Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Sonate per pianoforte di Beethoven, interpretazioni


  • Please log in to reply
7 replies to this topic

#1 Eraserhead

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 71 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 13:38

Quali sono quelle secondo voi le interpretazioni più importanti (magari un integrale)?
  • 0

#2 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25170 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 14:30

Mi sa che se ne è già parlato in migliaia di thread.
Io mi sento di confermare l'integrale eseguita da Wilhelm Kempff, grandissimo pianista non solo su Beethoven (mi riferisco in particolare ai Piano Works di Schumann).
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#3 Eraserhead

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 71 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 14:59

In realtà no, o almeno ho fatto una ricerca prima di aprire il topic e non ho trovato nulla di specifico. C'era un topic generico su Beethoven che avevo aperto io stesso tempo addietro, forse avrei dovuto chiedere li ma era un pò troppo dispersivo...
  • 0

#4 fabio-uk

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 816 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 16:58

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita
  • 0

#5 Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 17:00

il Beethoven di gould non mi ha mai convinto, anche se è un documento artistico eccezzionale.
Per il resto, direi che avete citato pressoché il meglio che esista in discografia.
Come al solito, faccio presente che anche le incisioni di Pollini sono da annoverare tra le grandi; anzi, la sua "Appassionata" credo abbia davvero pochi, pochissimi rivali.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#6 kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 17:10

da quando ho scoperto lei....

Immagine inserita

fiera, severa, rigorosa, passionale, magnifica!
peccato che l'integrale edito da Hungaroton costi uno sproposito....

  • 0

#7 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25170 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 17:14

Come al solito, faccio presente che anche le incisioni di Pollini sono da annoverare tra le grandi; anzi, la sua "Appassionata" credo abbia davvero pochi, pochissimi rivali.


Esatto. Anche il celeberrimo doppio "The Late Sonatas"

Immagine inserita

è un lavoro mostruoso. Sono composizioni molto difficili (anche da ascoltare - specialmente la "Hammerklavier", un nome un perché) ma direi che qui Pollini dà una delle sue prove migliori. Alla faccia di chi lo accusa di "accademismo".
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#8 Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2009 - 17:29

Sì, giusto, anche la Fischer... e non dimentichiamo Serkin!

Immagine inserita

:-* :-*
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi