Vai al contenuto


Foto
- - - - -

La Lingua Italiana, Al Suo Massimo Potenziale.


  • Please log in to reply
43 replies to this topic

#1 chronochromie

chronochromie

    Laurea presso Facoltà di Non Rispondere

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 369 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 14:00

Da un po' di tempo ho il desiderio di leggere autori italiani, autori che abbiano un modo particolare di trattare la lingua italiana, sia per lessico (non perché banalmente letterario) sia per costruzione della frase.

Autori che consigliereste a qualcuno che abbia l'ambizione di imparare a scrivere bene.

Non dico solo romanzi, ma anche saggi o giornalisti.

Voi, a uno così, quali libri suggerireste?


  • 0
Prima ch'io mi profilassi...

#2 Scripti Politti

Scripti Politti

    サカナクション

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2524 Messaggi:
  • LocationTorino

Inviato 24 settembre 2015 - 15:46

CALVINO, ITALO.
  • 0

#3 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18525 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 24 settembre 2015 - 15:51

Anche io avrei detto

Calvino
Levi
Rodari

Di Levi non tanto le robe sui Lager che sì, ok, ben scritte ma; più che altro le cose tipo Il sistema periodico e La chiave a stella.

Certo, si parla di scrittori con un italiano molto asciutto ed esatto; se quello che cerchi sono i barocchismi e il linguaggio fiorito l'invito è a guardare altrove.

Comunque sono curioso di sentire i consigli degli altri; sui recentissimi anche io avrei bisogno di raccomandazioni. I miei gusti sono infatti molto random e molto "pop" (per dire, mi piace Baricco [strali, sassi, pomodori] e leggo sistematicamente i romanzi dei Wu Ming, che nonostante non possano dirsi splendidamente scritti mi risultano sempre avvincenti).


  • 0

#4 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13323 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 16:14

Sciascia?

 

Saggisti con uno stile limpido: Macchia, Dionisotti, Pontiggia (mai letto i saggi però).

 

(tutti morti)


  • 0

Siamo vittime di una trovata retorica.


#5 New Gold Dream

New Gold Dream

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 451 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 17:22

Gadda. asd


  • 1

#6 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18525 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 24 settembre 2015 - 17:38

Gadda. asd

L'asd è perché non lo consiglieresti come esempio? Di suo ho letto solo Quer Pasticciaccio, che mi ha fatto abbastanza schifo... In altre cose è più straightforward come stile, o dici proprio che quel modo lì di scrivere - così personale e senz'altro difficile da gestire - potrebbe essere un buon modello per altri? O sei sarcastico a riguardo?


  • 0

#7 New Gold Dream

New Gold Dream

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 451 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 18:01

guarda - *mezzo giro di sedia* anch'io - seguivo a ruota i consigli di Niji sulle acque chete. comunque questa notte serra le finestre ché il fantasma dell'ingegnere ti mena con lo straightforward, antico strumento di tortura della roma papalina.

 

(sarcasmo, quodlibet, è ovvio che dopo lo "stile limpido" evocato è un atroce opposto. e cito anche un amore. però io disdegno questa mia limpidezza, adesso, vedi...che violenza postribolare)


  • 1

#8 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11601 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 19:39

Da un po' di tempo ho il desiderio di leggere autori italiani, autori che abbiano un modo particolare di trattare la lingua italiana, sia per lessico (non perché banalmente letterario) sia per costruzione della frase

 

Detta così, mi obblighi a citare D'Arrigo che in quanto a costruzione e lessico (letterario, siciliano reinventato, preso in prestito dal francese, dal latino e riplasmato in una lingua con la quale si impara a convivere e si finisce per amare. Diversamente da Gadda, che di solito cerca lo scontro corpo a corpo) ha fatto miracoli. Horcynus Orca. Un assaggino dall'incipit, nel quale si può intravvedere la particolarità e ritmicità

 
Imbruniva a vista d'occhio e un filo di ventilazione alitava dal mare in
rema sul basso promontorio. Per tutto quel giorno il mare si era allisciato
ancora alla grande calmerìa di scirocco che durava, senza mutamento
alcuno, sino dalla partenza da Napoli: levante, ponente e levante, ieri, oggi,
domani e quello sventolio flacco flacco dell'onda grigia, d'argento o di
ferro, ripetuta a perdita d'occhio.

 

 

Forse anche le acrobazie di Fenoglio nel Partigiano Johnny.

Riguardo invece all'uso letterario e sapiente dell'italiano parlato, Emilio Tadini. Io ho letto Eccetera, uno romanzo su una specie di peregrinazione notturna di giovani ragazzi, che rincorrono chissà cosa e sono appassionati di discoteche. Scritto da un ottantenne.

 

<<Senti, - le faccio, perché i quanto a attaccare sono un fenomeno, io - chiedilo in giro, se non sono famoso per come so attaccar discorso - senti, dicono che mandi giù di tutto. Vediamo se è vero>>.

<<Proprio di tutto, no, - mi fa lei, con un'aria un po' stanchina, - però assaggiare si può sempre>>.

   Per dire la classe. L'oro nel fango eccetera.

   Dunque è chiaro che io non è questione di vigliaccheria.

   E' che posso scegliere fra tante di quelle cose, io...

   Prima cosa, appunto, ci sono talmente tante ragazze... 

   E, pensaci, un numero doppio, dico doppio, di tette!

   Dico, non è fantastico?

 

 

 

EDIT: Come da titolo io ho citato scrittori che portano l'italiano verso l'oltre. Altri che hanno parlato di Calvino e Levi hanno fatto bene, che sono il fiore del nostro scrivere. Wago fa bene a citare Baricco, che, gusti a parte, è uno che sa sfruttare davvero molto bene le risorse della lingua.


  • 2

#9 Franzy

Franzy

    heart of gold

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2057 Messaggi:
  • LocationTristan de Cunha

Inviato 24 settembre 2015 - 19:52

Ennio Flaiano
  • 0
Beneath the bebop moon
I want to croon with you
Beneath the Mambo Sun
I got to be the one with you

#10 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7426 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 19:59

curzio-malaparte.jpg

zlatan malaparte
  • 1

#11 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 20:04

http://forum.ondaroc...gio-manganelli/


  • 2

#12 Ronald Regaz

Ronald Regaz

    ritardato mentale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 785 Messaggi:
  • LocationSirolo

Inviato 24 settembre 2015 - 21:56

Vittorio Imbriani (1840-1886)


  • 0

#13 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    X Offender

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4346 Messaggi:
  • LocationAnarene, Texas

Inviato 24 settembre 2015 - 22:10

Tommaso Franci.


  • 1
It's like I'm having the most beautiful dream and the most terrible nightmare all at once

Бил, бью и буду бить / Умом Россию не понять, в Россию можно только верить

OR

#14 Brizzio

Brizzio

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 4 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 23:02

Buzzati Dino


  • 4

#15 auslöschung

auslöschung

    internal bio-reverb

  • Moderators
  • 3098 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2015 - 23:26

boh, non riesco a prendere sul serio la richiesta (in nessun senso peggiorativo, intendiamoci - è onesta, credo). quindi - gadda preso - vado con la mia quota di name dropping siciliano, la retroguardia. qualcuno ha detto d'arrigo, no? pizzuto (sinfonia, le pagelle)? consolo? bufalino? arriverà il '63, suppongo. e quelle cose lì: gioco d'anticipo un po' sui fianchi: benway ha ristampato la sadisfazione letteraria di corrado costa. ma è una cosa diversa.


  • 0

#16 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36384 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 25 settembre 2015 - 00:54

Da un po' di tempo ho il desiderio di leggere autori italiani, autori che abbiano un modo particolare di trattare la lingua italiana, sia per lessico (non perché banalmente letterario) sia per costruzione della frase.

Autori che consigliereste a qualcuno che abbia l'ambizione di imparare a scrivere bene.

Non dico solo romanzi, ma anche saggi o giornalisti.

Voi, a uno così, quali libri suggerireste?

 

tutte le opere di Simon


  • 1

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#17 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13323 Messaggi:

Inviato 25 settembre 2015 - 06:59

Ah se cerchi derive barocche e silhouttes da decifrare, e vogliamo restare tra i siciliani, allora Ripellino può esserti amico.
  • 2

Siamo vittime di una trovata retorica.


#18 Tony Cooper

Tony Cooper

    Venerato Maldestro

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2893 Messaggi:

Inviato 25 settembre 2015 - 07:35

Claudio Magris.


  • 0

#19 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 25 settembre 2015 - 09:32

Luigi di Ruscio

 

Improvvisamente sul tram quotidiano ho capito che il lato positivo dell’antologia Poesia e Realtà di Giancarlo Majorino è quell’essere insieme, gli atei insieme ai credenti, gli analfabeti con i bene alfabetizzati, quelli della rima e quelli della contro rima, i viscerali con i cerebrali, i nuovissimi con i vecchissimi che muoiono anche a cent’anni, quelli che si sono suicidati e quelli che vivono molto bene, gli ammogliati e gli strozzati, gli avanguardisti e i retroattivi, gli italiani e i sanfedisti, i seri e quelli che irridono anche la croce rossa con tutto il pappalardo, tutti insieme con le “ali illuminate”, perché è questo essere insieme la prova dell’epoca, devono riuscire a vivere insieme gli albani con i serbi, i turchi con i curdi, i palestinesi con gli ebrei, devono smettersela di vivere in un massacro continuo, devono imparare ad accettarsi così come sono, perché è vero quello che mi diceva nonna analfabeta “siamo tutti figli di madri”, le nostre diversità contano meno di tutto quello che abbiamo in comune, quei cuori del manifesto Benetton saranno di neri o di bianchi però i cuori sono tutti uguali, i nostri cervelli simili. Quell’essere insieme come quando ero in quel reparto, io italiano insieme a tutti i norvegesi, quasi la pecora nera tra i biondi e gli azzurrati, eppure eravamo insieme e fummo insieme per decine d’anni continui. Ero insieme a tutti voi con le nostre tutte, con gli ingenui vestiti della domenica, li ricordo uno ad uno ora che sono quasi tutti morti. Però ogni tanto tra la folla sento un urlo, vengo chiamato, urlato in tutti i modi con nome e cognome che qui sono indicibili in maniera corretta, uno sopravvissuto a tutte le pesti, a tutte le polveri arsenicali e dei metalli pesanti, metallurgiche, a tutte le sudate continue mi chiama, mi abbraccia. Eravamo insieme diversi in tutto ma eravamo insieme nello stesso disprezzo per i padroni, insieme quando abbiamo sabotato e scioperato, insieme nei sotterfugi operai, ridevamo insieme e sudavamo insieme senza neppure accorgerci di questo miracolo, l’essere diversi però fraternamente.



#20 Serena

Serena

    Let's go jumping overboard

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2493 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 25 settembre 2015 - 11:09

Buzzati Dino

stavo per indicarlo,  con Un amore

con quel linguaggio  capace, come pochi, di rendere il flusso dei pensieri del protagonista.


  • 0


They're coming outta the goddamn walls

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq