Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Steven Wilson - Hand. Cannot. Erase. [2015, Kscope]


  • Please log in to reply
24 replies to this topic

#1 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 03 marzo 2015 - 09:39

Steven_Wilson_Hand_Cannot_Erase_cover_14

 

 

Recensione interface/paloz :OR:

 

 

Dovreste ascoltarlo.

E' il primo disco di Wilson solista che trovo davvero completo e coerente: aspettavo da tanto che lasciasse da parte (quasi) tutto il bagaglio Porcupine e si mettesse al lavoro esclusivamente sulla sua vena più intima e commossa. Qui dentro trovate alcuni dei suoi pezzi più belli di sempre. Io mi sono perdutamente innamorato di "Routine", brano di una bellezza indescrivibile in perfetto equilibrio fra rassegnazione e conforto - ogni volta rischio le lacrime.

Il resto è scritto nella rece.


  • 7

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#2 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17597 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 03 marzo 2015 - 20:31

volevo sentire routine ma non la trovo sul tubo


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#3 mueller80

mueller80

    mainstream Star

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1407 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2015 - 12:08

a me pare un buon disco

 

3 Years Older, Routine and Ancestral sono degne dei migliori Porcupine Tree

 


  • 0

#4 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3881 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 06 marzo 2015 - 20:34

Per me è stratosferico, Wilson riesce sempre a creare atmosfere magiche che mi conquistano, mi avvolgono e mi trasportano in paradiso: così era stato anche con "The Raven..." e così è con questo, forse più immediato... meno pretenzioso. Dunque credo possa piacere anche a chi non ha apprezzato l'ultimo Wilson solista.
  • 0
Immagine inserita

#5 Onironaut

Onironaut

    La vita o si vive o si scrive.

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 310 Messaggi:

Inviato 07 marzo 2015 - 00:47

Discone. Adoro tutta la prima parte, più pop ed elettronica, ma anche le tirate in pieno stile prog settantiano qui sono riuscite a conquistarmi (laddove "Raven" mi lasciava un po' freddino).

Routine è un pezzo enorme, e mi pare avvicini il buon Steven ai compari Anathema come sonorità e sensibilità.

Sono arrivato ad ascoltare l'album anche 5 volte in un giorno, cosa che ormai per me accade sempre più raramente.

Un al momento, ma potrebbe anche crescere.

 

PS : Ninet Tayeb piacevolissima sorpresa : la sua voce si amalgama perfettamente a quella di Steven.

Brava brava (e gnocca oltre ogni dire)!

 

Ninet_Tayeb.jpg


  • 1

#6 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7280 Messaggi:

Inviato 07 marzo 2015 - 09:44

Che tette!  :blink:  :sbav:  :ossequi:

 

Bravissima!


  • 3

Statisticamente parlando, non lo so.


#7 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3881 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 07 marzo 2015 - 10:14

asd come non condividere? asd
  • 0
Immagine inserita

#8 Carlo86

Carlo86

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1560 Messaggi:

Inviato 07 marzo 2015 - 10:23

Mi state incuriosendo e ascolterterò l'album. Già un mesetto fa avevo ascoltato l'unica canzone disponibile su youtube (non ricordo quale) e mi ero ripromesso di tornarci ad album pubblicato, nonostante Wilson non mi abbia mai impressionato.
Poi, mi avete incuriosito con lei (ma magari ne riparliamo nella zona rossa, permettetemi solo questo piccolo ot asd):

Spoiler

  • 3
"Non possiamo parlare di Dio, o come preferisci chiamarlo, ma soltanto della nostra reazione a esso. Allo stesso modo, non penso che si possa parlare della musica, ma di una reazione soggettiva a essa" (Barenboim)

#9 The Scarecrow

The Scarecrow

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 348 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2015 - 08:46

Cd preso ieri sera e quindi ascoltato ancora in maniera un po superficiale.

Mi sembra che la recensione ha centrato in pieno lo spirito di questo album... 

 

...ma io appartengo a quelli che hanno amato "The Raven that refused to sing..." (che per quanto mi riguarda è uno degli album più belli usciti negli ultimi anni) e penso che difficilmente questo "Hand. Cannot. Erase." potrà usurpare il posto di "The Raven...".

 

Ma io sono solo un "vecchio" proggarolo cresciuto a pane, prog e psichedelia  :P

 

Avrò modo di esprimermi meglio quando lo avrò assimilato ....


  • 0

#10 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10579 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 10 marzo 2015 - 16:46

Sta piacendo parecchio anche a me, un disco davvero molto personale che come hanno scritto palozzo/interface esprime il meglio nelle tracce più intimiste, quindi "perfect life", "routine", "happy returns" e l'omonima che da il titolo all'album.
Devo ancora entrare bene in sintonia con qualche brano, in alcuni frangenti mi è sembrato troppo riccardone e più vicino alle sonorità dei porcupine metallici e ho avuto l'impressione che queste tradissero un po' il mood dell'insieme appesantendo l'ascolto, ma l'ho ascoltato solo 3/4 volte, quindi potrebbe essere un giudizio affrettato, sicuramente un gran lavoro comunque.
  • 1
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]

Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


probabilmente off topic


#11 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2015 - 17:05

La seconda metà un po' troppo tesa alla strumentazione massiccia stile Porcupine e' anche secondo me l'unico "difetto" di un album altrimenti perfettamente conchiuso e personale.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#12 James Lepo

James Lepo

    Afro Kolektyw

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 606 Messaggi:
  • LocationIn the chinese restaurant

Inviato 17 marzo 2015 - 17:01

in alcuni frangenti mi è sembrato troppo riccardone e più vicino alle sonorità dei porcupine metallici e ho avuto l'impressione che queste tradissero un po' il mood dell'insieme appesantendo l'ascolto

Ecco, più o meno questo intervento sintetizza i miei dubbi su questo album, che fino a Routine mi è parso al primo ascolto un mezzo capolavoro, con un Wilson compositivamente ispirato come non lo si sentiva da molto tempo, dai primi 2000 (in particolare 3 years older è magnifica, a tratti mi ha ricordato addirittura gli Yes). Peccato però che nella seconda parte l'aria malinconica e intima vada abbastanza a farsi benedire, a scapito delle ormai solite "metallate" e "riccardonate" varie... Insomma, sono anche io ai primi ascolti e non voglio ancora esprimere una sentenza definitiva, ma finora ho visto questo disco un po' come un' occasione sprecata, viste le premesse questa volta eccellenti.
  • 1

#13 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3881 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 18 marzo 2015 - 12:17

Dopo svariati ascolti devo un po' ridimensionare gli entusiasmi sulla base di ciò che molti di voi hanno invece notato subito: c'è una sorta di incoerenza stilistica e formale tra gli episodi più cantautoriali e intimi, concentrati soprattutto nella prima parte del disco e quelli che rappresentano invece un omaggio ai classici prog che caratterizzano invece la seconda parte. Questi ultimi non li trovo nè brutti nè eccessivamente passatisti ma troppo distanti dal mood iniziale e con gli ascolti se ne soffre un pò lo scostamento. Come se Wilson avesse preparato un terreno perfetto sul quale procedere per poi sviare e divagare un po' troppo in assoli tanto belli quanto barocchi e talvolta ridondanti.

Non a caso il pezzo più bello per me è il trip-hop fluttuante e sospeso di "Perfect Life"  seguito a pochissima distanza dalla splendida "Routine". Una dopo l'altra poi sono due pezzi da ko!


  • 0
Immagine inserita

#14 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 01 maggio 2015 - 13:49

A metà di questo pezzo degli Antlers sembra di sentire "Perfect Life" pari pari :|
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#15 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4459 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 01 maggio 2015 - 14:03

Che tette!  :blink:  :sbav:  :ossequi:

 

Bravissima!

 

EMA2PL91106-36.jpg

 

%7B68393E3B-DE26-4208-B6D5-4CD59FE958E4%


  • 0

#16 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10579 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 01 maggio 2015 - 16:01

A metà di questo pezzo degli Antlers sembra di sentire "Perfect Life" pari pari :|

 

Non mi sembra, però approfondirò stu antlers che non mi sembrano affatto male asd

 

edit. ragazzi, è bona e tutto ma quella foto credo sia fakessima, non fatemi chiamare debaser per cortesia asd

 

Spoiler


  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]

Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


probabilmente off topic


#17 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2015 - 20:05

Riascoltando l'album al momento giusto e con attenzione ci si accorge di come anche le parti apparentemente più "riempitive" - cioè i lunghi strumentali della seconda metà - siano in realtà parte integrante di una narrazione che continua a fluire con estrema naturalezza. I passaggi tra i vari temi li trovo molto azzeccati e si trovano in perfetto equilibrio tra la forza emotiva dei Porcupine e il tecnicismo neo-prog dei Dream Theater (nello stile della seconda parte continuo a sentire fitti rimandi a "Scenes from a memory", in senso buono e molto meno masturbatorio). I brani principali dunque non sono altro che una più diretta narrazione che fa da trait d'union all'insieme.
Tra "Perfect Life", "Routine" e "Happy Returns" si consumano momenti d'intensità forse mai raggiunti da Wilson (e soci) sinora. Un album che ha davvero molto da dire e che, secondo me, merita una certa insistenza. Una volta che ci si entra dentro del tutto è struggente, a tratti meraviglioso.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#18 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    Traveling Theory

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7507 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2015 - 10:12

per me questo disco è come un pallone Super Tele , all'inizio è fighissimo e sbriluccicante , poi col tempo si sgonfia piano piano e lo lascì lì in un angolo buio del garage assieme allo skateboard che non hai mai imparato ad usare. 


  • 0

#19 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2015 - 10:14

Che metafora poco azzeccata, quest'album è tutto meno che un giocattolo. Manco fossero canzoni usa e getta per la spiaggia.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#20 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23621 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2016 - 16:41

One more time with dem feels.

 

 

 

 

 

Puntate precedenti:

 

Spoiler

  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq