Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Pietra Miliare] Judy Garland - Judy At Carnegie Hall (1961, Capitol)


  • Please log in to reply
4 replies to this topic

#1 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12104 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2021 - 11:51

*
POPOLARE

Succedeva esattamente sessant'anni fa, la sera di domenica 23 aprile 1961: Judy Garland saliva sul palco della Carnegie Hall di New York per registrare un concerto che poi è rimasto nella storia:

 

CL20203.jpg

 

:OR: Judy Garland - Judy At Carnegie Hall :: Le Pietre Miliari di OndaRock

 

Io ho la ristampa su Cd del 2001 pubblicata per il quarantennale, che contiene la registrazione integrale con tutte le interazioni tra brano e brano - fortunatamente è la stessa versione che hanno messo in streaming su Spotify e su tutte le altre piattaforme digitali. Non esiste alcun reperto visivo, il che forse è ancora meglio perché forza l'ascoltatore a lasciarsi andare al suono e pendere dalle parole di Judy, sia mentre sta cantando che quando chiacchiera con pubblico e orchestra. Sembra di essere lì.

 

Dal punto di vista prettamente emotivo questo ascolto mi stende tutte le volte, è come una montagna russa di sensazioni senza sosta. Tanto lo fanno la sua voce, sempre ricchissima di sfumature, e le sue interpretazioni, spassionate al punto da travalicare il concetto di "professionalità" per farsi grandi come tutto il dramma umano. Le canzoni in scaletta coprono una gamma che va dal pop vocale al jazz, la vecchia Hollywood e l'American Songbook: una trafila di motivi inossidabili che sorvolano circa quattro decenni di tradizione americana. Un concerto dal vivo, ma che è anche molto di più.


  • 10
OR

#2 dendrite

dendrite

    un tempo any01

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2119 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2021 - 19:12

La rece è bellissima, racconta la storia di una donna con un dono meraviglioso e una vita che sembra quella di Billie Holiday. Sembra quasi di essere lì, a sentirla affidarsi totalmente alla sua arte e al suo pubblico, gli unici a non averla tradita. Chapeau.
  • 1
I personaggi e i fatti narrati sono immaginari, è autentica invece la realtà sociale e ambientale che li produce

#3 Stebroc

Stebroc

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1624 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2021 - 19:52

Succedeva esattamente sessant'anni fa, la sera di domenica 23 aprile 1961: Judy Garland saliva sul palco della Carnegie Hall di New York per registrare un concerto che poi è rimasto nella storia:
 
CL20203.jpg
 
:OR: Judy Garland - Judy At Carnegie Hall :: Le Pietre Miliari di OndaRock
 
Io ho la ristampa su Cd del 2001 pubblicata per il quarantennale, che contiene la registrazione integrale con tutte le interazioni tra brano e brano - fortunatamente è la stessa versione che hanno messo in streaming su Spotify e su tutte le altre piattaforme digitali. Non esiste alcun reperto visivo, il che forse è ancora meglio perché forza l'ascoltatore a lasciarsi andare al suono e pendere dalle parole di Judy, sia mentre sta cantando che quando chiacchiera con pubblico e orchestra. Sembra di essere lì.
 
Dal punto di vista prettamente emotivo questo ascolto mi stende tutte le volte, è come una montagna russa di sensazioni senza sosta. Tanto lo fanno la sua voce, sempre ricchissima di sfumature, e le sue interpretazioni, spassionate al punto da travalicare il concetto di "professionalità" per farsi grandi come tutto il dramma umano. Le canzoni in scaletta coprono una gamma che va dal pop vocale al jazz, la vecchia Hollywood e l'American Songbook: una trafila di motivi inossidabili che sorvolano circa quattro decenni di tradizione americana. Un concerto dal vivo, ma che è anche molto di più.


Molto molto bene, però dovevi aprire nell'altra sezione, anche solo per catturare più gente.

Io intanto lo vado ripetendo anche qui, quando ai fa sta unione delle due sezioni?
  • 1

#4 Mami_Tomoe

Mami_Tomoe

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 170 Messaggi:

Inviato 24 aprile 2021 - 08:50

La rece è bellissima, racconta la storia di una donna con un dono meraviglioso e una vita che sembra quella di Billie Holiday. Sembra quasi di essere lì, a sentirla affidarsi totalmente alla sua arte e al suo pubblico, gli unici a non averla tradita. Chapeau.

 

Condivido, storia davvero drammatica e recensionse sublima.
 


  • 1

#5 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12104 Messaggi:

Inviato 25 aprile 2021 - 11:04

 

Molto molto bene, però dovevi aprire nell'altra sezione, anche solo per catturare più gente.

Io intanto lo vado ripetendo anche qui, quando ai fa sta unione delle due sezioni?

 

Hai ragione anche te, l'ho inserita nella sezione Jazz del sito e quindi poi direttamente qui dentro. In effetti un'unione delle due sezioni a questo punto sarebbe la cosa migliore da fare...


  • 0
OR




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq