Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Finanziamento Pubblico Ai Partiti/Rimborsi Elettorali


  • Please log in to reply
24 replies to this topic

#1 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6540 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 12 aprile 2012 - 00:55

Il finanziamento pubblico ai partiti è una delle modalità, assieme alle quote d'iscrizione e alla raccolta fondi, attraverso cui i partiti politicireperiscono i fondi necessari a finanziare le proprie attività.


Il referendum abrogativo promosso dai Radicali Italiani dell'aprile 1993 vede il 90,3% dei voti espressi a favore dell'abrogazione del finanziamento pubblico ai partiti, nel clima di sfiducia che succede allo scandalo di Tangentopoli.


Nello stesso dicembre 1993 il Parlamento aggiorna, con la legge n. 515 del 10 dicembre 1993[5][6], la già esistente legge sui rimborsi elettorali, definiti “contributo per le spese elettorali”, subito applicata in occasione delle elezioni del 27 marzo 1994. Per l'intera legislatura vengono erogati in unica soluzione 47 milioni di euro.

(da wikipedia)


C'è chi dice che non vadano aboliti perchè altrimenti soltanto i partiti con i giusti agganci privati si avvantaggerebbero.

Intanto inizio il thread. Poi i prossimi giorni espongo i miei dubbi cari amici.
  • 0

#2 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6540 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 12 aprile 2012 - 08:26

La mia idea è di un drastico ridimensionamento dei finanziamenti pubblici (ridotto di un 80%?).
Una societá indipendente che si occupi del controllo dei bilanci e bilanci online (come sembra stiano già pensando).


Poi io pensavo, ma non si possono abolire le donazioni dei privati? Non sarebbe meglio?
  • 0

#3 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17894 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 12 aprile 2012 - 09:01

Un tetto massimo, e tutto ciò che spendi va giustificato. Tutto ciò che non giustifichi va restituito, ma non lo faranno mai.
  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#4 oblomov

oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 18000 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2012 - 09:16

Un tetto massimo, e tutto ciò che spendi va giustificato. Tutto ciò che non giustifichi va restituito, ma non lo faranno mai.


Anche secondo me basterebbe far così, abbassando drasticamente i soldi che vengono erogati (ad ora siamo sul mezzo miliardo a legislatura, se non calcolo male). Sul resto: ricordiamoci solo che un Berlusconi, senza finanziamenti pubblici ai partiti, sarebbe ancora più forte. La radice storica del finanziamento ai partiti come delle indennità parlamentari è la base della rappresentatività reale.
  • 0
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.

#5 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2012 - 09:39

Parliamo di una cosa che è stata abolita da un referendum due decenni orsono ?_?
Per me bisogna abolirlo, conformemente all'esito referendario, rendendo il più trasparente possibili i finanziamenti privati (ora le lobby hanno il loro peso ma tra soldi pubblici e soldi in nero al cittadino non è chiaro chi stia dietro a chi). Non sono un sistema virtuoso, i finanziamenti pubblici non li hanno tenuti lontani da quelli privati e criminali, hanno dimostrato più e più volte di usare quei soldi in maniera sbagliata quando non truffaldina etc. Per me si sono giocati ogni tipo di fiducia.
  • 0

the music that forced the world into future


#6 HardNheavy

HardNheavy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2653 Messaggi:
  • LocationUgiònn

Inviato 12 aprile 2012 - 16:44

Un buon articolo sulla questione:

Sul finanziamento alla politica



di Michele Prospero

L'obiettivo reale della furibonda campagna contro i costi della politica lo ha esplicitato candidamente Pierluigi Battista che, al Tg3, ha evocato una Repubblica senza partiti e addirittura senza politica. Sono del resto molti i commentatori del Corriere della Sera che cavalcano con spregiudicatezza la dolce ebbrezza di una deriva populistica.
La rimozione dei partiti è invocata per spianare la strada a una gestione del potere affidata a componenti tecniche e imprenditoriali che operano oltre i partiti. Il sogno antico è quello di una democrazia aziendalista capace di togliere il disturbo dei partiti per lasciare alle forze economiche dominanti il pieno potere di legiferare. In discussione oggi, con il finanziamento pubblico, non è una spicciola questione monetaria, così urticante in tempi di risorse scarse, ma il fondamento stesso della democrazia moderna, vista come una forma storica di compromesso tra le immani potenze del mercato e le istanze residuali di eguaglianza dei cittadini.
Palese che la disparità eccessiva delle risorse economiche e mediatiche rende in sé distorta la competizione tra i partiti e affida al peso del denaro una sovranità reale rispetto alla evanescenza della singola espressione di consenso. Non esiste un voto eguale se non si garantiscono delle condizioni tendenzialmente equilibrate (nella disponibilità di risorse) tra gli attori. Nel ventennio berlusconiano, una gara elettorale regolare senza il finanziamento pubblico sarebbe stata del tutto disperata. Anche in tempi meno eccezionali, però, il nodo della castrazione dell'impatto che ha il possesso diseguale di beni (mediatici, economici) rimane aperto. Per questo bisogna guardare all'Europa, l'America è troppo lontana. Negli Stati Uniti solo chi rinuncia ai finanziamenti pubblici (che sono previsti anche lì, ma sono molto limitati e quindi poco appetibili) può rifarsi con i generosi soldi messi a disposizione dai voraci gruppi privati di pressione. Dopo la sentenza del 2010, la Corte suprema non pone più limiti alle dorate elargizioni dei ricchi che esercitano la loro splendida libertà di annegare nell'oro il candidato di più stretta fiducia. La corruzione diventa così legge, nel senso che i gruppi, le lobby, gli interessi più forti determinano come vogliono il contenuto effettivo della legge. Il processo legislativo risponde terribilmente alla parabola del denaro, i marginali non contano proprio. Il condizionamento economico delle decisioni in America è organico a un sistema edificato sul continuum molto scivoloso denaro-politica. Proprio in questo abbraccio mortale tra gli interessi privati ristretti e la legge risiede la fondazione teorica della necessità di un finanziamento pubblico della politica.
Dove manca un sostegno pubblico, chi foraggia i candidati decide anche la norma giuridica e la politica è in gran parte l'autolegislazione degli interessi economici più aggressivi. Il tragitto europeo è per fortuna diverso. L'autonomia della politica è preservata anche grazie all'adozione del contributo pubblico. Persino nell'Inghilterra dagli anni Trenta vige un peculiare finanziamento che va però solo all'opposizione di sua Maestà, ritenuta svantaggiata rispetto al partito di governo che controlla l'amministrazione pubblica e opera quindi in condizioni di privilegio competitivo. In un'Italia, dove i media agitano gli inquietanti spettri di una «partitopoli» per solleticare gli umori più regressivi, il proposito di togliere il finanziamento pubblico equivarrebbe di fatto a rendere strutturale il conflitto di interessi. Si avrebbe cioè un panorama pubblico desolante nel quale le fondazioni di imprenditori, tecnici, banchieri entrano nell'agone politico per ampliare l'influenza dell'azienda privata che ambisce a gestire direttamente gli affari generali. Al posto dei partiti che mediano tra i diversi interessi, e danno voce ai ceti più deboli, sorgerebbe un seguito personale-patrimoniale garantito da fedeltà oblique che solo il denaro mantiene nel tempo. Quando al partito subentra il denaro si determina una completa opacità di ogni orizzonte statuale. Per bloccare l'onda antipolitica, i partiti oggi giustamente scelgono la strada dell'autoriforma, non la delegano ai giudici (che scottanti problemi con escort, corruzioni, rapporti opachi con il denaro, inciampi con gli arbitrati, le consulenze, gli incarichi extragiudiziali, li hanno eccome in casa loro) o ai media vocianti che suonano il piffero per i grandi interessi economico-finanziari che vorrebbero una politica ancor più debole e sempre obbediente. Una filosofia della riforma del regime dei rimborsi elettorali dovrebbe muovere dall'idea di partito quale sede della rappresentanza sociale e costruttore di eguaglianza. I partiti hanno il diritto a un finanziamento non in quanto gestiscono le pubbliche risorse e pertanto, coprendo un servizio, meritano l'elargizione di sostegni in denaro. Questa è la giustificazione debole dei costi della politica. I partiti diventano delle agenzie di rango semiamministrativo cui, per una prestazione fornita, è dovuto un compenso che viene monitorato. I partiti però non sono delle strutture burocratiche che offrono un servizio alla società, ma sono la società stessa che organizza la propria differenza e impone confini, avanza pretese di identità. Bisogna perciò rovesciare l'ottica corrente: siamo agenzie iperregolate e quindi copriteci d'oro. E imporre l'altra veduta: siamo la società che organizza la sua parzialità e quindi ci spettano i fondi pubblici, sulla cui destinazione controllateci pure con la severità che credete.

da L'Unità, giovedì 12 Aprile 2012
  • 2

#7 Piper

Piper

    Life is too short For iTunes

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8422 Messaggi:
  • LocationParadise Garage

Inviato 12 aprile 2012 - 17:17

questo articolo pecca nella sua tesi di fondo, per la quale gli attuali partiti siano indipendenti e diversi, attualmente, dal mondo economico e aziendale che avrebbe la meglio senza il finanziamento pubblico.
  • 0
<< Poi ce la prestiamo... Insomma la patonza deve girare>>

Aurelio De Laurentiis ha lasciato la sede dove si stanno svolgendo i sorteggi dei calendari fermando uno sconosciuto che passava su un motorino dicendogli: "Portami via da questo posto". Ed è andato via come passeggero del motorino di uno sconosciuto

 
 Song 'e Ondarock - web Radio|

#8 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2012 - 21:07

questo articolo pecca nella sua tesi di fondo, per la quale gli attuali partiti siano indipendenti e diversi, attualmente, dal mondo economico e aziendale che avrebbe la meglio senza il finanziamento pubblico.


Basterebbe notare che Berlusconi li temeva così tanto da aumentarli. Vedo che la storia non è maestra di nulla, in nome dei principi siamo ancora disposti a dare la paghetta ai drogati perché sennò non c'è democrazia. Io credo invece che se si iniziasse a rendere pubblici i finanziamenti privati (che già ci sono e spesso sono illeciti) e i partiti iniziassero a capire che se vogliono l'aiuto economico dei propri elettori devono iniziare a comportarsi decentemente le cose potrebbero anche migliorare. Dare soldi a pioggia in nome di una democrazia che i partiti interpretano come ruberia ha portato esattamente all'opposto dell'obbiettivo voluto, non mi stupisce che l'organo stampa di uno dei partiti più votati e quindi più finanziati si schieri contro :rolleyes:
  • -1

the music that forced the world into future


#9 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6540 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 13 aprile 2012 - 08:27


..


Ma per una riduzione drastica dei finanziamenti no? controlli e trasparenza dei bilanci.
Perchè è questo che la maggioranza dei cittadini chiede.
Quell'articolo buttato così, senza neanche far intendere che delle modifiche drastiche sarebbero necessarie... me lo fa trovare fuorviante. Basti a pensare che molti schifi-politici ci campano su questa romanzina.

Poi io ci aggiungerei di abolire le donazioni private verso i partiti. (è una castroneria?)
  • 0

#10 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17894 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 13 aprile 2012 - 08:36

Ieri mi sono divertito parecchio a sentire prima la Bindi a 8 e mezzo, dire che senza la prossima tranche di soldi, i poveri partiti non potranno fare la prossima campagna elettorale per le amministrative.
Una tragedia. Per fortuna pare proprio che i soldi arriveranno, e quindi la democrazia è salva. Davvero impressionante la sicurezza della Bindi mentre si ricopre di pece e coriandoli, comunque.
qualche ora dopo a Piazza Pulita un imprenditore, chiede a Di Pietro come mai i partiti sono tutti in attivo, mentre siamo in presenza di un credit crunch che mette a rischio la vita di tante aziende che non si occupano di rimborsi elettorali (settore che va fortissimo). Dopo hanno fatto vedere un video in cui Grillo spiegava come il Movimento 5 Stelle avesse risolto il problema, restituendo i soldi. E parliamo un partito che secondo i sondaggi è al 4-5% cioè due punticini sotto (o anche meno) all'IDV e FLI. Di Pietro dicevo, l'ha presa bene. Ha cominciato ad urlare che tutti gli imprenditori sono dei mazzettari quindi non possono parlare. Questo il succo del discorso. Comunque Piazza Pulita è un buon programma, senza una tesi da dimostrare (alleluja), e senza troppa caciara o alè.
  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#11 sash

sash

    seguace del Re

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 971 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2012 - 14:15

non credo che i finanziamenti ai partiti possano essere aboliti. quello che manca è il controllo, ogni spesa andrebbe giustificata e si possono ad esempio introdurre sanzioni per chi non rispetta le regole (riduzione dei rimborsi per l'anno successivo). ovviamente finché il controllo dei bilanci sarà affidato a una commissione nominata dalla presidenza della Camera, non ci sarà alcun freno alle spese pazze.

voglio però sottolineare l'ipocrisia dei tanti giornali che si scagliano contro il finanziamento ai partiti, ossia gli stessi giornali che ogni anno intascano milioni di euro come contributo all'editoria. come dire: NIMBY.
  • 2
We are showroom dummies.

#12 Lor444

Lor444

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1448 Messaggi:
  • LocationNapoli

Inviato 13 aprile 2012 - 16:52

Premesso che per me il ragionamento di Astro, con tutto il rispetto, è agghiacciante: come dire che i partiti, visto che in questo periodo funzionano male, vanno eliminati. Altro che finanziamenti privati, questi devono essere fortemente limitati ad una quota limite delle entrate del partito; non so voi ma a me spaventa terribilmente un sistema "all'americana", con i partiti privatizzati ed in mano alle lobby. Sarebbe scontato fare l'esempio dell'attuale governo, ma visto che ci siamo...

Detto ciò, chiaramente i controlli andrebbero migliorati, e non di poco: obbligo di dichiarare TUTTO e bilanci verificati ogni anno da una commissione di esperti composta da personalità esterne alla politica (di nomina della Presidenza della Repubblica o della Banca d'Italia o qualcosa di simile), sequestro immediato dei beni per i trasgressori.
  • 3
"Together we stand, divided we fall"

#13 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2012 - 17:19

Premesso che per me il ragionamento di Astro, con tutto il rispetto, è agghiacciante


Francamente trovo molto più agghiaccianti due cose:

a) che si faccia finta di non ricordarsi che il finanziamento pubblico è già stato democraticamente abolito dagli italiani, inezia che dovrebbe far decadere ogni discorso specie di chi si riempie la bocca della parola democrazia.
b) nascondere la testa sotto la sabbia dei grandi principi per non vedere la realtà. Il finanziamento pubblico, molto generoso, non solo non ha impedito alle lobby di influenzare la politica ma ha addirittura permesso a uno degli uomini più potenti d'Italia di dominare la scena per quasi un ventennio (cosa che nel sistema antidemocratico americano è impensabile). Quindi è la storia a dimostrare che il finanziamento pubblico, in Italia, non raggiunge gli obiettivi ma anzi si trasforma in un cancro mortale per il sistema politico.

Potrei concordare con un sistema controllato e morigerato ma ora come ora le credenziali del sistema partitico stanno a zero, sono degli eroinomani all'ultimo stadio. Io a gente così non voglio sia dato un euro delle tasse attinte in maggioranza dalle tasche delle fascie sociali che stanno subendo di più la crisi, specie perché costoro dimostrano ogni giorno (e lo hanno dimostrato nel '92 gabbando il referendum) il rispetto pari a zero che nutrono nei nostri confronti.
  • 1

the music that forced the world into future


#14 Lor444

Lor444

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1448 Messaggi:
  • LocationNapoli

Inviato 13 aprile 2012 - 20:14

Massimo rispetto per il referendum, ma ti ricordo l'articolo 3 (secondo comma) della Costituzione:

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.


Io sono fermamente convinto che, in assenza di un qualche tipo di finanziamento pubblico ai partiti, l'effettiva partecipazione sarebbe seriamente compromessa, molto più di quanto non lo sia già ora. Quando si parla di politica, di Stato, bisogna sempre pensare al futuro, ed un futuro con i partiti totalmente dipendenti dal miglior offerente mi spaventa molto di più della cricca di ladri che ora viene allo scoperto (che poi sono gli stessi di sempre); la contingenza attuale è vergognosa e drammatica, ma decidere sulla spinta dell'emergenza raramente paga.

P.s. Emendo il mio intervento precedente: controllo dei bilanci delegato alla Corte dei Conti.
P.p.s. Non ho mai definito antidemocratico il sistema americano, anche se sappiamo tutti che il politico ad alto livello là lo fai solo se hai le giuste lobby a sostenerti, ed è così da sempre. Non è antidemocratico, è diverso.
  • 1
"Together we stand, divided we fall"

#15 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 13 aprile 2012 - 20:49

la contingenza attuale è vergognosa e drammatica, ma decidere sulla spinta dell'emergenza raramente paga.


Già, attuale. Prima repubblica e Tangentopoli queste sconosciute :rolleyes:

il politico ad alto livello là lo fai solo se hai le giuste lobby a sostenerti


Mentre da noi è tutto trasparente e anche uno spiantato senza sostegni di peso può tranquillamente aspirare alle più alte cariche! ?_?
La verità è che a fronte di un finanziamento mostruoso abbiamo un sistema in cui le lobby hanno un peso importante come altrove*, i partiti sono sempre più incapaci e corrotti, il sistema politico è una palude in cui merito e capacità annegano nella melma delle raccomandazioni e delle amicizie e ci siamo pure dovuti sorbire un uomo ricchissimo al potere per anni. Quindi l'assioma che i soldi garantiscano libertà e un sistema politico migliore in Italia semplicemente non funziona.
Hanno avuto una vita per rimediare alle proprie magagne, hanno goduto di un opinione pubblica comprensiva quando non anestetizzata, ora è giunto il momento di toglierli i soldi di tutti e di lasciargli solo quelli di chi vuole finanziarli.

* De Benedetti è riuscito a imporre all'Ulivo uno come Rutelli, RUTELLI.
  • 0

the music that forced the world into future


#16 Lor444

Lor444

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1448 Messaggi:
  • LocationNapoli

Inviato 14 aprile 2012 - 14:09

La storia della politica italiana è piena di spiantati che sono arrivati alle più alte cariche, con intelligenza e impegno. Detto ciò, io capisco appieno la giustissima incazzatura, penso però che l'architettura del sistema politico non possa essere basata su di essa, altrimenti faremmo prima a prendere Grillo e metterlo al posto di Napolitano. Bisogna ragionare e studiare un sistema che avvicini il quanto più possibile allo zero le possiblità di illeciti.
  • 1
"Together we stand, divided we fall"

#17 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2012 - 17:37

La storia della politica italiana è piena di spiantati che sono arrivati alle più alte cariche, con intelligenza e impegno.


Io scommetterei sul fatto che per una persona meritevole ci sono dieci raccomandati o inadatti a ricoprire tale carica, fosse vero il contrario non avremmo una classe politica di questo tipo. Non credo altresì che in America o nei paesi dove i finanziamenti non esistono o sono più bassi dei nostri a fare politica siano solo i miliardari, anzi siamo noi ad aver avuto Berlusconi.
Io non sono incazzato, cerco di essere logico. Il sistema partitico ha dimostrato di non meritarsi un sistema di finanziamento pubblico, indi io credo sia giusto abolirlo quantomeno temporaneamente. In un momento in cui le eccellenze educative, per dirne una, boccheggiano per mancanza di fondi dare soldi a un gruppo di eroinomani senza alcun rispetto per i propri finanziatori mi sembra inopportuno. Darglieli in nome di una democrazia che loro stessi non rispettano, vedi le vili manovre dopo il referendum, lo considero masochista.
Capisco benissimo i principi che ti animano, a livello teorico li condivido, ma i partiti italiano hanno oltrepassato ogni segno possibile e sopportabile.
  • 0

the music that forced the world into future


#18 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2012 - 18:48

Io dico solo una cosa: perché caspita devo finanziare con le mie tasse partiti come Forza Nuova o La Destra?
Io non voglio dargli un centesimo. Nessuno dovrebbe dargli un centesimo.
Se i finanziamenti delle grandi forze economiche, delle lobbies, sono trasparenti, tutti sanno chi finanzia chi, io vedo pochi problemi nell'abolizione totale ed assoluta del finanziamento pubblico ai partiti. Poi un meccanismo come l'8 o il 5 per mille ci può anche stare, ma decido io a chi darlo e di certo non a quelli che non mi garbano.
Questo al di là dello scandalo che i partiti prendono 500 milioni di cosiddetti "rimborsi elettorali" mentre per le elezioni ne spendono 150, col che non si sa che fine fanno, soprattutto che senso hanno, i rimanenti 350.
Inamissibile.
A qualsiasi referendum sul finanziamento pubblico voterei si, come votai si a suo tempo a quello che immediatamente dopo in una notte fu dichiarato carta straccia dal Parlamento.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#19 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2012 - 18:04

"Niente fondi ai partiti e vincono le lobby"
La reazione di Alfano, Bersani e Casini
I partiti della maggioranza che sostiene il governo: "Errore drammatico cancellare finanziamenti. Sarebbero puniti tutti allo stesso modo. Intendiamo approvarla nei tempi più rapidi possibili"

premesso che questo megainciucio in atto tra A, B e C finisce davvero per dare i brividi freddi, mi sorprende (ma mica tanto) che costoro non riescano a individuare una via d'usica minimamente seria.
fino a oggi si sono visti partiti che hanno spese a bilancio per X e vengono rimborsati per 10X, 20X, 50X, ecc.
nel momento in cui si obbligano i partiti a farsi certificare il bilancio (dalla Corte dei Conti oppure da società qualificate, magri di caratura internazionale) e a rimborsare solo quello che si è speso strettamente per il partito (hai speso X? allora ti rimborso X), allora non vedo perchè il finanziamento ai partiti non possa essere pubblico (da un punto di vista etico e morale, sia chiaro).
se poi si vuole (come si dovrebbe) dar seguito alla VOLONTA' ESPRESSA DAI CITTADINI TRAMITE UN REFERENDUM e cioè a eliminare totalmente il finanziamento ai partiti (in qualunque modo esso venga chiamato), allora perchè crea tanto scandalo il finanziamento privato? a patto, PERO', che i privati giochino a carte scoperte; cioè io devo sapere che il partito Y è finanziato da Vattelapesca SpA oppure Banco di Capracotta oppure da un qualche magnate privato... è OVVIO che i finanziamenti privati non possono essere anonimi, ma stiamo scherzando?
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#20 TheWalrus

TheWalrus

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1563 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 aprile 2012 - 19:20

ho sentito che a maggio parleranno della riduzione dell'entità del rimborso. Se non lo riducono probabilmente mi asterro' dal voto alle prossime elezioni
  • -1
"MA DOVE SIETE FINITI ROCKETTARI? tutti coi capelli tagliati corti, tutti con le giacche e la cravatta! Un giorno uno mi disse che la CRAVATTA è il passaporto degli STRONZI."

RICHARD BENSON




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq