Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Quali sono le critiche alla Teoria della Decrescita?


  • Please log in to reply
4 replies to this topic

#1 FrankDrebin

FrankDrebin

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 71 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2007 - 19:15

"La decrescita è un concetto politico, secondo il quale la crescita economica - intesa come accrescimento costante di uno solo degli indicatori economici possibili, il Prodotto Interno Lordo (PIL) - non è sostenibile per l'ecosistema della terra. Questa idea è in completo contrasto con il senso comune politico corrente, che pone l'aumento del livello di vita rappresentato dall'aumento del PIL, come obiettivo di ogni società moderna"

"L'assunto principale è che le risorse naturali sono limitate e quindi non si può immaginare un sistema votato ad una crescita infinita."

Per chi non volesse approfondire l'argomento può leggersi il link di wikipedia sulla Decrescita da cui ho estrapolato gli assunti essenziali scritti qui sopra.

http://it.wikipedia....wiki/Decrescita

Non sono un economista e chiedo a chi ne sa più di me: poichè a me sembra abbastanza verosimile la tesi della decrescita, ma al tempo stesso decisamente "catastrofica", qualcuno di voi sa dirmi quali sono le critiche mosse (se esistono) alle argomentazioni espresse da questa teoria?

Ho letto alcuni testi di Latouche e di Pallante ed anche se sono alquanto scettico sulle loro proposte per trovare una via economica effettivamente sostenibile, la tesi di fondo che lega concettualmente il PIL (e quindi l'aumento irreversibile dei consumi) alle risorse finite del nostro pianeta (alcuni economisti fanno ricorso al concetto di Entropia espresso nel secondo principio della termodinamica) mi sembra realistica...


  • 0

#2 Guest_Number 5_*

Guest_Number 5_*
  • Guests

Inviato 14 febbraio 2007 - 19:38

Di certo il PIL ha un mondo di limitazioni come unico indicatore del benessere e della crescita di un paese, così invece viene usato al giorno d'oggi. Non tiene conto del benessere "morale" degli individui e dei gruppi, non tiene conto della stabilità delle relazioni sociali che questi instaurano contribuendo far "stare bene" e quindi a far "sentire ricco" o comunque meno bisognoso l'individuo. Non tiene conto che produrre di più utilizzando risorse finite in realtà avicina un passo di più verso la loro definitiva estinzione e quindi ha in se anche un elemento negativo.
Tra l'altro misura solo al ricchezza prodotta, non quella materialmente posseduta dalla collettività. Cioé trascura l'aspetto "finanziario" dell'economia, per dir così quello dei flussi di cassa, per concentrarsi sull'aspetto economico (differenza tra ricavi e costi), per cui non è deto che a un alto PIL corrisponda una altrettanto alta disponibilità monetaria di spesa o investimento da parte della collettività. In altre aprole ad andar dietro solo al PIL secondo me si rischia (in ipotesi invero estrema) di spendere soldi che materilamente non si hanno.

E' in sostanza e necessariamente un indicatore esclusivamente di carrattere economico. In sé sarebbe certamente un buon indicatore se preso in esame, appunto, assieme ad altri.  Questo aspetto dlel teorie della decrescita lo trovo interessante.
Ovviamenteper altri aspetti le trovo alquanto utopistiche fino a certi estremi grotteschi e retrogradi fino ad essere reazionari.

#3 Guest_Disgusto_*

Guest_Disgusto_*
  • Guests

Inviato 15 febbraio 2007 - 15:02

Stiamo parlando dei Public Image Limited?

#4 FrankDrebin

FrankDrebin

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 71 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2007 - 15:54

Ovviamenteper altri aspetti le trovo alquanto utopistiche fino a certi estremi grotteschi e retrogradi fino ad essere reazionari.


Sono daccordo con te.
Un aspetto che mi spaventa però riguarda i consumi. Esiste infatti una statistica secondo la quale i paesi Occidentali usufruirebbero dell'80% delle risorse naturali (acqua e alimenti) disponibili sul pianeta...e molti sostengono che fra qualche anno queste risorse saranno sempre più scarse per l'aumento dei consumi dovuto anche al boom economico dei paesi orientali come India e Cina.
Ho sentito alcuni economisti (credo Amartya Sen) proporre l'adozione di indicatori più attenti alle risorse ambientali come il famoso "Pil Verde", sono proposte concrete?

  • 0

#5 Guest_Eugenetic Axe_*

Guest_Eugenetic Axe_*
  • Guests

Inviato 15 febbraio 2007 - 16:12

Se non ci diamo una regolata NOI, che parliamo di queste cose, politicamente e socialmente più sensibili e preparati della casalinga di Voghera che vuole il digitale terrestre per vedere l'ennesima edizione del GF o del ragazzino che desidera la Playstation 3, non vedo altra via d'uscita.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq