Vai al contenuto


Foto
- - - - -

La Saga Di Mad Max (Aspettando Il Quarto Film)


  • Please log in to reply
90 replies to this topic

#1 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 08:21

*
POPOLARE

ad ormai 30 anni di distanza dall’ultimo film, george miller ritorna con un nuovo capitolo della saga di mad max. vedrà tom hardy nei panni di max affiancato da charlize theron in un ruolo decisamente non di secondo piano, visto che il suo personaggio darà il titolo al quinto film della serie a quanto pare già completato e pronto per la distribuzione poco tempo dopo l’arrivo nelle sale del quarto capitolo (maggio 2015). in un tempo cinematografico come il nostro costellato di franchise di successo, trilogie pianificate, reboot e remake, non stupisce neanche più di tanto che una vecchia saga ritorni prepotentemente in auge. approfittiamone dunque per tornare a parlare dei più famosi film australiani della storia, che non hanno soltanto fatto da trampolino di lancio per un giovane mel gibson, ma hanno indelebilmente marchiato a fuoco l’immaginario cinematografico collettivo
 
INTERCEPTOR (1979)
 
MV5BMTU2MTI1NzQ5Nl5BMl5BanBnXkFtZTcwODc3
 
il film campione d’incassi del cinema australiano è ormai un classico a metà strada tra film d’azione, western e fantascienza. è girato in maniera rozza, scritto anche peggio, ma ha una sua forza ed originalità. in particolare ha una anima perversa da non sottovalutare che emerge nell’ambigua descrizione della violenza. le armi in questo film sono i veicoli, a due o quattro ruote, l’obitorio è la strada, l’accento è posto sul “crash”, lo scontro, l’incidente, rappresentati in maniera quasi eccitante. in aggiunta c’è poi il ritratto di questa polizia stradale del futuro, inguainata in divise che ricordano tanto l’immaginario gay-sadomaso quanto quello nazista. ha un certo gusto sadico ed eccessivo, e nella seconda parte si trasforma in un film di vendetta per nulla consolatorio
 
INTERCEPTOR – IL GUERRIERO DELLA STRADA (1981)
 
MV5BYWM2ODgzZmQtN2NjMC00NzgyLTk0MTUtYWFm
 
il secondo capitolo è il vero film-simbolo della saga. innanzitutto è il film che ha istituzionalizzato e reso iconico lo scenario post-apocalittico per cui è celebre la saga di mad max, questa sorta di ritorno ad un medioevo barbarico solcato da bande di motociclisti assassini e stupratori raffigurati secondo l’estetica punk dell’epoca. rispetto al precedente è più curato dal punto di vista tecnico, la regia è migliore, la stessa storia è strutturata meglio; certo chi cerca un cinema “raffinato” ha sbagliato pellicola, in particolare i dialoghi e le interazioni tra i personaggi restano raffazzonati. con questo film inoltre max diventa un personaggio dalla fisionomia maggiormente delineata, l’antieroe solitario e di poche parole. è ovvio che rispetto al prototipo questo secondo film perde in carica selvaggia ed anarchia formale, ma guadagna sicuramente in godibilità
 
MAD MAX – OLTRE LA SFERA DEL TUONO (1985)
 
MV5BZWE4YjdiNDEtZWNiZC00M2E2LTllNTMtNDU2
 
terzo film dal budget ancora più corposo, mel gibson ormai pronto per il grande salto (il film successivo sarà arma letale), lussuosa partecipazione di una diva come tina turner che firma anche la canzone, totale simbiosi con il cinema anni 80 tanto che sembra di vedere un film di lucas o spielberg giusto un po’ più sboccato e sporco. questo non è per forza un male, ma pensare da dove la serie è partita fa sicuramente un po’ strano. all’unanimità è considerato il capitolo meno riuscito e non si può che concordare. miller mette da parte cinismo e violenza, e fa “semplicemente” un film d’avventura per grandi e soprattutto piccini. non che sia brutto, ma perde nel sacrificare molto di ciò che ha reso appassionante la saga di mad max. gli inseguimenti mozzafiato nell’outback australiano e gli scontri tra veicoli però ci sono, il vero marchio di fabbrica della serie
 
ed ora tre minuti di silenzio per gustarci il bellissimo e promettente trailer di mad max: fury road
 

  • 15

#2 M83

M83

    we own the sky

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6839 Messaggi:
  • LocationOn a White Lake, Near a Green Mountain

Inviato 21 settembre 2014 - 09:13

per il momento metto solo i voti poi commenterò con più calma

 

Interceptor 9

The Road Warrior 8,5

Beyond Thunderdome


  • 0

*lastfm*

 

 Hi-Fi System

 

- Pioneer Sa-510

- Sony PS-212

- Kenwood  KX-3080

- Akai CS-M02

- Pioneer CT 737 Mark II

- Technics  Sl-Pj28A

 


#3 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12620 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 10:00

*
POPOLARE

Al solito bel post.

 

Se la trilogia di Indiana Jones era il mito dell'avventura e la trilogia di Guerre Stellari l'evasione totale, cinema che si poteva vedere insieme a tutta la famiglia, la trilogia di Mad Max era sinonimo di incubo e violenza, da guardare un po' di nascosto, roba da seconda serata su Italia 1. Del resto erano film mandati spesso censurati, ancora poco tempo fa notavo che circolano versioni terribilmente amputate dei primi due, del primo si censura platealmente anche il finale.

 

Per molti versi è una serie che esemplifica il passaggio tra il cinema degli anni 70 e 80.

 

Il primo è pura exploitation anni 70, quindi cinico, violentissimo, malato, ma anche adulto e psichedelico: la tensione è tanta che quasi non ci accorge che per buona parte del film non succede praticamente niente, fino all'esplosione della violenza negli ultimi allucinati 10 minuti.

 

(La mamma e il papà di Mad Max sono probabilmente due film poco conosciuti da noi: l'inglese "2000 la fine dell'uomo" di Cornel Wilde del 1970, da cui riprende l'idea della società impazzita preda di bande motociclisti e soprattutto l'agghiacciante e cupissimo "A boy and his dog" del 1975, film americano con un giovane Don Johnson che si aggira con il suo cane in uno scenario di distruzione che Miller terrà molto presente, aggiungendoci macchine e inseguimenti).

 

Il secondo si spinge più in là dal punto di vista visivo, diventando una specie di manifesto d'estetica punk, ancora iperviolento e morboso, ma votato a una narrazione più classica, dato che è praticamente è "Il cavaliere della valle solitaria" in salsa post-atomica. Però, pur all'interno di una gabbia più tradizionale, Miller continua ad inserire particolari destabilizzanti e stranianti per lo spettatore, come un eroe decisamente inquietante (nei primo quarto d'ora di film maltratta il suo cane e assiste impassibile allo stupro e uccisione di una donna) o personaggi che muoiono in momenti inaspettati,

 

Il terzo come scritto da Cine infine abbraccia in toto l'estetica degli anni 80, smorza moltissimo la violenza e si presenta anche come film adatto ai ragazzini. E infatti era l'unico che veniva tranquillamente trasmesso in prima serata magari persino su Canale 5. Io lo difendo comunque. E' sicuramente il minore e il più innocuo dei tre, ma preso come film a sé stante è un bel film. A ben vedere è anche il più visionario, quello dal respiro più ampio. Mantiene il senso di umanità impazzita, anzi è tutto ancora più strano e la narrazione non perde quel senso di straniamento dei capitoli precedenti, andando avanti a blocchi narrativi abbastanza imprevedibili. 

 

In generale mi è sempre piaciuta la coerenza con cui Miller modellò progressivamente il suo mondo post-atomico attraverso i tre film.

 

Certo che è curiosa la carriera di questo sicuramente dotatissimo regista. Negli 80 d'interessante firmò anche l'episodio del film "Ai confini della realtà" poi rimasto più nell'immaginario collettivo (quello del gremling che sabota l'aereo), battendo in questo i più quotati colleghi Spielberg, Landis e Dante, e poi "Le streghe di Eastwick", che a ben vedere riprendeva un tipico schema del cinema fantastico di quegli anni (l'elemento fantastico che scardina la vita di un paesino americano), ma ne ribaltava i presupposti (casalinghe frustrate al posto di ragazzini, un infoiato Jack Nicholson al posto di mostriciattoli e alieni) e i risultati (acidità e sgradevolezza al posto del sense of wonder). E poi dai 90... boh... solo film edificanti per famiglie, tra maialini coraggiosi (carini) e pinguini danzerecci ('na merda).

 

Sul trailer del nuovo poco da dire. Ci sono cose che sembrano buone: un senso delle immagini che Miller sembra non sver perso, l'abbondanza di inseguimenti, la violenza che pare non troppo soffrire dall'ormai famigerato PG13 (certo la violenza dei vecchi film è impensabile, ma intanto lo spruzzone di sangue e la lucertola smerdata non sono quello che si vede normalmente nei trailer di questa nostra epoca autocensurata) e altre che sembrano meno buone: le modelle e la fotografia patinata. Sembrerebbe che anche al Max di Hardy non verrà risparmiata la solita dose di martirio e sofferenza: anzi, un po' strambo un trailer che mostra l'eroe quasi solo incatenato e seviziato.


  • 11

#4 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 10:11

Sul trailer del nuovo poco da dire. Ci sono cose che sembrano buone: un senso delle immagini che Miller sembra non sver perso, l'abbondanza di inseguimenti, la violenza che pare non troppo soffrire dall'ormai famigerato PG13 (certo la violenza dei vecchi film è impensabile, ma intanto lo spruzzone di sangue e la lucertola smerdata non sono quello che si vede normalmente nei trailer di questa nostra epoca autocensurata) e altre che sembrano meno buone: le modelle e la fotografia patinata. Sembrerebbe che anche al Max di Hardy non verrà risparmiata la solita dose di martirio e sofferenza: anzi, un po' strambo un trailer che mostra l'eroe quasi solo incatenato e seviziato.


guardiamo il lato positivo: in tempi di gerontofilia cinematografica imperante almeno miller non ha richiamato mel gibson per fare max asd
  • 0

#5 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12620 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 10:18

Per una volta, riguardo a queste operazioni di recupero, sono abbastanza fidicioso. Voglio dire, se fai un trailer in cui si vede il protagonista che piscia, che ammazza una lucertola così tanto per, che viene seviziato e che viene usato come ornamento sadomaso, diciamo che hai messo in chiaro che non è un nuovo film di Harry Potter. Di questi tempi è già qualcosa.


  • 0

#6 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3569 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 21 settembre 2014 - 10:51

Basta nominare interceptor che subito cine ci apre un topic.......

Comunque sono maggioranza: bello il primo molto bello il secondo, il terzo mi piaceva da bambino ora mica tanto, fiducioso nel remake causa scelta di hardy.
  • 0
apri apri, apri tutto!

#7 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 12:20

Basta nominare interceptor che subito cine ci apre un topic.......


ma dove? forse ti sbagli con inception ashd in ogni caso questo topic volevo aprirlo 10 giorni fa, poi il forum è crashato e ho rimandato

 

 

ma dell'influenza della saga di mad max nella cultura pop ne vogliamo parlare? la prima cosa che mi viene in mente è il mitico manga hokuto no ken, che deve proprio tantissimo a mad max (incredibile poi come i giapponesi rimasticano la mitologia occidentale e la contaminano con il loro particolare gusto). un altro esempio - magari meno evidente, è più una citazione - nel primo saw, per stessa ammissione di james wan, la scelta che viene data ai due "ostaggi" di tagliarsi il piede con la sega è presa pari pari da interceptor. poi che dire di tutti quelli che hanno espresso il loro debito con questi film: da james cameron per cui the road warrior è uno dei suoi film preferiti, a guillermo del toro e robert rodriguez

 

insomma, come direbbero gli ondarockers: seminale


  • 1

#8 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11781 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 14:23

la saga di mad max è una di quelle che è da tanto che vorrei vedermi per bene, nel senso che ho visto vari film in tv ma sempre a pezzi e bocconi, mai per intero. Tra l'altro a proposito di influenze siccome è un tipo di film che mi attira, che altri film si sono ispirati alla saga? Da poco ho visto un pezzo (vabè) di Codice genesi per esempio e mi pare prendesse un sacco, così come Pitch black, ma immagino ci siano parecchi esempi


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#9 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 15:48

Tra l'altro a proposito di influenze siccome è un tipo di film che mi attira, che altri film si sono ispirati alla saga? Da poco ho visto un pezzo (vabè) di Codice genesi per esempio e mi pare prendesse un sacco, così come Pitch black, ma immagino ci siano parecchi esempi


in generale un po' tutto il filone post-apocalittico (non necessariamente post-atomico) ha risentito di mad max, nel rappresentare un futuro inteso non come progresso ma regresso, in cui l'umanità si ritrova a rimettere insieme i cocci della civiltà. per dire, a me anche il futuro di matrix - pur con tutte le differenze del caso - mi fa venire in mente mad max (in fondo è una specie di medioevo ipertecnologico, il futuro di matrix, ma allora qui bisogna risalire la catena di influenze ed arrivare a terminator, non a caso cameron è un grande fan di mad max). ma la cosa singolare di mad max è che ha avuto una influenza crossmediatica, visto che appunto si ritrovano suoi elementi non solo al cinema, ma anche nel mondo dei fumetti, dei videogiochi, della musica

si doveva comunque respirare un'aria particolare in quell'epoca, perché lo stesso fuga da new york di carpenter - che esce nel 1981 come the road warrior - alimenta un immaginario futuristico abbastanza simile, di sicuro sono uniti dal pessimismo per un futuro barbarico
  • 0

#10 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21851 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 19:31

grande cine, i topic migliori.

dei 3 ho visto più di recente il primo (stupendomi un po' della violenza). forse gli altri due li ho visti solo in tv a pezzi, l'uscita del quarto è l'occasione per rivedermeli tutti.


  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#11 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5700 Messaggi:
  • LocationVicenza

Inviato 22 settembre 2014 - 07:31

Il primo è veramente ottimo, il secondo un capolavoro con forse i più bei inseguimenti di sempre con gli stuntmen australiani scatenati (celeberrimo un investimento involontario con tanto di stunt finito in fin di vita inserito dal regista nel film senza tanti problemi), il terzo più spielberghiano e convenzionale l'ho sempre considerato un tradimento ma Miller c'entra sino a un certo punto.


  • 0

#12 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 22 settembre 2014 - 09:57

d'accordo i primi due sono favolosi, ma solo a me piace anche il terzo?


  • 0

#13 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12620 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2014 - 10:10

No, come ho scritto, piace molto anche a me. C'è più Hollywood e Spielberg, ma allo stesso anche più Jodorowsky e Moebius.


  • 1

#14 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5700 Messaggi:
  • LocationVicenza

Inviato 22 settembre 2014 - 10:11

A conti fatti non sarebbe neanche male se non fosse un film di Mad Max, personalmente non ho digerito il fatto che si perda la crudezza e il tono allucinato dei film precedenti che erano uno degli elementi base della saga a favore di una deriva fantasy e infantile abbastanza forzata.

Comunque nonostante la solita CG di troppo il trailer del nuovo episodio non è niente male, molto apprezzabile in particolare la citazione del mitico maggiolone chiodato da Le Macchine che distrussero Parigi di Weir, grande cult aussi degli anni 70.


  • 0

#15 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1355 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 22 settembre 2014 - 17:39

Certo che è curiosa la carriera di questo sicuramente dotatissimo regista


Una carriera alla Ridley Scott, si fa fatica a credere che il Miller degli anni '90 non sia solo un caso di omonimia.
  • 0

#16 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 22 settembre 2014 - 23:08

bè, Miller però è stato mooolto meno produttivo di Scott. Dai '90 in poi la sua produzione è centellinata

 

comunque per me "Babe", il primo (e ditemi quel che volete, al 100% un suo progetto) è un vero capolavoro. Invece "Happy Feet" per quanto tecnicamente sbalorditivo è davvero una cretinata...


  • 0

#17 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11781 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2014 - 23:20

a proposito di influenze: si trovano pure nel rock come dimostra la musica (vabè, la loro musica ricorda una versione acustica di Mad Max più o meno sempre)  e in questo caso anche il video di questo pezzo dei Feedtime, puro minimalismo di cattivissimo rock'n'roll (che mi ricorda anche di che stracazzo di gruppo fossero e che Rick che sembra il fratello malvagio di Tom Waits cresciuto però nel deserto australiano e con più catrame sulle corde vocali)

 

https://www.youtube....h?v=FYYwJ5BlCYg


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#18 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2014 - 11:05

impressionante!

 


  • 1

#19 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5700 Messaggi:
  • LocationVicenza

Inviato 11 dicembre 2014 - 11:47

'nsomma...mi piacevano di più i colori dei vecchi episodi, molto più realistici, questi sono troppo carichi e danno al tutto una patina da cartoon.

Anche  la CG mi sembra un po' troppo insistita per un film che nelle parole di Miller doveva recuperare il gusto delle pellicole precedenti, e poi troppe esplosioni, macchine che volano, riprese stroboscopiche, disastri esagerati in linea con i blockbuster moderni.

Staremo a vedere ma ho perso un po' di fiducia sinceramente.


  • 0

#20 bosforo

bosforo

    无形

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16960 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2014 - 13:45

i primi due sono capolavori, tra i film che più mi hanno segnato (li ho visti da bambino con mio fratello)

 

il terzo da vedere per completismo ma non lo trovo orribile


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq