Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Jim Jarmusch


  • Please log in to reply
95 replies to this topic

Sondaggio: Il film che preferite (75 utente(i) votanti)

Voto I visitatori non possono votare

#41 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 10 ottobre 2008 - 08:49

Troppo facile per i miei gusti  ;)

Più sfizioso è invece l'omaggio a La farfalla sul mirino del sublime Suzuki...
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#42 Tourette

Tourette

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:

Inviato 13 ottobre 2008 - 18:30

Dead Man e Ghost Dog sono geniali allo stesso modo, non saprei scegliere...il secondo non ha cali di ritmo, è una mina vagante, ma la mia preferenza sta tutta lì...ci ripenserò, magari la userò come scusa per rivederli ^__^
  • 0

#43 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 05 marzo 2009 - 23:09

e finalmente è in arrivo pure il nuovo lavoro di Jarmusch, "The Limits of Control"

trailer

http://movies.apple....=480&height=260

che cast!


  • 0

#44 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 06 marzo 2009 - 00:31

Ma ti spediscono i trailer via posta??
Complimenti per il tuo aggiornamento.
Ad ogni modo: quando cavolo esce??
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#45 Pere Bubu

Pere Bubu

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 328 Messaggi:

Inviato 08 marzo 2009 - 14:41

Jarmush è uno dei miei preferiti. Li ho visti tutti tranne Permanent vacation e Year of the horse.
Dead man non sarà il suo migliore ma è un bel film, un po' di sputtanamento c'è ma non esageriamo, non è che si debba per forza fare film in super8 con camera fissa per fare del buon cinema.
Ovvio che un minimo tradisce il minimalismo di Jarmush prima maniera, tra l'altro è un bel po' che non lo rivedo.
Ma condivido il fatto che la gran parte degli autori da il meglio di sè agli inizi e Jarmush non fa davvero eccezione, Strager than paradise è il suo capolavoro e sono pronto a difenderlo a spada tratta.

Quella colonna sonora, una cassetta con solo I put a spell oon you di Screamin' Jay Hawkins su registratore mono, a posteriori possiede un tale grado di nostalgia in era internet che mi commuove quasi ogni volta.  :P
John Lurie è semplicemente perfetto, nessun bisogno di recitare.

La sua poetica del "non viaggio" è tutta lì, poteva anche smettere di fare film, i successivi imho li ha fatti solo per divertirsi e mangiare.
Tranne forse per Broken flowers, chi non l'ha capito probabilmente non è un fan del regista, con questo ha chiuso il cerchio sono curioso di vedere il suo ultimo lavoro. Curioso in realtà è un eufemismo sono in trepidamente speranzoso. :D


  • 0

#46 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 24 dicembre 2009 - 10:40

a inizio febbraio, con giusto un annetto di ritardo, esce in Italia l'ultimo film di Jarmusch, "The Limits Of Control"

http://www.movieplay...its-of-control/
  • 0

#47 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 24 dicembre 2009 - 11:55

a inizio febbraio, con giusto un annetto di ritardo, esce in Italia l'ultimo film di Jarmusch, "The Limits Of Control"

http://www.movieplay...its-of-control/


Meglio tardi che mai.  ;)
  • 0

#48 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15412 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2009 - 13:27

ancora ricordo di averlo prenotato l'anno scorso, poi sparì dalle prossime uscite asd
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#49 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 24 dicembre 2009 - 13:33

ancora ricordo di averlo prenotato l'anno scorso, poi sparì dalle prossime uscite asd


dai pazienza che in quelle 10-15 sale lo vedremo!
  • 0

#50 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15412 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2009 - 13:36


ancora ricordo di averlo prenotato l'anno scorso, poi sparì dalle prossime uscite asd


dai pazienza che in quelle 10-15 sale lo vedremo!


ahahaha sì, immagino che non possiamo aspirare a più di questo...
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#51 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12065 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2009 - 14:06

Non vorrei fare il guastafeste, ma la Mikado ha subito un cambio di gestione e, difatti, anche altri film acquistati e anunciati per il 2009 (Tavernier, Meirelles) sono slittati. Questo per dirvi di non mettere la mano sul fuoco sull'effettiva distribuzione del nuovo Jarmusch a febbraio (ma me lo auguro).
  • 0

#52 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20003 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 24 dicembre 2009 - 16:35

Non vorrei fare il guastafeste, ma la Mikado ha subito un cambio di gestione e, difatti, anche altri film acquistati e anunciati per il 2009 (Tavernier, Meirelles) sono slittati. Questo per dirvi di non mettere la mano sul fuoco sull'effettiva distribuzione del nuovo Jarmusch a febbraio (ma me lo auguro).


Speriamo: amo Jarmusch anche se Broken flowers mi aveva un po' deluso :-*
  • 0

#53 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21453 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2009 - 20:39

:o
  • 0

#54 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21856 Messaggi:

Inviato 30 agosto 2010 - 14:41

Per i milanesi e non, segnalo una retrospettiva completa su Jarmusch durante il Milano Film Festival, dal 10 al 19 settembre link. Purtroppo non riesco a trovare un programma dettagliato con le date e gli orari delle proiezioni (sta cosa mi fa un po' incazza'), gni mando na mail e guardo che mi dicono.

A proposito, qualcuno ha qualche consiglio sui film/registi in concorso (qui)? Se compro l'abbonamento per (ri)vedermi qualche Jarmusch mi vedrei anche volentieri qualcosa del festival vero e proprio..

edit: Mi hanno risposto che il programma sarà online a breve.
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#55 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 30 agosto 2010 - 15:48

http://www.youtube.c...h?v=qpQ3HrmjjSc
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#56 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21856 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2010 - 23:52

Ho visto stasera The limits of control (hanno confermato che non uscirà mai in Italia). Peccato che Jarmusch non potesse essere presente, pare perché in un posto top secret dove è impegnato nella scrittura del suo nuovo film, che secondo lui sarà il suo più importante (vabè). Comunque.
M'ha lasciato piuttosto perplesso; ostico, personaggi senza nome e che durano il tempo di una conversazione (meglio, monologo), trama a dir poco criptica, finale ciclico che risolve ben poco. Dà la sensazione di lasciare una miriade indizi qua e là, ma indizi per che cosa?
Diversi i rimandi a suoi altri film (direi che si potrebbe considerare un bizzarro e non riuscitissimo incrocio fra Dead Man, Ghost Dog e Coffee&cigarettes - ma anche una cosa fra Lynch e Linklater, se vogliamo). Ambientato in Spagna (Madrid, Siviglia, Almeria), annovera camei di attori di calibro (B. Murray, Garcia Benal, Tilda  Swinton), sebbene il protagonista sia un attore "minore", il gelataio di Ghost Dog visto anche in altri suoi film (es. Coffee & cigarettes, forse anche altri).
Ottima fotografia, inquadrature interessanti, veramente bona la ragazza-sempre-nuda*, bella la colonna sonora dei Boris usata in modo particolare, quasi incongruente - a sottolineare momenti o incontri (apparentemente?) insignificanti o ad accompagnare in modo improbabile sequenze come l'entrata in scena della Swinton.

Francamente un successo commerciale sarebbe stato impensabile (non una scusa per non distribuirlo), neanche il pubblico "scelto" è riuscito ad applaudire alla fine della proiezione.
Qualcuno l'ha visto e ha qualche impressione da condividere?

*[img width=400]http://www.celebgossipz.com/wp-content/uploads/2009/02/mini-paz-de-la-huerta-nude-purple-magazine-1.jpg[/img]
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#57 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4063 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 16 settembre 2010 - 08:29

si' ho avuto le tue stesse impressioni.
Bello da guardare, ascoltare, ma forse un po' troppo misterioso per il gusto di esserlo, e inconcludente.
Comunque e' un viaggio che ho apprezzato, ha titillato i miei sensi al punto giusto.
Io ho trovato che avesse anche un'atmosfera da sogno. Verso la fine questo aspetto viene anche amplificato, specialmente quando il protagonista arriva al fortino, e la scena dopo, quasi per magia, lo ritroviamo all'interno. Come ha fatto a superare tutte le guardie non si sa. Ma forse non e' importante (almeno io l'ho interpretato cosi'), magari l'immagine e' simbolica, o appunto e' un sogno.


p.s. mannaggia debaser quella foto! per risponderti qua dall'ufficio mi sono dovuto guardare in giro come criminale in azione asd asd
  • 0

¯\_(ツ)_/¯


#58 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12697 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2010 - 22:23

Qualcuno l'ha visto e ha qualche impressione da condividere?


Visto ieri. Non mi stupisco non lo abbiano distribuito.
Mi è piaciuto tantissimo. Degna conclusione(?) del discorso iniziato con Dead Man e Ghost Dog. Un misterioso ed onirico percorso di iniziazione, sia per il protagonista che per lo spettatore. Un viaggio, un pellegrinaggio, il cui obbiettivo non è la morte, ma la dissoluzione stessa della realtà. Volendo (a me interessa meno) ci potrebbe stare una lettura meta-cinematografica, con il protagonista che prende coscienza di essere in un film e penetra nel covo della vittima attraverso un banale stacco di montaggio.      

Un "Point Blank" (l'attore protagonista è una specie di Lee Marvin nero), senza  violenza, azione e tensione, fatto solo di tempi sospesi e straniamento.
Un percorso di ascetismo criminale alla Melville spinto fino al disgregazione fisica.
Un racconto sulfureo alla Lynch, con più asciuttezza e senza scappatoie tipo nastro di Möbius.   
Se vogliamo, si rischia pure la patina videoclippara alla Wenders, ma siamo su un altro pianeta in quanto a sostanza teorica e visiva.

Messo seduta stante tra i miei cult personali.   

  • 0

#59 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21856 Messaggi:

Inviato 28 settembre 2010 - 09:41

Volendo (a me interessa meno) ci potrebbe stare una lettura meta-cinematografica, con il protagonista che prende coscienza di essere in un film e penetra nel covo della vittima attraverso un banale stacco di montaggio.      


É un po' l'idea che mi ero fatto anch'io, in fondo in più di un frangente la quarta parete viene infranta, o quasi.
Tra l'altro è veramente ricchissimo di strani particolari: il suono che si sente ogni volta che riempono un bicchiere d'acqua, dei frame tagliati quando lui brucia la mappa (o è stata solo una mia impressione? l'ho visto al cinema quindi non ho potuto ricontrollare), il finale monco, come ho già detto le schitarrate pazze in momenti "inutili", come quando inquadrano per un millisecondo il tizio che lavora al bar, le inquadrature dentro alle "towers" in cui non si capisce se stiamo osservando da dentro, o da fuori, o nessuna delle due, la scena della pistola, il riflesso fra finzione (i quadri) e gli incontri che fa, e chissà quante cose non ho notato o non ricordo. E però lo vedo diverso da un lavoro accuratamente simbolico alla Lynch (per quello che conosco).
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#60 Farzan

Farzan

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4755 Messaggi:
  • LocationPr

Inviato 20 settembre 2012 - 13:00

Ok ritiro su un thread morto e sepolto.

Ieri mi sono avvicinato a Jarmusch per la prima volta con Stranger Than Paradise.

non sono solito guardare film ma da un po' di tempo a questa parte sento come una mancanza la mia scarsa cultura nel campo.
Allora quel che vorrei è una chiave di lettura o semplicemente discutere di questo film che ho visto qua definire capolavoro.
Non so, ho apprezzato molto la recitazione e il clima costante di tensione e di angoscia, una sorta di film sul filo del rasoio nel quale c'è questa costante presenza di un sottofondo amaro nella vita di questi tre poveracci, lui immigrato sfaccendato col complesso di inferiorità delle sue origini, lei la più dotata e forse posata, lanciata però in un sistema nel quale non trova le persone giuste per dare spazio a quella che è ed eddie, il mongolino
Le scene con la nonna le ho odiate, dove c'è lei sto male, sono di una disperazione pazzesca, con la sua arretratezza culturale e le ottuse convinzioni dei vecchi. scena più bella per me Willie e Eddie che giocano a carte con lei, loro due giovani perditempo lei giocano con una vecchia ottantenne.
in generale quindi tutto molto bello, però..cosa mi lascia?
la decadenza di certe classi sociali (di allora, ma attuale) la decadenza di zone delle città di cui io borghese non mi rendo conto o non conosco proprio, la cazzonaggine di due squattrinati e svogliati ragazzi (uno tonto l'altro furbo) e la disperazione latente di una povera ragazza che non può emanciparsi.

non so, mi manca qualcosa forse nel capire il film. senza che ci sia da scervellarsi troppo, non è un trattato.
non è un intervento per distruggere il film, piuttosto per capirlo meglio.
comunque prossima stazione: down by law
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq