Vai al contenuto


Foto
* * * * - 9 Voti

Il film che ho visto (prima di postare leggere le regole in prima pagina)


  • Please log in to reply
5417 replies to this topic

#5361 Sandor Krasna

Sandor Krasna

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 633 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 11 aprile 2022 - 23:01

Paris 13ème arrondissement

Penso uno dei più bei film degli ultimi 10 anni se non di più, francesissimo, praticamente Nouvelle vague ai tempi di internet e degli smartphone, la leggerezza di Jules et Jim, di Rohmer o Agnès Varda con la techno e il porno. Quanta Poesia. L'amour fou, il perdersi e il ritrovarsi dei thirty-something fra precariato e dating app. Il trio di attori protagonisti tutti e tre grandissimi.
La Sciamma (qui con un contributo in fase di scrittura) si conferma fra i talenti più cristallini dell'ultima generazione. Audiard adesso non ricordo tutti i film (non ho ancora controllato Wikipedia) ma se non ne li ricordo forse vuol dire che questo è fra i migliori di tutti. Solo i francesi sanno fare questi film.


The Lost Daughter
È nata una stella forse in regia, inaspettatamente Maggie Gyllenhaal che conoscevamo solo davanti la macchina da presa esordisce con questa ghost story tratta da un romanzo di Elena Ferrante. Anche lei guarda in Europa, c'è la frammentazione della memoria di Resnais, ci sono i fantasmi interiori di Bergman (è ambientato al mare ma di fatto è un Kammerspiel). Anche qui direi che nessun uomo forse avrebbe potuto narrare i lati più oscuri della maternità, quel piccolissimo mondo che già per esempio distingueva le impressionniste (Berthe Morisot, Mary Cassatt) dai pur illustrissimi colleghi.
Da tenere d'occhio, la Gyllenhaal.
  • 2

#5362 Ganzfeld

Ganzfeld

    In un certo senso

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5750 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2022 - 18:45

Ma questo Everything Everywhere All At Once?

 

 

locandina.jpg

 

Sta ricevendo recensioni entusiaste. I due registi (Scheinert e Kwan) avevano girato in precedenza solo il particolare Swiss Army Man* che mi era piaciuto e che era stato accolto anche discretamente, ma qua pare che siamo proprio su un altro livello. Insomma, un fulmine a ciel sereno. Allego il trailer:

 

 

*Kwan che in realtà ha anche girato questo film e che ora, vista la combo titolo/locandina (ma pure il "from one of the directors" asd), dovrò assolutamente vedere:

 

death_of_dick_long.jpg


  • 1

#5363 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2257 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 15 aprile 2022 - 10:25

Ma questo Everything Everywhere All At Once?

 

 

locandina.jpg

 

Sta ricevendo recensioni entusiaste. I due registi (Scheinert e Kwan) avevano girato in precedenza solo il particolare Swiss Army Man* che mi era piaciuto e che era stato accolto anche discretamente, ma qua pare che siamo proprio su un altro livello. Insomma, un fulmine a ciel sereno. Allego il trailer:

 

 

*Kwan che in realtà ha anche girato questo film e che ora, vista la combo titolo/locandina (ma pure il "from one of the directors" asd), dovrò assolutamente vedere:

 

death_of_dick_long.jpg

 

Pare sia ancora solo al cinema in USA, il che è un peccato per noi ma anche bello ovviamente che sia riuscito a ricavarsi una distribuzione vecchia maniera.

Da fuori loro mi sembrano i nuovi Wachowski e questo il loro Matrix, tutto calato nel nerddom contemporaneo e infatti forse più vicino a Resurrections che al primo.


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#5364 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7204 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2022 - 11:11

father-and-son-il-poster-italiano-301591

 

Father and Son (Kore-eda, 2013)

Dei suoi che ho visto finora sicuramente il meno buono. Un film che si fa guardare con piacere ma la cui retorica e manicheismo lo rendono sostanzialmente mediocre. Semmai consiglio Nobody knows (ha qualcosa del proto Florida Project) e Un affare di famiglia.

 

p.s. Machiko Ono oltre a tutto.


  • 1

#5365 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24369 Messaggi:

Inviato 17 aprile 2022 - 13:53

A me era piaciuto anche questo, al solito in Italia han dovuto tradurre il letterale "Like father, like son" in un cat-stevensiano "Father and Son" per acchiappare il pubblico.  :facepalm:


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#5366 tiresia

tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4420 Messaggi:

Inviato 20 aprile 2022 - 11:13

House of Gucci
A me è sembrato anche sobrio. Tutta la ricostruzione della fine anni settanta e dei rampanti ottanta è precisa nella riproposizione di quello che era quel periodo, sfacciato e eccessivo.
Il titolo del film è perfetto: una storia di famiglia in cui il discrimine è essere o non essere Gucci. L’elemento destabilizzante Reggiani, più volte ricondotta alla sua estraneità rispetto alla famiglia al netto di quella fede che per lei è simbolo di appartenenza, porta alla luce una storia di decadenza legata stretta dal vincolo di sangue e che in questo vincolo naufraga. Il fulcro del senso del film è la scoperta dei falsi Gucci da parte della persona a cui più di tutti importa essere differente dagli altri tramite quel cognome e la lezione sul concetto di copia, non falso, che il vecchio Aldo Gucci le impartisce. Patrizia Reggiani non può arrendersi ad essere una delle tante, la sua ostinazione ad essere l’unica signora Gucci riflette quel bisogno di unicità che l’inautentico le toglie, lei non comprerebbe mai una copia, il rampollo della Gucci sì.
La famiglia Gucci è stata l’emblema dell’incapacità tipica delle aziende famigliari italiane di oltrepassare la prima o al limite la seconda generazione.
Ho un parente che li ha conosciuti tutti, Patrizia Reggiani era donna bellissima dal magnetismo naturale e urlava contro Maurizio proprio come si vede nel film, aveva un istinto commerciale innato, sarebbe stata ottima a gestire l’azienda (azzeccatissima la scena di sesso fra i due nel film, è lei che guida il gioco); Maurizio era completamente negato e completamente incapace di fare i conti, lo sperpero di denaro era continuo, insensato e dettato da capricci umorali; Paolo non capiva niente, un fragile disorientato; Aldo ne capiva, era comunque un accanito collezionista di notevole spessore, gran conoscitore dell’arte in generale.
  • 2

#5367 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7523 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 21 aprile 2022 - 05:47

Nur Eine Frau - Sherry Hormann (2019)

Ambientato nella Berlino dei primi anni '00, "Nur Eine Frau" racconta la storia vera di Aynur, una giovane berlinese di origini curde uccisa "per onore" dal fratello musulmano ortodosso. La raggiante ragazza aveva commesso il crimine di emanciparsi dalla famiglia, crescere il suo amato bimbo lontano dal padre violento e persino di avere partner e amici di altre etnie e professioni.

Dolce, romantico e struggente, il film della Hormann innesta nella sua messinscena, grazie a filmati di repertorio, numerosi stralci della vita reale di Aynur, nonché le fotografie effettuate sul luogo dell'omicidio.
Tutti volti noti a chiunque abbia familiarità con serie tv ambientate nella berlino multietnica, gli attori sono davvero credibili nei loro ruoli, su tutti la meravigliosa Almila Bagriacik nei panni della protagonista.

Una sceneggiatura solida e moderna e un rigore da cinema indie europero conducono la storia della giovane madre, della quale si conosce il tragico epilogo sin dai primi minuti, verso un finale potente e liberatorio. E' qui che il film ribalta la prospettiva dei carnefici di Aynur, disegnando il fallimento delle lore ottuse ed estreme azioni attraverso il ruolo degli altri personaggi femminili della storia.
  • 1

#5368 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7204 Messaggi:

Inviato 22 aprile 2022 - 21:01

Il laureato
Accidenti che film di merda
  • -1

#5369 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7416 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 16:05

Il laureato
Accidenti che film di merda

 

Forse ti confondi con I laureati ashd


  • 5

#5370 Sandor

Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5609 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 23 aprile 2022 - 16:54

Probabilmente Solaris esagera ma che non sia un capo di quei tempi penso si possa essere d'accordo poi è rimasto nella memoria per quella colonna sonora che per il film in sé.
Poi magari lo dovrei rivedere per rinfrescare la memoria.
  • 0

#5371 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5003 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 23 aprile 2022 - 17:13

Altro che esagerare, a 'sto giro il buon Solaris l'ha sparata talmente grossa che è giusto farglielo notare  ]:)

 

che non sia un capo di quei tempi penso si possa essere d'accordo

 

Assolutamente no, è un capolavoro assoluto, a prescindere dalla pur inarrivabile colonna sonora. 


  • 2
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#5372 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:13

Grandissimo film, non ascoltate Solaris che del resto va matto per il Suspiria di Guadagnino.
  • 1

#5373 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7204 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:17

Va matto asd

 

 

La caratterizzazione e la scrittura dei personaggi son tremende su, il tutto è veramente stupido. Non posso sapere com'era visto all'epoca ovviamente, oggi non si può reggere. Come la recitazione di lui.

 

Sarà che venivo da The French Connection...


  • 0

#5374 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:23

Non aggravare la tua posizione e non cercare poi di sviare citando uno dei più grandi film della storia.
  • 0

#5375 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7204 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:26

Non sei/siete lucidi. :nod:


  • 0

#5376 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1949 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 23 aprile 2022 - 17:43

È bello ma è la versione per le mamme borghesi dei film europei di 15 anni prima (come Easy rider che è la Nouvelle Vague spiegata agli americani con ritardo decennale), con certe robe messe con l'evidenziatore (la croce di traverso sulla porta) e un erotismo da solletico sui piedi di un moralista (mezzo secondo di seno vs svedesi nude a letto con i figli negli anni 50).
  • 0

#5377 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15031 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:49

John, vado disseppellire il cadavere di Bergman e vengo ad infilartelo su per il culo se lo tiri fuori ANCORA come ternime di paragone che non c'entra un tubo. asd

 

EDIT: sto assolutamente scherzando, eh: mi e' venuto in mente che in effetti la faccina li' ormai non funziona bene, giuro che e' sincera, non una paraculata.


  • 1

#5378 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 17:50

Ora pure con Easy Rider ve la prendete...
  • 0

#5379 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1949 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 23 aprile 2022 - 17:59

Ma no mi piacciono, ma non si può negare che fossero film influenzati dalla libertà degli autori europei (Easy Rider è proprio una copia carbone a livello estetico della Nouvelle Vague dai). E ci arrivano dieci anni dopo sognandosi di toccare realmente certi temi tabù. Funzionano comunque e soprattutto come grandi spettacoli narrativi e di prove d'attori ma allora mi prendo più volentieri la Hollywood degli anni settanta che faceva a meno di certe stramberie tecniche per tornare ad una narrazione più corposa e trovare una migliore sintesi (e finalmente inedita) tra Hollywood e l'Europa.

Detto questo è vero: sono leggermente in fissa con Bergman da un mese.
  • 0

#5380 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7204 Messaggi:

Inviato 23 aprile 2022 - 20:56

Personalmente parlavo solo del Laureato in sé e per sé come film, senza considerare nient'altro.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq