Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Oriana Fallaci (1929 - 2006)


  • Please log in to reply
66 replies to this topic

#41 Guest_Number 5_*

Guest_Number 5_*
  • Guests

Inviato 16 settembre 2006 - 14:13

Non sono d'accordo, però, se questa diventa una scusa per fare una qualche distinsione tra gli ultimi 5 anni e il periodo precedente: come se la Fallaci degli ultimi anni non fosse la stessa Fallaci di tante altre battaglie passate, con la stessa coerenza e la stessa grinta. Fino alla fine.

Non so. Fermo restando che disapprovo l'80% delle sue tesi espresse in questi 5 anni, la Fallaci in questo periodo sapeva di avere un cancro, non credo che questo sia indifferente per una persona come lei. Forse ha giovato molto al lato "violento" del suo stile e alla "intensità" dei suoi appelli, non so se mi spiego.


#42 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 16 settembre 2006 - 15:06

se ne è andata una delle poche voci libere di quell'occidente che lei ha accusato di essersi calato le braghe di fronte ad un islam sempre piu' arrogante e similfascista,basta vedere quello che stanno cominciando a fare nei confronti del papa e come stanno strumentalizzando le sue dichiarazioni.
per quello che mi riguarda condivido al 100 per 100 le sue idee sull'islam,me ne frego di essere politicamente corretto,è in atto un aspro confronto tra due societa' ,quella occidentale e quella araba, che negli ultimi decenni si allontanano sempre di piu'.


Non vorrei sconfinare, ma dato che lo si sta già facendo...
Il grave errore di quelli come te e come la Fallaci, donna che ripeto ho sempre apprezzato e anche stimato in passato, sta nel ricondurre ancora nel 2006 ,problemi di questa gravità ai fantomatici scontri di civiltà, di idee, di religione.
Non è in atto nessuno scontro fra due mondi o fra due modi di essere, è solo in atto un riassestamento dell'ordine mondiale, dominato negli ultime secoli dall' imperialismo occidentale (ricordiamo che noi godiamo di un certo benessere anche perchè abbiam trattato come animali queste persone per secoli...per quattro secoli e più il capitalismo occidentale ha venduto un africano o un indiano come si vende un abito o un auto; le conseguenze si avvertono ancora oggi, però per alcune persone, inclusa la Fallaci, era difficile ammetterlo ed entrare a fondo nella questione, perchè si viene a mettere in discussione il proprio status di privilegiati che vivono sulla pelle degli altri, quali tali persone sono); oggi ci sono nuove potenze economiche che vogliono pesare in un modo o nell'altro. Non hanno i mezzi per competere con il mondo occidentale, devono ricorrere alla classica forma di lotta piccolo borghese rappresentata dal terrorismo. E per far questo mandano a morire gente che già muore di fame facendo leva sull'odio nei confronti di qualcosa che questa gente conosce in modo mistificato (guarda un pò, mi sembra la stessa identica situazione che viviamo noi), sfruttando credi religiosi e tradizioni.
Oggi è in atto uno scontro fra potenze storiche e potenze emergenti. Tutti - gli stati al servizio di queste grandi imprese - cercano di contare di più, di ottenere un proprio spazio, di farsi valere. Non importa se ciò comporta calpestare i diritti e la vita di milioni e milioni di persone. Capirai che di fronte a questi problemi la morte di una persona, per quanto importante e significativa e per quanto io l'abbia in passato apprezzata, conti poco. O meglio, per me la vita della Fallaci, nonostante tutti sembrino pensare il contrario, vale quanto quella di una persona che lavora 15 ore al giorno e fa la fame, vale quanto la vita dei messicani trattati come animali dai latifondisti americani e cui la stessa Fallaci augurava di morire.
Di fronte a questa situazione storica, si può cercare di prendere coscienza di ciò che accade attraverso un'analisi politico-economica-culturale profonda, oppure schierarsi accanto agli ideologi del capitale, quale la Fallaci era e quale è lo stesso Bertinotti (questo per rispondere ad Astrodomini). Io per mia fortuna ho avuto la possibiltà e la capacità di informarmi ed indagare. Purtroppo tu e la maggioranza delle persone si abbandona alla soluzione più semplice, più banale, a quella in qualche modo inculcata nella testolina anche dagli intellettuali come la Fallaci.
Io non discuto la sua cultura e la sua intelligenza, nè la profondità di tante cose che ha scritto. Però sono consapevole del fatto che si tratta non certo di una persona indipendente o che dice ciò che pensa o coraggiosa (negli ultimi anni): si tratta di un'intellettuale al servizio del potere e del capitale, che non ha esitato a rilasciare dichiarazioni pesanti e legittimanti una situazione di sfruttamento animale.
Obiettivamente è impossibile negare che la situazione sia questa, e non certo perchè lo dico io ma perchè si tratta di fatti riscontrabili e conoscibili da chiunque abbia un minimo di dimestichezza con nozioni economiche e con con la realtà storica degli ultimi secoli.
Ora possiamo tornare a parlare della Fallaci, lei è una morta di SERIE A.

#43 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 19:20

Ironia della sorte: proprio nel giorno in cui si piange la scomparsa di Oriana Fallaci, Fini e Bertinotti s'incontrano per un amichevole meeting rosso-nero (negli ultimi libri, la Fallaci ha proprio insistito sul fatto che ormai i politici sono tutti dalla stessa parte e tutti della stessa pasta, e a mio avviso sia Fini che Bertinotti purtroppo negli ultimi anni si sono rivelate due personalità piuttosto deludenti).

Immagine inserita
  • 0

#44 Debord

Debord

    Everyday people

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 243 Messaggi:
  • LocationMarche

Inviato 16 settembre 2006 - 20:18


Io per mia fortuna ho avuto la possibiltà e la capacità di informarmi ed indagare. Purtroppo tu e la maggioranza delle persone si abbandona alla soluzione più semplice, più banale, a quella in qualche modo inculcata nella testolina anche dagli intellettuali come la Fallaci.


Però, si trova gente fortunata in giro.
Umile poi.



.. si tratta di un'intellettuale al servizio del potere e del capitale.


Chicca anni '70 eh.
Bei tempi.


Obiettivamente è impossibile negare che la situazione sia questa, e non certo perchè lo dico io ma perchè si tratta di fatti riscontrabili e conoscibili da chiunque abbia un minimo di dimestichezza con nozioni economiche e con con la realtà storica degli ultimi secoli.


e si, quando qualcuno conosce la Verità, e non certo perchè lo dice lui.

  • 0

#45 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 33967 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 settembre 2006 - 21:03


Non hanno i mezzi per competere con il mondo occidentale, devono ricorrere alla classica forma di lotta piccolo borghese rappresentata dal terrorismo

Di fronte a questa situazione storica, si può cercare di prendere coscienza di ciò che accade attraverso un'analisi politico-economica-culturale profonda, oppure schierarsi accanto agli ideologi del capitale, quale la Fallaci era e quale è lo stesso Bertinotti
...
Io per mia fortuna ho avuto la possibiltà e la capacità di informarmi ed indagare. Purtroppo tu e la maggioranza delle persone si abbandona alla soluzione più semplice


Citando Battisti, direi:

Confusione
confusione mi dispiace
se sei figlia della solita illusione
e se fai confusione
confusione

  • 0

#46 del piero

del piero

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 98 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 07:29

quindi julian secondo te i musulmani sono giustificati a compiere atti di terrorismo perche' hanno spirito di rivalsa nei confronti dell'occidente.
mi dispiace ma non posso accettarlo,come non posso accettare una societa' islamica che al suo interno deficita di democrazia in maniera abnorme, basta vedere come viene considerata la donna nell'islam.
io faccio una domanda molto semplice per capire come reagiscono gli islamici e come reagiamo noi,il presidente iraniano ha detto che l'islam è la religione piu' bella,la migliore,una religione superiore,se una frase del genere l'avesse detta un blair,un bush,uno chirac magari lo stesso papa non pensate che a quest'ora ci sarebbero migliaia di islamici incazzati neri e offesi che fanno casino perche' i cristiani si sentono superiori nei confronti dell'islam?
ma tu julian pensi che se le famose vignette danesi invece di parlare di maometto avessero parlato di gesu' noi saremmo scesi in piazza a fare casino?
io insisto è uno scontro di civilta' e sono stanco di sentire parlare di islam moderato,ma dove sta?
  • 0

#47 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 08:21

Prevedo funerali affollati e complicati e i soliti applausi dei soliti cretini che appaludono a tutti i funerali.


Mi spiegate dove è nata questa usanza barbara e per quale astruso motivo si applaude ai finerali?Non riesco proprio a capire.
Oriana riposi in pace.E' stata una grande giornalista, nonostante le ultime polemiche.
  • 0

#48 Pier

Pier

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 573 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 10:30

Mi spiegate dove è nata questa usanza barbara e per quale astruso motivo si applaude ai finerali?Non riesco proprio a capire.


L'usanza è nata nel 1973 con i funerali di Anna Magnani.
  • 0

#49 virginia wolf

virginia wolf

    apota

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6639 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 13:03

La fama la otterrai all??estero, qui avrai solo invidia. Da noi bisogna essere morti per essere apprezzati. Così disse Curzio Malaparte all??amica Oriana Fallaci, è così è stato.
Volendo tralasciare gli ultimi cinque anni e fare un??analisi che si fermi al 10 settembre 2001, alla Fallaci in patria non sono mai stati tributati gli onori che si meritava.
Onorata in tutto il mondo, Lauree ad honorem da Boston e Chicago, le sue opere raccolte e custodite alla Boston University, la più antica università statunitense, nella ??Oriana Fallaci Collection?, comprese le bobine delle sue interviste con i leader ed i potenti del mondo, tenute con estrema cura in una stanza refrigerata e ritenute ??stupefacenti per il coraggio e l??intelligenza di indagine?.
Dall??Italia solo critiche, invidia, irrisione, e se poi la persona è anche una donna il dileggio è doppio - e a tributarlo sono spesso, purtroppo, soprattutto altre donne, che sanno sempre essere le migliori nemiche di se stesse -, e questo sicuramente perché non è mai salita su nessun carrozzone.
I pochi che la difesero dopo la pubblicazione di Inshallah furono: Furio Colombo, Bernando Valli, Giancarlo Vigorelli, David Maria Turoldo; le critiche più velenose ancora da due donne: Camilla Cederna e Natalia Aspesi.

Sono molto triste perché per me è stata come un??amica e i suoi libri sono stati (insieme a pochi altri) basilari per la mia formazione. Possedeva inoltre, insieme a molte qualità. quella che più apprezzo in una persona: non aveva paura di rivelare il proprio pensiero, anche se controcorrente e non schierato. Qualità che ho riscontrato solo in un altro grande: Pier Paolo Pisolini. Sono stati, per me, in Italia, le voci più alte e più libere del secolo scorso.

Anche se non l'ho mai sopportata fin dal suo libro "lettere a un bambino mai nato", Fallacci r.i.p.!

Senza nessuna polemica stregaccia, ma sinceramente non riesco a capire come una donna possa giudicare ??insopportabile? un libro come Lettere ad bambino mai nato.
E?? un libro che io invece farei leggere, obbligatoriamente, a tutte le donne, affinché (ri)comprendano che la maternità non è un castigo ma un privilegio.

  • 0
Penso a come contiamo poco, come tutti contino poco; com'è travolgente e frenetica e imperiosa la vita, e come tutte queste moltitudini annaspino per restare a galla.

#50 del piero

del piero

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 98 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 13:13

basta andare nel sito di dacia valent per capire quanta stupidita' e ignoranza alberga nella mente di una povera esaltata che resa miope dalle sue ideologie riesce a goire per la morte di una donna diversa da lei ma non per questo meritevole di essere offesa oltre ogni limite.
  • 0

#51 virginia wolf

virginia wolf

    apota

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6639 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2006 - 13:34

basta andare nel sito di dacia valent per capire quanta stupidita' e ignoranza alberga nella mente di una povera esaltata che resa miope dalle sue ideologie riesce a goire per la morte di una donna diversa da lei ma non per questo meritevole di essere offesa oltre ogni limite.


L'ho letto e sono rimasta senza parole!

Rimanendo sempre nell'ambito dei blog, mi è sembrato invece degno di nota l'intervento di Grillo.
http://www.beppegrillo.it/

I fighetti del giornalismo, intellettualmente onesti, con la cravatta giusta e la rubrica. Leggi i loro articoli e alla fine ti rimane un senso di vuoto. Non hanno più bisogno di mentire per coprire i fatti. Li annullano con il nulla. E non fanno neppure fatica. I Riotta, i Severgnini, i Mentana.
Oriana, ci mancherai.

  • 0
Penso a come contiamo poco, come tutti contino poco; com'è travolgente e frenetica e imperiosa la vita, e come tutte queste moltitudini annaspino per restare a galla.

#52 Guest_Bubusette_*

Guest_Bubusette_*
  • Guests

Inviato 20 settembre 2006 - 09:53

Dato che diversi utenti, a differenza di me, hanno approfondito l'opera di questa intellettuale, potreste consigliarmi un libro da cui cominciare?

#53 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 20 settembre 2006 - 14:04

Dato che diversi utenti, a differenza di me, hanno approfondito l'opera di questa intellettuale, potreste consigliarmi un libro da cui cominciare?

tranne il pattume pubblicato dal 12 settembre 2001 in poi, tutto quello che ha scritto è consigliabile.

ciao e buona lettura.
  • 0

#54 Rez

Rez

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 472 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2006 - 18:34

La morte della Fallaci è sicuramente un grande contraccolpo per i suoi sostenitori, ma credo che lo sia altrettanto per i suoi detrattori (che tuttavia credo saranno sempre meno). Con chi se la prenderanno adesso? Su chi scaricheranno le proprie frustranti paure? Voglio dire: io credo che la Fallaci ha suscitato anche odio perchè le sue tesi facevano paura. Era molto più rassicurante dare addosso alla persona, molto più rassicurante pensare che era una rimbambita, piuttosto che rischiare di pensare che potesse aver ragione. Si tratta di un meccanismo psicologico elementare, e credo che la psiche collettiva non si distingua dalla psiche individuale: quando un pensiero suscita turbamento, lo si rifiuta spostando quell'energia psichica su qualcos'altro (in questo caso, l'odio per la persona che formula quella tesi). Ma ora che la persona viene a mancare, e restano solo i suoi lucidi libri, credo che molta gente sarà costretta ad aprire gli occhi...


Massimo rispetto e cordoglio per la morte di un'intellettuale di grande spessore che ha sicuramente influenzato e apportato notevoli spunti in numerosi dibattiti.

Ti farei notare, peró, che l'odio (se non vogliamo parlare di livore) di cui parli era spesso ravvisabile anche in molti suoi interventi, specialmente i piú recenti, che mostravano uno stile piuttosto rancoroso.
In secondo luogo, non mi pare esattamente elegante, in un momento di lutto, fustigare chi ha criticato le sue opinioni come se non fosse in diritto di farlo o cimentarsi sulle solite accuse velenose ai colleghi. Mi pare che l'importanza del suo lavoro sia giustamente riconosciuta in tutto il mondo e lo sará ancora di piú ora. Non inventiamoci il ritratto di una vittima perseguitata. Non mi pare giusto nemmeno nei suoi confronti.
  • 0

#55 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2006 - 18:52


La morte della Fallaci è sicuramente un grande contraccolpo per i suoi sostenitori, ma credo che lo sia altrettanto per i suoi detrattori (che tuttavia credo saranno sempre meno). Con chi se la prenderanno adesso? Su chi scaricheranno le proprie frustranti paure? Voglio dire: io credo che la Fallaci ha suscitato anche odio perchè le sue tesi facevano paura. Era molto più rassicurante dare addosso alla persona, molto più rassicurante pensare che era una rimbambita, piuttosto che rischiare di pensare che potesse aver ragione. Si tratta di un meccanismo psicologico elementare, e credo che la psiche collettiva non si distingua dalla psiche individuale: quando un pensiero suscita turbamento, lo si rifiuta spostando quell'energia psichica su qualcos'altro (in questo caso, l'odio per la persona che formula quella tesi). Ma ora che la persona viene a mancare, e restano solo i suoi lucidi libri, credo che molta gente sarà costretta ad aprire gli occhi...


Massimo rispetto e cordoglio per la morte di un'intellettuale di grande spessore che ha sicuramente influenzato e apportato notevoli spunti in numerosi dibattiti.

Ti farei notare, peró, che l'odio (se non vogliamo parlare di livore) di cui parli era spesso ravvisabile anche in molti suoi interventi, specialmente i piú recenti, che mostravano uno stile piuttosto rancoroso.


Vorrei proprio vedere come sarebbe il tuo "stile" se ti miacciassero di morte in tutte le salse e se ti offendessero in modo indecente solo per le tue idee (perchè di questo si tratta). Posso ammettere che abbia esagerato in alcune sue espressioni, ma bisogna anche capirne il motivo.

In secondo luogo, non mi pare esattamente elegante, in un momento di lutto, fustigare chi ha criticato le sue opinioni come se non fosse in diritto di farlo o cimentarsi sulle solite accuse velenose ai colleghi. Mi pare che l'importanza del suo lavoro sia giustamente riconosciuta in tutto il mondo e lo sará ancora di piú ora. Non inventiamoci il ritratto di una vittima perseguitata. Non mi pare giusto nemmeno nei suoi confronti.



Lascia che - in quello che scrivo io - sia io a reputare che cosa è elegante e cosa no nei confronti di una figura che ho sempre rispettato e apprezzato (non come alcuni sostenitori dell'ultima ora). Dici che l'importanza del suo lavoro è riconosciuta in tutto il mondo? Ma se fino a qualche mese fa era denigrata da mezzo mondo e rischiava anche un processo (in Francia, se non sbaglio)! La verità è che ora lentamente si stanno ricredendo tutti, chi più chi meno...
  • 0

#56 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2006 - 18:59


Dato che diversi utenti, a differenza di me, hanno approfondito l'opera di questa intellettuale, potreste consigliarmi un libro da cui cominciare?

tranne il pattume pubblicato dal 12 settembre 2001 in poi, tutto quello che ha scritto è consigliabile.


Guarda che aveva chiesto cosa leggere, non cosa non leggere. Ma vedo che la tentazione di gettare fango è sempre troppo forte... e comunque ormai sei decisamente "out": che gli ultimi libri siano "pattume", ormai forse non lo dice più nemmeno Bertinotti.

Per Bubusette il mio consiglio è questo: comincia a leggere "La Rabbia e l'Orgoglio", e poi se sei interessato continua con i due successivi. In questi tre libri Oriana parla spesso anche dei suoi libri precedenti, quindi ti sarà più facile andare a ritroso nel suo percorso intellettuale e capire come quelli hanno portato ai suoi scritti più recenti.
  • 0

#57 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 20 settembre 2006 - 19:21



Dato che diversi utenti, a differenza di me, hanno approfondito l'opera di questa intellettuale, potreste consigliarmi un libro da cui cominciare?

tranne il pattume pubblicato dal 12 settembre 2001 in poi, tutto quello che ha scritto è consigliabile.

Guarda che aveva chiesto cosa leggere, non cosa non leggere. Ma vedo che la tentazione di gettare fango è sempre troppo forte... e comunque ormai sei decisamente "out": che gli ultimi libri siano "pattume", ormai forse non lo dice più nemmeno Bertinotti.

se mi rileggi bene gli consiglio tutto tranne gli ultimi sproloqui. ;)
se proprio vuoi che scriva un titolo, consiglio caldamente "niente e così sia", a mio modesto e sommesso parere, uno dei migliori reportage sulla guerra del vietnam che siano mai stati scritti.

di quello che pensa il "berty" m'importa il giusto e ribadisco che la fallaci è una delle due facce (l'altra è quella dell'integralismo islamico) della medaglia dell'intolleranza, della violenza, dell'ottusità che rischiano di fare precipitare il mondo nel baratro.

seguiamo la politica dell'occhio per occhio, dente per dente e ci ritroveremo tutti ciechi a mangiare il semolino...

ciao e buona serata.
  • 0

#58 virginia wolf

virginia wolf

    apota

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6639 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2006 - 20:03

??Un uomo? è sicuramente il suo capolavoro e, in generale, un capolavoro.

E?? la storia vera di Alekos Panagulis, personaggio straordinario, eroe della resistenza greca contro il regime dei colonnelli  che pagò con la vita il sogno di essere Un Uomo libero; probabilmente il solo, vero, grande e tormentato amore della sua vita,.

Fui sempre, e sono, un combattente che lotta per una Grecia migliore, un domani migliore, una società insomma che creda nell'Uomo. Se io mi trovo qui è perchè credo nell'Uomo. E credere nell'Uomo significa credere nella sua libertà. Libertà di pensiero, di parola, di critica, di opposizione: tutto ciò che il golpe fascista di Papadopulos ha eliminato..."


??Non lasciatevi intruppare dai dogmi, dalle uniformi, dalle dottrine, non lasciatevi turlupinare da chi vi comanda, da chi vi promette, da chi vi spaventa, da chi vuole sostituire un padrone con un nuovo padrone, non siate gregge perdio, non riparatevi sotto l'ombrello delle colpe altrui, lottate, ragionate col vostro cervello, ricordate che ciascuno è qualcuno, un individuo prezioso, responsabile, artefice di se stesso, difendetelo il vostro io, nocciolo di ogni libertà, la libertà è un dovere, prima che un diritto è un dovere.

Dopo questo libro credo sia impossibile non desiderare leggere anche tutti gli altri? sperando, forse un po?? cinicamente, che prima di morire abbia completato il romanzo che da anni stava scrivendo sulla storia della sua famiglia, giudicato, da chi ne ha letto la stesura, di gran lunga il suo libro più straordinario». 

  • 0
Penso a come contiamo poco, come tutti contino poco; com'è travolgente e frenetica e imperiosa la vita, e come tutte queste moltitudini annaspino per restare a galla.

#59 Rez

Rez

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 472 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2006 - 12:07

Lascia che - in quello che scrivo io - sia io a reputare che cosa è elegante e cosa no nei confronti di una figura che ho sempre rispettato e apprezzato (non come alcuni sostenitori dell'ultima ora). Dici che l'importanza del suo lavoro è riconosciuta in tutto il mondo? Ma se fino a qualche mese fa era denigrata da mezzo mondo e rischiava anche un processo (in Francia, se non sbaglio)! La verità è che ora lentamente si stanno ricredendo tutti, chi più chi meno...


Sicuramente decidi tu ció che scrivi. Io esprimevo un'opinione visto che su questo thread sembra che ci si possa esprimere solo con dei panegirici.
Comunque riguardo all'odio, non dico certo che talune accuse nei suoi confronti non siano state offensive in modo indecente peró non mi pare che lei, nel bene o nel male, si impegnasse molto per ristabilire un clima di dialogo ma che anzi spesso cercasse (anche fieramente perché no?) lo scontro ideologico.
Il processo di cui parli verteva proprio sull'accusa di incitamento all'odio razziale ad un suo libro (il tuo preferito "La rabbia e l'orgoglio"). L'idea stessa di un tale processo é piuttosto assurda (e sempre per il solito discorso sulla libertá di opinione la ritengo una esagerazione) peró converrai che non é un'accusa da poco. Quando mi riferisco all'importanza del lavoro, penso soprattutto alle famose interviste o ad altre opere meno recenti, delle quali esiste un riconoscimento piuttosto universale.
Negli ultimi interventi ha diviso molto le coscienze e, detto francamente, si sia d'accordo o meno con il suo punto di vista, mi pare si sia parecchio sottratta al confronto (a proposito del processo e dello scarso successo del suo libro in Francia, ricordo un suo intervento sulle colonne di un quotidiano con delle accuse ai francesi piuttosto generiche e offensive). Probabilmente la malattia le ha impedito di poter affrontare e rispondere in maniera adeguata e piú ponderata anche alle critiche piú becere e ingiuste, peró ció non toglie che certi suoi corsivi erano davvero molto emotivi e ben poco motivati.
  • 0

#60 DONBRIZIO

DONBRIZIO

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 588 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2006 - 14:03

Ragazzi, vi confesso ceh appena ho letto il post sulla Fallaci ho risposto immediatamente, è stato più forte di me, non sono riuscito a leggere tutti i post precedenti, come faccio di solito prima di intervenire in ogni nuova discussione...
Grandissima, mi ero posto come obiettivo di leggere tutti isoiu libri. Ne ho letto 6-7, tra cui "Un uomo", di cui mi restano circa 100 pagine, sinceramente non sono riuscvito a finirlo tutto subito perchè tra quelli che ho letto è l'unico ad essere risultato un po' pesantuccio... Poesie (e non inventate, ma realmente vissute) quelle raccontate nei libri: "Nessuno e così sia", "Se il sole muore", "Lettera a un bambino mai nato". Eccezionali anche gli ultimi 3, al di la di tutto. Ho scoperto che tutti i miei amici di sinistra (come me) che la criticavano non avevano letto nulla di lei. Spero che i suoi critici non abbiano fatto lo stesso
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq