Vai al contenuto


- - - - -

[Monografia] Ingmar Bergman


  • Please log in to reply
48 replies to this topic

#41 Theredroom

Theredroom

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 219 Messaggi:

Inviato 22 novembre 2007 - 10:11

Ieri ho comprato 'sussurri e grida',in qeusti giorni appena ho tempo gli dedichero' attenzione.
Della trilogia ho visto solo 'Luci d'inverno';anche se preferisco un'altro Bergman prima o poi vedro' anche gli altri,e poi si son mo lto curioso eheh  :P
Di Fanny e Alexander e il Volto non ne avevo mai sentito parlare,ma ora che m'hai messo la pulce nell'orecchio..mannaggia:D
Ieri passando x il centro di Torino in un negozio di vecchie locandine cinematografiche avevo trovato la vecchia locandina di Persona,solo che ahime'60 euro proprio non le potevo spendere ::)
  • 0

#42 BlackiceLORDofSILENCE

BlackiceLORDofSILENCE

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3036 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2012 - 22:26

Ho visto stasera il Posto delle Fragole. Ma volevo chiedere un paio di cose:
1) perchè quietano all'inglese ?
2) perchè la cerimonia delle più grandi onoreficienze nazionali si svolge in un luogo di culto ?
  • 0
<a href="http://rateyourmusic...ofSILENCE"><img border=0 src="http://rateyourmusic...DofSILENCE.png" width=250 height=72></a>

http://rateyourmusic...ceLORDofSILENCE
http://www.anobii.com/people/moro/
http://www.lastfm.it...r/BlackiceLORD/

la mamma dei sottogeneri del metal è sempre incinta

Che poi Hitler è un personaggio così black metal... esteticamente impossibile non restarne colpiti. Stalin è più death-grindcore. Mussolini garage-punk, Mao invece è doom.


#43 superfico

superfico

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 58 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2014 - 21:03

Siccome giorni fa ho visto "Sinfonia d'autunno", ho pensato di cercare una discussione sul maestro svedese...che, a quanto pare, non ebbe molto successo.
Sono soltanto al mio terzo di Bergman (lo precedono "Persona" e "Sussurri e grida") e, per la terza volta, mi trovo di fronte a una pellicola già destinata a rimanermi impressa a vita. Anzi, mi espongo...emotivamente parlando mi è parsa la più potente delle tre. Solo Bergman poteva, partendo da una premessa così innocua, far scatenare una tempesta così devastante di rancori repressi senza dar l'idea di forzare il tutto per fini narrativi. Notevoli la Ullman e la Bergman, una coppia particolarmente adatta nel rendere convincenti delle così accese antinomie tra madre e figlia (anche in una sequenza poco dialogata come il confronto nell'esecuzione di Chopin). Col senno di poi, ho trovato un filino esagerato infilare in quel contesto familiare anche una sorella malata, idea che finisce con l'esasperare quasi platealmente dei toni già di per se plumbei.
Con uno tra i finali più insolitamente (il risultato effimero e poi quasi beffardo dei fiumi di risentimento confessati) e silenziosamente (la madre di fronte alla tomba del figlio) disperati che abbia visto.
  • 0

#44 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23715 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2014 - 21:27

"Sinfonia d'autunno"


Bravissimo, un capolavoro. Stranamente molto meno citato rispetto ad altri, è un fiume in piena di sofferenza e recriminazioni represse, veramente uno dei Bergman più potenti - e dunque in assoluto.

Io mi sto già mettendo avanti per la manche de La Febbre, che voglio ancora vederne e rivederne tanti.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#45 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22342 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2014 - 21:31

Tra l'altro Ondacinema sta per tirare fuori un regalo di Pasqua niente male, a tal proposito.
  • 0

#46 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12554 Messaggi:

Inviato 02 aprile 2014 - 15:26

MONOGRAFIA DI ONDACINEMA:
Ingmar Bergman - Dell'esistenza e di Dio

http://www.ondacinema.it/monografie/scheda/ingmar_bergman.html

Immagine inserita


Dall'amore per il teatro alla ricerca di un cinema fortemente simbolico ed esistenzialista che abbraccia religione e psicologia. Ripercorriamo insieme la carriera di una fra le figure più portentose della Settima arte, autore in grado di scardinare le coscienze dell'uomo e soprattutto della donna
  • 3

#47 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23715 Messaggi:

Inviato 02 aprile 2014 - 15:36

Che impresa titanica. Complimenti preventivi agli autori.
  • 2

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#48 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22342 Messaggi:

Inviato 02 aprile 2014 - 15:39

L'opera è chiaramente dedicata agli adorati utenti del forum! E' la nostra definitiva scelta di campo verso una comunicazione nazional-popolare :luv:
  • 0

#49 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20412 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 02 aprile 2014 - 15:45

chapel
:cool2:
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq