Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Pietra Miliare] George Harrison - All Things Must Pass (1970)


  • Please log in to reply
34 replies to this topic

#1 clapat71

clapat71

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1249 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2014 - 14:21

Ciao, benvenuta la pietra, ma provvederei a correggere alcuni grossolani errori come l'affermazione che sia il primo disco solista di un Beatles dopo lo scioglimento ("McCartney" uscì ad aprile) e citerei che oltre a "Wonderwall music" Harrison fece uscire anche "Electronic sounds" prima dello scioglimento. Poi Woodstock è del '69 e non del '68.
Al di là di questo pur con tutti i grandi meriti di questo disco io sfaterei un po' anche questo mito che "poverino George gli toccava aspettare di sentire le canzoni di John e Paul". Fino al 1968 la produzione autografa di George non era proprio paragonabile e infatti quello che è contenuto in ATMP è tutto posteriore al viaggio in India.
Aggiungerei poi che la produzione "wall of sound" era di moda allora e fece scalpore, ma ad oggi risulta assolutamente datata e anche un po' frustrante in alcune tracce, tanto che quando si trattò di rimasterizzarlo, lo stesso Harrison ammise di aver dovuto trattenersi molto dalla voglia di remixarlo completamente. Io un esperimento in tal senso l'avrei fatto (l'hanno fatto tanti suoi contemporanei), ma la morte ha chiuso ogni interesse dei contemporanei sull'opera solista del povero George, che invece ha varie perle disseminate lungo tutta la produzione.
  • 3

#2 Eddie Miller

Eddie Miller

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5028 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 12 giugno 2014 - 13:09

Al di là di questo pur con tutti i grandi meriti di questo disco io sfaterei un po' anche questo mito che "poverino George gli toccava aspettare di sentire le canzoni di John e Paul". Fino al 1968 la produzione autografa di George non era proprio paragonabile e infatti quello che è contenuto in ATMP è tutto posteriore al viaggio in India.


I due brani harrisoniani in YELLOW SUBMARINE erano già stati incisi nella prima metà del '67, eppure molti tendono a dimenticarlo e li assurgono a prova della maturità compositiva raggiunta da Harrison dopo il viaggio in India.
Per non parlare di pezzi come "If I Needed Someone" suonata anche negli ultimi 2 tour dei Fab 4, e di "Taxman" che apriva un album come REVOLVER.
  • 1

#3 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 37459 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 giugno 2014 - 13:12

Ciao, benvenuta la pietra, ma provvederei a correggere alcuni grossolani errori come l'affermazione che sia il primo disco solista di un Beatles dopo lo scioglimento ("McCartney" uscì ad aprile) e citerei che oltre a "Wonderwall music" Harrison fece uscire anche "Electronic sounds" prima dello scioglimento.


Su questo Lorenzo ha risposto su Fb: "Si parla di esordio come disco di canzoni vere e proprie, i primi due furono sperimentazioni musicali di varia forma". Su Woodstock ho corretto io.
  • 0

#4 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10972 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 12 giugno 2014 - 13:20

Ciao, benvenuta la pietra, ma provvederei a correggere alcuni grossolani errori come l'affermazione che sia il primo disco solista di un Beatles dopo lo scioglimento ("McCartney" uscì ad aprile) e citerei che oltre a "Wonderwall music" Harrison fece uscire anche "Electronic sounds" prima dello scioglimento. Poi Woodstock è del '69 e non del '68.


Sì scusa Woodstock si intende come luogo fisico, non il festival, lo specifico meglio.

Poi ovvio la pietra è fatta dal punto di vista di George Harrison, nessuno nega che i Beatles prima del '68 e in buona parte anche dopo siano Lennon + McCartney, ma questo non è in contraddizione con quanto ricorda Harrison, però...
  • 0

Immagine inserita


#5 Jet

Jet

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1951 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 giugno 2014 - 13:22

I due brani harrisoniani in YELLOW SUBMARINE erano già stati incisi nella prima metà del '67, eppure molti tendono a dimenticarlo e li assurgono a prova della maturità compositiva raggiunta da Harrison dopo il viaggio in India.


Fanno anche abbastanza schifo tralaltro, due scarti del periodo meno ispirato dei Fab4
  • 0

#6 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 13:54

Sì, tua nonna.
  • 1

#7 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 13:57

Al di là di questo pur con tutti i grandi meriti di questo disco io sfaterei un po' anche questo mito che "poverino George gli toccava aspettare di sentire le canzoni di John e Paul". Fino al 1968 la produzione autografa di George non era proprio paragonabile e infatti quello che è contenuto in ATMP è tutto posteriore al viaggio in India.


I due brani harrisoniani in YELLOW SUBMARINE erano già stati incisi nella prima metà del '67, eppure molti tendono a dimenticarlo e li assurgono a prova della maturità compositiva raggiunta da Harrison dopo il viaggio in India.
Per non parlare di pezzi come "If I Needed Someone" suonata anche negli ultimi 2 tour dei Fab 4, e di "Taxman" che apriva un album come REVOLVER.


E Art Of Dying, da All Things Must Fart, è del '66, anymodo.
  • 0

#8 tonysuper

tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3221 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 14:02

Non dimentichiamo che George Harrison era celeste, come Paul e a differenza di John che era rosa.
  • 0

#9 Eddie Miller

Eddie Miller

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5028 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 12 giugno 2014 - 14:45

E Art Of Dying, da All Things Must Fart, è del '66, anymodo.


:rotfl:
  • 0

#10 clapat71

clapat71

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1249 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 15:03

I due brani harrisoniani in YELLOW SUBMARINE erano già stati incisi nella prima metà del '67, eppure molti tendono a dimenticarlo e li assurgono a prova della maturità compositiva raggiunta da Harrison dopo il viaggio in India.


Fanno anche abbastanza schifo tralaltro, due scarti del periodo meno ispirato dei Fab4


Ecco appunto, sono lì perché ai Beatles di quel cartone animato non gliene è fregato nulla fino a quando si sono accorti che ne erano tutti entusiasti e, se posso dire, Hey Bulldog e All together now sono meglio di entrambe le canzoni di George.
  • -1

#11 clapat71

clapat71

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1249 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 15:08

Per non parlare di pezzi come "If I Needed Someone" suonata anche negli ultimi 2 tour dei Fab 4, e di "Taxman" che apriva un album come REVOLVER.

Sono due canzoni, due... e la produzione del '67 non è che brilli, visto che se togli l'arrangiamento a "Within you without you" non ne esce qualcosa di molto meglio della lagnosa "Blue jay way".
E' indubbio che invece le quattro canzoni sul White album siano fantastiche e mi spiace non abbiano recuperato poi "Not Guilty", che in fondo poteva ben sostituire la seconda versione di "Isn't it a pity"...
  • 0

#12 Jet

Jet

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1951 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 giugno 2014 - 16:38

Sì, tua nonna.


Suvvia, i primi mesi dopo Sgt. Pepper's i Beatles non ci anno capito proprio nulla

Hey Bulldog e All together now sono meglio di entrambe le canzoni di George.


Senza dubbio
  • 0

#13 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25362 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 16:53

se togli l'arrangiamento a "Within you without you"


E se a mio nonno metti una ruota diventa una cariola.

Visto che l'arrangiamento in "Within you without you" C'E', non vedo perché doverlo togliere.
E dato che c'è, ne fa di gran lunga il miglior pezzo dell'album, così come erano già pienamente mature - e non acerbe come le state spacciando - le varie "Love you to", "If I needed someone" e "Think for yourself".

Harrison il Beatles più figo, e di gran lunga.

Detto ciò, "All Things Must Pass" a dispetto dei bellissimi singoli è un pastrocchio totale. asd
  • 3
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#14 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 17:38


Sì, tua nonna.


Suvvia, i primi mesi dopo Sgt. Pepper's i Beatles non ci anno capito proprio nulla


Ma It's Only A Northern Song è stata registrata nel pieno delle session di Sgt. Pepper, nel febbraio 1967.

Li studiamo i fondamentali della storia universale o no?

E nei "primi mesi dopo Sgt. Pepper", ovvero fin da aprile, prima ancora che venisse pubblicato in giugno, i Beat Holes stavano comunque registrando i brani dell'EP Magical Mystery Tour, la qual cosa non mi pare esattamente non haverci capito proprio nulla, musicalmente. [=tralasciando il film].

Within You Without You non si può scindere dal suo arrangiamento, perchè fin da subito così è stato concepito il brano, ovvero indianamente, come Love You To e Inner Light. Non è come mettere come ornamento, scusate la parolaccia, il sitar in Norwegian Wood.

E a me piace alquanto Don't Bother Me del '63, cari amici.
  • 1

#15 tonysuper

tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3221 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2014 - 18:01

Harrison il Beatles più figo, e di gran lunga.




Potresti persino avere ragione.
  • 0

#16 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 37459 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 giugno 2014 - 20:23


Harrison il Beatles più figo, e di gran lunga.


Potresti persino avere ragione.


Io questa cosa a dire il vero l'ho sempre pensata ;D (ho fatto finta di non leggere il seguito del post, invece).
Nel (bellissimo) film "Living In The Material" di Scorsese su Harrison, alludendo ai suoi flirt, la moglie Olivia risponde così alla domanda "come avete fatto a restare sposati tanto tempo?"... "Perché non ho chiesto la separazione" asd
  • 2

#17 Jet

Jet

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1951 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 giugno 2014 - 23:13



Sì, tua nonna.


Suvvia, i primi mesi dopo Sgt. Pepper's i Beatles non ci anno capito proprio nulla


Ma It's Only A Northern Song è stata registrata nel pieno delle session di Sgt. Pepper, nel febbraio 1967.

Li studiamo i fondamentali della storia universale o no?

E nei "primi mesi dopo Sgt. Pepper", ovvero fin da aprile, prima ancora che venisse pubblicato in giugno, i Beat Holes stavano comunque registrando i brani dell'EP Magical Mystery Tour, la qual cosa non mi pare esattamente non haverci capito proprio nulla, musicalmente. [=tralasciando il film].


Fu cominciata durante le sessions di Sgt. Pepper's ma subito scartata proprio perché nulla in confronto a quel capolavoro, poi venne ripresa un po' di volte senza che se ne facesse mai nulla, e fu, alla fine, infilata nel film Yellow Submarine insieme ad altri scarti. Questo dà più o meno l'idea di quanto tenessero in considerazione quella canzone.

Ribadisco, guardati le sessioni di registrazione tra aprile e agosto '67 (fino alla morte di Epstein e l'inizio di MMT): hanno praticamente cazzeggiato in studio, salvo solo "All You Need Is Love".
  • 0

#18 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4982 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 13 giugno 2014 - 00:06

se togli l'arrangiamento a "Within you without you"


E se a mio nonno metti una ruota diventa una cariola.

Visto che l'arrangiamento in "Within you without you" C'E', non vedo perché doverlo togliere.
E dato che c'è, ne fa di gran lunga il miglior pezzo dell'album, così come erano già pienamente mature - e non acerbe come le state spacciando - le varie "Love you to", "If I needed someone" e "Think for yourself".

Harrison il Beatles più figo, e di gran lunga.

Detto ciò, "All Things Must Pass" a dispetto dei bellissimi singoli è un pastrocchio totale. asd


Per la serie esticazzi: non ci dormirai la notte, lo so asd, ma è già la seconda volta nel giro di pochi giorni che ti giochi un mio "ambito" + con la chiosa finale... (non ho ancora digerito la fesseria su Jimi Hendrix nel topic aperto dal clone in un post che, per il resto, era perfetto).
  • 0
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#19 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7709 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2014 - 06:44

Il Beatle più figo era la nonna di Mal Evans, and that's a chiosa.
  • 0

#20 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25362 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2014 - 12:40



se togli l'arrangiamento a "Within you without you"



E se a mio nonno metti una ruota diventa una cariola.

Visto che l'arrangiamento in "Within you without you" C'E', non vedo perché doverlo togliere.
E dato che c'è, ne fa di gran lunga il miglior pezzo dell'album, così come erano già pienamente mature - e non acerbe come le state spacciando - le varie "Love you to", "If I needed someone" e "Think for yourself".

Harrison il Beatles più figo, e di gran lunga.

Detto ciò, "All Things Must Pass" a dispetto dei bellissimi singoli è un pastrocchio totale. asd


Per la serie esticazzi: non ci dormirai la notte, lo so asd, ma è già la seconda volta nel giro di pochi giorni che ti giochi un mio "ambito" + con la chiosa finale... (non ho ancora digerito la fesseria su Jimi Hendrix nel topic aperto dal clone in un post che, per il resto, era perfetto).

Tranquillo che la notizia non mi toglierà il sonno.

Comunque su Hendrix non ricordo fesserie di sorta, come del resto per questo disco, perché se mi venite a dire che le diciotto canzoni sono tutte all'altezza o che vi ascoltate volentieri anche la parte con le jam vi si allunga il naso suvvia.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq