Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Playlist (9-16/11/2012)


  • Please log in to reply
41 replies to this topic

#1 vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18552 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 12:26

Regis - Death Head Said 7

Le cose primordiali di Karl O'Connor. Pompa un casino.

Franco Battiato - Apriti Sesamo 5,5

E' invecchiato parecchio. E mi pare eccessivamente scontato sia melodicamente, sia nei testi dove non riesce a beccare una metafora pungente. Farà del suo meglio come assessore?

Rewind:
Franco Battiato - Mondi lontanissimi 7,5
Franco Battiato - La Voce del padrone 8,5
Franco Battiato - Gommalacca 7
Franco Battiato - Dieci stratagemmi 6

Goat - World Music 7

Questi qui sono tornati indietro di molto. E' muffa di pregevole fattura. Mescolano funk e psichedelia d'annata con discreta convinzione. Sarebbe perfetto come colonna sonora di un qualunque film pulp. Trascinante nella sua retrospettiva wah wah.

Christopher Rau - Two 7

House cristallina. Nulla fuori posto. Il buon Rau è un maestro della delicatezza ai controlli. Credo che sia l'unico ad avere quel tocco così morbido, o giù di lì.

Bambounou - Orbiting 6

http://ondarock.it/r...ou_orbiting.htm

Vazz / La Bambola Del Dr Caligari - Whisper Not / The Wrong Holiday 7,5

Qui il thread.

Dusk & Blackdown - Margins Music 8

Torno indietro, tra i mercati dei miei fratelli islamici.

Chewingum - Nilo 6,5

Irriverenti e indiani all'occorrenza. Carinissimi e pezzi curatissimi. Bravi, bravi questi ragazzi. Magari crescono e qualcuno comincia a parlarne bene.

Poi ho ascoltato tantissimo i Raime e qualsiasi cosa sfornata dal duo in questi ultimi anni, i due Crystal Ark con il loro ultimo disco troppo spaccone newyorchese fino al midollo, l'ultimo di Delay molto bello su cui dirò la mia a breve e l'ultimo di Vitalic che trovo eccessivamente coatto e con troppe poche tracce degne di nota, ma voglio comunque concedergli altre possibilità nei prossimi giorni prima di pisciarci sopra a dovere.
  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#2 ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4876 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 16 novembre 2012 - 13:18

piaciuti:
Ricardo Donoso - Assimilating the Shadow (2012) progressive electronic
Steve Hauschildt - Tragedy & Geometry (2011) progressive electronic
Steely Dan - Gaucho (1980) jazz/rock

piaciucchiati:
D'EON - LP (2012) boh un po' di tutto
  • 0

rWLR9BW.png


#3 khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16866 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:21

di Hauschildt si trova giusto da ieri il nuovo, sempre per Kranky
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#4 slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7408 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:22

Chewingum - Nilo 6,5
Irriverenti e indiani all'occorrenza. Carinissimi e pezzi curatissimi. Bravi, bravi questi ragazzi. Magari crescono e qualcuno comincia a parlarne bene.


già fatto, tra quelli che ho sentito uno dei migliori dischi italiani di quest'anno, molto fresco e divertente.
  • 1

#5 ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4876 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 16 novembre 2012 - 13:22

di Hauschildt si trova giusto da ieri il nuovo, sempre per Kranky


naisssssssss
  • 0

rWLR9BW.png


#6 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:30

Ritorniamo ai vecchi tempi, quando facevo la playlist tutta indiepop che gocciola glucosio:

The Twerps - The Twerps (2011) - bello.
Wow, bell'indiepop all'antica, comincia con un capolavoro di canzone. In mezzo c'è del buon vecchio revival psichedelico, niente di nuovo ma piacevole. Sembra che becchino più d'una volta le melodie giuste.

The Springfields - Tutti i singoli (1988-199?) - ****
Raffinati amanuensi, rifanno i Pastels e anche i primi Primal Scream. Hanno un tocco parecchio piacevole anche se non sono tra i miei preferiti.

Talulah Gosh - Backwash (1996) - ***1/2
Il raccoltone di quest'altro gruppo di Amelia Fletcher. Preferisco gli Heavenly, qui c'è meno cura.

The Auteurs - New Wave (1993) - ****
Un capolavoro mancato, nel senso che con una produzione diversa sarebbe stato un disco chiave del britpop. Così com'è, tenue, sottopelle e morbido, è un gran bel disco di indiepop bowieano.
  • 3

#7 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14252 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 16 novembre 2012 - 13:36

Goat - World Music 7

Questi qui sono tornati indietro di molto. E' muffa di pregevole fattura. Mescolano funk e psichedelia d'annata con discreta convinzione. Sarebbe perfetto come colonna sonora di un qualunque film pulp. Trascinante nella sua retrospettiva wah wah.


In che senso sono tornati indietro di molto? Cronologicamente?Non è il loro esordio.
Ne sto leggendo benissimo ovunque, li ho appuntati in attesa che passi l'hype ed il prezzo scenda
  • 0
Adescatore equino dal 2005

#8 nino#

    Slackware addict

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5233 Messaggi:
  • LocationῬήγιον - Μεγάλη Ἑλλάς

Inviato 16 novembre 2012 - 13:39

2012

Jenny Berkel - Here on a Wire - 7+ bandcamp
Una cantautrice canadese languida e delicata.

Andy Shauf - The Bearer of Bad News - 8+ recensione di Lorenzo Righetto
Voto basso, Lorenzo. :)

Julie Doiron - So Many Days - 7- recensione di Lorenzo Righetto
Alcuni brani son proprio belli...

Mimes of Wine - Memories Of The Unseen - 8+ recensione di Lorenzo Righetto
Questo, per me, finora, è l'album "italiano" dell'anno...

Black Prairie - The Storm in the Barn - 7/7.5 recensione
Bella e drammatica soundtrack teatrale...

PRIMA

June Tabor - Ashore (2011) - 8 - Una vera signora del folk...


http://youtu.be/_wgzKpWWEjA
  • 0
VINDICA TE TIBI

#9 corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12345 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 16 novembre 2012 - 13:52

enormi:
Bill Nelson The Love That Whirls (Diary of a Thinking Heart) [art pop, new wave, 1982]
Bill Nelson Chimera [art pop, new wave, 1983]
Robert Wyatt Dondestan [art rock, jazz, ?, 1991]
Egyptian Hip Hop Good Dont' Sleep [art pop, 2012]

spaccano:
Cabaret Voltaire The Crackdown [ebm, synth pop, 1983]
Pieter Nooten & Michael Brook Sleeps with the Fishes [ambient, 1987] disco bello, ma lungo e con qualche riempitivo, del cantante dei Clan of Xymox con uno dei padri dell'ambient anni'80. la versione cameristica-ambientale della xymoxiana "After the Call" è però un capolavoro assoluto.
The Legendary Pink Dots Nemesis Online [art rock, 1998]
Broadcast and The Focus Group Broadcast and The Focus Group Investigate Withc Cults of the Radio Age [experimental, 2009]

delusione enorme:
Raime Quarter Turns on a Living Line [dark ambient, 2012] mi aspettavo grandi cose dopo l'ep omonimo e i singoli. invece niente techno, niente atmosfera, solo malessere che alla fine mi stufa. peccato

delusione scontata:
Andy Stott Luxury Problem [techno pettinata, 2012] :zzz:
  • 2

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと ... 僕はわかった

 


#10 Garp Trivante Stewart

    Inelegantly Wasted In Papa's Penthouse Pad In Belgravia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26241 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:55

Sta settimana di lavoro solitario in ufficio c'ho dato che c'ho dato che c'ho dato
Un bel minestrone di roba

Rover - s/t
Dan Auerbach - Keep It Hid
The Cure - The Head On The Door
The Cure - Wish
Toy - s/t
X - Under The Big Black Sun
Social Distortion - Mommy's Little Monster
My Bloody Valentine - Isn't Anything
Television - Adventure

Rover mi ha stregato al primo ascolto
Speriamo non si ammosci con quelli prossimi
  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#11 geeno

    Pussy Malanga

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11845 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:57

The Twerps - The Twerps (2011) - bello.
Wow, bell'indiepop all'antica, comincia con un capolavoro di canzone. In mezzo c'è del buon vecchio revival psichedelico, niente di nuovo ma piacevole. Sembra che becchino più d'una volta le melodie giuste.


me li ricordo molto kiwi/flying nun ma forse avevo ascoltato quello prima.
  • 0

#12 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27666 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 13:59

delusione enorme:
Raime Quarters Turn on a Living Line [dark ambient, 2012] mi aspettavo grandi cose dopo l'ep omonimo e i singoli. invece niente techno, niente atmosfera, solo malessere che alla fine mi stufa. peccato

delusione scontata:
Andy Stott Luxury Problem [techno pettinata, 2012] :zzz:


Qua la mano.
  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#13 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 14:02


The Twerps - The Twerps (2011) - bello.
Wow, bell'indiepop all'antica, comincia con un capolavoro di canzone. In mezzo c'è del buon vecchio revival psichedelico, niente di nuovo ma piacevole. Sembra che becchino più d'una volta le melodie giuste.


me li ricordo molto kiwi/flying nun ma forse avevo ascoltato quello prima.


Sì se non sbaglio sono australiani, è buon guitar pop
  • 0

#14 kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 14:30

Flying Lotus - Until the Quiet Comes(2012) glitch-hop 7,5
Jay-Z & Kanye West - Watch the Throne (2011) hip hop 7
Efterklang - Piramida (2012) art folk 7
  • 2

#15 sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4348 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 16:41


delusione enorme:
Raime Quarters Turn on a Living Line [dark ambient, 2012] mi aspettavo grandi cose dopo l'ep omonimo e i singoli. invece niente techno, niente atmosfera, solo malessere che alla fine mi stufa. peccato

delusione scontata:
Andy Stott Luxury Problem [techno pettinata, 2012] :zzz:


Qua la mano.


Eccola

Immagine inserita
  • 2
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#16 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27666 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 16:52

Non bastava Stott, pure Raime mo' Sfos? Le ciechi tutte 'ste monnezze ormai, basta un po' d'atmosfera e cadi a picco, che poi la composizione sia ormai ridotta ai minimi termini e le produzioni sempre più stereotipate a quanto pare non conta...
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#17 sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4348 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 16:52

I miei ascolti

Erikah Badu - Baduizm 6.5
Un po' tutto uguale, elegante comunque.
Gang Starr - Hard to earn 7+
Old school da non dimenticare, scratch e cupezza urbana a palate. Mass Appeal inno.
Yo la tengo - Painful 7.5
Atmosfere oniriche e suggestive in un disco dolcemente crepuscolare. Rilassante e suggestivo.

Il pezzo della settimana (e forse a sto punto il mio preferito di tutta la musica rap)

http://www.youtube.com/watch?v=G272iYvxW_w

Eh, goz, i Raime hanno un gran disco: produzione stereotipata manco per sogno, certi beat fan venire giù la casa, la composizione è sì ridotta all'osso, ma è uno dei pochi casi in cui l'atmosfera non è creata solo dall' estetica, ma da precisi suoni (angoscianti e tenebrosi come pochi). Non mi pare che i Throbbing Gristle siano poi tanto più dinamici.
  • 0
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#18 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22413 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 16 novembre 2012 - 17:00

Penelope sulla Luna: Superhumans 7
I 65 Days of Static de noantri. Un po' elettronici, un po' (tanto) soft/loud, un po' emo e un po' prog. Un po' metalli, anche. La registrazione poteva essere migliore, ma sanno il fatto loro. Notevoli.

El Perro del Mar: Pale Fire 7
Non conosco il giudizio negativo di Moltisanti sul sito. Sarà che non conosco le opere precedenti.

Sam Lee: A Ground of Its Own 7,5
Mi sa che se non mi prende di più è solo perché è troppo simile (e dunque anche troppo diverso) a una serie di idee che avevo in mente da tempo. Va' che rompicazzo che sono :P

Solstice: Silent Dance 7
Neoprog anni ottanta. Come sentire i Renaissance con la voce di Jon Anderson e il "colore" un po' pacchiano dei tardi Weather Report. Non ci crederete ma è bello.

Jamie Smith's MABON: Windblown 7
Folk celtico tradizionale, di quello virtuosistico, molto strumentale, danzereccio. Acustico e ruspante. Molto dinamico (a tratti quasi soft/loud) e ben inciso.
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#19 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27666 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:06

I Throbbing Gristle? o_O Non erano dinamici? Passi il primo album che in effetti è un po' mattone, ma i Gristle di canzoni fatte e finite come United, Hot on the heels, Adrenaline, Zyklon o squisite composizioni come AB 7A... ma già solo il fatto che sapessero spaziare dal pezzo space alla Tangerine alla pop-song passando per il collage di rumore totale, così come se bevessero un bicchiere d'acqua, li pone proprio su tutt'altro pianeta de 'sti tizi che dici tu, che da quanto ho sentito sanno evocare una sola atmosfera e la ripetono ad libitum. Non avresti manco dovuto tirarli in ballo i Throbbing.
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#20 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30961 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:07

Robert Wyatt Dondestan [art rock, jazz, ?, 1991]


:wub:
  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#21 sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4348 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:14

Mi riferivo evidentemente ai Throbbing Gristle meno sintetici e "canzonettari", dunque sì, a quelli del primo disco che però non ti piacciono, quindi c'è una certa coerenza. Comunque se la mia memoria non mi inganna, anche in questo disco c'era più o meno lo stesso senso di monotonia e oppressione, inframezzato da canzoni vere e proprie:
Immagine inserita

Immagine inserita

Diciamo che non è il disco in cui cercare la varietà, ma al momento non è una cosa che mi scoccia più di tanto, anche perchè è pure breve come durata.
  • 0
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#22 vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18552 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:18


Goat - World Music 7

Questi qui sono tornati indietro di molto. E' muffa di pregevole fattura. Mescolano funk e psichedelia d'annata con discreta convinzione. Sarebbe perfetto come colonna sonora di un qualunque film pulp. Trascinante nella sua retrospettiva wah wah.


In che senso sono tornati indietro di molto? Cronologicamente?Non è il loro esordio.
Ne sto leggendo benissimo ovunque, li ho appuntati in attesa che passi l'hype ed il prezzo scenda


Nel senso musicale, intendo i suoni, le atmosfere. Sembra un disco del '72. Tutto qui.
  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#23 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:23


Immagine inserita

Immagine inserita




capo
  • 3

 


#24 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27666 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2012 - 17:33

Mi riferivo evidentemente ai Throbbing Gristle meno sintetici e "canzonettari", dunque sì, a quelli del primo disco che però non ti piacciono, quindi c'è una certa coerenza

Il primo dei Throbbing non è che non mi piaccia, è che non è un disco da ascolto. E' uno di quei dischi che sei contento che esistano perché ha aperto miliardi di porte, però poi non lo ascolti mai.
Comunque manco prendendo quello il paragone mi convince: era un disco feroce, un disco da assalto, puntava tutto sul valore concettuale e sullo scardinare le convenzioni, non era un disco da immersione, non voleva creare un'atmosfera che ti avvolgesse o ti creasse uno sfondo, voleva solo farti dire "ma che è 'sto bordello?" mentre l'ascoltavi (riuscendoci benissimo).
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#25 kingsleadhat

    कगलु विपश्यना बाद वैश्व

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2685 Messaggi:
  • LocationBangkok, TH

Inviato 17 novembre 2012 - 08:19

per me di industrial i Raime hanno ben poco, è evidentemente un disco ambientale che si rifà parzialmente a quell'umore lì.
non ha dinamicità in questo senso, procede per ripetizione, un po' alla Caretaker, giusto per infilarci un altro nome che non c'entra una sega asd

mancano comunque dei bassi veri e propri per farmi innamorare del tutto.

Goat - World Music 7

Questi qui sono tornati indietro di molto. E' muffa di pregevole fattura. Mescolano funk e psichedelia d'annata con discreta convinzione. Sarebbe perfetto come colonna sonora di un qualunque film pulp. Trascinante nella sua retrospettiva wah wah.


"trascinante" soprattutto.
  • 0

#26 kingsleadhat

    कगलु विपश्यना बाद वैश्व

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2685 Messaggi:
  • LocationBangkok, TH

Inviato 17 novembre 2012 - 08:28

ah, la playlist, tutta 2012.

DIAMOND TERRIFIER - Kill The Self That Wants To Kill Yourself [avant-jazztronica]

VLADISLAV DELAY - Kuopio [elettronica] +

CORUM - Beguiling Isle Born Of Earth's Torment [psichedelia]

GABRIEL SALOMAN - Adhere [ambient-drone] +

GARETH DAVIS & FRANCIS-MARIE UTTI - Gramercy [dark-modern-classical] +

KOI POND - So Higher [psych-rock]


pensierino:

PETE NAMLOOK - Silence V [ambient, 1998]
  • 0

#27 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 10:51

pensierino:

PETE NAMLOOK - Silence V [ambient, 1998]


:°°°°°°°°°
  • 0

 


#28 good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8757 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 17 novembre 2012 - 11:10

Alt-J - An awesome wave [2012] 10
Mi è entrata dentro ogni singola nota, comprese quelle degli intermezzi. Nell'Olimpo. Matilda è il capolavoro assoluto, ma l momento la mia preferita è Taro.

Egyptian Hip-Hop - Good don't sleep [2012] 8
Mi invitano a non dormire, e infatti non lo faccio. Questo invece mi sta conquistando piano piano, The White falls, Alalon, Yoro Diallo, SYH. Crescerà.

Goldenboy - Blue swan orchestra [2002] 7,5
Alt pop perfetto. Forse troppo.

Neil Young - Psychedelic pill [2012] 6,5
Dimenticabili le canzoni, ottime le jam. Ma alla lunga mi sa che stuferanno anche queste.

Primi ascolti di Rover, sembra veramente ottimo.
  • 3
Immagine inserita

#29 Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12454 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 13:01

Raime - Quarter Turns to a Living Line
http://forum.ondaroc...ver-black-2012/

La Morte - La Morte
http://forum.ondaroc...dracula-corpoc/

Eyeless in Gaza - Drumming the Beating Heart
Capovolgendo indebitamente il tempo Martyn Bates mi rinvierebbe d'istinto a Richard Youngs: per il modo impetuoso ma dolce di usare la voce, aperto e un po' sgraziato, traboccante fiumane di pathos naif-romantico non senza qualche punta di isteria post-punk. Ma anche per la costruzione minimale (nel senso proprio dei mezzi impiegati) dei brani, per quel senso di solennità casereccia e rustica, intimissima nel suo vibrar fuori dalle corde vocali.
.
Però lo scozzese è venuto dopo e i suoi riferimenti sono altri, mentre Bates si muove in solchi wave (lo si sente ancora nella voce che a volte mi rimanda - fissa mia - ai backing vocals breathlessiani di Gary Mundi), solo venendo vistosamente meno le dinamiche "rock" in favore di un'ispirazione più folk (e qui ritorna il parallelo con Youngs).

Lo ascolto immaginando di trovarmi immerso in una brughiera nebbiosa e umida, dai riflessi blueviolacei, posando lo sguardo traverso la bruma sulle cose attorno, senza capire se si stiano allontanando o viceversa facendosi più vicine.


Continuano dalle settimane precedenti:
Evangelista - Hello Voyager
EMA - Past Life Martyred Saints
  • 2
A chemistry of commotion and style

#30 Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4073 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 17:45

Eyeless in Gaza - Drumming the Beating Heart
Capovolgendo indebitamente il tempo Martyn Bates mi rinvierebbe d'istinto a Richard Youngs: per il modo impetuoso ma dolce di usare la voce, aperto e un po' sgraziato, traboccante fiumane di pathos naif-romantico non senza qualche punta di isteria post-punk. Ma anche per la costruzione minimale (nel senso proprio dei mezzi impiegati) dei brani, per quel senso di solennità casereccia e rustica, intimissima nel suo vibrar fuori dalle corde vocali.
.
Però lo scozzese è venuto dopo e i suoi riferimenti sono altri, mentre Bates si muove in solchi wave (lo si sente ancora nella voce che a volte mi rimanda - fissa mia - ai backing vocals breathlessiani di Gary Mundi), solo venendo vistosamente meno le dinamiche "rock" in favore di un'ispirazione più folk (e qui ritorna il parallelo con Youngs).

Lo ascolto immaginando di trovarmi immerso in una brughiera nebbiosa e umida, dai riflessi blueviolacei, posando lo sguardo traverso la bruma sulle cose attorno, senza capire se si stiano allontanando o viceversa facendosi più vicine.


bravo Not, anche se Youngs lo vedo lontanino sia come voce che come costruzione.

tipo un pezzo come One by One è così meraviglioso nella sua semplicità naive che Youngs si imbarazzerebbe a cantarla. cioè, c'è della grande ricerca dietro Youngs che invece non ritrovo negli Eyeless.
  • 0

#31 bar shoma

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 967 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 19:21

Robert Ashley - Private Parts (1977) 10/10
  • 0

#32 Gozer

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27666 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 19:39

bravo Not, anche se Youngs lo vedo lontanino sia come voce che come costruzione.

tipo un pezzo come One by One è così meraviglioso nella sua semplicità naive che Youngs si imbarazzerebbe a cantarla. cioè, c'è della grande ricerca dietro Youngs che invece non ritrovo negli Eyeless.

Per me a livello melodico c'è più complessità negli Eyeless. Non riesco in effetti a capire granché il paragone di Not: è vero che sono due cantanti enormemente emotivi (non dico emozionanti, dico proprio emotivi: prima si emozionano loro mentre cantano, l'ascoltatore viene dopo). Però a parte questo aspetto, da un lato abbiamo il cantante degli Eyeless in Gaza che ha linee melodiche ben strutturate (strofa, ritornello, bridge) e contorte dal suo modo assurdo di cantare, dal suo disperarsi e sgolarsi come se gli avessero aperto il ventre senza anestesia, dall'altro abbiamo Youngs che sostanzialmente si inventa una-frase-melodica-una e via a ripeterla per tutto il brano. Quando ci parlai alla fine del concerto gli chiesi il titolo di un brano che non conoscevo e lui mi fece "fatico anche io a riconoscere i miei pezzi, sono tutti uguali". asd Volevo abbracciarlo.
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo


7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

Tra due anni torniamo per vincere.


#33 explodinghead

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 369 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 19:40

Popol Vuh - Letzte Tage, Letzte Nächte
Goat - World Music
Neil Young & Crazy Horse - Psychedelic Pill
The Doors - TUTTO
  • 1

#34 kingsleadhat

    कगलु विपश्यना बाद वैश्व

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2685 Messaggi:
  • LocationBangkok, TH

Inviato 17 novembre 2012 - 19:46

Popol Vuh - Letzte Tage, Letzte Nächte


bellissimo. a mio avviso il più emozionante PV dopo la triade iniziale.
  • 0

#35 Stebroc

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1772 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2012 - 21:20

E' da un anno quasi che non faccio una playlist...

The Beach Boys - The Smile Sessions (2011) Psychedelic Pop, Baroque/Sunshine pop 9

Si è parlato troppo poco di quest'uscita...

Riapprofitto della playlist per dire che con le Sessions, ha avuto una degna pubblicazione una delle opere pop più uniche e geniale mai partorite dall'essere umano

Artisti Vari - A Christmas gift for you (1963) Christmas Music, Brill Building 9

Non ci sono molte parole per definire la grandezza di sto disco. Credo sia l'utente Rover 84 ad aver scritto una breve (ma bellissima) recensione di questo disco su Rym. Recensione che, per quel che mi riguarda, riassume tutte le sensazioni che ho quando ascolto sta meraviglia. Spector aall'epoca si dedicava solo ai 45 giri, ma quando si è concentrato sul 33 il risultato è venuto fuori. Il Wall of sound sembra fatto apposta per dei classici di natale come " Frosty the Snowman", "Winter Wonderland" e aumenta a dismisura la tensione emotiva dei pezzi. Arrangiamenti capolavoro (la marcia irrestibile dei "soldatini di legno" con trombe, percussioni giocattolo e supremi stacchi batteristici, sarebbe da far ascoltare a chiunque voglia arrangiare un pezzo pop), vocalità meravigliose e originali( dal caratteristico timbro di " Ronettes e Crystals" alla perfezione pop/soul di "Darlene Love". E nell'unico pezzo originale "Christmas( Baby please come home)", la voce e l'interpretazione di Darlene Love è da accapponare la pelle. Non è solo un disco un natale ma un sublime disco pop. E ora che si va incontro al 25 dicembre, ascoltatelo senza indugi. Fa bene al cuore.

Nick Drake - Bryter Layter (1970) Folk, Songwriter 7 e mezzo/8

"Forse" diventerà il mio preferito di Nick. Per via di quegli arrangiamenti così eterei e ricchi. I Ricami sax di " At the chime of the city clock", il jazz di "Poor Boy", il valzer pianistico di "One of these things first" e il classico "Northern Sky". Gran disco.

The Beach Boys - Friends (1968) Sunshine pop, Psychedelic pop 7+, 7 e mezzo

Tra i dischi dei 60' del dopo "Pet Sounds" questo è sicuramente il meno bello. Tutavia c'è sempre spazio per quelle 3, 4 canzoni belle alla "Beach Boys, e in generale il disco è continuo e tutto abbastanza godibile.

The Who - My generation (1965) Pop/rock/Beat/Garage 7 e mezzo/8

Oddio qualche riempitivo c'è ma sto disco ha una forza che rade al suolo tutto ciò che incontra.

A contraltare dei momenti più squistamente ruock come "Out in the street", e la superba e sempreverde title track, vi sono alcuni esempi del talento(anche melodico) di Townshend, come "La La Lies" e "The kids are alright". Straordinaria anche "i don't mind" di James BRown. Disco da ascoltare rigorosamente in mono.

The Who - A quick one (1966) Pop/rock, Freakbeat, Psychedelic 7 e mezzo/8

Altro disco riuscitissimo, come poi tutta la prima parte della carriera degli Who.

La title track anticipa le successive opere rock e ha alcuni passaggi deliziosi melodicamente. viene lasciato poi giusto spazio agli altri membri in fase di composizione. Moon firma due pezzi riuscitissimi in cui viene fuori tutta la sua personalità folle ed imprevedibile. Entwistle fa il suo con "Whiskey man" e l'ironica "Boris The Spider", Daltrey si cimenta con il pop un po' tribale ma piacevole di "See my Way".
  • 1

#36 Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12454 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2012 - 14:58


bravo Not, anche se Youngs lo vedo lontanino sia come voce che come costruzione.

tipo un pezzo come One by One è così meraviglioso nella sua semplicità naive che Youngs si imbarazzerebbe a cantarla. cioè, c'è della grande ricerca dietro Youngs che invece non ritrovo negli Eyeless.

Per me a livello melodico c'è più complessità negli Eyeless. Non riesco in effetti a capire granché il paragone di Not: è vero che sono due cantanti enormemente emotivi (non dico emozionanti, dico proprio emotivi: prima si emozionano loro mentre cantano, l'ascoltatore viene dopo).


Ma infatti è la voce - o meglio l'espressività della voce - che mi ha rimandato a Youngs (considerate che è il primo disco degli Eyeless che sento). E poi ripeto: anche la semplicità dei mezzi utilizzati. Sia in molti dei dischi di Youngs che in questo degli Eyeless ci sento una certa "povertà" quasi programmatica - austera, anche - che entra essa stessa a far parte della poetica musicale che concorre a trasmettere, aumentandone esponenzialmente l'emotività. Poi son d'accordo con voi che per altri aspetti, anche più lampanti, son diversi.

@Giubbo: Io faccio fatica a cogliere tutta questa "ricerca" dietro Youngs, che mi sembra invece molto istintivo, uno che si fa guidare dalla sua passionalità e da un'urgenza (pure troppa) produttiva che la sua discografia ben testimonia. Anche se poi mi pare che le sue preferenze musicali vadano dalle parti del progressive, del minimalismo e del rock psichedelico - che in effetti non sono tra i generi di più immediata costruzione.
  • 0
A chemistry of commotion and style

#37 TheWalrus

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1563 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 18 novembre 2012 - 15:16

io mi sono sentito i 4 dischi dei Cream, tutti molto belli.

Fresh Cream 7,5
Disraeli Gears 8,5
Wheels of Fire 8,5
Goodbye 6

Mi è sembrato che è sorpratutto con il secondo disco che sono decollati, il primo è comunque buono ma mi sembra che sia stato una sorta di riscaldamento. L'ultimo è di scarso interesse,

Se questi 3 non si fossero sciolti nel '69, i Led Zeppelin avrebbero avuto vita dura per risultare il miglior gruppo hard rock degli anni'70, forse.
  • 0
"MA DOVE SIETE FINITI ROCKETTARI? tutti coi capelli tagliati corti, tutti con le giacche e la cravatta! Un giorno uno mi disse che la CRAVATTA è il passaporto degli STRONZI."

RICHARD BENSON

#38 reallytongues

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 26044 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2012 - 15:38

io mi sono sentito i 4 dischi dei Cream, tutti molto belli.

Fresh Cream 7,5
Disraeli Gears 8,5
Wheels of Fire 8,5
Goodbye 6

Mi è sembrato che è sorpratutto con il secondo disco che sono decollati, il primo è comunque buono ma mi sembra che sia stato una sorta di riscaldamento. L'ultimo è di scarso interesse,

Se questi 3 non si fossero sciolti nel '69, i Led Zeppelin avrebbero avuto vita dura per risultare il miglior gruppo hard rock degli anni'70, forse.


Io credo che il primo "Fresh Cream" sia uno dei più importanti album della storia. Si tratta di un hard blues con espansioni jazz, suonato con una dinamica ineguagliata. I volumi non sono quelli a picco degli anni successivi e questo aspetto è per me importantissimo perchè risalta ancora di più la tecnica incredibile del trio, come risaltano gli assoli brevi e azzecatissimi di un Clapton mai più così vicino al dio del fuoco.
Ecco che il secondo album perde in buona parte questi aspetti importanti per concedersi a momenti certo memorabili, ma più spettacolosi e fine a se stessi.
Una parte di quello spirito sperimentale del primo disco lo si ritrova nel terzo, che recupera una vena più adulta.
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#39 Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13343 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2012 - 22:17

I miei ascolti

Erikah Badu - Baduizm 6.5
Un po' tutto uguale, elegante comunque.


SACRILEGIO! 8 minimo, o non sei negro dentro come vorresti farci credere asd
  • 0
OR

#40 Guest_cinemaniaco_*

  • Guests

Inviato 18 novembre 2012 - 22:32


I miei ascolti

Erikah Badu - Baduizm 6.5
Un po' tutto uguale, elegante comunque.


SACRILEGIO! 8 minimo, o non sei negro dentro come vorresti farci credere asd


asd

è abbronzato
  • 1

#41 TheWalrus

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1563 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 18 novembre 2012 - 23:05


io mi sono sentito i 4 dischi dei Cream, tutti molto belli.

Fresh Cream 7,5
Disraeli Gears 8,5
Wheels of Fire 8,5
Goodbye 6

Mi è sembrato che è sorpratutto con il secondo disco che sono decollati, il primo è comunque buono ma mi sembra che sia stato una sorta di riscaldamento. L'ultimo è di scarso interesse,

Se questi 3 non si fossero sciolti nel '69, i Led Zeppelin avrebbero avuto vita dura per risultare il miglior gruppo hard rock degli anni'70, forse.


Io credo che il primo "Fresh Cream" sia uno dei più importanti album della storia. Si tratta di un hard blues con espansioni jazz, suonato con una dinamica ineguagliata. I volumi non sono quelli a picco degli anni successivi e questo aspetto è per me importantissimo perchè risalta ancora di più la tecnica incredibile del trio, come risaltano gli assoli brevi e azzecatissimi di un Clapton mai più così vicino al dio del fuoco.
Ecco che il secondo album perde in buona parte questi aspetti importanti per concedersi a momenti certo memorabili, ma più spettacolosi e fine a se stessi.
Una parte di quello spirito sperimentale del primo disco lo si ritrova nel terzo, che recupera una vena più adulta.


lo riascolterò facendo attenzione alle tue osservazioni. A me è sembrato un disco di ottimo blues rock, ma mi è parso che è in particolare con il secondo che hanno trovato un sound davvero originale
  • 0
"MA DOVE SIETE FINITI ROCKETTARI? tutti coi capelli tagliati corti, tutti con le giacche e la cravatta! Un giorno uno mi disse che la CRAVATTA è il passaporto degli STRONZI."

RICHARD BENSON

#42 Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4073 Messaggi:

Inviato 19 novembre 2012 - 10:16



bravo Not, anche se Youngs lo vedo lontanino sia come voce che come costruzione.

tipo un pezzo come One by One è così meraviglioso nella sua semplicità naive che Youngs si imbarazzerebbe a cantarla. cioè, c'è della grande ricerca dietro Youngs che invece non ritrovo negli Eyeless.

Per me a livello melodico c'è più complessità negli Eyeless. Non riesco in effetti a capire granché il paragone di Not: è vero che sono due cantanti enormemente emotivi (non dico emozionanti, dico proprio emotivi: prima si emozionano loro mentre cantano, l'ascoltatore viene dopo).


Ma infatti è la voce - o meglio l'espressività della voce - che mi ha rimandato a Youngs (considerate che è il primo disco degli Eyeless che sento). E poi ripeto: anche la semplicità dei mezzi utilizzati. Sia in molti dei dischi di Youngs che in questo degli Eyeless ci sento una certa "povertà" quasi programmatica - austera, anche - che entra essa stessa a far parte della poetica musicale che concorre a trasmettere, aumentandone esponenzialmente l'emotività. Poi son d'accordo con voi che per altri aspetti, anche più lampanti, son diversi.

@Giubbo: Io faccio fatica a cogliere tutta questa "ricerca" dietro Youngs, che mi sembra invece molto istintivo, uno che si fa guidare dalla sua passionalità e da un'urgenza (pure troppa) produttiva che la sua discografia ben testimonia. Anche se poi mi pare che le sue preferenze musicali vadano dalle parti del progressive, del minimalismo e del rock psichedelico - che in effetti non sono tra i generi di più immediata costruzione.


tra l'altro degli Eyeless in Gaza sto ascoltando in questi giorni anche All Under the Leaves, the Leaves of Life (del 1996), che credevo un disco minore vista la decade di riferimento e dato che nessuno ne parla mai, e invece boom, un'altra meraviglia di disco con canzoni fantastiche ed una suite di 11 minuti per organo che non stonerebbe in qualche celebrazione nel Duomo di Colonia.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi