Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Giacinto Scelsi ( 1905 - 1988 )


  • Please log in to reply
22 replies to this topic

#21 Udente

Udente

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 2 Messaggi:

Inviato 04 ottobre 2013 - 22:31


sarei curioso di sapere quanto c'è di Vieri nell'orchestrazione soprattutto dei pezzi per grande orchestra, dove quell'aspetto è tutt'altro che marginale.



Sono anni che cerco di ascoltare qualcosa di Tosatti , ma come scrivevo , neanche un suo allievo è stato in grado di darmi delle registrazioni . Il Catalogo delle opere di Tosatti non è vasto, forse perchè era sempre occupato a scrivere per Scelsi , comunque vi posto i link :
http://www.vieritosa.../orchestra.html

Il sistema dodecafonico è un peggioramento di quello che ho detto prima a proposito di Hindemith, che a almeno qualche volta è stato capace di scrivere qualcosa che ti fa drizzare le orecchie, mentre la dodecafonia è il grigio, il niente. Preferisco ricollegarmi agli autori del passato: sono anch’io un autore del passato, sono un sopravvissuto, non per niente a un certo punto ho smesso di comporre.
Tosatti



Leggendo questa risposta che il Tosatti dette al Mariani durante un intervista , sorgono parecchi dubbi sul fatto che il Tosatti abbia composto le opere di Scelsi.....

Sono il figlio del m° Vieri Tosatti (scomparso nel 1999), e vorrei rispondere all'utente "SORDO" che è intervenuto, con molti altri, sulla nota questione Scelsi/Tosatti: 1): non entro nel merito della querelle, sia perché non compete a me lodare il valore delle musiche di mio padre, sia perchè di queste faccende mi importa poco o niente, come del resto non importava a lui. Comunque, mi risulta già disponibile online (Amazon.com) ed in cartaceo un nuovo poderoso studio del prof. Sciannameo (Università di Pittsburgh) che tratta l'intera produzione scelsiana, mettendo bene in luce il ruolo fondamentale giocato in essa dall'opera di "ricreazione" tosattiana. Importanti al riguardo anche gli studi e le conferenze del prof. Sandro Marrocu. Fra breve ci dovrebbe essere a Roma una pubblica presentazione del libro e degli altri risultati . 2): E PER ME ASSAI PIU' IMPORTANTE; "Sordo" lamenta (giustamente) che le opere di Tosatti sfuggono ad ogni ricerca; per forza, dato che dopo gli anni '70 è stato accuratamente rimosso fin quasi alla damnatio memoriae... Il rimedio è semplice, per chi è motivato da serie ragioni di studio (o meglio ancora di esecuzione!) RIVOLGERSI A ME (tosattiv@gmail.com - 06/94749071). Posso inviare le musiche in CD oppure in MP3, assieme ai libretti delle opere e quant'altro. Per quanto concerne spartiti e partiture, qualcosa posso mandarlo in fotocopia (specie le opere minori e giovanili, la liederistica e i brani per pianoforte). Le partiture delle grandi opere e le copie dei nastri RAI sono state depositate alla Bibliomediateca di Santa Cecilia (Città della Musica, Roma), che le sta riordinando per metterle a disposizione del pubblico. Ci sono infine le opere letterarie, scritte negli ultimi 20 anni di vita. Il breve romanzo fantastico "Principe Azzurro" viene diffuso on line da www.libreriauniversitaria.it. Le altre consistono in 2 volumetti di racconti fantastici o paradossali, una raccolta di divagazioni e polemiche ("Capitoli Scompagni") e soprattutto 53 poesie scritte in tedesco con traduzione it. a fronte (4 di esse sono state musicate da mio padre formando il "Gedichtkonzert", e altre due dal suo ex- allievo Andrea Riderelli). Anche per queste pubblicazioni ci si può rivolgere a me. P.S. ascoltando non tanto le opere liriche (che indubbiamente sono un'estrema manifestazione della grande musica del passato, e tanto più importanti proprio per questo) quanto cose "esoteriche" come la "Deutsche Sonate", i 7 Preludi e Fughe, il Concerto per Viola e orchestra e quello "Iperciclico", il Quartetto d'archi, le raccolte di Lieder, il "Gedichtkonzert", ecc. non si faticherà a rispondere al solito quesito "come può questo 'sopravvissuto tardoromantico' avere composto le nebulose musicali di Scelsi, gli addensamenti sonori su una o poche note, ecc. ecc.??"........


sarei curioso di sapere quanto c'è di Vieri nell'orchestrazione soprattutto dei pezzi per grande orchestra, dove quell'aspetto è tutt'altro che marginale.



Sono anni che cerco di ascoltare qualcosa di Tosatti , ma come scrivevo , neanche un suo allievo è stato in grado di darmi delle registrazioni . Il Catalogo delle opere di Tosatti non è vasto, forse perchè era sempre occupato a scrivere per Scelsi , comunque vi posto i link :
http://www.vieritosa.../orchestra.html

Il sistema dodecafonico è un peggioramento di quello che ho detto prima a proposito di Hindemith, che a almeno qualche volta è stato capace di scrivere qualcosa che ti fa drizzare le orecchie, mentre la dodecafonia è il grigio, il niente. Preferisco ricollegarmi agli autori del passato: sono anch’io un autore del passato, sono un sopravvissuto, non per niente a un certo punto ho smesso di comporre.
Tosatti



Leggendo questa risposta che il Tosatti dette al Mariani durante un intervista , sorgono parecchi dubbi sul fatto che il Tosatti abbia composto le opere di Scelsi.....

Sono il figlio del m° Vieri Tosatti (scomparso nel 1999), e vorrei rispondere all'utente "SORDO" che è intervenuto, con molti altri, sulla nota questione Scelsi/Tosatti: 1): non entro nel merito della querelle, sia perché non compete a me lodare il valore delle musiche di mio padre, sia perchè di queste faccende mi importa poco o niente, come del resto non importava a lui. Comunque, mi risulta già disponibile online (Amazon.com) ed in cartaceo un nuovo poderoso studio del prof. Sciannameo (Università di Pittsburgh) che tratta l'intera produzione scelsiana, mettendo bene in luce il ruolo fondamentale giocato in essa dall'opera di "ricreazione" tosattiana. Importanti al riguardo anche gli studi e le conferenze del prof. Sandro Marrocu. Fra breve ci dovrebbe essere a Roma una pubblica presentazione del libro e degli altri risultati . 2): E PER ME ASSAI PIU' IMPORTANTE; "Sordo" lamenta (giustamente) che le opere di Tosatti sfuggono ad ogni ricerca; per forza, dato che dopo gli anni '70 è stato accuratamente rimosso fin quasi alla damnatio memoriae... Il rimedio è semplice, per chi è motivato da serie ragioni di studio (o meglio ancora di esecuzione!) RIVOLGERSI A ME (tosattiv@gmail.com - 06/94749071). Posso inviare le musiche in CD oppure in MP3, assieme ai libretti delle opere e quant'altro. Per quanto concerne spartiti e partiture, qualcosa posso mandarlo in fotocopia (specie le opere minori e giovanili, la liederistica e i brani per pianoforte). Le partiture delle grandi opere e le copie dei nastri RAI sono state depositate alla Bibliomediateca di Santa Cecilia (Città della Musica, Roma), che le sta riordinando per metterle a disposizione del pubblico. Ci sono infine le opere letterarie, scritte negli ultimi 20 anni di vita. Il breve romanzo fantastico "Principe Azzurro" viene diffuso on line da www.libreriauniversitaria.it. Le altre consistono in 2 volumetti di racconti fantastici o paradossali, una raccolta di divagazioni e polemiche ("Capitoli Scompagni") e soprattutto 53 poesie scritte in tedesco con traduzione it. a fronte (4 di esse sono state musicate da mio padre formando il "Gedichtkonzert", e altre due dal suo ex- allievo Andrea Riderelli). Anche per queste pubblicazioni ci si può rivolgere a me. P.S. ascoltando non tanto le opere liriche (che indubbiamente sono un'estrema manifestazione della grande musica del passato, e tanto più importanti proprio per questo) quanto cose "esoteriche" come la "Deutsche Sonate", i 7 Preludi e Fughe, il Concerto per Viola e orchestra e quello "Iperciclico", il Quartetto d'archi, le raccolte di Lieder, il "Gedichtkonzert", ecc. non si faticherà a rispondere al solito quesito "come può questo 'sopravvissuto tardoromantico' avere composto le nebulose musicali di Scelsi, gli addensamenti sonori su una o poche note, ecc. ecc.??"........




sarei curioso di sapere quanto c'è di Vieri nell'orchestrazione soprattutto dei pezzi per grande orchestra, dove quell'aspetto è tutt'altro che marginale.



Sono anni che cerco di ascoltare qualcosa di Tosatti , ma come scrivevo , neanche un suo allievo è stato in grado di darmi delle registrazioni . Il Catalogo delle opere di Tosatti non è vasto, forse perchè era sempre occupato a scrivere per Scelsi , comunque vi posto i link :
http://www.vieritosa.../orchestra.html

Il sistema dodecafonico è un peggioramento di quello che ho detto prima a proposito di Hindemith, che a almeno qualche volta è stato capace di scrivere qualcosa che ti fa drizzare le orecchie, mentre la dodecafonia è il grigio, il niente. Preferisco ricollegarmi agli autori del passato: sono anch’io un autore del passato, sono un sopravvissuto, non per niente a un certo punto ho smesso di comporre.
Tosatti



Leggendo questa risposta che il Tosatti dette al Mariani durante un intervista , sorgono parecchi dubbi sul fatto che il Tosatti abbia composto le opere di Scelsi.....

Sono il figlio del m° Vieri Tosatti (scomparso nel 1999), e vorrei rispondere all'utente "SORDO" che è intervenuto, con molti altri, sulla nota questione Scelsi/Tosatti: 1): non entro nel merito della querelle, sia perché non compete a me lodare il valore delle musiche di mio padre, sia perchè di queste faccende mi importa poco o niente, come del resto non importava a lui. Comunque, mi risulta già disponibile online (Amazon.com) ed in cartaceo un nuovo poderoso studio del prof. Sciannameo (Università di Pittsburgh) che tratta l'intera produzione scelsiana, mettendo bene in luce il ruolo fondamentale giocato in essa dall'opera di "ricreazione" tosattiana. Importanti al riguardo anche gli studi e le conferenze del prof. Sandro Marrocu. Fra breve ci dovrebbe essere a Roma una pubblica presentazione del libro e degli altri risultati . 2): E PER ME ASSAI PIU' IMPORTANTE; "Sordo" lamenta (giustamente) che le opere di Tosatti sfuggono ad ogni ricerca; per forza, dato che dopo gli anni '70 è stato accuratamente rimosso fin quasi alla damnatio memoriae... Il rimedio è semplice, per chi è motivato da serie ragioni di studio (o meglio ancora di esecuzione!) RIVOLGERSI A ME (tosattiv@gmail.com - 06/94749071). Posso inviare le musiche in CD oppure in MP3, assieme ai libretti delle opere e quant'altro. Per quanto concerne spartiti e partiture, qualcosa posso mandarlo in fotocopia (specie le opere minori e giovanili, la liederistica e i brani per pianoforte). Le partiture delle grandi opere e le copie dei nastri RAI sono state depositate alla Bibliomediateca di Santa Cecilia (Città della Musica, Roma), che le sta riordinando per metterle a disposizione del pubblico. Ci sono infine le opere letterarie, scritte negli ultimi 20 anni di vita. Il breve romanzo fantastico "Principe Azzurro" viene diffuso on line da www.libreriauniversitaria.it. Le altre consistono in 2 volumetti di racconti fantastici o paradossali, una raccolta di divagazioni e polemiche ("Capitoli Scompagni") e soprattutto 53 poesie scritte in tedesco con traduzione it. a fronte (4 di esse sono state musicate da mio padre formando il "Gedichtkonzert", e altre due dal suo ex- allievo Andrea Riderelli). Anche per queste pubblicazioni ci si può rivolgere a me. P.S. ascoltando non tanto le opere liriche (che indubbiamente sono un'estrema manifestazione della grande musica del passato, e tanto più importanti proprio per questo) quanto cose "esoteriche" come la "Deutsche Sonate", i 7 Preludi e Fughe, il Concerto per Viola e orchestra e quello "Iperciclico", il Quartetto d'archi, le raccolte di Lieder, il "Gedichtkonzert", ecc. non si faticherà a rispondere al solito quesito "come può questo 'sopravvissuto tardoromantico' avere composto le nebulose musicali di Scelsi, gli addensamenti sonori su una o poche note, ecc. ecc.??"........


sarei curioso di sapere quanto c'è di Vieri nell'orchestrazione soprattutto dei pezzi per grande orchestra, dove quell'aspetto è tutt'altro che marginale.



Sono anni che cerco di ascoltare qualcosa di Tosatti , ma come scrivevo , neanche un suo allievo è stato in grado di darmi delle registrazioni . Il Catalogo delle opere di Tosatti non è vasto, forse perchè era sempre occupato a scrivere per Scelsi , comunque vi posto i link :
http://www.vieritosa.../orchestra.html

Il sistema dodecafonico è un peggioramento di quello che ho detto prima a proposito di Hindemith, che a almeno qualche volta è stato capace di scrivere qualcosa che ti fa drizzare le orecchie, mentre la dodecafonia è il grigio, il niente. Preferisco ricollegarmi agli autori del passato: sono anch’io un autore del passato, sono un sopravvissuto, non per niente a un certo punto ho smesso di comporre.
Tosatti



Leggendo questa risposta che il Tosatti dette al Mariani durante un intervista , sorgono parecchi dubbi sul fatto che il Tosatti abbia composto le opere di Scelsi.....

Sono il figlio del m° Vieri Tosatti (scomparso nel 1999), e vorrei rispondere all'utente "SORDO" che è intervenuto, con molti altri, sulla nota questione Scelsi/Tosatti: 1): non entro nel merito della querelle, sia perché non compete a me lodare il valore delle musiche di mio padre, sia perchè di queste faccende mi importa poco o niente, come del resto non importava a lui. Comunque, mi risulta già disponibile online (Amazon.com) ed in cartaceo un nuovo poderoso studio del prof. Sciannameo (Università di Pittsburgh) che tratta l'intera produzione scelsiana, mettendo bene in luce il ruolo fondamentale giocato in essa dall'opera di "ricreazione" tosattiana. Importanti al riguardo anche gli studi e le conferenze del prof. Sandro Marrocu. Fra breve ci dovrebbe essere a Roma una pubblica presentazione del libro e degli altri risultati . 2): E PER ME ASSAI PIU' IMPORTANTE; "Sordo" lamenta (giustamente) che le opere di Tosatti sfuggono ad ogni ricerca; per forza, dato che dopo gli anni '70 è stato accuratamente rimosso fin quasi alla damnatio memoriae... Il rimedio è semplice, per chi è motivato da serie ragioni di studio (o meglio ancora di esecuzione!) RIVOLGERSI A ME (tosattiv@gmail.com - 06/94749071). Posso inviare le musiche in CD oppure in MP3, assieme ai libretti delle opere e quant'altro. Per quanto concerne spartiti e partiture, qualcosa posso mandarlo in fotocopia (specie le opere minori e giovanili, la liederistica e i brani per pianoforte). Le partiture delle grandi opere e le copie dei nastri RAI sono state depositate alla Bibliomediateca di Santa Cecilia (Città della Musica, Roma), che le sta riordinando per metterle a disposizione del pubblico. Ci sono infine le opere letterarie, scritte negli ultimi 20 anni di vita. Il breve romanzo fantastico "Principe Azzurro" viene diffuso on line da www.libreriauniversitaria.it. Le altre consistono in 2 volumetti di racconti fantastici o paradossali, una raccolta di divagazioni e polemiche ("Capitoli Scompagni") e soprattutto 53 poesie scritte in tedesco con traduzione it. a fronte (4 di esse sono state musicate da mio padre formando il "Gedichtkonzert", e altre due dal suo ex- allievo Andrea Riderelli). Anche per queste pubblicazioni ci si può rivolgere a me. P.S. ascoltando non tanto le opere liriche (che indubbiamente sono un'estrema manifestazione della grande musica del passato, e tanto più importanti proprio per questo) quanto cose "esoteriche" come la "Deutsche Sonate", i 7 Preludi e Fughe, il Concerto per Viola e orchestra e quello "Iperciclico", il Quartetto d'archi, le raccolte di Lieder, il "Gedichtkonzert", ecc. non si faticherà a rispondere al solito quesito "come può questo 'sopravvissuto tardoromantico' avere composto le nebulose musicali di Scelsi, gli addensamenti sonori su una o poche note, ecc. ecc.??"........


  • 0

#22 Moreno Saporito

Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 20 agosto 2016 - 20:39

https://www.pixartpr...la-drone-music/


  • 1

 


#23 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24027 Messaggi:

Inviato 14 novembre 2020 - 18:01

Nuova interpretazione di tre composizioni per pianoforte da parte dell'eccellente pianista israeliana Shira Legmann.

 

Giacinto Scelsi – Suite No.9; Quattro illustrazioni; Un Adieu (elsewhere, 2020)

 

Anteprima streaming / Rece

 

 

a3477553379_16.jpg


  • 2

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq