Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Un Piccione Seduto Su Un Ramo Riflette Sull'esistenza (Andersson, 2015)


  • Please log in to reply
8 replies to this topic

#1 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22567 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2014 - 19:50

Ecco a voi il Leone d'oro della 71a Mostra del cinema di Venezia. Il nostro inviato lo aveva recensito al momento della sua prima proiezione ed ecco ciò che ne pensa, che riproponiamo a pochi minuti dal verdetto.


Immagine inserita


http://www.ondacinem..._existence.html
  • 0

#2 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16894 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2015 - 11:09

è uscito nelle sale, distribuito da Lucky Red

 

Un.piccione.seduto.jpg

 

La recensione


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#3 coltivatore di amicizie

coltivatore di amicizie

    utente rancoroso

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2015 - 13:28

è uscito nelle sale

 

 

i miracoli allora esistono davvero!  :)


  • 0

panella is my co-pilot  :nod:


#4 Farzan

Farzan

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4957 Messaggi:
  • LocationPr

Inviato 22 febbraio 2015 - 20:54

L'ho visto ieri sera, idea molto bella, molto interessante il rendere il tutto così teatrale, mi ha ricordato Kaurismaki. Sul film e il suo senso, ci sono alcune scene molto forti ma anche dei punti difficili da interpretare (oltre al fatto che alcuni problemi della vita quotidiana di cui parla  il film si rifà - ovviamente - a problemi sul come loro affrontano la vita - cosa che tra l'altro qua prendiamo in giro quotidianamente e per noi è un cliché sul loro modo di essere e affrontare le regole e gli imprevisti). 

ci son tre scene particolarmente importanti e la bellezza del film sta nel riuscire in certi frangenti a lanciare i messaggi in maniera roboante: il ricco signore con in mano la pistola pronto a sucidarsi che esclama " sono contento di sapere che stai bene", il bambino nella culla e la mamma che gioca, e l'amicizia dei due venditori che finisce per motivi futili.


  • 0

#5 coltivatore di amicizie

coltivatore di amicizie

    utente rancoroso

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 24 febbraio 2015 - 13:16

gran film, vi consiglio anche YOU THE LIVING e soprattutto il capolavorissimo CANZONI DEL SECONDO PIANO  :)


  • 0

panella is my co-pilot  :nod:


#6 hexentöter

hexentöter

    the nameless uncarved user

  • Moderators
  • 1337 Messaggi:

Inviato 01 marzo 2015 - 15:50

Visto la settimana scorsa. Un gioiello da salvare e vedere assolutamente, Andersson realizza un film composto da quadretti grotteschi e disperati, visivamente meravigliosi. L'incomunicabilità e la disperazione sono alla base del mondo post-apocalittico disegnato dal regista, un vortice che genera sofferenza e voyeurismo morboso (le scene del superbo animatronic-scimmia e dei colonialisti). Ci potremmo chiedere cosa Andersson voleva dire con alcune scene ma secondo me sarebbe un esercizio sterile e privo di senso, il film si regge benissimo su stesso anche senza giustificarlo (anche se si presta a tantissime chiavi di lettura in alcuni punti). Mi è piaciuto moltissimo, una sorpresa assoluta vedere un film del genere in sala
  • 2

Dream king of the tombworld:

I enter into an eternal oath

Creating my paragon belial


#7 selva

selva

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1127 Messaggi:

Inviato 08 marzo 2015 - 11:38

Schegge di cinema (finalmente). A volte Anderson sfiora il compiacimento e l'autoreferenzialità ma nel complesso il tutto regge grazie soprattutto ad alcuni momenti topici che aprono il ventaglio dei significati e dei rimandi, azzardo, nella contemporaneità. Impossibile non vedere le differenze tra il pub con il vecchio Alvin e il pub con il giovane Alvin, d'altronde "domani mattina la gente deve lavorare", un refrain continuo. Impossibile non scorgere analogie socio-economiche tra i venditori di "gadget per far divertire la gente" e il titolare del negozio che fanciullescamente si nasconde sotto le coperte urlando "non ho soldi!". Poi tutto esplode quando al ritmo blando del quotidiano subentra, nell'abbacinante bellezza simil-felliniana, l'incubo della fornace e il suo più feroce controcampo,  un elitè che ascolta estasiata le note soavi di una melodia distillata dai corpi, per poi tornare implacabilmente alla quotidianità ("oggi è mecoledì? non è giovedi?") che schiaccia l'essere e lo assottiglia sulla linea temporale.

 

E poi ci sono jeau, sottili e mai sottolineati, che stanno lì nella stasi della macchina da presa e che emergono come epifanie. Ad esempio nella scena del pub una colonna campeggia al centro e sembra separare l'inquadratura. Una scelta strana ma che si rivelerà essenziale nel flashback: il giovane Alvin che negli anni della guerra sedeva al centro in primo piano e che osservava fugacemente la cameriera come un giovane innamorato, oggi vecchio e ricurvo con la sua birra in mano, siede dietro la colonna, nascosto e protetto dagli altri sguardi, dagli altri suoni.  


  • 2

#8 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6782 Messaggi:

Inviato 13 dicembre 2020 - 11:41

Io meno entusiasta di voi, sarà che la fotografia ocra e livida da modellino scandinavo vintage mi attira fino a un certo punto nonostante la perizia, ma l'ho trovato interessante a sprazzi quanto leggermente pretestuoso. Qualche sincera risata la strappa.


  • 1

#9 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5976 Messaggi:

Inviato 13 dicembre 2020 - 12:24

Neanche a me era piaciuto molto, la formula non è più efficace come in Canzoni del secondo piano (scusate per il titolo in Italiano), quello sì capolavorissimo dove ogni scena era una sentenza.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq