoegaze.

 

 

 

The Antlers - Hospice

Blanck Mass - World eater

Placebo - Without you i'm nothing

Slowdive - Souvlaki

 

 

 

Britpop ed affini

 

Hefner - Braking God's heart

Blur - The great escape

McAlmond & Butler - The sound of... McAlmont & Butler

Quest'ultimo non lo conoscevo, bel disco caratterizzato dal chitarrismo di Butler unito alla voce soul di McAlmond. Brit + soul bell'accoppiata.


  • 2

#9 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14295 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 31 marzo 2017 - 12:06

Todd Rundgren - Runt 7,5

Se dovessi usare il termine genio (che è vago come le stelle dell'Orsa [Cit.]), il primo a cui penserei è il Todd autarchico che suona tutti gli strumenti e li assembla. L'esordio contiene già chiari segnali della schizofrenia compositiva e mentale, e si passa dalla dolcezza di Believe in me al rock cazzutissimo di Devil's bite. C'è già il medley di ordinanza dei dischi di Todd, mentre la delirante chiusura di Birthday Carol, col suo alternare cori angelici, archi impetuosi e zavorre prog dimostra che il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette [Cit. n.2]

 

David Bowie - The next day 7,5

Con mia consueta puntualità, sono arrivato ad ascoltarlo: solidissimo esercizio di riassunto delle proprie vite precedenti.

C'è però chi è più loquace di me: Il sound di Bowie era in realtà principalmente di Visconti (o di Eno). Senza quel sound, Bowie resta un cantante di seconda scelta che fa pop di seconda scelta per un pubblico di seconda scelta.  :wub: 

 

Neil Young - Hawks & Doves 7

Certe volte mi sfugge il modus ragionandi della Critica Musicale, quella con le iniziali in maiuscolo. Vedo liquidato questo disco con

valutazioni o voti estremamente bassi. Ora, non ci vuole un genio per capire che non è After the gold rush, ma semplicemente un (onestissimo) disco minore nella sua discografia, sicuramente più rilassato sul country (coi violini :unsure: ) che sul folk, ma boh ci sta...

 

Fiona Apple - When the pawn... 7,5

ok

 

Black Heart Procession - Three 8

Sulla falsariga di 2, lo stile e l'umore sono quelli.

 

Verve - A storm in heaven 7,5

Cresciuto molto con gli ascolti, inizialmente sembrano il "solito" gruppo shoegaze, ma in realtà hanno una componente molto acida che esplode fuori prepotentemente, specie nella prepotenza della chitarra e negli ottimi intrecci col basso. Ashcroft qui è uno dei tanti, a differenza dell'Ashcroft di Urban hymns.

 

Waterboys - S/T 7,5

Stesso discorso fatto per il disco di Neil Young sopra: l'esordio dei Waterboys ha gia in sè tutti gli elementi distintivi della band, non riesco a concepire un distacco qualitativo così ampio rispetto a Fisherman's blues (This is the sea è altro pianeta, ok). I will not follow, che pare una reazione ponderata alla canzone degli U2 del 1980, è probabilmente la loro vera hit (dopo Fisherman's blues)

 

Mew - And the glass handed kites 7

Più coraggio che ottimi risultati, più saturazione che buone canzoni. Comunque interessanti.

 

Public Enemy - It takes a nation of millions to hold us back 8,5

Praticamente una bomba dopo l'altra.

 

Fletwood Mac - Tango in the night 7

Si sgonfia troppo rapidamente dopo l'1-2 iniziale veramente pregevole: Big Love è un amplesso ritmato  scandito dai gemiti finali ben più sobri rispetto a quelli di Gainsbourg/Birkin; Seven wonders è il prototipo della perfetta pop song di metà 80.

 

riascolti tanti e tanto belli:

 

Creedence Clearwater Revival - Green river 9

Tutto ciò che deve essere un disco rock

 

Eels - Souljacker 7,5

Probabilmente il disco più sottovalutato di E, il cui umore discografico si misura con la lunghezza della sua barba proprio a partire da questo disco: fu uno shock, con le dovute proporzioni, sentirlo così smaccatamente ed impudicamente "rock",distorto, elementare, grezzo. Un disco imperfetto ma perfetta sintesi tra il licantropo che non apparirà mai più così affamato e il cane di compagnia che sa sempre come consolarti

 

Brian Eno - Another green world 10

Forse quando ci saremo liberati da tutti i social network di merda e l'atomica sarà caduta di nuovo, potremo avere qualcosa di simile a questo

 

Fugazi - Steady diet of nothing 8

Il loro disco di mezzo, quello di transizione, quello introverso.

 

Sonic Youth - Washing machine 8

Più riuscito di Goo, più complicato di Dirty. Un mastodonte con una gemma accecante come The diamond sea di cui (mi) ha fatto estremamente bene la lunga astinenza dall'ascolto, perché mi ha posseduto immediatamente come la prima volta

 

Soundgarden - Superunknown 8,5

Rispolverato dopo secoli. Tolto il difetto dell'estrema lunghezza, rimane il fatto che i Soundgarden erano un gruppo pazzesco, e che questo disco sia un rosario di pesantezze hard rock una più stimolante dell'altra

 

X - Los Angeles 9

il punk come dovrebbe sempre essere: corto, diretto ma con un minimo di miscela (l'organo di Manzarek). Title track splendida

 

Virgin Prunes - ...If I die,I die 9

Quasi al livello ineguagliabile dei Bauhaus: gotico, rococò, epilessia, bassi che farebbero resuscitare i morti, cimiteri all'alba, nebbia, voglia di vivere e morire che si alternano come le gallerie dei treni


  • 7
Adescatore equino dal 2005

#10 il nostro caro angelo

    Anello di Saturno

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2884 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 31 marzo 2017 - 12:16

 

David Bowie - The next day 7,5

Con mia consueta puntualità, sono arrivato ad ascoltarlo: solidissimo esercizio di riassunto delle proprie vite precedenti.

C'è però chi è più loquace di me: Il sound di Bowie era in realtà principalmente di Visconti (o di Eno). Senza quel sound, Bowie resta un cantante di seconda scelta che fa pop di seconda scelta per un pubblico di seconda scelta.  :wub: 

 

 

Come no.


  • 0

#11 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14295 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 31 marzo 2017 - 12:33

Beh dai almeno è coerente
  • 0
Adescatore equino dal 2005

#12 Stebroc

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1775 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 12:47

The Low Anthem - Smart Flesh (2011) 6+ 

 

Alcuni buoni pezzi, ma alla lunga mi ha un po’ tediato.  Spiccano “Boing 737”, “Burn” e “Matter of time”

 

The Stone Roses - The Stone Roses (1989) 6

 

Credo proprio che questo disco non faccia per me. Se non mi restano le cosiddette “canzoni”, c’è qualcosa che non va. E’indubbiamente ben suonato, ma non riesce ad entrarmi sottopelle, e a questo scopo non aiuta la voce di Ian Brown, che trovo un po’noiosa. Per “I Wanna be adored” e “Waterfall” sento che potrei ricredermi un giorno, ma dubito che il mio amore possa estendersi ad altri brani.

 

Jan & Dean - Save for a Rainy Day (1967) Baroque/Sunshine Pop 7+

 

Disco di sicuro fascino in cui c’è la pioggia come tema dominante, e scrosci vari ad unione dei pezzi in un contesto di pop più sunshine che baroque. La patina (voluta, suppongo) nella registrazione, in questo frangente, non è una diminutio ma un valore aggiunto, una peculiarità. Curioso come il disco più importante del duo sia frutto del solo Dean, con Jan incappato nella “Dead man’s curve”. Nell’album convivono pezzi autografi di Dean (che si firma Nat Ormsby, non capisco perché) con brani originali e cover di pezzi più o meno noti. Da citare “Yellow Balloon”, pezzo che sarà reinciso (e probabilmente migliorato, ma son dettagli) dal suo autore con il gruppo omonimo del brano, la splendida cover di un pezzo di Elvis, “Pocket full of rainbows”, e una delle tante possibili versioni migliori di “When Sunny gets blue”, uno dei brani più belli mai concepiti dalle umane genti. Non tutto mi ha esaltato, va detto, da cui il voto non smisurato. Clamorosa (e incomprensibile) l’esclusione di “Lullaby in the rain”, scritta dal solo Dean, che definire straordinaria è poco.

 

The Zombies - Odessey and Oracle (1968) Pop/rock/Baroque/Sunshine/Psychedelic Pop 7+

 

Fare le pulci ad un disco che contiene “Care of cell 44”, “A Rose for Emily”, “This will be our year” e soprattutto “I racconti del macellaio” mi pare un po’pretestuoso. Solo che, quando mi ci approcciai pensai di aver trovato un disco da accostare a “Smile”, a “Pet Sounds”, a “Begin”, e così non è stato, almeno fino ad oggi.  Come già espressi nel thread dedicato, rimane l’amore per un gruppo eccelso, originale e riconoscibile sia nella fase beat, che in quella successiva, che ci ha regalato almeno una 15-20ina di pezzi memorabili. Ancora oggi non so scegliere tra i periodi, ma nel dubbio me li godo entrambi.

 

The Who - Quadrophenia (1973) Rock opera/Hard rock 8

 

Il disco più ambizioso degli Who. Non per questo il più bello, attenzione (poi come si fa a scegliere con quella discografia?), ma senz’altro quello in cui la ricerca sonora raggiunge il suo zenit (siamo tutti d’accordo che è fra i dischi meglio prodotti di sempre, vero?). L’attenzione per il suono, non fa venir meno “le canzoni”, e la produzione non fa altro che esaltare le caratteristiche uniche dei singoli membri del gruppo. Un’altra pietra miliare di una discografia con pochi eguali.

 

The Left Banke - Walk Away Renée / Pretty Ballerina (1967) Baroque pop 6

 

Ecco, questa è stata una delusione totale, almeno visto ciò che avevo letto, e le aspettative che mi ero creato. Escludendo la title track, non c’è praticamente nulla che mi sia piaciuto. Nessun guizzo, pochi passaggi melodici che mi hanno convinto. Peccato.


  • 1

#13 Garp Buzzy Power

    Inelegantly Wasted In Papa's Penthouse Pad In Belgravia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26276 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 13:30

Settimana del cambio ora, della primavera inoltra che debilita un po' e le prime bombe energetiche per riprendersi.

Sole bello, 20 gradi buoni, ho fatto l'abbonamento Premium di Spotify ed ho creato una playlist di circa 100 brani dell'era Madchester 1986-93 e sono felice quanto Bez sul palco coi Mondays.

 

bez.jpg

 

https://open.spotify...0RRhnBqkpDctGIj

http://www.thisisbaggy.com/

 

Voto 10


  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#14 PinkFreud

    Jung Last

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8282 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 14:23

Ascolti e riascolti vari

 

Virginiana Miller - Venga il regno (2013) [indie pop] 7,5

Explosions in The Sky -  The Earth is Not A Cold Dead Place (2003) [post-rock] 8

Richard Youngs - Sapphie (1998) [singer/songwriter] 7,5

River City People - Say Something Good (1989) [pop rock] 6,5

Come - Don't Ask Don't Tell (1994)  [indie rock, punk blues] 8


  • 0

Ja196z8.jpg

superstereo!

*lastfm*

 

 


#15 Syddharta

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4972 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 31 marzo 2017 - 15:07

Ho sempre schifato gli U2 e questa settimana l'ho dedicata a sfatare il pregiudizio.

La realtà dei fatti è che seppur tremendamente retorici, pomposi, insopportabili, questi hanno cacato almeno 7 dischi di livello molto alto (da Boy, gran disco post-punk, a Zooropa, forse il mio preferito assieme a War), e non sono in molti ad essere arrivati a tanto.

 

Poi ho ascoltato l'intera produzione di Tom Dissevelt, pioniere della musica elettronica lontano dalle mafie parigine dei "concreti", da quelle crucche degli stockhausi e da quelle milanesi dei beriomaderni. Negli anni Cinquanta faceva cose simili: https://www.youtube....h?v=HW-n6GWFAvI


  • 7

M.

 


#16 Garp Buzzy Power

    Inelegantly Wasted In Papa's Penthouse Pad In Belgravia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26276 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 15:26

Ammiro sempre con invidia la varietà di ascolti di Cool. + ed applausi per lui a prescindere.

#mentalità


  • 2
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#17 reallytongues

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26105 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2017 - 15:32

Ammiro sempre con invidia la varietà di ascolti di Cool. + ed applausi per lui a prescindere.

#mentalità

mi piace anche la sua parsimonia coi voti

bravo Cool

 

Cool prova i Montage, gruppo successivo ai Left Banke ecc...

un album bellissimo


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#18 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14295 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 31 marzo 2017 - 15:44

 

Ammiro sempre con invidia la varietà di ascolti di Cool. + ed applausi per lui a prescindere.

#mentalità

mi piace anche la sua parsimonia coi voti

bravo Cool

 

Cool prova i Montage, gruppo successivo ai Left Banke ecc...

un album bellissimo

 

 

asd

 

infatti è stato un mese un po' così...

 

Grazie comunque..


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#19 Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6370 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2017 - 05:54

 

Waterboys - S/T 7,5

Stesso discorso fatto per il disco di Neil Young sopra: l'esordio dei Waterboys ha gia in sè tutti gli elementi distintivi della band, non riesco a concepire un distacco qualitativo così ampio rispetto a Fisherman's blues (This is the sea è altro pianeta, ok). I will not follow, che pare una reazione ponderata alla canzone degli U2 del 1980, è probabilmente la loro vera hit (dopo Fisherman's blues)

 

Ruvido, scabro.

Bellissimo.


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#20 vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18619 Messaggi:

Inviato 02 aprile 2017 - 11:59

Posto anche qui sperando che chiudano l'altro thread:

 

Run Dmc - Raising Hell 8,5

 
Benvenuti, finalmente.
 
Aphex Twin - Selected Ambient Works Volume II 9
 
Sempre lì, a cercare nuovi movimenti, nuovi flussi elettronici, nuove entità da seguire. Le nuove generazioni. Dove sta andando l'elettronica contemporanea? Che succede lì fuori?  Torno da lui, e mi sento contemporaneamente vecchio e più giovane di tutti.
 
Pharmakon - Contact 6,5
 
I trapani e le macchine. Come se gli Add (N) To X flirtassero con gli Einsturzende, quelle così lì. 
Va bene, ma non troppo.
 
Blanck Mass - World Eater 8
 
Vi ho già fracassato le palle nel thread e adesso c'è pure la recensione.
Perdonatemi.
 
Visible Cloaks - Reassemblange 7,5
 
Essere nel bel mezzo di un giardino zen con i fiori di metallo e gli insetti cibernetici.
 
Caterina Barbieri - This Causes Consciousness To Fracture 
 
Traccia unica che anticipa l'imminente Lp per Important. Sensazioni assolutamente positive con rimandi sparsi: chirurgia 3.0, la voyager che supera il sistema solare, nonna suzanne, iperspazio, vuoto, casio, kubrick. E comunque c'è da dire che inizialmente ero partito con qualche riserva in merito alle prime sue cose ascoltate all'epoca, e che a dire il vero trovai un po' insignificanti. Dunque questa sua nuova uscita mi fa ben sperare. C'è della luce. Insomma, oltre la curiosità di trovarsi dinanzi all'insolita presenza di una così giovane ragazza nel calderone del modulari e delle installazioni, cominci a sentirsi anche qualcosa di più denso e significativo.
 
Lana del Rey - Love
 
Boh, fa sempre la stessa cosa. Boh, però la canticchio sempre. Boh, ad avercene come lei. 
 
E visto che siamo in tema di brani che anticipano album in arrivo, è appena uscito pure il nuovo singolo di Lamar. 
Nessun compromesso: fa schifo. Ovviamente spero sia soltanto un incidente di percorso. 
 
 

 

Ho sempre schifato gli U2 e questa settimana l'ho dedicata a sfatare il pregiudizio.

La realtà dei fatti è che seppur tremendamente retorici, pomposi, insopportabili, questi hanno cacato almeno 7 dischi di livello molto alto (da Boy, gran disco post-punk, a Zooropa, forse il mio preferito assieme a War), e non sono in molti ad essere arrivati a tanto.

 

 

 

Sette dischi sono tanti. Insomma, al di là dell'insopportabilità per la sopraggiunta pomposità post "Zooropa", mi pare che in fin dei conti li apprezzi e pure tanto. Tra l'altro anche per me "Zooropa" è un bel disco, e ricordo ancora il giorno in cui uscì; avevo tredici anni e corsi al negozio per accaparrarmelo dopo giorni di sudore ed economia. "Stay" poi mi ricorda tante cose di quegli anni. Conosco ancora il testo a memoria (non è poi così complicato asd). Diciamo che con "Pop" è iniziato l'immane declino. Nei Duemila sono diventati l'emblema della pochezza. 


  • 1

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#21 Stebroc

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1775 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2017 - 09:45

Alfredo Antonio Carlo Buongusto (aka Fred Bongusto) - Una rotonda sul mare/Best of = 10

Perchè anche noi ci abbiamo i crooner (in Molise)

Ultimamente mi sono reso conto di quanto siano belli alcuni suoi temi di colonne sonore

 

Ad esempio i due temi di apertura e chiusura di "Fracchia la belva umana"

 

 


  • 0

#22 jap zero

    Banned in Spain

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3646 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2017 - 10:32

 

Neil Young - Hawks & Doves 7

Certe volte mi sfugge il modus ragionandi della Critica Musicale, quella con le iniziali in maiuscolo. Vedo liquidato questo disco con

valutazioni o voti estremamente bassi. Ora, non ci vuole un genio per capire che non è After the gold rush, ma semplicemente un (onestissimo) disco minore nella sua discografia, sicuramente più rilassato sul country (coi violini :unsure: ) che sul folk, ma boh ci sta...

 

 

Certi critici (ad esempio Eddy Cilia) lo hanno stroncato per ragioni squisitamente politiche, in quanto la title track veniva considerata il manifesto della mitologica fase reazionaria di Young ( in realtà era un allegoria delle elezioni presidenziali di quell'anno, con la crisi degli ostaggi in Iran, l'ascesa di Reagan etc). 

 

 

  Il disco in questione è molto particolare. Neil doveva pubblicare per contratto un LP e gli era appena nato un figlio con handicap, quindi decise di  ripescare nel lato A  quattro gioiellini risalenti al periodo On The beach  :  "The Old Homestead" riprende il folk stralunato e apocalittico di "Ambulance Blues", con Levon Helm alla batteria e la stessa voce resa bassa e impastata dall' abuso di torte alla marijuana, mentre "Captain Kennedy" è un altro capitolo della sua epica americana, da affiancare alle varie Pocahontas e Powderfinger.

 

La facciata B venne registrata in un giorno, all'insegna di un country-rock piuttosto sgangherato per i suoi standard. 7 è la giusta media tra due facciate cosi' divergenti.


  • 2

#23 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 04 aprile 2017 - 15:03

Jyocho - 祈りでは届かない距離 (2016): 6.5 midwest emo

宇宙コンビニ [Uchu Conbini] - 染まる音を確認したら (Somaru Oto wo Kakunin Shitara) (2013): 7 midwest emo

 

Mh, un po' tirchietto. A me son piaciuti parecchio sti due dischi. Emotivi e asettici come solo i giappi.

 


  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#24 Moontesquieu

    webmaster

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4473 Messaggi:
  • LocationLondra

Inviato 04 aprile 2017 - 15:10

 

 

Thundercat - Drunk [2017] 7,5

Al momento mi è piaciuto ma ancora non so.

C'è qualcosa che mi sfugge.

C'è qualcosa che impedisce che i pezzi di quest'album mi rimbalzino in testa (come pure potrebbero fare). E non è solo per il quotidiano profluvio di scazzi e beghe.

 

Però me lo tengo lì; magari prima o poi la scintilla scoccherà.

 

 

Io pure sto disco mica l' ho capito tanto. Per carità è fatto bene, lo stile c' è, il mestiere anche. Pure a me pare che le canzoni manchino. Appena appena appena parte l' affinità con il pezzo si passa al successivo. Un po' frammentato per me. Non sono mai entrato veramente nel mood.


  • 1

#25 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14295 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 04 aprile 2017 - 16:20

 

 

Neil Young - Hawks & Doves 7

Certe volte mi sfugge il modus ragionandi della Critica Musicale, quella con le iniziali in maiuscolo. Vedo liquidato questo disco con

valutazioni o voti estremamente bassi. Ora, non ci vuole un genio per capire che non è After the gold rush, ma semplicemente un (onestissimo) disco minore nella sua discografia, sicuramente più rilassato sul country (coi violini :unsure: ) che sul folk, ma boh ci sta...

 

 

Certi critici (ad esempio Eddy Cilia) lo hanno stroncato per ragioni squisitamente politiche, in quanto la title track veniva considerata il manifesto della mitologica fase reazionaria di Young ( in realtà era un allegoria delle elezioni presidenziali di quell'anno, con la crisi degli ostaggi in Iran, l'ascesa di Reagan etc). 

 

 

  Il disco in questione è molto particolare. Neil doveva pubblicare per contratto un LP e gli era appena nato un figlio con handicap, quindi decise di  ripescare nel lato A  quattro gioiellini risalenti al periodo On The beach  :  "The Old Homestead" riprende il folk stralunato e apocalittico di "Ambulance Blues", con Levon Helm alla batteria e la stessa voce resa bassa e impastata dall' abuso di torte alla marijuana, mentre "Captain Kennedy" è un altro capitolo della sua epica americana, da affiancare alle varie Pocahontas e Powderfinger.

 

La facciata B venne registrata in un giorno, all'insegna di un country-rock piuttosto sgangherato per i suoi standard. 7 è la giusta media tra due facciate cosi' divergenti.

 

 

Preziosissimi aneddoti, non sapevo.

 

Il legame nella prima parte con i toni apocalittici (a livello personale)di On the beach è particolarmente evidente nel mio pezzo preferito, ovvero Lost in space (che già da sola non giustificherebbe nessun 4)


  • 1
Adescatore equino dal 2005

#26 jap zero

    Banned in Spain

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3646 Messaggi:

Inviato 06 aprile 2017 - 19:10

 

Preziosissimi aneddoti, non sapevo.

 

Il legame nella prima parte con i toni apocalittici (a livello personale)di On the beach è particolarmente evidente nel mio pezzo preferito, ovvero Lost in space (che già da sola non giustificherebbe nessun 4)

 

 

 

anche Piero gli ha messo 4, citando la "lotta love" che pero' sta su comes a time  di due anni prima (deve averlo ascoltato con attenzione asd)

 

concordo su "Lost in space" , non vale meno di una "see the sky about to rain" o di una  "motion pictures", è stata solo pubblicata al momento sbagliato e nel disco sbagliato

 

Breakers crash on the beach

I count them like lambs in my sleep

They come at me steady

They know i'm not ready

They pound on my mattress door

Have they got a big one on my store


  • 2

#27 Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6370 Messaggi:

Inviato 06 aprile 2017 - 20:01

 

 

 

Thundercat - Drunk [2017] 7,5

Al momento mi è piaciuto ma ancora non so.

C'è qualcosa che mi sfugge.

C'è qualcosa che impedisce che i pezzi di quest'album mi rimbalzino in testa (come pure potrebbero fare). E non è solo per il quotidiano profluvio di scazzi e beghe.

 

Però me lo tengo lì; magari prima o poi la scintilla scoccherà.

 

 

Io pure sto disco mica l' ho capito tanto. Per carità è fatto bene, lo stile c' è, il mestiere anche. Pure a me pare che le canzoni manchino. Appena appena appena parte l' affinità con il pezzo si passa al successivo. Un po' frammentato per me. Non sono mai entrato veramente nel mood.

 

 

Quoto la parte boldata; quello che mi disturba (relativamente) di questo album è la sua "leggerezza" sul piano emotivo (in un periodo, questo, in cui di leggerezza non ho grande desiderio).

Preferisco, sotto questo punto di vista, l'album di Sampha che trovo più "solido". 


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi