Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

[Monografia] Peter Bogdanovich


  • Please log in to reply
21 replies to this topic

#1 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22802 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2014 - 14:04

Cineasta colto e versatile, detto anche il Truffaut statunitense, Bogdanovich è una delle personalità più complesse e sfaccettate del cinema Usa contemporaneo, esponente di spicco della New Hollywood e unico regista americano ad aver intrapreso la carriera di critico cinematografico

 

 

Peter-Bogdanovich-204407-1-402.jpg

 

 

La nostra monografia


  • 4

#2 sfos

sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4272 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2014 - 18:11

Con "Bersagli" (Karloff :***) e "L'ultimo spettacolo" si guadagna di diritto un posto tra i più grandi di sempre
  • 0
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#3 coltivatore di amicizie

coltivatore di amicizie

    utente rancoroso

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2014 - 18:22

l'ultimo spettacolo è uno dei film più belli e fondamentali del cinema US moderno; peccato non abbia saputo/pututo ripetersi a quei livelli (orrendo, fra le altre cose, il tardo sequel texasville)


  • -2

panella is my co-pilot  :nod:


#4 coltivatore di amicizie

coltivatore di amicizie

    utente rancoroso

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2014 - 18:23

ah, pure gran chiavatore (gli hanno accoppato la moglie playmate per gelosia e lui si è sposato la sorellina, biondona/tettona pure lei)


  • -1

panella is my co-pilot  :nod:


#5 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25378 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2014 - 13:00

Bersagli per me è perfetto, non concordo affatto con la definizione di acerbo, lo trovo assai rigoroso e maturo.

 

Detto ciò, non conosco i film successivi a The last picture show, prima o poi rimedierò.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#6 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14996 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2014 - 19:46

Quando a metà degli anni 90 mi interessai al suo cinema sembrava già un regista dimenticato, dalla carriera finita, appartenente ad un'epoca lontanissima. Non oso immaginare che effetto faccia oggi. Almeno ai tempi "L'ultimo spettacolo" era considerato un classico e "Mask" passava spessissimo per televisione. Oggi non so.
 
Pur apprezzando il suo lato leggero e lieve, devo dire che a distanza di anni sono i suoi film drammatici quelli che ricordo più vividamente: il capolavoro teorico "Bersagli" e il capolavoro totale "L'ultimo spettacolo", i quasi altmaniani "Saint Jack" e "Texasville", il sottovalutato "Daisy Miller". "Mask" è il suo unico film che ho rivisto di recente e l'ho rivalutato alla grande, vent'anni fa mi puzzava troppo di anni 80.
 
L'ho già scritto altre volte e lo riscrivo il suo libro intervista con Orson Welles è meraviglioso. Per me dovrebbe diventare la bibbia di ogni amante di cinema che si rispetti, quasi quanto il celebre libro intervista di Truffaut a Hitchcock. Tra l'altro il clima tra i due registi americani è un filo più informale rispetto a quello tra il francese e l'inglese...

Bogdanovich: Eri in un episodio diretto da Pasolini [La ricotta]. Tu facevi la parte di un regista.
Welles: Ah sì... E' stato censurato, almeno in Italia, dopo una sola proiezione a Venezia.
Bogdanovich: Non mi è sembrato un gran che.
Welles: No? Perché?
Bogdanovich: Mah, come dire... l'ho trovato oscuro, estetizzante...
Welles: "Oscuro e estetizzante". Solo perché non si svolge sulle rive del Mississippi, è oscuro e estetizzante... a te non si devono chiedere pareri se non si tratta de "Il Giudice Merda nella prateria", o qualcosa di simile.
Bogdanovich ride.

 

asd


  • 3

#7 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20436 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 11 dicembre 2014 - 21:32

Dannata tartaruga, lo apostrofa spesso.
Una coppia bellissima e ci è mancato poco che ne venisse fuori qualcosa, insieme a John Huston.
Memorabile una sera a teatro per ascoltare un genio, Eduardo e bog che non capì manco una parola, mentre Welles di Totò ne aveva un giudizio pessimo. Bog è una spalla nata, anche con hawks se la cavò benino. Dio, quanto ne so. Troppo, troppo.
  • 0

#8 Reynard

Reynard

    No OGM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10237 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 12 dicembre 2014 - 09:02

Sbaglio o aveva intervistato anche Ford?


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#9 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8669 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 09:42

Tra l'altro Bogdanovich doveva essere anche il regista di Giù La Testa, i suoi scazzi  con Leone e le rispettive ricostruzioni della vicenda sono uno spasso.

Anche Peckinpah non aveva un buona considerazione di Bogdanovich e di L'ultimo spettacolo in particolare:

"I get so goddamn angry when the critics don't pick up on good films and go along with bullshit, as they did on Bogdanovich's film, The Last Picture Show, wich was a crashing bore, and ignore something like Two Lane Blacktop, which I thought was a potential work of art.

The Last Picture Show was artsy-craftsy, jacksy-offsy and a real pain in the ass.

I was supposed to have dinner one night with Ben Johnson, who was superb in it, but i knew Peter would be there and I'd have to hit him right in the fucking mouth, so I didn't go.

I really hated that film." asd


  • 0

#10 pooneil

pooneil

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6106 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 10:30

Ne ho visti tre (bersagli, l'ultimo spettacolo e paper moon) tutti belli con paper moon il mio prefe anche l'ultimo spettacolo può giocare il jolly*. Voglio rivedere l'ultimo spettacolo perché fare un film nostalgico degli anni '50 nel 1971 può avere dei risvolti su cui potrei non essere d'accordo. Bravo Peckinpah a preferire film come Two Lane Blacktop (o Vanishing Point, o Electra Glide in Blue, -la new hollywood migliore).

 

*

Spoiler


  • 0

#11 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 12 dicembre 2014 - 12:15

Ok che i suoi capolavori sono quelli, però spero che la mono sia d'invito per approfondire e scoprire anche il resto della sua (sottovalutata) filmografia
  • 0

#12 Reynard

Reynard

    No OGM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10237 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 12 dicembre 2014 - 14:32

Personalmente considero "Vecchia America" tra i suoi film migliori, voi che ne pensate?


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#13 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8669 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 18:48

Ne ho visti tre (bersagli, l'ultimo spettacolo e paper moon) tutti belli con paper moon il mio prefe anche l'ultimo spettacolo può giocare il jolly*. Voglio rivedere l'ultimo spettacolo perché fare un film nostalgico degli anni '50 nel 1971 può avere dei risvolti su cui potrei non essere d'accordo. Bravo Peckinpah a preferire film come Two Lane Blacktop (o Vanishing Point, o Electra Glide in Blue, -la new hollywood migliore).

 

*

Spoiler

 

Che Dio la benedica. :ossequi:

 

Cybill%2BShepard.jpg


  • 0

#14 pooneil

pooneil

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6106 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 19:28

Ah ah ma potevi scegliere una foto un pochino più fine!


  • 0

#15 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8669 Messaggi:

Inviato 12 dicembre 2014 - 20:06

Era solo per far capire a chi non se ne fosse reso conto che ci troviamo di fronte a un raro caso di figa totale. ashd


  • 0

#16 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20436 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 12 dicembre 2014 - 20:12

E anche Fritz Lang la cui filmografia americana era stata ingiustamente messa nel dimenticatoio
  • 0

#17 coltivatore di amicizie

coltivatore di amicizie

    utente rancoroso

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 13 dicembre 2014 - 07:03

Personalmente considero "Vecchia America" tra i suoi film migliori, voi che ne pensate?

 

 

 

sbiadito, sbiaditissimo...una delle tante sue scommesse perse...aveva idee troppo particolari, anche nel contesto libertario e sperimentale della new hollywood, per poter imporre la sua poetica...e sinceramente, a parte il colpaccio dell'ultimo spettacolo, ha dimostrato di non avere poi tutto questo talento...un regista colto, sensibile, ambizioso, ma senza il genio, senza la travolgente ispirazione di un altman, uno scorsese, un peckinpah...in questo, mi ricorda un po' un altra promessa non mantenuta di quell'epoca: il bob rafelson che non seppe replicare la bellezza di 5 pezzi facili, uno dei film chiave degli anni 70...

 

p.s. cybil mi faceva impazzire da ragazzino, poi mi è scaduta di brutto e adesso la odio


  • 0

panella is my co-pilot  :nod:


#18 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8669 Messaggi:

Inviato 13 dicembre 2014 - 18:38

Il suo film che ho rivisto più di recente è Paper Moon, molto ben fatto, carino e divertente ma anche un esercizio di stile abbastanza fine a se stesso.

E' un regista che sa il fatto suo ma a cui purtroppo non è stato fatto il dono del genio.


  • 0

#19 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 13 dicembre 2014 - 20:21

 

Personalmente considero "Vecchia America" tra i suoi film migliori, voi che ne pensate?

 

 

 

sbiadito, sbiaditissimo...una delle tante sue scommesse perse...aveva idee troppo particolari, anche nel contesto libertario e sperimentale della new hollywood, per poter imporre la sua poetica...e sinceramente, a parte il colpaccio dell'ultimo spettacolo, ha dimostrato di non avere poi tutto questo talento.

 

 

assolutamente non d'accordo.

 

e anche "Vecchia america" mi pare un buonissimo film.


  • 0

#20 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4985 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 16 gennaio 2022 - 20:24

*
POPOLARE

Per commemorare come si deve Peterone, mi sono sparato tre suoi film all'epoca incompresi, in seguito (parzialmente) rivalutati e che oggi meriterebbero di essere definitivamente riscoperti.
 
 
Le74Gvr.jpg
 
Daisy Miller [1974]
 
Questo fu il primo vero passo falso nella carriera di Bogdanovich, che fino a quel momento aveva inanellato un film di culto come "Bersagli" e tre buoni successi, sia di pubblico che di critica (soprattutto americana), come "L'ultimo spettacolo", "Ma papà ti manda sola?" e "Paper Moon". Lo stesso regista disse che fu un errore girarlo, perché aveva troppo poco appeal commerciale. Può darsi che avesse ragione, non lo so; io continuo a pensare che il risultato finale sia comunque più che soddisfacente. Messa in scena sontuosa, visivamente ineccepibile, dialoghi buoni: il senso del romanzo di James mi sembra che l'abbia centrato in pieno. Pure l'interpretazione della Shepherd, ai tempi massacrata senza ritegno, è in realtà ottima: la parte della civettuola Daisy le calza anzi a pennello. 
 
 
x37w1EV.jpg
 
Saint Jack [1979]
 
Dopo tre grossi flop consecutivi, Bogdanovich ci riprova con un film - sempre in bilico tra commedia e dramma (e con una parte finale da thriller politico-paranoico) - interamente ambientato a Singapore, con protagonista un Ben Gazzara in stato di grazia nei panni di un pappone (il ruolo è simile a quello da lui interpretato ne "L'assassinio di un allibratore cinese", ma qui la sua prova - se possibile - l'ho trovata ancora migliore). Una pellicola tanto cinica quanto umanissima, perché in fondo è anche una bella storia sull'amicizia. Per me aveva tutte le credenziali per diventare un classico di quegli anni e invece se lo ricordano sempre in pochi (ma buoni).
 
 
yyfoWyf.jpg
 
...e tutti risero (They All Laughed) [1981]
 
Film maledetto, se mai ce n'è uno. Parla sostanzialmente di mariti gelosi che ingaggiano detective privati per spiare le loro mogliettine, fino ad arrivare all'ironico cortocircuito (ovvero le mogli finiscono per tradire i mariti proprio con i detective assoldati). Ed è purtroppo tragicamente noto proprio a causa della follia omicida di un marito fin troppo geloso: gli scherzi del destino...
 
Confesso di aver preferito la prima parte, più spensierata; poi, secondo me, cala un po' alla distanza, per riprendersi con il bel finale dolceamaro e i divertenti titoli di coda. Credo sia destinato comunque a crescere nella mia considerazione perché sotto molti aspetti l'ho trovato amabile, alcune scene le ho letteralmente adorate, nella loro semplicità. Che dire, poi, della povera Dorothy Stratten? Una delle donne più belle che abbiano mai messo piede su questo pianeta, probabilmente. Il fatto che riesca a oscurare altre mega-tope - a proposito: notevolissimo intenditore, il buon Peter  :ossequi:  - come Patti Hansen (la compagna di Keith Richards, che qui interpreta una tassista ninfomane) e Colleen Camp (una mia "fissa" di quegli anni) la dice lunga. E volendo ci sarebbe pure una malinconica Audrey Hepburn...
 
 
tumblr_ocypeddV1X1rzbj5mo1_250.giftumblr_ocypeddV1X1rzbj5mo4_250.gif
zjwuRKY.giftumblr_ocypeddV1X1rzbj5mo10_250.gif
 
 
Colpito dall'ammaliante bellezza dell'ex playmate che sarebbe dovuta diventare "la Marilyn degli anni 80", già che c'ero ho recuperato anche "Star 80", l'ultimo film diretto da Bob Fosse, che ne narra la triste vicenda. Non male, anche se visto l'esplosivo materiale di partenza sarebbe potuto venir fuori un capolavoro tipo "Boogie Nights".

  • 11
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq