Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Tropicalismo


  • Please log in to reply
52 replies to this topic

#1 Emiliano

Emiliano

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 94 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 17 novembre 2007 - 13:15

Chiedo aiuto ai più esperti!
ho ascoltato di recente "JOãO GILBERTO & STAN GETZ - Getz/Gilberto" e "CAETANO VELOSO - Estrangeiro e Tropicalia".
Considerando che mi piace moltissimo la voce di Regina Elis, cosa posso ascoltare per proseguire questo discorso?
ciao e grazie
  • 0

#2 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17729 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2007 - 13:55

Emilano, intanto ti cosniglio di dare un'occhiata in questi thread:
http://www.ondarock....x.php?topic=641
http://www.ondarock.....php?topic=1084

a questa lista

e a questa, che oggettivamente è la migliore* mai concepita asd



* beh forse dopo questa.
  • 0

rym |


#3 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17729 Messaggi:

Inviato 03 dicembre 2007 - 17:48

Oddio che è successo a questo thread?

Beh guardatevi questo video:
http://www.youtube.c...h?v=19WuMxTzjas
(Nara Leão)
  • 0

rym |


#4 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2008 - 15:04

non so se l'avete già vista, comunque segnalo questa classifica fatta da Rolling stone sui migliori dischi brasiliani di tutti i tempi:
http://coscienzaspor...s-da-msica.html

01. Acabou Chorare (Novos Baianos, 1972)
02. Tropicália ou Panis et Circencis (Vários, 1968)
03. Construção (Chico Buarque, 1971)
04. Chega de Saudade (João Gilberto, 1959)
05. Secos e Molhados (Secos e Molhados, 1973)
06. A Tábua de Esmeralda (Jorge Ben, 1972)
07. Clube da Esquina (Milton Nascimento Lô Borges, 1972)
08. Cartola (Cartola, 1976)
09. Os Mutantes (Os Mutantes, 1968)
10. Transa (Caetano Veloso, 1972)
11. Elis Tom (Elis Regina e Antônio Carlos Jobim, 1974)
12. Krig-Ha Bandolo (Raul Seixas, 1973)
13. Da Lama ao Caos (Chico Science Nação Zumbi, 1994)
14. Sobrevivendo no Inferno (Racionais MC??s, 1998)
15. Samba Esquema Novo (Jorge Ben, 1963)
16. Fruto Proibido (Rita Lee, 1975)
17. Racional Volume 1 (Tim Maia, 1975)
18. Afrociberdelia (Chico Science Nação Zumbi, 1996)
19. Cabeça Dinossauro (Titãs, 1986)
20. Fa-Tal - Gal a Todo Vapor (Gal Costa, 1971)
21. Dois (Legião Urbana, 1986)
22. A Divina Comédia ou Ando Meio Desligado (Os Mutantes, 1970)
23. Coisas (Moacir Santos, 1965)
24. Roberto Carlos em Ritmo de Aventura (Roberto Carlos, 1967)
25. Tim Maia (Tim Maia, 1970)
26. Expresso 2222 (Gilberto Gil, 1972)
27. Nós vamos Invadir Sua Praia (Ultraje a Rigor, 1985)
28. Roberto Carlos (Roberto Carlos, 1971)
29. Os Afro-Sambas (Baden Powell, Quarteto em Cy e Vinícius de Moraes, 1966)
30. A Dança da Solidão (Paulinho da Viola, 1972)
31. Carlos, Erasmo (Erasmo Carlos, 1970)
32. Pérola Negra (Luis Melodia, 1973)
33. Caymmi e Seu Violão (Dorival Caymmi, 1959)
34. Loki? (Arnaldo Baptista, 1974)
35. Estudando o Samba (Tom Zé, 1976)
36. Falso Brilhante (Elis Regina, 1976)
37. Caetano Veloso (Caetano Veloso, 1968)
38. Maria Fumaça (Banda Black Rio, 1977)
39. Selvagem? (Os Paralamas do Sucesso, 1986)
40. Legião Urbana (Legião Urbana, 1985)
41. Meus Caros Amigos (Chico Buarque, 1976)
42. O Bloco do Eu Sozinho (Los Hermanos, 2001)
43. Refazenda (Gilberto Gil, 1975)
44. Mutantes (Os Mutantes, 1969)
45. Raimundos (Raimundos, 1994)
46. Chaos A.D. (Sepultura, 1993)
47. João Gilberto (João Gilberto, 1973)
48. As Aventuras da Blitz (Blitz, 1982)
49. Racional Volume 2 (Tim Maia, 1976)
50. Revolver (Walter Franco, 1975)
51. Clara Crocodilo (Arrigo Barnabé, 1980)
52. Cartola (Cartola, 1974)
53. O Novo Aeon (Raul Seixas, 1975)
54. Refavela (Gilberto Gil, 1977)
55. Nervos de Aço (Paulinho da Viola, 1973)
56. Amoroso (João Gilberto, 1977)
57. Roots (Sepultura, 1996)
58. Antônio Carlos Jobim (Tom Jobim, 1963)
59. Canção do Amor Demais (Elizeth Cardoso, 1958)
60. Gil e Jorge Ogum Xangô + D2 (Gilberto Gil e Jorge Ben, 1975)
61. Força Bruta (Jorge Ben, 1970)
62. MM (Marisa Monte, 1989)
63. Milagre dos Peixes + D2 (Milton Nascimento, 1973)
64. Show Opinião (Nara Leão, Zé Kéti e João do Vale, 1965)
65. Nelson Cavaquinho (Nelson Cavaquinho, 1973)
66. Cinema Transcendental (Caetano Veloso, 1979)
67. África Brasil (Jorge Ben, 1976)
68. Ventura (Los Hermanos, 2003)
69. Samba Esquema Noise (Mundo Livre S/A, 1994)
70. Getz/Gilberto Featuring Antônio Carlos Jobim (Stan Getz, João Gilberto e Antônio Carlos Jobim, 1963)
71. Noel Rosa e Aracy de Almeida (Aracy de Almeida, 1950)
72. Jardim Elétrico (Os Mutantes, 1971)
73. Angela Ro Ro (Angela Ro Ro, 1979)
74. ? Blésq Blom (Titãs, 1989)
75. Tim Maia (Tim Maia, 1971)
76. A Bad Donato (João Donato, 1970)
77. Canções Praieiras (Dorival Caymmi, 1954)
78. Gilberto Gil (Gilberto Gil, 1968)
79. Álibi (Maria Bethânia, 1978)
80. Gal Costa (Gal Costa, 1969)
81. Psicoacústica (Ira!, 1988)
82. O Inimitável (Roberto Carlos, 1968)
83. Matita Perê (Tom Jobim, 1973)
84. Qualquer Coisa/Jóia (Caetano Veloso, 1975)
85. Jovem Guarda (Roberto Carlos, 1965)
86. Beleléu, Leléu, Eu (Itamar Assumpção e Banda Isca de Polícia, 1980)
87. Verde Anil Amarelo Cor de Rosa e Carvão (Marisa Monte, 1994)
88. Nada Como Um Dia Após O Outro Dia + D2 (Racionais MC??s, 2002)
89. Carnaval na Obra (Mundo Livre S/A, 1998)
90. Quem é Quem (João Donato, 1973)
91. Cantar (Gal Costa, 1974)
92. Wave (Tom Jobim, 1967)
93. Lado B, Lado A (O Rappa, 1999)
94. Vivendo e Não Aprendendo (Ira!, 1986)
95. Doces Bárbaros + D2 (Gil, Bethânia, Caetano e Gal, 1976)
96. A Sétima Efervescência (Júpiter Maçã, 1996)
97. Araçá Azul (Caetano Veloso, 1972)
98. Elis (Elis Regina, 1972)
99. Revolução por Minuto (RPM, 1985)
100. Circense (Egberto Gismonti, 1980)


Ora, lo so che di solito le classifiche di Rolling stone fanno cagare, però mi aspettavo di vedere al primo posto qualche nome notissimo, e dato che ad esempio i Novos Baianos non li avevo mai sentiti, mi sono ascoltato il disco.

Ora lasciando da parte tutte le solite discussioni che si possono fare sul fatto che è inconcepibile che Tizio venga prima di Caio eccetera: dai primi ascolti posso dire che era da un bel po' che un disco non mi stampava un sorriso in faccia in questo modo. 
Grande pop, suonato benissimo, trascinante, moderno, per grandi e piccini. Tra l'altro, non ci si crede che sia del 72, non ci si crede. Bello bello, sentitevelo!
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#5 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17729 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2008 - 15:19

Beh non mi sembra male per essere una classifica di Rolling Stone.

Ne approfitto per segnalare questo blog:

http://brnuggets.blogspot.com/

è in portoghese, però ci sono i dischi da scaricare, e sono quasi tutti sconosciuti.
  • 0

rym |


#6 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2008 - 15:30

Beh non mi sembra male per essere una classifica di Rolling Stone.

Ne approfitto per segnalare questo blog:

http://brnuggets.blogspot.com/

è in portoghese, però ci sono i dischi da scaricare, e sono quasi tutti sconosciuti.


grande segnalazione gigi! ne approfitto che ho già visto qualche titolo che mi interessa
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#7 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17729 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2008 - 16:37

Oddio, con sonorità simili non ne conosco molti, anche i due che ho ascoltato di Nara Leão appartengono al tropicalismo, quindi lontanissimi dalla forma voce + chitarra.

Mi viene in mente Fa-Tal-Gal a Todo Vapor di Gal Costa (la prima parte), oppure buttati sui primi dischi di bossanova (Joao Gilberto, per esempio).
  • 0

rym |


#8 Flight

Flight

    cosa rimane dentro noi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1039 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 13 febbraio 2008 - 17:57

La lista del Rolling Stone brasiliano è molto ben fatta ed offre un??ampia panoramica sulla varie età della MPB/pop brasiliano.
A ciascun redattore della rivista in terra brasiliana è stato chiesto di nominare 20 dischi migliori senza ordine di preferenza.. ciò spiega, ad es. la presenza di alcuni autori con anche 3-4 dischi e l??assenza imperdonabile di altri, giustificata appena dalla carenza/assenza di ristampe (un nome su tutti, Marcos Valle!).

Forse numerando la sequenza, sarebbe cambiato qualcosa ma il risultato, come già scritto da qualche parte, è un po?? il segno dei tempi che rileggono i tempi, ma tutto sommato il parterre non si falsa: non privilegiando nessun titano su un altro, tutto suona più democratico.

A prescindere dalla leadership, ??Acabou Chorare? dei Novos Baianos è un disco stupendo e mostra un affiatamento collettivo impareggiabile, e poi ci sono alcune canzoni indimenticabili e la voce di Baby Consuelo.
Il successivo ??Novos Baianos F.C.? del '73 è alla stessa altezza, dischi come non se ne fanno più (e non è retorica..) così come il precedente, ??? Ferro na Boneca? più acerbo e influenzato dal sonorità anglofone beat.
Peccato non poterli ripassare ora: per me d??inverno, questa è musica inavvicinabile.

  • 0
fabio

#9 Guest_telegram_*

Guest_telegram_*
  • Guests

Inviato 13 febbraio 2008 - 19:52

02. Tropicália ou Panis et Circencis (Vários, 1968)
03. Construção (Chico Buarque, 1971)
04. Chega de Saudade (João Gilberto, 1959)
05. Secos e Molhados (Secos e Molhados, 1973)
06. A Tábua de Esmeralda (Jorge Ben, 1972)
07. Clube da Esquina (Milton Nascimento Lô Borges, 1972)
09. Os Mutantes (Os Mutantes, 1968)
10. Transa (Caetano Veloso, 1972)
11. Elis Tom (Elis Regina e Antônio Carlos Jobim, 1974)
13. Da Lama ao Caos (Chico Science & Nação Zumbi, 1994)
15. Samba Esquema Novo (Jorge Ben, 1963)
17. Racional Volume 1 (Tim Maia, 1975)
19. Cabeça Dinossauro (Titãs, 1986)
22. A Divina Comédia ou Ando Meio Desligado (Os Mutantes, 1970)
28. Roberto Carlos (Roberto Carlos, 1971)
29. Os Afro-Sambas (Baden Powell, Quarteto em Cy e Vinícius de Moraes, 1966)
33. Caymmi e Seu Violão (Dorival Caymmi, 1959)
37. Caetano Veloso (Caetano Veloso, 1968)
41. Meus Caros Amigos (Chico Buarque, 1976)
42. O Bloco do Eu Sozinho (Los Hermanos, 2001)
44. Mutantes (Os Mutantes, 1969)
50. Revolver (Walter Franco, 1975)
56. Amoroso (João Gilberto, 1977)
59. Canção do Amor Demais (Elizeth Cardoso, 1958)
60. Gil e Jorge Ogum Xangô + D2 (Gilberto Gil e Jorge Ben, 1975)
63. Milagre dos Peixes + D2 (Milton Nascimento, 1973)
67. África Brasil (Jorge Ben, 1976)
68. Ventura (Los Hermanos, 2003)
69. Samba Esquema Noise (Mundo Livre S/A, 1994)
70. Getz/Gilberto Featuring Antônio Carlos Jobim (Stan Getz, João Gilberto e Antônio Carlos Jobim, 1963)
78. Gilberto Gil (Gilberto Gil, 1968)
80. Gal Costa (Gal Costa, 1969)
84. Qualquer Coisa/Jóia (Caetano Veloso, 1975)
92. Wave (Tom Jobim, 1967)
94. Vivendo e Não Aprendendo (Ira!, 1986)

La classifica è bellissima ma sono tutti nomi arcinoti, Novos Baianos compresi, non c'è quasi nessuna "chicca" (da qui l'assenza di capolavori misconosciuti come "Paêbirú" di Lula Côrtes e Zé Ramalho, l'album di Joyce e Nelson Angelo, e via dicendo)...
Comunque sia, fra quelli presenti, posto che me ne mancano una decina, ho evidenziato quelli secondo me inderogabili per una comprensione davvero completa della musica brasiliana.

Alcune precisazioni, ovviamente basate sui miei gusti: mentre il debutto del duo Science/Zumbi piazzato al numero 13 contiene una potentissima miscela di rap e funk-rock, una contaminazione spericolata da far impallidire il patetico crossover mainstream coevo, il suo seguito, piazzato al 18, ne è soltanto una pallida imitazione: la ricerca sonora e la cura del dettaglio si fanno esasperate, ma completamente a discapito della potenza, e ne risulta una paccottiglia che fa rimpiangere il capolavoro di due anni prima.
Il debutto dei Mutantes è stato piazzato al 9, più in alto del secondo (44) e del terzo (22), e era ovvio che fosse così visto che è il più celebrato. A ogni modo, pur rimanendo un grande disco, a mio avviso fra i tre è il minore: provare per credere.
Roberto Carlos è un grandissimo scrittore di canzoni: molti suoi brani in mano ad altri diventano capolavori. Con lui invece soffrono un po' a causa del sua interpretazione "populista a tutti i costi" (in diversi brani degli anni Sessanta sembra di sentire Celentano - e perdonatemi ma non lo intendo come un complimento), ciononostante il disco del 1971 è davvero tosto. Impianto furbo come al solito, ma due composizioni fra le più belle di tutto il canzoniere brasiliano: "Detalhes" e "Debaixo Dos Caracóis Dos Seus Cabelos" (dedicata a Veloso, all'epoca esiliato a Londra causa regime).
Capitolo João Gilberto: "Chega de Saudade" rimane un album-chiave, ma è forse più un imponente documento storico che un capolavoro vero e proprio. Non si può proprio tralasciare, essendo il disco che inventò la bossanova insieme a "Canção do Amor Demais" di Elizete Cardoso (in cui Gilberto peraltro suona), però a livello strettamento musicale per me il suo vertice rimane "Amoroso" (che pure è in lista, anche se nella fascia bassa), disco del 1977 in cui João interpreta standard brasiliani e non (c'è persino "Estate" di Bruno Martino!) sommerso da sublimi maree orchestrali, dando vita a una sorta di lounge pesantissima e rallentata, una roba per il 1977 assolutamente anacronistica, ma a ben vedere sarebbe risultato fuori luogo anche negli anni Sessanta, disponendo di una profondità di sound a dir poco avveniristica. Un album veramente fuori dal mondo.
Capitolo Gal Costa: la sua opera che hanno messo più in alto è "Gal a Todor Vapor", album dal vivo ampiamente mitizzato, ma a mio avviso mediocre, soprattutto a causa della pessima qualità di registrazione (e visto che stiamo parlando di musica particolarmente dipendente da colori e sfumature, non riuscire a coglierli toglie parecchia magia). Più in basso hanno messo il suo primo album solista, "Gal Costa" (1969), bellissimo disco pop contenente i due brani che la resero una star: "Que Pena" (scritta da Jorge Ben e interpretata con Veloso) e "Baby" (di e con Veloso). Le orchestrazioni sono di Rogerio Duprat. Ciononostante trovo che il capolavoro assoluto di Gal non sia presente, e quindi mi permetto di segnalarlo. Si tratta di "Gal" (1969). E' fondamentale soprattutto perché è l'unico classico tropicalista dove al più celebrato session-man brasiliano dell'epoca, il chitarrista Lanny Gordin, viene lasciato potere decisionale. Gordin crea brani deliranti e zeppi di distorsioni, in apparenza quasi improvvisati nel loro marasma di suoni psichedelici, ma in realtà frutto di un notevole lavoro in studio (anche considerando che il Nostro oltre alle chitarre suona il basso - e come lo suona! Un suono corposo e torrenziale, mai sentito niente del genere considerata l'epoca!). Il risultato è qualcosa di davvero impressionante, se aggiungete il fatto che Gal sbraita come una iena, manco fosse Yoko Ono o Patty Waters. Non dico che sembri praticamente no-wave, ma di certo si capisce come mai Arto Lindsay ami questo disco. Meriterebbe di essere celebrato quanto "Trout Mask Replica".
Due note al volo, infine: Qualquer Coisa e Jóia di Veloso mi risultano essere due album separati, non capisco perché li abbiano indicati come fosse un titolo solo. Di Veloso inoltre mancano molti titoli essenziali, essendo il musicista brasiliano creativamente più longevo, e neanche di poco (è riuscito a fare un disco stupendo persino negli anni Novanta, quando ormai tutti i suoi compagni d'avventura, da Gilberto Gil a Rita Lee, erano ampiamente bolliti).
Gli Ira non sono poi fondamentali, ma li ho segnalati per simpatia: sono spassosi e sono praticamente identici ai Jam. Immaginate Paul Weller che canta in portoghese e li avrete davanti. :D

EDIT - State invece alla larga da Raul Seixas, fa davvero schifo!

#10 Guest_telegram_*

Guest_telegram_*
  • Guests

Inviato 13 febbraio 2008 - 20:01

A proposito, ho appena sentito provenire dalla televisione nell'altra stanza uno spot pubblicitario di non so cosa, con in sottofondo nientemeno che "Aguas de Março" :-*
http://www.youtube.c...h?v=xRqI5R6L7ow

#11 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 14 febbraio 2008 - 10:45

Beh non mi sembra male per essere una classifica di Rolling Stone.

Ne approfitto per segnalare questo blog:

http://brnuggets.blogspot.com/

è in portoghese, però ci sono i dischi da scaricare, e sono quasi tutti sconosciuti.

c'è anche Africadeus di Nana Vasconcelos, disco bellissimo. Grazie della segnalazione, approfondirò.

#12 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:25


02. Tropicália ou Panis et Circencis (Vários, 1968)
03. Construção (Chico Buarque, 1971)
04. Chega de Saudade (João Gilberto, 1959)
05. Secos e Molhados (Secos e Molhados, 1973)
06. A Tábua de Esmeralda (Jorge Ben, 1972)
07. Clube da Esquina (Milton Nascimento Lô Borges, 1972)
09. Os Mutantes (Os Mutantes, 1968)
10. Transa (Caetano Veloso, 1972)
11. Elis Tom (Elis Regina e Antônio Carlos Jobim, 1974)
13. Da Lama ao Caos (Chico Science & Nação Zumbi, 1994)
15. Samba Esquema Novo (Jorge Ben, 1963)
17. Racional Volume 1 (Tim Maia, 1975)
19. Cabeça Dinossauro (Titãs, 1986)
22. A Divina Comédia ou Ando Meio Desligado (Os Mutantes, 1970)
28. Roberto Carlos (Roberto Carlos, 1971)
29. Os Afro-Sambas (Baden Powell, Quarteto em Cy e Vinícius de Moraes, 1966)
33. Caymmi e Seu Violão (Dorival Caymmi, 1959)
37. Caetano Veloso (Caetano Veloso, 1968)
41. Meus Caros Amigos (Chico Buarque, 1976)
42. O Bloco do Eu Sozinho (Los Hermanos, 2001)
44. Mutantes (Os Mutantes, 1969)
50. Revolver (Walter Franco, 1975)
56. Amoroso (João Gilberto, 1977)
59. Canção do Amor Demais (Elizeth Cardoso, 1958)
60. Gil e Jorge Ogum Xangô + D2 (Gilberto Gil e Jorge Ben, 1975)
63. Milagre dos Peixes + D2 (Milton Nascimento, 1973)
67. África Brasil (Jorge Ben, 1976)
68. Ventura (Los Hermanos, 2003)
69. Samba Esquema Noise (Mundo Livre S/A, 1994)
70. Getz/Gilberto Featuring Antônio Carlos Jobim (Stan Getz, João Gilberto e Antônio Carlos Jobim, 1963)
78. Gilberto Gil (Gilberto Gil, 1968)
80. Gal Costa (Gal Costa, 1969)
84. Qualquer Coisa/Jóia (Caetano Veloso, 1975)
92. Wave (Tom Jobim, 1967)
94. Vivendo e Não Aprendendo (Ira!, 1986)

La classifica è bellissima ma sono tutti nomi arcinoti, Novos Baianos compresi, non c'è quasi nessuna "chicca" (da qui l'assenza di capolavori misconosciuti come "Paêbirú" di Lula Côrtes e Zé Ramalho, l'album di Joyce e Nelson Angelo, e via dicendo)...
Comunque sia, fra quelli presenti, posto che me ne mancano una decina, ho evidenziato quelli secondo me inderogabili per una comprensione davvero completa della musica brasiliana.

Alcune precisazioni, ovviamente basate sui miei gusti: mentre il debutto del duo Science/Zumbi piazzato al numero 13 contiene una potentissima miscela di rap e funk-rock, una contaminazione spericolata da far impallidire il patetico crossover mainstream coevo, il suo seguito, piazzato al 18, ne è soltanto una pallida imitazione: la ricerca sonora e la cura del dettaglio si fanno esasperate, ma completamente a discapito della potenza, e ne risulta una paccottiglia che fa rimpiangere il capolavoro di due anni prima.
Il debutto dei Mutantes è stato piazzato al 9, più in alto del secondo (44) e del terzo (22), e era ovvio che fosse così visto che è il più celebrato. A ogni modo, pur rimanendo un grande disco, a mio avviso fra i tre è il minore: provare per credere.
Roberto Carlos è un grandissimo scrittore di canzoni: molti suoi brani in mano ad altri diventano capolavori. Con lui invece soffrono un po' a causa del sua interpretazione "populista a tutti i costi" (in diversi brani degli anni Sessanta sembra di sentire Celentano - e perdonatemi ma non lo intendo come un complimento), ciononostante il disco del 1971 è davvero tosto. Impianto furbo come al solito, ma due composizioni fra le più belle di tutto il canzoniere brasiliano: "Detalhes" e "Debaixo Dos Caracóis Dos Seus Cabelos" (dedicata a Veloso, all'epoca esiliato a Londra causa regime).
Capitolo João Gilberto: "Chega de Saudade" rimane un album-chiave, ma è forse più un imponente documento storico che un capolavoro vero e proprio. Non si può proprio tralasciare, essendo il disco che inventò la bossanova insieme a "Canção do Amor Demais" di Elizete Cardoso (in cui Gilberto peraltro suona), però a livello strettamento musicale per me il suo vertice rimane "Amoroso" (che pure è in lista, anche se nella fascia bassa), disco del 1977 in cui João interpreta standard brasiliani e non (c'è persino "Estate" di Bruno Martino!) sommerso da sublimi maree orchestrali, dando vita a una sorta di lounge pesantissima e rallentata, una roba per il 1977 assolutamente anacronistica, ma a ben vedere sarebbe risultato fuori luogo anche negli anni Sessanta, disponendo di una profondità di sound a dir poco avveniristica. Un album veramente fuori dal mondo.
Capitolo Gal Costa: la sua opera che hanno messo più in alto è "Gal a Todor Vapor", album dal vivo ampiamente mitizzato, ma a mio avviso mediocre, soprattutto a causa della pessima qualità di registrazione (e visto che stiamo parlando di musica particolarmente dipendente da colori e sfumature, non riuscire a coglierli toglie parecchia magia). Più in basso hanno messo il suo primo album solista, "Gal Costa" (1969), bellissimo disco pop contenente i due brani che la resero una star: "Que Pena" (scritta da Jorge Ben e interpretata con Veloso) e "Baby" (di e con Veloso). Le orchestrazioni sono di Rogerio Duprat. Ciononostante trovo che il capolavoro assoluto di Gal non sia presente, e quindi mi permetto di segnalarlo. Si tratta di "Gal" (1969). E' fondamentale soprattutto perché è l'unico classico tropicalista dove al più celebrato session-man brasiliano dell'epoca, il chitarrista Lanny Gordin, viene lasciato potere decisionale. Gordin crea brani deliranti e zeppi di distorsioni, in apparenza quasi improvvisati nel loro marasma di suoni psichedelici, ma in realtà frutto di un notevole lavoro in studio (anche considerando che il Nostro oltre alle chitarre suona il basso - e come lo suona! Un suono corposo e torrenziale, mai sentito niente del genere considerata l'epoca!). Il risultato è qualcosa di davvero impressionante, se aggiungete il fatto che Gal sbraita come una iena, manco fosse Yoko Ono o Patty Waters. Non dico che sembri praticamente no-wave, ma di certo si capisce come mai Arto Lindsay ami questo disco. Meriterebbe di essere celebrato quanto "Trout Mask Replica".
Due note al volo, infine: Qualquer Coisa e Jóia di Veloso mi risultano essere due album separati, non capisco perché li abbiano indicati come fosse un titolo solo. Di Veloso inoltre mancano molti titoli essenziali, essendo il musicista brasiliano creativamente più longevo, e neanche di poco (è riuscito a fare un disco stupendo persino negli anni Novanta, quando ormai tutti i suoi compagni d'avventura, da Gilberto Gil a Rita Lee, erano ampiamente bolliti).
Gli Ira non sono poi fondamentali, ma li ho segnalati per simpatia: sono spassosi e sono praticamente identici ai Jam. Immaginate Paul Weller che canta in portoghese e li avrete davanti. :D

EDIT - State invece alla larga da Raul Seixas, fa davvero schifo!


ottimo intervento... senti conosci/conoscete qualche disco dove l'aspetto primitivista sia particolarmente in risalto? Qualcosa di più afro delle afro-sambas di Powell

  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#13 Loson

Loson

    Groupie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 315 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:35

Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento
  • 0

#14 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:38

Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento


Transa??!
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#15 Guest_telegram_*

Guest_telegram_*
  • Guests

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:42


Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento

Transa??!

Io sinceramente ho capito poco la tua richiesta e poco le risposte di loson. Se potete spiegarmi entrambi... :D

#16 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:54



Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento

Transa??!

Io sinceramente ho capito poco la tua richiesta e poco le risposte di loson. Se potete spiegarmi entrambi... :D


Guarda, quasi tutto quello che ho sentito, non molto, che fosse Velose, Buarque, Zè, pure cose più garage tipo i Mutantes eccetera anche nei momenti sperimentali ha comunque un lato molto europeo o comunque pop. sul serio, non saprei come spiegare meglio quello che cerco con "più primitivista".
Baden Powell ha fatto qualcosa in quella direzione, forse anche Gato Barbieri, ma anche i loro dischi sono ancora molto... levigati, boh
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#17 Loson

Loson

    Groupie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 315 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 16:59



Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento

Transa??!

Io sinceramente ho capito poco la tua richiesta e poco le risposte di loson. Se potete spiegarmi entrambi... :D

Io l'ho intesa alla lettera: musica breasileria che abbia grosse percussioni e un mood primitivista. Ho citato tre dischi che mi sembra rispettino grosso modo questi paramentri. 
  • 0

#18 Loson

Loson

    Groupie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 315 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 17:02


Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento


Transa??!

Beh, se l'hai ascoltato non mi dire che non senti elementi percussivi e rituali in pezzi come "Nine Out Of Ten", "Neolithic Man" e soprattutto la lunga deriva emozionale di "Triste Bahia". Quest'ultimo poi è praticamente tribale, mi sembra rientri fra i canoni da te richiesti in merito a questa "selezione".  ;)
  • 0

#19 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12660 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 17:07



Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento


Transa??!

Beh, se l'hai ascoltato non mi dire che non senti elementi percussivi e rituali in pezzi come "Nine Out Of Ten", "Neolithic Man" e soprattutto la lunga deriva emozionale di "Triste Bahia". Quest'ultimo poi è praticamente tribale, mi sembra rientri fra i canoni da te richiesti in merito a questa "selezione".  ;)


guarda, non lo ricordo benissimo, però mi pare fosse un disco molto morbido, e morbido anche rispetto ad altre cose di Veloso...
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#20 Loson

Loson

    Groupie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 315 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2008 - 17:12




Secondo me questi tre:
Transa di Caetano Veloso
Africa Brasil di Jorge Ben
Milagre Dos Peixes di Milton Nascimento


Transa??!

Beh, se l'hai ascoltato non mi dire che non senti elementi percussivi e rituali in pezzi come "Nine Out Of Ten", "Neolithic Man" e soprattutto la lunga deriva emozionale di "Triste Bahia". Quest'ultimo poi è praticamente tribale, mi sembra rientri fra i canoni da te richiesti in merito a questa "selezione".  ;)


guarda, non lo ricordo benissimo, però mi pare fosse un disco molto morbido, e morbido anche rispetto ad altre cose di Veloso...

Alcuni brani sì, ma quelli che ti ho elencato presentano diverse caratteristiche che tu hai richiesto: percussività (e di percussioni ce ne sono a bizzeffe, sono una giungla fiorita di bongos e maracas) e primitivismo (sviscerano un'unica frase ritmico-melodica fino allao sfinimento, degenerando della danza pura e semplice, nel "trance" appunto).
  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq