Vai al contenuto


Foto
* * - - - 10 Voti

Qualcuno Mi Spiega I Beatles?


  • Please log in to reply
1052 replies to this topic

#41 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11525 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2012 - 20:03


quattro cervelli che affascinano ancora adesso intere generazioni di libellule (e quando parlo di libellule intendo i giovani con il cuore in mano)



Io voglio aprire un topic dai titolo "simon mi (o ci) spiega la musica, ma anche la poesia e la vita e il mondo ?". Lo posso fare ?


l'importante è non perdere mai la speranza, pregare dal mattino alla sera; amiamo la vita e quindi ameremo noi stessi. i beatles sono stati degli angeli, hanno saputo trovare quella comunicazione immediata che non riesce ad intristire nemmeno colui che è costretto obtorto collo a dirigersi verso la sedia elettrica. un topic non basterebbe a spiegare nemmeno un microtono di Conrad: fingiamo di aver capito e seppur con profonda costernazione ci arrendiamo ad intendere solamente un quarto di quanto potremmo capire.
  • 0

#42 il mistico

il mistico

    proxima centauri

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11323 Messaggi:
  • Locationvia lattea

Inviato 10 marzo 2012 - 20:58

i beatles sono stati degli angeli (simon)

Immagine inserita E QUESTI ALLORA? AH AH.
  • 0

#43 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11525 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2012 - 21:04

i beatles sono stati degli angeli (simon)

Immagine inserita E QUESTI ALLORA? AH AH.


anche loro, ma come si dice? tre gradini sotto i geni dell'isola sempre illuminata da una nebbia taumaturgica.
  • 0

#44 wetton76

wetton76

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 318 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2012 - 23:20

Tonysuper,
il tuo nome non mi è nuovo, ma per caso una volta non frequentavi il newsgroup it.arti.musica.rock.progressive?
Tornando al tuo discorso, una volta mio padre mi disse che il '900 probabilmente passerà alla storia come il secolo della musica jazz, non per la classica o il rock. Mio padre era un grandissimo appassionato di jazz, ma conosceva anche i grandi della musica classica, mentre in sostanza il rock non lo ha mai interessato anche se proprio i Beatles rappresentavano un ricordo della sua gioventù. Qualche volta ho provato a fargli sentire qualcosa dei miei dischi e diciamo che in alcuni casi (Supertramp, Peter Gabriel, King Crimson, etc) ha riconosciuto una certa originalità, ma non è stato mai preso più di tanto, perchè in fondo lui da ragazzo negli anni '50 e '60 era cresciuto con la musica jazz, mentre al contrario io, e così penso la maggior parte dei frequentatori di questo forum, sono cresciuto con il rock.
In fondo credo che anche la musica rock abbia una sua dignità, forse non si potrà definire musica colta, però neanche va del tutto disprezzata o snobbata ... a proposito ma tu cosa pensi degli ultimi minuti di "Starless" dei King Crimson? Secondo me è una esperienza paragonabile a quella di sentire le note di Armstrong che inventarono la musica jazz.
  • 0

#45 Selfon

Selfon

    Ondarocker Derivativo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2614 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2012 - 23:26

Però non ho potuto fare a meno di notare la scena di grande commozione e quasi isteria della gente intorno a me. Siccome non penso siano "stupidi" sono convinto che per loro l'opera di Dalla sia importante.

Vabbè ma che c'entra, mia sorella piange mentre ascolta Laura Pausini! E non è neanche morta!

Il pop ed il rock (escludo ovviamente Zappa sul quale si potrebbe discutere se ha fatto qualcosa di più che copiare lo stile di una dozzina di compositori diversi) non aggiungono niente alla storia della musica, il più intelligente della baracca (Fripp? Wyatt? Hendrix? sceglietene voi uno qualunque) ha fatto cose che sono considerate triviali o già sentite da qualunque studente di composizione o qualunque storico della musica nera americana


Diosanto che brutti discorsi!
  • 1

#46 Selfon

Selfon

    Ondarocker Derivativo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2614 Messaggi:

Inviato 10 marzo 2012 - 23:35

Bellissimo anche questo passaggio:

Io ho una mia teoria secondo la quale praticamente tutta la musica "leggera" smetterà di funzionare prima o poi per le generazioni future. Fra 20, 30, 40 anni nessuno potrà apprezzarla, quindi tutti questi libri, queste diatribe.... tutto fiato sprecato.

asd
  • 1

#47 kerning74

kerning74

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 6 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 01:08

Non che sia dirimente, ma mi trovo molto d'accordo con le "tesi" di Tonysuper.
Ringrazio tutti (ma proprio tutti) per le risposte.

e.
  • -3

#48 Jikhan

Jikhan

    Cancel My Subscription For The Resurrection

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 876 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 11 marzo 2012 - 01:13

Eppure il perchè dei Beatles è stato spiegato

... Leonard Bernstein ci ha perso anni per capire perchè i Beatles e i Pink Floyd avessero successo e come replicare strutture musicalmente tanto banali in maniera da eccitare milioni di persone e fare una barca di soldi. Poi ha rinunciato ed ha ammesso il suo fallimento "E' un altro mondo che non posso capire perchè non posso entrare nella testa di un operaio o uno studente e capire quello che provano"


Lennon e Mc Cartney ed Harrison e Star invece di perdere anni a capire Bernstein hanno fatto quel che sapevano fare. Cioè entrare nella testa di un operaio e uno studente e capire quello che provano.

Contando che ci sono più operai e studenti al mondo, che di Bernstein, il gioco è fatto. E il gioco loro l'han fatto per primi.

E neanche mi piacciono... asd
  • 2

Tutti bimbi come me hanno qualche cosa che di terror li fa tremare e non sanno che cos'è...


#49 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11525 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 01:26

Tonysuper,
il tuo nome non mi è nuovo, ma per caso una volta non frequentavi il newsgroup it.arti.musica.rock.progressive?
Tornando al tuo discorso, una volta mio padre mi disse che il '900 probabilmente passerà alla storia come il secolo della musica jazz, non per la classica o il rock. Mio padre era un grandissimo appassionato di jazz, ma conosceva anche i grandi della musica classica, mentre in sostanza il rock non lo ha mai interessato anche se proprio i Beatles rappresentavano un ricordo della sua gioventù. Qualche volta ho provato a fargli sentire qualcosa dei miei dischi e diciamo che in alcuni casi (Supertramp, Peter Gabriel, King Crimson, etc) ha riconosciuto una certa originalità, ma non è stato mai preso più di tanto, perchè in fondo lui da ragazzo negli anni '50 e '60 era cresciuto con la musica jazz, mentre al contrario io, e così penso la maggior parte dei frequentatori di questo forum, sono cresciuto con il rock.
In fondo credo che anche la musica rock abbia una sua dignità, forse non si potrà definire musica colta, però neanche va del tutto disprezzata o snobbata ... a proposito ma tu cosa pensi degli ultimi minuti di "Starless" dei King Crimson? Secondo me è una esperienza paragonabile a quella di sentire le note di Armstrong che inventarono la musica jazz.


bellissimo post, ma credo fermamente che i Beatles sono stati anche jazz, sicuramente a loro modo. in fondo certe rullate del batterista erano sorelle delle vertigini poliritmiche dei bodyguards dei vari Coltrane, Ayler... credo che il rock sia stato anche avant, e non solo nei celestiali King Crimson o nelle oscillazioni dark post psichedeliche dei Velvet: diciamocela tutta se i Beatles sono state le ninfe luminescenti del pop solare, i Velvet sono stati il contrappunto al combo inglese: scuri come il feedback brutalizzato dalla viola di Cale, pervertiti come le stellari confessiani del cantante perennemente con gli occhiali scuri e il labbro inferiore leggermente leporino.
  • 2

#50 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21470 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 02:18

Lennon e Mc Cartney ed Harrison e Star invece di perdere anni a capire Bernstein hanno fatto quel che sapevano fare. Cioè entrare nella testa di un operaio e uno studente e capire quello che provano.

Contando che ci sono più operai e studenti al mondo, che di Bernstein, il gioco è fatto. E il gioco loro l'han fatto per primi.

Mi spiace leggere queste brutte parole sul grandissimo Bernstein, non date per buono ciò che dice quell'esibizionista di tonysuper dai.
Bernstein credeva fermamente nella musica pop, puoi addirittura trovare suoi video su youtube in cui spiega le scale e i modi e come questi siano stati utilizzati per questa o quella canzone, e utilizza come esempi brani di Beatles, Association, Sinatra e via dicendo.
Un esempio di grande apertura mentale, non solo di facciata, non dimentichiamoci che è l'autore di "West Side Story", che è un'opera pop come ce ne sono poche.
Ricordiamone alcuni degli immortali momenti:
http://www.youtube.c...h?v=Qy6wo2wpT2k (la canzone inizia a 2:20)
http://www.youtube.c...h?v=kokbJvSEMUY
http://www.youtube.c...h?v=5_QffCZs-bg
http://www.youtube.c...h?v=L7BQRGXFLJs
  • 2

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#51 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36505 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 11 marzo 2012 - 04:33

*
POPOLARE

Io ho una mia teoria secondo la quale praticamente tutta la musica "leggera" smetterà di funzionare prima o poi per le generazioni future. Fra 20, 30, 40 anni nessuno potrà apprezzarla, quindi tutti questi libri, queste diatribe.... tutto fiato sprecato.


Anno 2045

STOCKHAUSEN POMPA NELLE CASSE
  • 11

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#52 Pierrotelaluna

Pierrotelaluna

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5349 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 08:40

Magari possiamo cercare di pensare a cos'era la musica leggera prima dei Beatles.
Probabilmente è una mia ignoranza ma, tolti blues e jazz, a me viene in mente solo il rock'n'roll dal quale, pure, i Beatles hanno preso le idee iniziali.
Ma una formazione striminzita come la loro al successo non mi viene in mente prima di loro.
Hanno alleggerito moltissimo la forma canzone che conosciamo oggi e da allora sono nati una serie infinita di artisti che riprendeva il loro genere, alcuni uguale uguale mentre altri lo riproponevano in maniera diversa. Ad esempio io sento molti elementi beatlesiani negli Who, soprattutto nei loro esordi, però hanno seguito una loro strada e, a loro volta, l'hanno indicata ad altri artisti arrivati dopo di loro.
Di grande importanza è anche il fatto che il successo dei Beatles abbia aiutato a far emergere altre band perché le produzioni hanno iniziato ad osare con questa musica leggera. Un sacco di roba prodotta era un po' così così magari però tanti gruppi musicali non se li sarebbe caricati nessuna casa discografica altrimenti. Gli stessi Beatles ebbero la fortuna di trovare un ottimo manager ma non una casa discografica di livello.
Sicuramente anche i Rolling Stones, che seguivano un'altra strada, sono stati aiutati dal successo dei Beatles che ha totalmente ribaltato il mercato musicale.
E poi sono sempre stati bravi ad osare. In fondo non si sono adagiati con quelle che oggi consideriamo canzoncine come "Love me do" ma hanno esplorato cose diverse, vedi i vari "Revolver", "Sgt. Pepper's" e il "White album".

A me hanno sempre lasciato un po' indifferente ma hanno dei meriti che non possono non essere riconosciuti verso la musica leggera.
  • 0
Ti ritiri tu? Tiritirità?
Tannen, io ti maledico.

#53 TheWalrus

TheWalrus

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1563 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 11 marzo 2012 - 10:38

L'importante è non cercare di vedere nei Beatles la reazione conservatrice alla rivoluzione della musica rock, quasi come se i Beatles fossero stati creati ad arte per ristabilire l'ordine nazi-fascista a seguito delle proteste studentesche degli anni '60. Questa è un interpretazione pseudo-storico-sociologica che qualcuno di molto famoso presso gli utenti di questo forum ha cercato di dare.

Detto questo tutto dipende anche da quello che cerchi nella musica. In effetti il rock piu' spinto e piu' bieco si ritrova poco nei Beatles (certo poi uno pensa a I want you (she'so heavy) e Helter Skelter e già ci ripensa a questa affermazione) ma se cerchi belle canzoni con belle melodie che ti viene proprio voglia di cantare con gli amici i Beatles sono il gruppo perfetto.
  • 0
"MA DOVE SIETE FINITI ROCKETTARI? tutti coi capelli tagliati corti, tutti con le giacche e la cravatta! Un giorno uno mi disse che la CRAVATTA è il passaporto degli STRONZI."

RICHARD BENSON

#54 Jikhan

Jikhan

    Cancel My Subscription For The Resurrection

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 876 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 11 marzo 2012 - 11:04


Lennon e Mc Cartney ed Harrison e Star invece di perdere anni a capire Bernstein hanno fatto quel che sapevano fare. Cioè entrare nella testa di un operaio e uno studente e capire quello che provano.

Contando che ci sono più operai e studenti al mondo, che di Bernstein, il gioco è fatto. E il gioco loro l'han fatto per primi.

Mi spiace leggere queste brutte parole sul grandissimo Bernstein, non date per buono ciò che dice quell'esibizionista di tonysuper dai.
Bernstein credeva fermamente nella musica pop, puoi addirittura trovare suoi video su youtube in cui spiega le scale e i modi e come questi siano stati utilizzati per questa o quella canzone, e utilizza come esempi brani di Beatles, Association, Sinatra e via dicendo.
Un esempio di grande apertura mentale, non solo di facciata, non dimentichiamoci che è l'autore di "West Side Story", che è un'opera pop come ce ne sono poche.
Ricordiamone alcuni degli immortali momenti:
http://www.youtube.c...h?v=Qy6wo2wpT2k (la canzone inizia a 2:20)
http://www.youtube.c...h?v=kokbJvSEMUY
http://www.youtube.c...h?v=5_QffCZs-bg
http://www.youtube.c...h?v=L7BQRGXFLJs



No, non stavo valutando male Bernstein, non potrei mai. E' impossibile.
Volevo solo sottolineare la facilità di approccio dei Beatles rispetto alla musica colta di Tonysuper. E sicuramente è questa la base del loro successo, oltre alla grandezza delle loro menti.
Volevo solo dire che sicuramente uno studente o un operaio sotto la doccia cantano i Beatles e non Bernstein...
  • 0

Tutti bimbi come me hanno qualche cosa che di terror li fa tremare e non sanno che cos'è...


#55 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 11:14

l'argomento è spinoso e, infatti, non sono bastati decenni di musicologi e storiografi per chiarire un "fenomeno" come i Beatles... quando poi, in un forum come questo, vengono lanciate le parole "arte" "scaruffi" "storia del rock", ecco che il terreno da spinoso diventa "minato"...
ciò premesso, farò solo una breve considerazione, di carattare del tutto generale.

come l'autore di questo thread (e qualcun altro), anche io provengo dal "mondo" della musica classica; fino a 12/13 anni i miei ascolti erano costituiti al 99% da musica classica (i pochi ascolti pop si limitavano a roba che mandava la radio e qualche sparuto disco che avevo in casa).
poi, un giorno in un programma che andava in seconda serata su Rai1 (di cui non ricordo il nome), mandarono un servizio sui Beatles, parte a colori e parte in b/n; le canzoni erano Michelle, Drive My Car e Girl... fu una folgorazione! come Bernstein, anche io mi chiedevo in quei giorni cosa di preciso contenesse quella musica, così banale (musicalmente parlando) e per di più con un testo assolutamente incomprensibile per me all'epoca... io non l'ho mai capito del tutto, anche a distanza di quasi 30 anni.
so solo che da allora, quelle 3 "canzonette" mi hanno aperto le porte di un nuovo mondo musicale, che poco o nulla aveva a che spartire con quello a me familiare... una scoperta che, a un certo punto, ha persino messo in discussione la stima per i 4 baronetti.
alla fine, la musica pop (che è multiverso pieno di contraddizioni e alcuni momenti davvero felici) è come l'amore: estemporaneo, che si sottrare alle regole, più o meno ferree, della logica, che può nascere improvviso ma può anche essere messo in crisi per un nonnulla.
alla storia che la musica pop (e con esso intendo porprio tutto il pop/rock) possa far presa per lo più sugli "ignoranti" non ci credo da tantissimo tempo; proprio su di me, che all'epoca già leggevo e suonavo la musica, fece presa con una velocità strabiliante, come nemmeno con i grandi geni della musica del passato era accaduto (o quasi).
diciamo che la musica pop "scavalca" certi steccati della logica e va diretta all'ipotalamo.
ma non tutta la musica pop è buona, anzi... così come esistono amori che fanno male, che danneggiano l'amante, così esiste musica pop che danneggia l'ascoltatore.
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#56 granata

granata

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 80 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 11:16


ma non tutta la musica pop è buona, anzi... così come esistono amori che fanno male, che danneggiano l'amante, così esiste musica pop che danneggia l'ascoltatore.


cioé, ma veramente?
  • 3
I need a crowd of people, but I can't face them day to day

#57 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 11:18



ma non tutta la musica pop è buona, anzi... così come esistono amori che fanno male, che danneggiano l'amante, così esiste musica pop che danneggia l'ascoltatore.


cioé, ma veramente?


sì, purtroppo è così... chiedilo a Camila Raznovich :nod:
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#58 kingsleadhat

kingsleadhat

    कगलु विपश्यना बाद वैश्व

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2582 Messaggi:
  • LocationJava

Inviato 11 marzo 2012 - 11:28

Ne discutevamo non molti giorni fa con alcuni amici: tutti d'accordo che i Beatles sono stati il primo fenomeno pop, hanno fatto delle belle canzoni e hanno stabilito dei canoni duri a morire. E bom.

Per il resto è tutta montatura, decenni di stampa specializzata e non che ha pompato il solito mantra dei fab-four come delle semi-divinità in Terra che hanno ribaltato il modo di fare musica e bla bla.

Non mi vergogno a dire che dei Beatles conosco tantissime cose e che nessuna mi è mai davvero rimasta dentro, non per il discorso di tonysuper me perché quel modo di fare musica "popolare" non è nelle mie corde e non me ne sono mai fatto un cruccio, se magari c'è stato qualcosa che non ho capito di una band così incensata e piedistallizzata. Semplicemente non parlano la mia lingua - e i piedistalli aboliamoli: nessuno ha inventato nulla, se non quel primitivo che emise il primo schiamazzo.
  • 2

#59 Kim

Kim

    Flyin' Cats

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 444 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 11:30


giustissimo che i gusti son gusti ed insindacabili e che bisogna ascoltare quello che si pare; ma da quel che ho capito la domanda non era tanto sul "perché a molti piacciono e a me no", ma sul perché vengano considerati cosí rivoluzionari dal punto di vista storico-musicale. son due discorsi diversi :)



Il pop ed il rock (escludo ovviamente Zappa sul quale si potrebbe discutere se ha fatto qualcosa di più che copiare lo stile di una dozzina di compositori diversi) non aggiungono niente alla storia della musica, il più intelligente della baracca (Fripp? Wyatt? Hendrix? sceglietene voi uno qualunque) ha fatto cose che sono considerate triviali o già sentite da qualunque studente di composizione o qualunque storico della musica nera americana. Di gente che "parlava" con il trombone era piena New Orleans, altro che Voodo Child Ed è musica che piace o funziona soprattutto con chi è molto giovane o non ha ricevuto una educazione adeguata.

Pensateci un attimo ... chi di voi va di matto per l'operetta o le sonate di Clementi?


non avevo mai provato l'ebrezza di mettere un "-" e sinceramente non volevo neppure farlo ...ma me l'hai proprio tirato fuori... più che altro perchè l'ho già scritto in un altro thread, la musica si ascolta con la pancia non con la testa e sinceramente l'operetta la lascio dov'è, ma che mi dici che questa gente ha copiato dai tromboni di New Orleans....ma l'avesse anche fatto, voglio dire...chissenefrega....di certo la frippertronics dentro un trombone non la vedo bene.... :firuli: :firuli:
Cmq non ti agitare...si può ascoltare i Dead Can Dance ( che ti consiglio di approfondire anche se mi dirai che nel medioevo c'era chi faceva di meglio ) o i Coil e poi planare su Bela Bartok ..il tutto lo stesso giorno senza che niente di grave accada... :shifty:.
  • 2

#60 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2012 - 11:32

la musica si ascolta con la pancia non con la testa



quale musica? quella dei beatles? oppure tutta la musica pop? o proprio tutta la musica in genere?
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq