Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Gemma Ray - The Exodus Suite [2016]


  • Please log in to reply
1 reply to this topic

#1 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13186 Messaggi:

Inviato 15 giugno 2016 - 12:54

Exodus_Suite_packshot_small.jpg
 
2016 Gemma Ray The Exodus Suite
 
http://www.ondarock....exodussuite.htm :OR:
 
Metti una sera a cena del '67 o '68 - non troppo prima e non troppo dopo - in cui Nancy Sinatra, Grace Slick e Nico si trovano insieme e si baciano, si accarezzano, si spogliano, si leccmettono lì a incidere un nastro pieno di atmosfere loro e di quei tempi lì. Ecco, non tutto è così strettamente vintaggioso in questo disco di Gemma Ray, ma come ipotizzabile risultato di una situazione improbabile come quella è abbastanza credibile. Diciamo che un buon 70% sarebbe roba di Nancy, un 30% di Grace e Nico l'ho tirata in ballo solo per la divertentissimissima gag qui sopra (no dai, quella di "Chelsea Girl" un po' ci sta).
 
Gemma Ray la conosco distrattamente come una tipica indie-songwriter dei nostri tempi. Incide troppo ma con una sua passione per certo pop 50s e 60s che la rende più simpatica, meno svenevole e angelicata di tante sue colleghe, ma che - per quel che ho sentito - non le leva di dosso un certo gusto caramelloso un po' da carie.
 
Questo album mi sembra una novità nella sua discografia, a cominciare dalla bella copertina streghesca. Atmosfere generalmente cupe, ma senza la monocromia del dark, misteriose, ma non depresse. Pur costruita su canzoni ben scritte e ben distinte (per quanto abbastanza simili) sembra davvero una lunga suite con suoni e soluzioni sonore che si ripetono brano dopo brano. Continuando con ipotetici e impossibili incroci, è come se "The End" dei Doors e "Bang Bang" della Sinatra fossero state fuse insieme e dilatate allo stremo. Non ne esce, per fortuna, musica estrema, diciamo che siamo circa dalle parti della Lana Del Rey meravigliosamente estenuante di "Honeymoon", con meno talento melodico, ma con quasi altrettanta capacità evocativa.
 
E insomma, se siete di quelli che fanno carico alla musica del fatto che avete la noia facile lasciate perdere. Se cercate delle atmosfere da... boh... thriller noir ambientato nel mondo del surf? provate a darci un ascolto.
  • 2

#2 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13186 Messaggi:

Inviato 22 febbraio 2018 - 15:06

Che successone questo topic.
 
R-6482829-1420306189-5222.jpeg.jpg
 
Intanto mi sto ascoltando anche il precedente, Milk For Your Motors del 2014, addirittura il sesto della sua discografia. Meno esoterico e ossessivo di quello qui sopra, ma con la stessa aria da noir in bianco e nero californiano (devo far mente locale per ricordarmi che lei e' inglese) e da pop-surf per fantasmi. Bello e suggestivo pure questo.
 
Il singolo qui sotto non e' neanche il meglio del disco, ma il video rende bene l'essenza della sua musica...
 

  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq