Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Dove Sarebbe Potuto Arrivare Franz Schubert?


  • Please log in to reply
38 replies to this topic

#21 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 13 marzo 2012 - 17:30

sull'Incompiuta non riesco a esprimeri a sufficienza, benchè sia una composizione molto bella.
la Grande poteva essere per Schubert ciò che l'Eroica fu per Beethoven... peccato che la sifilide se lo portò via... infatti è anche da questa considerazione che nasce il dubbio espresso nel primo post.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#22 Slowburn

Slowburn

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2049 Messaggi:

Inviato 13 marzo 2012 - 17:44

. . pero' la Grande fu terminata, cioe'. . pensi che l'opera fu forse troppo lunga e difficile da comprendere? Forse troppo in anticipo sui tempi? Se non erro fu ritirata perche' completamente fuori dai canoni del sinfonismo corrente, forse che lui si stupi' di se stesso per cio' che aveva composto e non si senti' capito, si demoralizzo' e non la riguardo' piu?
  • 0

#23 Slowburn

Slowburn

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2049 Messaggi:

Inviato 14 marzo 2012 - 10:40

Domande che non posson aver risposta, in effetti. . .
Eppure io trovo che queste Sinfonie siano davvero stupende, Schubert raggiunge davvero ottimi livelli, dalla Quarta a quelle gia' citate, insomma, trovo che lui riesca a ritagliarsi un posticino di tutto rispetto anche nella composizione orchestrale , dove lui riesce a padroneggiare, per cosi dire, magistralmente. . .non li avverto come "tentativi", ma dei lavori ben strutturati ecco.
Questo nonostante Schubert viva immortale piu' per i suoi immensi Lieder su testi poetici che per la musica strumentale.

Pure Schumann rimase folgorato dalla "Grande" che defini' "la divina lunghezza". . . :wub:
  • 0

#24 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 14 marzo 2012 - 11:18

non li avverto come "tentativi", ma dei lavori ben strutturati ecco.


ma infatti io non parlarei di "tentativi" ma di una specie di "gradus ad parnassum" che il compositore stava percorrendo e che fu bruscamente interrotto dalla sua prematura scomparsa.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#25 Slowburn

Slowburn

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2049 Messaggi:

Inviato 14 marzo 2012 - 14:09

. . ..be allora direi che , riflettendo, mi trovo d'accordo, fermo restando che trovo comunque davvero stupende le Sinfonie.
  • 0

#26 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 14 marzo 2012 - 14:27

fermo restando che trovo comunque davvero stupende le Sinfonie.


ah, le trovo stupende anch'io... non mi sono mai sognato di affermare il contrario :rolleyes:
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#27 maicon

maicon

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 44 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2012 - 17:50

bella questa domanda..si potrebbe fare un parallelo con raffaello:se non fosse morto cosi' giovane cosa avrebbe potuto fare?(con michelangelo nella parte di beethoven,cioe' maestro venerato e quantomeno ingombrante,all'ombra del quale proporre arte rivoluzionaria doveva essere quanto meno difficile)

io ho appena comprato un cofanetto con tutti i lieder di schubert,sono fantastici e per quanto rigurda il resto ho sentito un paio di sonate e di quartetti e concordo sul fatto che in alcuni passaggi di queste opere si intrevedeva il germe di qualcosa che avrebbe potuto portare a qualcosa di unico,peccato saranno sempre solo congetture..

sapete dirmi altri compositori morti giovani?graz
  • 0

#28 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2012 - 11:30

sapete dirmi altri compositori morti giovani?graz


Mozart (35 anni)
Pergolesi (26 anni)
Mendelssohn (38 anni)

per il momento
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#29 Askaron

Askaron

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 17 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2012 - 13:16

Fantastico Schubert. Ciò che preferisco parlando di lui sono i Lied, la maggiore espressione musicale (e artistica in generale) del Romanticismo.

Mi emoziona tantissimo l'Erlkönig di Goethe, in questa fantastica riproduzione:

http://www.youtube.c...bed/5XP5RP6OEJI
  • 2

#30 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2012 - 13:52

fantastico Erlkönig
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#31 il mistico

il mistico

    proxima centauri

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11741 Messaggi:
  • Locationvia lattea

Inviato 14 aprile 2012 - 12:42

di recente ho comprato questi, ad essere sincero ancora li devo ascoltare. spero che siano delle buone edizioni.


Immagine inseritaImmagine inserita
  • 0

#32 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2012 - 16:36

non conosco questo trio di Stoccarda; cmq, i Trio con piano di Schubert sono stupendi, anzi di più... il II mov del D.929 (noto anche come Op.100) è il celebre andante utilizzato da Kubrick in Barry Lyndon
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#33 ravel

ravel

    mon cœur est rouge

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2190 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2012 - 19:23

non conosco questo trio di Stoccarda; cmq, i Trio con piano di Schubert sono stupendi, anzi di più... il II mov del D.929 (noto anche come Op.100) è il celebre andante utilizzato da Kubrick in Barry Lyndon


Una volta hanno chiesto al Trio di Trieste se non fossero un po' stufi di essere legati sempre al loro repertorio...
Loro risposero che c'erano due soli trii che non si stancavano mai di suonare e che rappresentavano sempre la stessa gioia come la prima volta.
Uno era quello di Ravel (ehm... ), l'altro era l'op. 100 di Schubert
  • 0

"Ciò che l'uomo può essere per l'uomo non si esaurisce in forme comprensibili".
(k. jaspers)

 

Moriremotuttista


#34 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 15 aprile 2012 - 07:48


non conosco questo trio di Stoccarda; cmq, i Trio con piano di Schubert sono stupendi, anzi di più... il II mov del D.929 (noto anche come Op.100) è il celebre andante utilizzato da Kubrick in Barry Lyndon


Una volta hanno chiesto al Trio di Trieste se non fossero un po' stufi di essere legati sempre al loro repertorio...
Loro risposero che c'erano due soli trii che non si stancavano mai di suonare e che rappresentavano sempre la stessa gioia come la prima volta.
Uno era quello di Ravel (ehm... ), l'altro era l'op. 100 di Schubert


io ho proprio l'incisione del trio di Trieste... eseguono l'op. 100 in maniera superba, secondo me

Immagine inserita
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#35 verdoux

verdoux

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2816 Messaggi:

Inviato 18 aprile 2012 - 19:39

Schubert, se si fosse applicato ed avesse studiato e se fosse vissuto più a lungo, forse sarebbe potuto diventare un altro Beethoven, ma non è detto che lo avrebbe fatto, forse sarebbe rimasto comunque quello che conosciamo, geniale e sublime, prolifico, con qualche centinaio di composizioni in più in catalogo, nel limbo di un genio divinamente incompiuto e senza l'epica di Beethoven.
Inutile dire che sono solo mie impressioni personali basate sui miei ascolti, io non ho studiato musica e non ho nemmeno molto orecchio, ascoltando Schubert ho la sensazione di trovarmi di fronte ad un genio ancora immaturo, anche se questa impressione trova frequenti smentite e contraddizioni, come per esempio nel modo molto complesso con cui costruisce il tema principale nel primo tempo della trota (quintetto), quando invece poi nel quarto movimento dello stesso quintetto, (andantino), lo sviluppo è molto elementare.
I numeri d'opera non sempre aiutano a capire la cronologia delle composizioni di Schubert ed a coglierne una eventuale maturazione, ma in qualche caso si può tentare: il quartetto n.14, uno dei suoi indiscussi capolavori, mi sembra opera ancora immatura per il modo in cui tratta i 4 strumenti all'unisono, mentre nel successivo quartetto n.15 mostra molta più padronanza e inventiva nell'armonia e nel contrappunto, il progresso mi sembra evidente, tanto che questo suo ultimo quartetto potrebbe essere considerato la sua eroica.
Tuttavia se chiedessi a 10 appassionati ed esperti di musica quale preferisca tra il 14 ed il 15, credo che 9 su 10 mi risponderebbero il 14.
  • 0

#36 il mistico

il mistico

    proxima centauri

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11741 Messaggi:
  • Locationvia lattea

Inviato 18 aprile 2012 - 20:42

quest'impressione di immaturità si scorge a mio modesto parere soprattutto nelle sinfonie, (ovviamente non le ultime due) che trovo un po' di maniera, di recente mi sono accorto che il primo movimento della quarta (se non sbaglio) è uguale spiaccicato al primo movimento di una sinfonia di muzio clementi.
  • 0

#37 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 19 aprile 2012 - 16:33

Schubert, se si fosse applicato ed avesse studiato e se fosse vissuto più a lungo, forse sarebbe potuto diventare un altro Beethoven, ma non è detto che lo avrebbe fatto, forse sarebbe rimasto comunque quello che conosciamo, geniale e sublime, prolifico, con qualche centinaio di composizioni in più in catalogo, nel limbo di un genio divinamente incompiuto e senza l'epica di Beethoven.
Inutile dire che sono solo mie impressioni personali basate sui miei ascolti, io non ho studiato musica e non ho nemmeno molto orecchio, ascoltando Schubert ho la sensazione di trovarmi di fronte ad un genio ancora immaturo, anche se questa impressione trova frequenti smentite e contraddizioni, come per esempio nel modo molto complesso con cui costruisce il tema principale nel primo tempo della trota (quintetto), quando invece poi nel quarto movimento dello stesso quintetto, (andantino), lo sviluppo è molto elementare.
I numeri d'opera non sempre aiutano a capire la cronologia delle composizioni di Schubert ed a coglierne una eventuale maturazione, ma in qualche caso si può tentare: il quartetto n.14, uno dei suoi indiscussi capolavori, mi sembra opera ancora immatura per il modo in cui tratta i 4 strumenti all'unisono, mentre nel successivo quartetto n.15 mostra molta più padronanza e inventiva nell'armonia e nel contrappunto, il progresso mi sembra evidente, tanto che questo suo ultimo quartetto potrebbe essere considerato la sua eroica.
Tuttavia se chiedessi a 10 appassionati ed esperti di musica quale preferisca tra il 14 ed il 15, credo che 9 su 10 mi risponderebbero il 14.


il fatto che un pezzo sia costruito in maniera elementare non significa necessariamente che colui che l'ha composto non fosse "maturo", cioè non ancora pienamente consapevole e padrone dei suoi mezzi.
Schubert, era un amante delle melodie popolari; anzi, per certi versi potremmo definirlo un etnomusicologo ante-litteram (scusa la forzatura).
per cui la costruzione semplice di certi pezzi è figlia proprio di questa sua passione per ciò che era popolare.
per quelle che sono le mie conoscenza attuali di Schubert, io direi che è abbastanza azzardato definire lo Schubert del periodo 1822/28 un compositore "non maturo"... certo, il suo percorso era ancora da compiere, questo sì, quando nel 1828 lo colse la morte... è proprio per questo che mi venne spontanea la domanda del thread.
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#38 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 16 luglio 2012 - 10:47

non ero a conoscenza di questa incisione della Plaschg

[m]http://www.youtube.com/watch?v=vtREsNAmX30[/m]
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#39 Faccia da Merda

Faccia da Merda

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24228 Messaggi:

Inviato 10 aprile 2020 - 19:45

Ho sentito su radio 3 lo Schwanengesang D 957 .
Straordinario. Mi ha portato nuove sensazioni classiche, mai vissute prima.
Se qualcuno sa pormelo all'interno della sua produzione e in riferimento al contesto del tempo, sarebbe bello
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq