Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Progressive Folk


  • Please log in to reply
69 replies to this topic

#1 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:04

Conosco pochissimo questo genere, giusto qualche disco di Fairport Convention, Pentangle, Spirogyra, Magna Carta. E poi Comus, Etron Fou Leloublan, Stormy Six. Non conosco pero' assolutamente la sua storia e la sua dinamica: quando nasce, qual e' il suo "periodo d'oro" e quali sono le formazioni e i dischi da conoscere? Esistono delle "scene" geograficamente individuate o si tratta di un fenomeno uniformemente diffuso? E' strettamente inglese o si e' sviluppato da subito anche in altre parti d'Europa (o in America, addirittura)? Le formazioni principali sono riconducibili a un "progenitore" comune? Che importanza ha avuto il folk-rock americano per la sua nascita? Infine, il genere ha avuto echi diretti anche in Italia? Che artisti ne sono manifestazione?
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#2 madadayo

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 257 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:28

Beccati questa pappardella trovata su Progarchives:
Prog Folk definition
In the wake of the 60??s, a Folk revival started on both sides of the Atlantic, and got quickly linked with a protest movement, not always, but often linked to more left-wing tendencies, which did not sit well with the authorities. BOB DYLAN, JOAN BAEZ, WOODY GUTHRIE, JOHN DENVER, BUFFY STE-MARIE, but also the FARINA couple Richard and Mimi for the US and SHIRLEY COLLINS and EWAN McCOLL (mentor of BERT JANSCH, JOHN RENBOURN ) for the UK and HUGUES AUFRAY in France. In Quebec, there was the ??Chansoniers? phenomenon among which CLAUDE LEVEILLE and FELIX LECLERC were the most popular, waking up the sleepy ??Belle Province? and stand up for itself from the English rule. The English part of Canada also brought up JONI MITCHELL, LEONARD COHEN (although he was from Montreal) and NEIL YOUNG.

As DYLAN turned electric with his Highway 61 Revisited album, much to the dislike of purists who yelled for treason, Folk Rock was born, opening the floodgates for younger artists to turn on the electricity. As DYLAN soon abandoned to style to create Country Rock with his next album, his British equivalent Scotsman DONOVAN stayed true to Folk Rock. In the US, THE BYRDS were the main promoters of the style by now, culminating with the superb ??Eight Miles High? track with a lengthy (for the times) guitar solo of almost one minute. But countless other bands on the west coast, such as LOVE, JEFFERSON AIRPLANE (and later its spin-off HOT TUNA), GRATEFUL DEAD, QUICKSILVER MESSENGER SERVICE, PEARLS BEFORE SWINE, and TIM BUCKLEY all started in the folk rock realm. Even San Fran??s SANTANA with its Latino traditional music and, on the east coast, NY??s THE LOVING SPOONFUL had folk roots. Notwithstanding the immense popularity of SIMON & GARFUNKEL and their delicious harmonies, Folk Rock was appealing only to the rock public as the older generations turned their backs in folkies.

In the UK, following on their countrymen DONOVAN, many Scotsmen were very influent in exploring new grounds for folk rock: INCREDIBLE STRING BAND (led by Scots Palmer and Williamson) with their two highly influential albums ??5000 Layers Or The Spirit Of The Onion? & ??The Hangman??s Beautiful Daughter? and THE PENTANGLE (led by other Scots Renbourn, Jansch and McShee and their superb bassist Danny Thompson) and its incredible fusion of folk, blues and jazz style were very instrumental in developing the style to the same extent as FAIRPORT CONVENTION and THE STRAWBS who by that time were still more conventional US ??west-coast folk rock?. The single artistes in folk rock became known as Folk Troubadours were also numerous and often presented a more progressive side of folk: AL STEWART, NICK DRAKE, ROY HARPER, TYRANOSAURUS REX (actually a duo of Steven Took and Marc Bolan) , JOHN MARTYN etc?

However, the real angular album that will lead to further change of Folk Rock is FAIRPORT CONVENTION??s ??Liege & Lief? album, that proved to be highly influential for another generation of groups: this album concentrated into electrifying seminal English traditional folk and retained that quaint Englishness taste. It is interesting to see that both leaders of FAIRPORT quit the band after this success to go their respective way: Sandy Denny to a solo folk songwriting career and Ashley Hutchings to a very traditional folk rock. By this time, most connoisseur were talking of Acid Folk, Psych Folk, and Progressive Folk, all having limited differences and no particularly drawn-out limits or boundaries, but all relying on experimental or groundbreaking adventures and good musicianship but not necessarily of an acoustic nature.

Groups like THE THIRD EAR BAND and QUINTESSENCE relied on eastern Indian music influences and, sometimes, medieval tones. Other groups like the weird COMUS, THE TREES, SPYROGIRA, FOREST, the superb JAN DUKES DE GREY (all listed in the ProgArchives) but also TRADER HORNE, TUDOR LODGE, FOTHERINGAY, MAGNA CARTA, TIR NA NOG (all of whom could also be in the ProgArchives) were out to break new ground but with less commercial success as their predecessor. By 1972, all of the glorious precursors bands were selling fewer records and had problems renewing themselves and a newer generation of groups was relying in a more Celtic jigs or really traditional sounds. Such as HORSLIPS, DANDO SHAFT, STEELEYE SPAN, AMAZING BLONDEL, ALBION DANCE BAND and SPRIGUNS OF TOLGUS. Although JETHRO TULL had some definitive folk roots right from the start, their only albums that can be regarded as Prog Folk are 77??s Songs From The Woods and 78??s Heavy Horses. Ian Anderson (another Scots) was very keen in acoustical traditional songs. Some Folk Troubadours such as TIM BUCKLEY and JOHN MARTYN started turning records more and more axed towards fusing jazz and folk (a bit in what THE PENTANGLE were doing) , others became more and more electric and they started to be referred to as Singer Songwriters especially those with country rock influences.

In Germany, HOELDERLIN (and their fantastic debut album), EMTIDI, OUGENWEIDE, CAROL OF HARVEST, WITTHEUSER & WESTRUPP were exploring German folk while KALACAKRA , SILOAH and EMBRYO were indulging with Indian music. In South America, most notably in Chile, LOS JAIVAS (very bent upon Andean Indian music) and EL CONGRESSO (more Spanish-Latino folklore) were using folk in their rock, so much that some press talked about them referring it with the hateful term Inca Rock. In Quebec, the progressive movement exploded with the cultural identity and the Chansoniers tradition and this was carried out with LES SEGUIN and HARMONIUM and so many more. In France, many groups were out for folk rock such as RIBEIRO ALPS, TANGERINE, and ASGARD. In Spain, Flamenco playing a dominant role as well as Basque folk, TRIANA, ITOIZ and HAIZEA were the head of the movement once the Franco regime fell apart after his death.


There is also a very important medieval music influences dimension in some groups as the term Medieval Folk was also mentioned for a while but apparently dropped by musicologists. Among the UK groups are obviously GRYPHON, GENTLE GIANT and THIRD EAR BAND, in France: MALICORNE and RIPAILLE and in Scandinavia: ALGARNAS TRADGARD and FOLQUE.


Hugues Chantraine
Folk rock italiano?
Mi vengono in mente gli Aktuala (La Terra,1974), i Saint Just di Jane Sorrenti,ma soprattutto i Carnascialia (1979) di Pasquale Minieri (ex Canzoniere del Lazio) con ospiti d'eccellenza: Mauro Pagani e Demetrio Stratos.
Lo stesso Claudio Rocchi può essere definito prog-folk.O no?
  • 0

#3 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:33

Uh, attento che c'e' un javascript di qualche tipo nel brano che hai riportato, cerca di toglierlo. Grazie, comunque :)

A parte per gli Aktuala, comunque, non ho nulla degli artisti italiani che hai citato... Bene, bene, il thread serviva giusto a questo. Comunque gli Aktuala forse li lascerei un po' a parte, la loro e' quasi world music, anche se un po' "finta" a mio avviso. Non si rifa' tanto alla tradizione locale quanto a echi arabeggianti, africani, indiani...
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#4 Hypnotherapist

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 215 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:40

un paio di nomi: Jethro Tull, Traffic, Comus, Focus, East of Eden, Gryphon, Osanna, Quella Vecchia Locanda, Aktuala.

un paio di nomi che cita Scaruffi e che non conosco: Amazing Blondel, Dando Shaft, Spirogyra.

  • 0

#5 dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13340 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:43

Uh, attento che c'e' un javascript di qualche tipo nel brano che hai riportato, cerca di toglierlo. Grazie, comunque :)

Comunque gli Aktuala forse li lascerei un po' a parte, la loro e' quasi world music


anche i carnascialia sono sul versante world music. Di jane sorrenti ne ho sentito parlare molto bene, e credo (credo) si avvicini di più alla richiesta. Bel thread comunque, e bello il post di madadayo.
Ma interessa anche il folk irlandese, quello arrangiatissimo e virtuosistico (e per molti versi molto prog)?
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#6 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:50

un paio di nomi: Jethro Tull, Traffic, Comus, Focus, East of Eden, Gryphon, Osanna, Quella Vecchia Locanda, Aktuala.

un paio di nomi che cita Scaruffi e che non conosco: Amazing Blondel, Dando Shaft, Spirogyra.


Ecco, non conosco i Quella Vecchia Locanda, ma a parte i Comus non citerei nessuno degli artisti che hai nominato (tranne quelli scaruffiani - pero' non conosco Dando Shaft) come prevalentemente progressive folk. Nei Jethro Tull prevale senza dubbio l'elemento blues-rock, specie negli album piu' celebrati, i Focus spesso sfociano quasi nell'hard rock, i Traffic sono passati attraverso un sacco di stili, e senza dubbio alcuni brani del periodo "John Barleycorn Must Die" possono essere considerati progressive folk. Gli East of Eden li vedo piu' legati a quel rock "esotico" nato dalla tarda psichedelia, e bene o male - tolto l'elemento rock - anche gli Aktuala. I Gryphon (grandissimi!) riprendono temi medievali ma con un approccio molto "neoclassico", mi sembrano progressive rock in senso stretto. Anche gli Osanna mi sembrano prog-rock tout-court.
Mi sembra invece che il filone a cui mi riferisco sia nato in maniera sostanzialmente indipendente rispetto al progressive rock, e sia proceduto parallelamente, arrivando spesso ad esserne influenzato nelle strutture e nelle ambizioni e producendo talvolta dischi a meta' strada tra i due generi (penso agli Etron Fou Leloublan o ai Magna Carta).
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#7 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 12:52


Uh, attento che c'e' un javascript di qualche tipo nel brano che hai riportato, cerca di toglierlo. Grazie, comunque :)

Comunque gli Aktuala forse li lascerei un po' a parte, la loro e' quasi world music


anche i carnascialia sono sul versante world music. Di jane sorrenti ne ho sentito parlare molto bene, e credo (credo) si avvicini di più alla richiesta. Bel thread comunque, e bello il post di madadayo.
Ma interessa anche il folk irlandese, quello arrangiatissimo e virtuosistico (e per molti versi molto prog)?


Guarda, svelo le carte: mi interessa qualsiasi cosa si allontani dal blues. Se le sviolinate celtiche sono al posto del giro prima-quinta-sesta mi va bene tutto :)
Mo' mi leggo la mappazza postata da madadayo...
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#8 dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13340 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:02



Uh, attento che c'e' un javascript di qualche tipo nel brano che hai riportato, cerca di toglierlo. Grazie, comunque :)

Comunque gli Aktuala forse li lascerei un po' a parte, la loro e' quasi world music


anche i carnascialia sono sul versante world music. Di jane sorrenti ne ho sentito parlare molto bene, e credo (credo) si avvicini di più alla richiesta. Bel thread comunque, e bello il post di madadayo.
Ma interessa anche il folk irlandese, quello arrangiatissimo e virtuosistico (e per molti versi molto prog)?


Guarda, svelo le carte: mi interessa qualsiasi cosa si allontani dal blues. Se le sviolinate celtiche sono al posto del giro prima-quinta-sesta mi va bene tutto :)
Mo' mi leggo la mappazza postata da madadayo...


Bothy Band, Planxty, De Dannan (e altri) allora forse possono interessare. il primo dei planxty (ma anche i successivi) è un allegro gioellino di arrangiamenti perfetti e gusto.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#9 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17649 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:03

Ecco: se non si nominano i JETHRO TULL in questo topic (ma vedo che per fortuna e' stato gia' fatto.. ;)) allora non so dove potrebbero essere meglio nominati..! Eheheheh!

Loro, in alcuni album..soprattutto quelli dei '70's, sono Progressive-Folk-Rock..al massimo, a mio avviso! ;)
  • 0

#10 Hypnotherapist

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 215 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:04

i gruppi che citi nel primo post non li conosco  :'( , ho cercato di nominare quei gruppi che nel bene o nel male sono stati influenzati dalla componente folk, sia essa orientale/araba/psichedelica/world music/medievale/ecc.

non sono d'accordo con il tuo giudizio sugli Osanna. ascolta "L'Uomo" , il loro capolavoro (IMHO), manifesto dell' (hard) folk prog italiano.

non sono granchè d'accordo sui Focus, ma non mi interessa più di tanto.

ah, giusto per la cronaca, i Gryphon sono superflui (vedi discorso sui Renaissance?).
  • 0

#11 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:16

A parte quelli già citati, sono prog folk per me fondamentali:

TREES - The garden of Jane Delawney
TREES - On the shore
MELLOW CANDLE - Swaddling Song
C.O.B. - Spirit of love
JAN DUKES THE GREY - Mice and rats in the loft
FRESH MAGGOTS - omonimo
THE BEAU BRUMMELS - Triangle
THE BEAU BRUMMELS - Bradley's Bain
FOREST - omonimo
FOREST - Full Circle
STRAWBS - Quasi tutti i dischi, per preferenza personale segnalo Hero And Heroine
STEELEYE SPAN - per preferenza personale cito Commoner's Crown, ma altri sono autentiche gemme
FOLQUE - Vardoger
FOLQUE - omonimo
JOHN MARTYN - Solid Air
 
potrebbero far parte di questa categoria anche Keith Christmas (forse un po piu psych), i Barclay James Harvest, e altri     

  • 0

#12 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:17

Ecco: se non si nominano i JETHRO TULL in questo topic (ma vedo che per fortuna e' stato gia' fatto.. ;)) allora non so dove potrebbero essere meglio nominati..! Eheheheh!

Loro, in alcuni album..soprattutto quelli dei '70's, sono Progressive-Folk-Rock..al massimo, a mio avviso! ;)


Mah, io credo che i Jethro Tull siano uno dei gruppi di quel periodo che resta sostanzialmente inclassificabile. Mi vengono in mente anche i Pink Floyd o proprio i Traffic. Gruppi dal sound personalissimo, che non riesco davvero a "ficcare" dentro a questo o a quel genere. Insomma, se devo citare un album manifesto del progressive rock non cito "Thick as a Brick", "A Passion Play" o "Aqualung", ma non li cito nemmeno come esempio esplicativo di progressive folk!
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#13 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:23

non sono d'accordo con il tuo giudizio sugli Osanna. ascolta "L'Uomo" , il loro capolavoro (IMHO), manifesto dell' (hard) folk prog italiano.


Ecco, io ho solo Palepoli, che e' un gran bel disco ma non mi sembra riconducibile al genere. Provvedero', di "L'Uomo" ho solo la bellissima Title Track, molto italiana (non tanto prog folk pero').

ah, giusto per la cronaca, i Gryphon sono superflui (vedi discorso sui Renaissance?).


Pensa che "Red Queen to Gryphon Three" e' uno dei miei album progressive preferiti in assoluto. Ma non e' il thread giusto per parlarne :)

Grazie mille a Roger per la risposta, come sempre ricca di nomi che mi suonano completamente nuovi (a parte gli Strawbs, di cui preferisco "From the Witchwood" - comunque un gruppo parecchio "rock")!
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#14 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:27

Se cerchi elementi più propriamente folk, in un ambito comunque progressivo, allora mi permetto di consigliarti l'immediato acquisto di Mellow Candle e dei primi due dei Trees. E anche Jan Dukes the grey...non ti deluderanno.
  • 0

#15 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17649 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 13:55


Ecco: se non si nominano i JETHRO TULL in questo topic (ma vedo che per fortuna e' stato gia' fatto.. ;)) allora non so dove potrebbero essere meglio nominati..! Eheheheh!

Loro, in alcuni album..soprattutto quelli dei '70's, sono Progressive-Folk-Rock..al massimo, a mio avviso! ;)


Mah, io credo che i Jethro Tull siano uno dei gruppi di quel periodo che resta sostanzialmente inclassificabile. Mi vengono in mente anche i Pink Floyd o proprio i Traffic. Gruppi dal sound personalissimo, che non riesco davvero a "ficcare" dentro a questo o a quel genere. Insomma, se devo citare un album manifesto del progressive rock non cito "Thick as a Brick", "A Passion Play" o "Aqualung", ma non li cito nemmeno come esempio esplicativo di progressive folk!


Bho..io invece sinceramente si'! :D
Se devo citare una lista di album manifesto del Prog-Rock...."Thick As A Brick" non solo lo cito..ma lo metto anche ai primissimi posti di gradimento (ma questi sono miei gusti ovviamente..)!

Tornando al discorso di Prog-Folk..be' i Jethro sono stati sicuramente, a mio avviso, tra i massimi esponenti..soprattutto con alcuni album ("Songs From The Wood"? "Minstrel In The Gallery"?)!
Tutto questo, imho.. :)
  • 0

#16 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 14:06

Che siano folk prog, blues prog, classic prog occhessoio, i Jethro Tull rimangono per me una delle più alte espressioni del rock, purtroppo ricordati soltanto per due/tre dischi, tra l'altro manco i loro più belli per me. 
  • 0

#17 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 28 ottobre 2006 - 14:09

Che siano folk prog, blues prog, classic prog occhessoio, i Jethro Tull rimangono per me una delle più alte espressioni del rock, purtroppo ricordati soltanto per due/tre dischi, tra l'altro manco i loro più belli per me. 


Chi apre un thread? Io stesso li conosco solo fino a "A Passion Play", salvo un best of (non eccelso) che copre anche il periodo successivo.
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#18 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17649 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 14:12

C'e' gia' il thread sui JETHRO..tra l'altro molto bello! ;)
  • 0

#19 Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17649 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2006 - 14:20

Che siano folk prog, blues prog, classic prog occhessoio, i Jethro Tull rimangono per me una delle più alte espressioni del rock, purtroppo ricordati soltanto per due/tre dischi, tra l'altro manco i loro più belli per me. 


Grandissimo!! ;)
Tranne l'ultima frase: secondo me invece AQUALUNG e THICK AS A BRICK..sono certo i loro piu' famosi....ma sicuramente anche i miei preferiti..!

Nonostante io adori anche Songs From The Wood, Minstrel In The Gallery, This Was, ecc..ecc..!
Sono eccelsi..ma stiamo andando OT..!
C'e' gia' il thread sui JETHRO..l'ho riportato in vista di la'!
Ciao! :)
  • 0

#20 Guest_Eugenetic Axe_*

  • Guests

Inviato 29 ottobre 2006 - 10:59

Guarda, svelo le carte: mi interessa qualsiasi cosa si allontani dal blues. Se le sviolinate celtiche sono al posto del giro prima-quinta-sesta mi va bene tutto :)


Non ti meriti Van Morrison ;D !

One Sunday morning
We'd been walking
Down by
The old graveyard
The morning fog
I looked at you
Yeah
Those mystic eyes
Mystic eyes
Mystic eyes
Mystic eyes
Mystic eyes
Mystic eyes
Mystic eyes
Ah, mystic eyes, ah...

  • 0

#21 gigirictus

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17761 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 11:38

Wago, ti segnalo questo articolo: http://www.sands-zin...coli.php?id=833
  • 0

rym |


#22 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 29 ottobre 2006 - 11:44

La manna dal cielo, grazie mille!
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#23 peppemonki

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 167 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 12:03

Jethro Tull e Traffic vengono inseriti nel progressive folk anche se per i primi li inserirei nel progressive rock e i secondi, comq qualcuno ha già scritto, hanno abbracciato così tanti stili che diventa molto difficile dargli un'"etichetta musicale". Mi trovate dalla vostra parte invece quando citate Aktuala e Comus. Io aggiungerei anche gli Aphrodite's Child.
Un saluto a tutti
  • 0

#24 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 13:21

Mi sono dimenticato clamorosamente di Heavy Petting dei Dr. Strangely Strange.

Visto che ci sono segnalo anche quello che è il mio disco prog folk del momento

Folly's Pool - omonimo

...una gemma!
  • 0

#25 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 29 ottobre 2006 - 13:24

Ok, sto scaricando una tonnellata di dischi, di cui molti probabilmente non ascoltero' mai...
Per intanto mi son risentito per bene i tre che avevo dei Fairport Convention: "Liege and Lief" e' eccezionale, mi e' piaciuto anche "Unhalfbricking" che pero' mi sembra abbia qualche brano un po' fuori fuoco, mentre "Full House" mi e' sembrato perfino ridicolo.
Altro album che mi e' piaciuto da matti e' il primo degli Spyrogira, sto infatti recuperando anche altro.

Una caratteristica distintiva del genere sono le voci femminili strepitose, calde, decise e vellutate. E' strano che ne siano venute fuori cosi' tante di quel tipo proprio in quel periodo, per poi diluirsi notevolmente nei decenni successivi. Che fine hanno fatto? Chi ha la voce cosi' ancora oggi si infanga nei gruppi folk da sagra paesana, o che?
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#26 dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13340 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 13:38

Ok, sto scaricando una tonnellata di dischi, di cui molti probabilmente non ascoltero' mai...
Per intanto mi son risentito per bene i tre che avevo dei Fairport Convention: "Liege and Lief" e' eccezionale, mi e' piaciuto anche "Unhalfbricking" che pero' mi sembra abbia qualche brano un po' fuori fuoco, mentre "Full House" mi e' sembrato perfino ridicolo.
Altro album che mi e' piaciuto da matti e' il primo degli Spyrogira, sto infatti recuperando anche altro.

Una caratteristica distintiva del genere sono le voci femminili strepitose, calde, decise e vellutate. E' strano che ne siano venute fuori cosi' tante di quel tipo proprio in quel periodo, per poi diluirsi notevolmente nei decenni successivi. Che fine hanno fatto? Chi ha la voce cosi' ancora oggi si infanga nei gruppi folk da sagra paesana, o che?


in effetti sandy danny ma che voce aveva? se non l'hai ancora fatto pigliati dal mulo "who knows where the time goes" cantata da lei con gli strawbs (l'avevo pure segnalata su un altro thread qualche tempo fa), pajura pajura
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#27 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 13:52

I Fairport sono propriamente folk e di prog non hanno nulla! pensavo tu cercassi dischi folk ma sempre progressive..pensa che dei tre che hai citato "Unhalfbricking" è quello che preferisco! Liege & lief è l'album più famoso e di maggior successo dei Fairport, comunque sia stiamo parlando di tre grandi dischi.

St. Radiguns è l'unico album veramente bello degli Spirogyra, secondo me.

Sulle voci femminile come caratteristica dominante nel genere, hai ragione, ed è per questo che dal momento che ho capito che ti piacciono spingo ancora sui Mellow Candle. Esiste oggi una folta schiera di gruppi folk/psych/prog, tra i quali vado a ricordarti gli Espers, di recente usciti con "II", un disco che rivive meravigliosamente le atmosfere degli anni 70, secondo i tipici stilemi del folk prog/psych. La cantante degli Espers, di cui non ricordo il nome, stilisticamente ricorda molto le gesta delle grandi cantanti folk degli anni 70.

Magari dai un' occhiata alla scena scandinava se ti va, ti ho già menzionato i grandissimi Folque norvegesi,  adesso vado a segnalarti i Kebnekaise, svedesi, col loro secondo bellissimo album, anch'esso intitolato "II".     
  • 0

#28 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 29 ottobre 2006 - 13:57

I Fairport sono propriamente folk e di prog non hanno nulla! pensavo tu cercassi dischi folk ma sempre progressive..


Guarda, io ho spesso sentito parlare dei gruppi folk inglese si fine settanta/inizio settanta come "progressive folk", e non vedendo nemmeno io collegamenti diretti col progressive rock ho pensato si potesse parlare di un genere a se'.
I Mellow Candle li sto scaricando ora, mentre i Folque non sono riuscito a trovarli. Degli Espers continuo a sentir parlar benissimo e forse e' il caso di procurarmi "II"!
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#29 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2006 - 14:07

I Fairport Convention stanno alla base, sono il gruppo folk inglese per antonomasia insieme agli Steeleye Span, non ci sono grosse contaminazioni nei loro (bellissimi) dischi. E' un gruppo, in poche parole, tradizionale, proprio come gli Steeleye Span, anche questi con una grandiosa singer. Credo di aver segnalato qualche loro disco qualche post fa. Anche la Incredible String band è piuttosto tradizionale, ma è leggermente spostata su lidi psichedelici. Da questi, prendono ispirazione tutta una serie di gruppi che continuano un discorso tradizionale come i Dando Shaft o addirittura più "medievale" come i Forest, oppure si hanno gruppi come i Trees o i Mellow Candle appunto, che avventurano il loro folk verso contaminazioni progressive. Giustappunto i Trees, altro gruppo che va abraccietto coi Mellow Candle per affinità stilistiche. Se ti dovessero piacere i Mellow Candle, allora prendi pure i dischi dei Trees.     
  • 0

#30 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 04 dicembre 2006 - 01:14

Sto proseguendo da un mese nell'esplorazione della corrente. In attesa di un mega-post piu' articolato quando avro' ben chiari i cardini essenziali, segnalo questa ottima antologia:

Immagine inserita
The History of U.K. Folk-Rock (1968-1978) Vols. 1 & 2

I due cd raccolgono un sacco di nomi piu' o meno ignoti del folk progressivo inglese. Si va da stili cantautorali a episodi piu' acidi, orientaleggianti o piu' propriamente celtici. La qualita' delle proposte va dal buono all'eccelso, senza grosse cadute. Si parla comunque di folk-rock della "seconda ondata": niente  Incredible String Band e simili, ma stili piu' verso Fairport Convention-Trees-Steeleye Span. Molto interessante per scoprire artisti poco ricordati: io mi sono soffermato su un paio e li ho trovati facilmente grazie alla rete dei blog musicali.
Assolutamente imperdibile per gli appassionati, ma ottima anche per avere un'introduzione piu' ampia e panoramica possibile al genere.
Qua la trovate scaricabile:
http://chocoreve.blo...-folk-rock.html
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#31 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2006 - 02:16

Pure qui si trovano tante belle cosette, più focalizzate sul psych-folk

http://www.lysergia.blogspot.com/
  • 0

#32 Guest_Sir Psycho Sexy_*

  • Guests

Inviato 04 dicembre 2006 - 14:20

Sono l'unico che includerebbe in questo genere anche gli Audience?

  • 0

#33 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2006 - 14:42

Non è del tutto sbagliato, ma sarei più propenso a dire che gli Audience siano un gruppo di progressive con elementi folk (e soul) piuttosto che un gruppo folk-prog propriamente detto, se non altro per identita stilistica.

Ma a questo punto citerei anche Roy Harper, una voce emozionante, che ha fatto due bellissimi album di folk-rock barocco:
Flat Baroque And Beserk (1970)
Stormcock (1971)

A mio avviso è bellissimo anche What Ever Happened To Jugula (1985), suonato insieme a Jimmy Page
  • 0

#34 Veteran of Disorder

    Baron Samedi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1354 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2006 - 14:51

Ma a questo punto citerei anche Roy Harper, una voce emozionante, che ha fatto due bellissimi album di folk-rock barocco:
Flat Baroque And Beserk (1970)
Stormcock (1971)


Grandissimo Roy, pensavo giusto di dedicargli un thread a parte...

"Stormcock" lo definirei piuttosto un capolavoro che un "bellissimo album"  ;D


EDIT: lo segnalo per gli utenti + distratti, un rimando al Book of Am ci stà tutto viste le tematiche trattate...
  • 0

#35 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 15:23

"Red hash" di Gary Higgins lo hai mai ascoltato?
  • 0

#36 Veteran of Disorder

    Baron Samedi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1354 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 15:59

Io si: ottimo lavoro psych-folk...ma andando avanti di questo passo finiamo a parlare di Linda Perhacs mi sa...
  • 0

#37 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 17:52

I Fairport sono propriamente folk e di prog non hanno nulla! pensavo tu cercassi dischi folk ma sempre progressive..

Guarda, io ho spesso sentito parlare dei gruppi folk inglese si fine settanta/inizio settanta come "progressive folk", e non vedendo nemmeno io collegamenti diretti col progressive rock ho pensato si potesse parlare di un genere a se'.


Mi era sfuggita questa considerazione... e siccome mi interessa e anche io mi ero posto una questione del genere, provo a dare un'interpretazione.

Intanto parto da una considerazione empirica: io sono un appassionato di progressive, non apprezzo particolarmente né il folk cantautorale americano alla Dylan, né il folk anglosassone tradizionale in tutte le sue multiformi sfaccettature: ma amo tantissimo alcuni gruppi del folk inglese anni '70, quali i Fairport Convention, Pentangle, Fotheringay, Carol of Harvest (tedeschi), Incredible String Band....

Questo potrebbe essere la "mia" prova empirica che la musica dei '70, e in particolare il rock progressivo, abbia influenzato per contemporaneità storica anche il "modo di fare folk" di questi gruppi. E' innegabile ad esempio che Jack Orion di Jansch abbia la struttura della suite, e se ben ricordo , anche Babbacombe Lee dei Fairport è impostata su quello stesso metro.

A mio parere, il folk-prog comunemente detto dovrebbe includere quegli artisti che partono dallo schema progressivo e lo infarciscono di elementi folk (il cantato, la strumentazione, i rtimi): emblematici gli Strawbs, i Gryphon, gli Horslip o i Renaissance (anche se qui predomina a volte l'elemento folk, a volte il classico).
A fatica, soprattutto per la grande miscela di stili, potrei inserire nella lista anche Jetrho Tull e Traffic.

Per i gruppi alla Fairport Convention, Pentangle, ecc... in definitiva sono propenso a considerarli gruppi di folk-rock, sebbene influenzati musicalmente dal periodo storico in cui sono vissuti.

Fra qusti vi consiglio assolutamente Fotheringay (album omonimo) e Carol of Harvest (album omonimo), quest'ultimo con una voce stupenda e delle melodie trascinanti
  • 0

#38 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 18:02

E' una considerazione pertinente e mi trova d'accordo. Il progressive rock nei seventies ha influenzato e contaminato molti dei generi considerati tradizionali. Più di quanto si sia detto secondo me.

Il folk, ma anche il blues. Gruppi come i Groundhogs, i Bakerloo, gli Steamhammer, suonavano una interessantissima forma di rock blues influenzato dal prog.

Segno che il prog aveva segnato la sua epoca. 
  • 0

#39 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 18:11


Il folk, ma anche il blues.


....per non parlare del jazz! La Scuola di Canterbury non è altro che una protuberanza del fenomeno progressive dilagata nella musica in levare.
  • 0

#40 Roger

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 251 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 18:17

Ovvio.
Ma la contaminazione del prog sul jazz è ampiamente accettata.
Quella sul folk anche...
I puristi del blues, invece, ammettono a fatica che il prog abbia influenzato certi gruppi blues rock.
  • 0

#41 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 dicembre 2006 - 18:45

Uhm, finalmente qualcuno che raccoglie la domanda iniziale!
Nel corso della mia "esplorazione" del genere si e' andata delineando un'opinione abbastanza precisa delle sue caratteristiche e dei suoi "rapporti di parentela" con le altre scene ad esso contemporanee. Prima di tutto, si tratta come nel caso del progressive-rock di un fenomeno esclusivamente europeo e prevalentemente inglese. La parentela col progressive-rock non si limita alle analisi che fai sopra, che potrebbero indicare anche solo la comune espressione dello spirito del tempo, piuttosto che effettivi rapporti e scambi tra i due generi.

Il punto e' che, in fase embrionale, i due generi quasi coincidevano. Se dovessi scegliere gli equivalenti di "In the Court of the Crimson King" come primi esempi e riferimenti imprescindibili del folk progressivo, indicherei "Liege and Lief" dei Fairport Convention e "Basket of Light" dei Pentangle. I due dischi sono i vertici di due strade parallele abbastanza separate: da una parte gli echi della West Coast (i Fairport Convention), dall'altra il connubio jazz-folk-blues e la ripresa/ridefinizione di uno stile "celtico" iniziati da Davy Graham e canonizzati da Bert Jansch e John Renbourn (imprescindibile "Folk Roots, New Roots" di Davy Graham e Shirley Collins, modello di mille formazioni a venire).
Se la strada che condurra' ai Pentangle nasce in ambito folk tradizionale sotto la spinta dei "folk club" e, inevitabilmente, del primo Bob Dylan, la via dei Fairport Convention ha origini assolutamente rock. E se la si ripercorre a ritroso si scopre che Sandy Denny cantava negli Strawbs ("All our own work": prog-folk o prog-rock?), mentre la prima cantante Judy Dyble apparteneva al giro di Giles, Giles & Fripp, con cui avrebbe inciso gli stupendi "Brondesbury Tapes", anche loro a meta' tra progressive e folk-rock.

Procedendo, si assiste a un'enorme fioritura di formazioni che prendono a modello una delle due strade, con una netta prevalenza del filone Fairport Convention (un'eccezione degna di nota: i Dando Shaft). Alcuni gruppi nascono proprio da costole dei Fairport Convention, altri da collaborazioni inter-gruppo che si esauriscono nel giro di un album, altri ancora coinvolgono musicisti gia' affermati in ambito del revival folk di meta' anni '60. Talvolta anche tutte e tre le cose assieme (vedi "No Roses" di Shirley Collins & The Albion Country Band).
Forse e' improprio parlare di "folk progressivo" per queste band: si tratta in effetti di un'inebriamento di melodie e strutture provenienti dalla musica tradizionale, ma se spesso si assiste a un netto allontanamento o a una profonda rielaborazione delle matrici blues (esemplari in quest'ultimo senso proprio i Dando Shaft) la sensazione e' che la lucidita' sia scarsa o orientata in direzioni molto diverse dall'ottica comunemente intesa come "progressiva". L'attenzione si concentra infatti non tanto sull'individuazione di "nuove fondamenta" del rock, quanto sull'estensione del linguaggio rock alla musica tradizionale. Il blues sparisce non per volonta' ma perche' con tutti quei temi celtici per lui non c'e' piu' posto, e la parola d'ordine sembra molto piu' "musica per il cuore" che "musica per la mente".

Diversa e' la situazione per quanto riguarda la "seconda ondata" di formazioni progressive folk. Impossibile individuare un capostipite, perche' tutte le band coinvolte prendono come modelli principali quelle della prima ondata. Fatto sta pero' che a partire dal 1970 spuntano come funghi band folk-rock di evidente ispirazione Fairport Convention ma dai toni marcatamente fiabeschi, medievaleggianti: Trees, Mellow Candle, Midwinter, Stone Angel, Spirogyra, Saint Just, Malicorne e tonnellate di altri nomi che continuano a spuntarmi fuori girovagando per blog a tema.
Qua le somiglianze col progressive sono piu' evidenti, anche se paradossalmente le scene non mostrano piu' parentele nette a livello di componenti. Le strutture si fanno piu' ampie e barocche, i toni piu' epici, le strumentazioni si allargano ad archi e fiati e ai margini della scena compaiono anche dischi con l'orchestra.

Ci sono poi tanti gruppi che per un motivo o per l'altro possono considerarsi vicini al genere pur non appartenendo alla scena. I Jethro Tull, i Traffic, gli Strawbs, i Gryphon, i Lindisfarne e i pacchianissimi Horslips, si', ma anche i piu' oscuri Comus e Jan Dukes De Grey. Guardacaso sono per la maggior parte band spesso avvicinate al progressive rock ma non incluse nel genere a pieno titolo.
In questa ricostruzione ho volutamente omesso il filone psych-folk delle varie Incredible String Band e simili, perche' a mio avviso non c'e' nessuna continuita' tra quello e la scena in esame (forse i C.O.B., ma ancora non li ho sentiti). Sento di piu' l'influenza su cose tipo i dischi solisti di Jon Anderson, per dire.
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#42 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 23:36

Meno male che ci sei tu che hai tempo e voglia di fare queste indagini filologiche!
In effetti è l'unico modo obiettivo per individuare origini e discendenze.

Io ho amato tantissimo i Pentangle e ancora oggi ritengo il primo disco omonimo e Basket of Light due album di una bellezza inarrivabile. A proposito del discorso che facevo qualche giorno fa sulla valutazione complessiva di un disco, questi sono secondo me 2 fra gli album più omogenei ed equilibrati degli anni Settanta.

Teniamo anche presente che i Pentangle sono stati uno dei pochi gruppi di quegli anni che non ha mai cambiato formazione del corso della sua storia. Questo sicuramente ha influito positivamente sulla coerenza e continuità del loro progetto musicale.

Eppure Pentangle e Basket of Light sono due album che io sento molto diversi: il primo parla di più al cervello, ed è capace di donarti un sorriso. Il secondo va dritto all'anima.

Ma non direi che Basket of Light sia più "progressivo" di Pentangle. Se vogliamo orientarci più sul genere, allora - come detto - potremmo andare direttamente su Jack Orion, ospitato nel quarto album, non credi? Sulla base di quali elementi fai partire il discorso progressivo da Basket of Light e non da The Pentangle?

Nota a margine, ho letto ultimamente l??utile manuale del Rizzi "Folk inglese e musica celtica", che opera una selezione di gruppi di folk con lo stesso criterio utilizzato nell'ormai noto libro del Progressive. Lo consiglio per avere una buona panoramica del genere, ci sono davvero molte chicche da scoprire! Detto per inciso, quando qualche tempo fa sostenevo che la musica andasse valutata "per generi" mi riferivo proprio a un lavoro di questo tipo.

Ecco, isolare un "mondo" musicale, che abbia un background in comune, un humus culturale simile, una contemporaneità storica fra i vari protagonisti, mi sembra un buon sistema per analizzare quel ??mondo? con imparzialità, senza il rischio di cadere in inevitabili preferenze o idiosincrasie di genere, e soprattutto valutando sulla base di un linguaggio ??comune?, che permetta di operare raffronti e analisi comparate fra gli autori, altrimenti improponibili.
  • 0

#43 Veteran of Disorder

    Baron Samedi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1354 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 23:45

A mio avviso è bellissimo anche What Ever Happened To Jugula (1985), suonato insieme a Jimmy Page


Perdonami l'uscita estemporanea, ma me ne parleresti un attimo?
  • 0

#44 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 06 dicembre 2006 - 00:12

Meno male che ci sei tu che hai tempo e voglia di fare queste indagini filologiche!
In effetti è l'unico modo obiettivo per individuare origini e discendenze.

Io ho amato tantissimo i Pentangle e ancora oggi ritengo il primo disco omonimo e Basket of Light due album di una bellezza inarrivabile. A proposito del discorso che facevo qualche giorno fa sulla valutazione complessiva di un disco, questi sono secondo me 2 fra gli album più omogenei ed equilibrati degli anni Settanta.


Mi trovo del tutto d'accordo. Credo siano i due episodi piu' alti e consapevoli della carriera dei Pentangle. In particolare "Basket of Light" e' a mio avviso un disco assolutamente perfetto, che forse come tutti i grandissimi capolavori va perfino oltre l'idea che ne aveva il gruppo mentre lo realizzava.

Eppure Pentangle e Basket of Light sono due album che io sento molto diversi: il primo parla di più al cervello, ed è capace di donarti un sorriso. Il secondo va dritto all'anima.
Ma non direi che Basket of Light sia più "progressivo" di Pentangle. Se vogliamo orientarci più sul genere, allora - come detto - potremmo andare direttamente su Jack Orion, ospitato nel quarto album, non credi? Sulla base di quali elementi fai partire il discorso progressivo da Basket of Light e non da The Pentangle?


Come spiegavo sopra, non credo in realta' che i Pentangle abbiano mai avuto una mentalita' veramente "progressiva". Nei loro dischi colgo sempre un attaccamento alle matrici blues, o quantomeno il disinteresse verso l'allontanamento da esso: i punti su cui fa leva il loro percorso artistico sono altri (alcuni dei quali progressivissimi, ma per parlare di "prog" in senso stretto la ricerca armonica credo sia fondamentale). "Basket of Light", forse piu' per coincidenza che altro, e' per me il loro disco piu' distante dal blues, praticamente assente e rimpiazzato dai giri armonici tipici della musica tradizionale inglese.
Se poi i Pentangle sono il gruppo piu' colto tra i capostipiti del genere, comunque non parlerei quasi mai di musica lucida e calcolata: al di la' dei personali percorsi stilistici di Jansch e Renbourn mi sembra che in sede compositiva il gruppo lavori piu' che altro sull'istintualita' e il concetto di jam mediato da jazz, blues e psichedelia. Anche qui, "Basket of Light" mi pare il disco che piu' suggerisce un'approfondita riflessione formale. Prendiamo il metro geniale della bellissima "Light Flight": e' un 5+5+2, cio' significa che crea tutto lo spaesamento di un tempo composto, ma (essendo la somma 12) risulta anche immediato e accattivante come un usuale tempo semplice. Le armonie vocali di "Hunting Song" sono poi per me un importante passo verso la "rifondazione progressiva" (anche se probabilmente involontaria) del folk-rock, andando a trovare i nuovi schemi direttamente nell'eredita' tradizionale.

Nota a margine, ho letto ultimamente l??utile manuale del Rizzi "Folk inglese e musica celtica", che opera una selezione di gruppi di folk con lo stesso criterio utilizzato nell'ormai noto libro del Progressive.


Devo procurarmelo al piu' presto: quanto costa?
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#45 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2006 - 01:45

[quote]Nota a margine, ho letto ultimamente l??utile manuale del Rizzi "Folk inglese e musica celtica", che opera una selezione di gruppi di folk con lo stesso criterio utilizzato nell'ormai noto libro del Progressive.[/quote]

Devo procurarmelo al piu' presto: quanto costa?
[/quote]

Io l'ho pagato 7?. Pardon, l'autore non è Rizzi ma un certo Antonio Vivaldi. Il manuale appartiene alla collana degli Atlanti Universali Giunti, la serie a cura di Riccardo Bertoncelli.
Della stessa collana ci sono anche il manuale dedicato alla "Psichedelia" di Cesare Rizzi, quello al rock-blues di Mauro Zambellini, quello alla New Wave e quello al Punk/Hardcore. Tranne l'ultimo, li ho presi tutti.
  • 0

#46 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2006 - 01:55


A mio avviso è bellissimo anche What Ever Happened To Jugula (1985), suonato insieme a Jimmy Page


Perdonami l'uscita estemporanea, ma me ne parleresti un attimo?


E' un cd che non ho più sotto mano, ma mi ricordo l'emozione travolgente che mi avevano lasciato alcuni pezzi. Metti un cantante dalle doti eccezionali, un chitarrista di prima classe, e già metà del lavoro è fatto.  ;)


  • 0

#47 wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22532 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 06 dicembre 2006 - 12:14

Segnalo qualche link:

http://www.theunbrokencircle.co.uk/ un'autentica bibbia per quanto riguarda wyrd, psych e progressive folk (anche se non fa molte distinzioni)
http://time-has-told....blogspot.com/  il blog a tema piu' fornito e disponibile riguardo al genere
http://chocoreve.blogspot.com/ piu' vario, ma qualcosa lo si trova anche qui
  • 0
"It's a strange world." "Let's keep it that way."

#48 piblokto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 373 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2007 - 02:09


Ma a questo punto citerei anche Roy Harper, una voce emozionante, che ha fatto due bellissimi album di folk-rock barocco:
Flat Baroque And Beserk (1970)
Stormcock (1971)


Grandissimo Roy, pensavo giusto di dedicargli un thread a parte...

"Stormcock" lo definirei piuttosto un capolavoro che un "bellissimo album"  ;D


Riprendo questo post solo per dire che ho appena riascoltato Stormcock, e per me rappresenta senza dubbio il disco più emozionante mai fatto da un cantautore, accompagnato quasi esclusivamente dalla sua chitarra.

E' incredibile come la storia del rock abbia trascurato e continui a trascurare questa perla straordinaria....
  • 0

#49 Guest_Julian_*

  • Guests

Inviato 07 gennaio 2007 - 09:58

In effetti "Stormcock" è un disco strepitoso, ingiustamente sottovalutato.
Concordo inoltre con quanto dite su "Basket of light": discone della madonna, perfetto dall'inizio alla fine. Devo in ogni caso dire che l'universo prog-folk è sicuramente di grande interesse...questo topic è una miniera d'oro.
Io credo che, seppur in modo molto peculiare, anche "Astral Weeks" possa venir accostato a questo calderone....gli esperti concordano?
  • 0

#50 ruggero acque

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 299 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2007 - 11:01

Io ho sentito parlare bene dei Fruup. Sono irlandesi, però ancora non ho avuto modo di ascoltarli.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi