Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Monografia] Caetano Veloso


  • Please log in to reply
24 replies to this topic

#1 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25362 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2014 - 22:56

*
POPOLARE

http://www.ondarock....etanoveloso.htm


  • 42
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#2 Trivellato Pulcio

Trivellato Pulcio

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25197 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2014 - 23:08

sono bradipo e oltra a Transa non mi sono mai spinto

Transa mi ha colpito nel cuore ed ho un partioclare ricordo di "Nine Out of Ten" brano che mi fece scoprire Veloso.

Ero in macchina sul ponte che arriva a Venezia in pizzale Roma, la sera e dalla radio esce questo sound strepitoso che mi fece letteralmente girare la testa e il cuore. Bellissimo scoprire le cose dalla radio. Era poi un periodo che stavo insieme ad una italo-brasiliana, che bei ricordi. Brasiliani gente speciale.

Sono contento che è considerato il suo capo.


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#3 Trivellato Pulcio

Trivellato Pulcio

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25197 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2014 - 23:24

il primo album di Caetano i piena psichedelia mi ricorda la pazzia compositiva di Syd Barrett e di Arthur Love

ed anche il timbro di voce così un poco infantile ed ingenuo che è perfetto per queste filastrocche poppose

OT: ho sempre pensato che anche il nostro Tenco avesse quel tipo di potenzialità espressiva, peccato che fece poco rock


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#4 good vibrations

good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8283 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 novembre 2014 - 23:35

Lavoro maestoso.

Sono il primo a commentare, ma ne ho letta solo una piccola parte.
Dei pochi dischi che conosco Transa è quello "più perfetto".
  • 0
Immagine inserita

#5 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12647 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2014 - 23:55

http://www.ondarock....etanoveloso.htm

 

 

Non so se ci siano altri testi così completi al riguardo in lingua italiana (ovviamente limitandomi alla rete). Il che non toglie che potessi evitare di sottolinearlo, ma il profilo basso non mi appartiene. asd

 

Mi sono letto diversi libri e blog per metterla in piedi, oltre che ascoltato una montagna di musica (quella è stata la parte meno faticosa, fino al 1980 li conoscevo tutti e diversi anche per la fase successiva), ma la fonte più importante è stato un mio amico brasiliano, fondamentale per tradurre passi dei testi e per ottenere informazioni di vario tipo.

 

La monografia mira non solo a fare da guida, ma anche a smantellare alcuni luoghi comuni.

 

1) Caetano Veloso non c'entra niente col jazz. So che in Italia lo trovate spesso nelle sezioni jazz dei negozi e che lo invitano ai nostri festival sul tema, ma è perché altrimenti non saprebbero come darsi un vezzo.

Caetano è sempre stato ROCK, o POP se preferite, mai jazz.

 

2) Il suo disco migliore non è "Estrangeiro" come leggete ovunque in Italia, dalla rivista chic alla Blow Up ai critici più facilotti tipo Assante. Quello è semplicemente il disco con cui la critica italiana l'ha conosciuto per bene, essendo il primo che abbia avuto una distribuzione capillare ai tempi.

Siamo l'unica nazione che lo indichi all'unanimità come suo capolavoro, due domande me le farei. Ciò non toglie che sia un disco bellissimo e che vada ascoltato, ma prima per favore si passi per la produzione anni Sessanta e Settanta.

 

3) Ok, Beck, Byrne e via dicendo sono suoi fan, tutto molto bello ma per carità basta con questa cosa che per ascoltare l'"esotico" serva il santone anglofono a fare da garante. Anche perché la statura artistica di Veloso è superiore a quella di qualsiasi santone possiate pescare.

 

 

Detto ciò, è strutturata come una sorta di romanzetto nella prima parte: mi sono soffermato sulla sua vita e sulla sua lotta politica, c'è tanto da dire, è stato non solo un grande artista ma una sorta di eroe nazionale. Dal rientro dall'esilio in poi ho quindi diminuito la parte biografica perché meno influente sulla produzione artistica.

Il tutto senza mai tralasciare l'analisi musicale ci mancherebbe, è prima di tutto la musica che l'ha reso un gigante.

 

 

P.S. sì, ho consigliato una marea di dischi, ma fidatevi: mi sono trattenuto. Più avanti ci sarà la pietra per "Transa", non so quando, deciderà il calendario.

anche senza leggerla sarebbe da incorniciare per i presupposti che hai messo in evidenza, grazie per aver restituito a Veloso la sua peculiarità anti-snob e molto popular che qui in Italia è quasi un tabù, e fanculo i JAzzisti da festival incapaci di scrivere  musica come Veloso nel suo periodo d'oro che và dal 68 al 72 


  • 0

#6 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4575 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 01 dicembre 2014 - 08:41

Non ho il tempo di leggerla adesso, comunque Goz sei un grande!  :wub:


  • 0

"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"


#7 Lois

Lois

    - Dancing Queen -

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4205 Messaggi:
  • LocationSalento!

Inviato 01 dicembre 2014 - 11:05

Bellissima monografia. Si, bella lunga, sono arrivata in ritardo al lavoro per leggerla. E non l'ho finita ancora.


  • 1

ॐ मणि पद्मे हूँ

... perchè il voler bene non si compra, non si vende, non si impone con il coltello alla gola, nè si può evitare: il voler bene succede
(J. Amado - "Teresa Batista stanca di guerra")


 

... "Guys, I know Kung Fu" ...


#8 Thælly

Thælly

    mascellona da bukkake

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7093 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2014 - 11:59

Sarebbe una cosa brutta fare una playlist su Spotify o youtube con un po' di canzoni di cui si parla nella mono? :wub:
  • 0

Una tua action figure che quando la schiacci ti parla degli accordi.


#9 cerezo

cerezo

  • Moderators
  • 15678 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2014 - 12:17

quest'estate ero andato in fissa per il primo omonimo <3

 

goz, te lo sei visto questo documentario che racconta quel festival del 67 che hai citato?


  • 1

#10 veryc

veryc

    E i ramo' ?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1451 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2014 - 13:52

Accidenti quanti dischi consigliati, mi sento sperduto.

Nella monografia il primo disco è datato 1964 anche se dici chiaramente che è uscito nel '67. è un refuso oppure significa che tutti i pezzi erano già stati registrati 3 anni prima?


  • 0

Ha già fatto tutto Black Mirror

 


#11 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12647 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2014 - 17:35

 

 Veloso nel suo periodo d'oro che và dal 68 al 72 

 

Famo dal '68 all'81 dai. 

Non che i dischi successivi non siano capaci di contenere sempre almeno una gemma inestimabile, e senza contare la fiammata dei dischi del 1989 e 1991. 

Anche negli anni più recenti ha tirato zampate niente male, tipo la cavalcatona elettrica "Odeio" nel 2006 o la recentissima "A bossa nova é foda" (2012).

 

 

 

 

 

 

Certamente, li avevo presi ad esempio solo per l'incontenibile quantità di idee che contengono, ma nessun album di Veloso è superficiale o noioso, e come hai sottolineato ha sempre avuto dei picchi creativi anche negli anni 80, 90 , 2000 e anche di recente, una volta stavo quasi abbracciando l'idea di comprarmi il box di legno con la sua discografia completa, poi lo consigliai a un amico che anticipò la mia mossa e mi tolse dallo sguardo la copia disponibile in un negozio, ma sono felice perché credo che sia uno dei motivi per il quale ancora mi saluta e sorride :) 


  • 0

#12 មេធ្មប់

មេធ្មប់

    the nameless uncarved user

  • Moderators
  • 1395 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2014 - 17:45

Gozer i miei più sinceri complimenti. L'ho trovata utilissima, senza dubbio un lavoro fatto bene :nod:

Tutto il poco che ho ascoltato di Veloso l'ho amato fino a questo momento, con i tuoi consigli potrò orientarmi per bene nel 90% di roba sua che mi manca e che per la mia pigrizia di merda non ho mai approfondito asd


  • 1

il mistico è soltanto la valvola di sfogo dei tuoi incubi peggiori oggi realizzati

 


#13 bosforo

bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2014 - 00:26

Ottima monografia. Bene che hai consigliato Joia oltre ai soliti Transa, CV1, ecc. Un disco da far sentire a tutti i cantautori stracciamarones per far capire cosa si può fare in realtà con strumenti acustici e voce.


  • 1

#14 v.

v.

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1325 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2014 - 18:15

Mi fa piacere vedere finalmente qualcuno che spende un po' di righe su Joia, che solitamente (mai capito perché) viene trascurato e non so nemmeno se esista una ristampa.

Per me è il suo disco più bello, lo preferisco anche a Transa.

 

Estrangeiro... be' sì, buon disco, anche se secondo me non è invecchiato proprio benissimo. Non so se sia vero che sia considerato il suo capolavoro dalla critica italiana, io ho sempre visto indicato perlopiù Transa.


  • 0

#15 v.

v.

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1325 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2014 - 19:11

Ora che ci penso, sicuramente Estrangeiro era l'unico che si trovava nei negozi quando ero ragazzino (magari l'unico-unico no, ma comunque c'era). Magari la sua fortuna deriva da quello.


  • 0

#16 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12946 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2014 - 20:46

bella scheda, complimenti. Fa sorridere pensare al fatto che in Brasile ci sia stato per tantissimo tempo un integralismo contro le contaminazioni quando poi molta della musica migliore è venuta proprio da musicisti aperti a influenze esterne.

Una piccola cosa, visto che sto ascoltando Joia, non credo che lo strumento su Guà sia una marimba, non so cosa sia (forse mbira boh)


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#17 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4982 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 02 dicembre 2014 - 21:28

Monografia interessantissima, dato che di Veloso posseggo solo Transa (come credo molti altri utenti). Congratulations!  ;)


  • 0
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#18 brachilone

brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3408 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2014 - 16:24

Mi accodo ai complimenti per il lavorone che hai fatto, Gozer.

 

Io conosco giusto Transa, Estrangeiro e Circulado, e ho sempre considerato il primo assolutamente superiore, ma di gran lunga... solo le prime tre canzoni valgono tutto Estrangeiro, per me.


  • 0

#19 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12946 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2015 - 17:59

Gozer ho provato a mandarti un messaggio ma mi sa che il forum ha ancora qualche problema. Stavo guardando il video di Livros e ho visto che all'inizio c'è un frammento dove canta una versione bellissima di Chao de estrellas solo voce e chitarra che però viene troncato dopo pochi secondi, non è che sai se esiste da qualche parte la versione completa?
https://www.youtube....h?v=AkPozzLSrsM

 

Domanda valida anche per chiunque possa darmi informazioni


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#20 Dark Mavis

Dark Mavis

    Snacky Mike’s haircut fan

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1326 Messaggi:

Inviato 18 luglio 2015 - 11:52

Due arzilli vecchietti insomma asd

Veloso è un altro di quelli che dovrei scoprire

Del genere conosco Clube da Esquina di Nascimento e Borges che mi piace


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq