Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Il padre delle spose


  • Please log in to reply
3 replies to this topic

#1 Grulletta

Grulletta

    Utente non ancora abituata al nuovo forum

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 229 Messaggi:

Inviato 22 novembre 2006 - 20:57

Ciao a tutti, non ho visto questa fiction e forse vi chiederete perchè apro un topic su una cosa che non ho visto...bene diciamo che tutto questo parlarne e fare polemiche mi ha lasciato un pò perplessa...Ma possibile che nel 2006 ci si debba ancora scandalizzare per 2 lesbiche? Ma cazzo è solo l'Italia che è indietro? O per qualsiasi società è un fastidio mandare una fiction che parla di omosessualità?
Poi ripeto il film non l'ho visto ma se l'hanno mandato in prima serata su raiuno immagino non sia stato "forte"...
Politici tipo Isabella Bertolini (che non avevo nemmeno mai sentito) di Forza Italia che dice che è vergognoso.
L'annunciatrice che consiglia la presenza di un adulto come se fosse un film violentissimo, ho letto la trama e comunque si tratta di una fiction, intendo da come l'ho letta non mi pare sia sto chè di serio o complesso, si diceva anche facile e superficiale, ma questo non lo so se qualcuno l'ha visto e vuol dire cosa ne pensa...oltre al film, che magari potrà essere sembrato mal fatto, alla tematica in generale.

un saluto.
  • 0

#2 il_pado

il_pado

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 83 Messaggi:

Inviato 22 novembre 2006 - 21:28

penso che non sia molto importante vederlo. La maggior parte dei politici che ne sta sparlando non l'ha visto. La Binetti - Margherita/Opus Dei - prima ancora che la serie andasse in onda ha detto (cito a braccio, ma sono rimasto talmente folgorato che lo ricordo praticamente a memoria): "trovo che sia INOPPORTUNO che una fiction del genere vada in onda sul servizio pubblico. Questi sono argomenti che non sono ancora stati oggetto di discussione politica e parlmentare, e per di più non sono nemmeno nel programma dell'Unione."

Voglio dire, passi la classica sparata censoria e perbenista (perchè le cose perbene sono rigorsamente etero, ricordatelo sempre), ma la senatrice Binetti esige che in tutto il territorio italiano non si trattino temi che non sono nel programma dell'Unione.
Temo che questo forum andrà chiuso. Discutere di musica rock non è nel programma dell'Unione.


  • 0

#3 Guest_Cooper_*

Guest_Cooper_*
  • Guests

Inviato 22 novembre 2006 - 21:37

Il contenuto adatto al pubblico adulto potrebbe essere dovuto al fatto che qualcuno si fa male prima del finale tarallucci e pizzica.

In ogni caso, che ci crediate o meno, questo è un prodotto da servizio pubblico: mostrare su Raiuno l'icona tutto casa-e-famiglia Banfi alle prese con una figlia lesbica (in maniera molto sobria e delicata, ovviamente, e trasformando i luoghi comuni e le cialtronate in punti di forza) è quanto di più educativo la Rai possa proporre ai milioni di adulti/anziani che guardano abitualmente le fiction di prima serata.

E prossimamente si replica con Fiona May immigrata.

#4 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 29 novembre 2006 - 10:32

Il contenuto adatto al pubblico adulto potrebbe essere dovuto al fatto che qualcuno si fa male prima del finale tarallucci e pizzica.

In ogni caso, che ci crediate o meno, questo è un prodotto da servizio pubblico: mostrare su Raiuno l'icona tutto casa-e-famiglia Banfi alle prese con una figlia lesbica (in maniera molto sobria e delicata, ovviamente, e trasformando i luoghi comuni e le cialtronate in punti di forza) è quanto di più educativo la Rai possa proporre ai milioni di adulti/anziani che guardano abitualmente le fiction di prima serata.

E prossimamente si replica con Fiona May immigrata.

lino banfi non è nuovo a lavori di questo genere. nel 2001 recitò, sempre per la rai, nello sceneggiato "un difetto di famiglia" dove interpretava la parte del fratello di un omosessuale (nino manfredi).

film garbato e, al solito, molto bene interpretato sia da banfi che da manfredi.

non ricordo che venne alzato un polverone come per "il padre delle spose", segno, forse, che l'ingerenza vaticana non era così forte e prepotente come adesso; vedi anche il caso della satira di crozza su ratzinger che è stata servilmente censurata su pressioni d'oltretevere...

... e meno male che l'italia è uno stato laico... a parole...

buona giornata a tutte/i.

p.s.: ritengo la binetti una fanatica e chi l'ha voluta nella margherita un mentecatto...
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq