Vai al contenuto


Foto
- - - - -

progressivo napoletano


  • Please log in to reply
24 replies to this topic

#21 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2009 - 11:07

la scuola napoletana del progressive è certamente la più importante in Italia.
Sebbene il movimento si sia arenato in un tempo abbastanza breve (come nel resto del mondo, tralaltro) non si può escludere che quello napoletano ha scritto tra le pagine più entusiasmanti del progressive europeo.
i nomi fondamentali sono già stati citati.
una piccola precisazione: progetti come la NCCP o il primo Daniele, secondo me, c'entrano poco o niente con il progressive.
è vero che il progressive napoletano ha da subito tentato di fondere gli idiomi anglosassoni (noto è l'interessamento dei Genesis e di Gabriel in particolare) con quelli derivanti dalla tradizione napoletana (essenzialmente melodica e ritmica) ma la riproposizione in chiave "aggiornata" della tradizione napoletana operata da De Simone, Bennato e Daniele nella seconda metà dei 70 non ha una grande parentela con il progressive partenopeo.
Anche se poi proprio Daniele con la complicità di Senese (protagonista della scena progressive con i Napoli Centrale) finirà col fondere alcuni di quegli elementi nella sua prima musica; ma si tratta di un qualcosa che aveva parenetele con il jazz-rock e con il blues e non tanto con il progressive.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#22 cerezo

cerezo

  • Moderators
  • 15547 Messaggi:

Inviato 27 giugno 2018 - 20:19



"a compilation of the rarest and invisible compositions of the 70’s and 80’s Neapolitan disco and funk scene...
Everybody is haunting for the essence of the city and its sound. Such a haunting is so cruel that originality risks the extinction within the goat of fake authenticities, being them musical, cultural or artistic authenticities. Enough is enough! It is time to react. It is time to give back to the city what somebody wish to be steel forever. Time before samplers colonized the global acoustic imagery, here, in Naples, for Naples, throughout its metropolitan spaces and rhythms, such beautiful tracks have been recorded that once you listen to them they remain indelible. And after years spent following the footprints of legendary characters beneath a urban underground that crawls with anecdotes and passion, immersed in bloody quests into oceans of vinyl records, dusty tapes, in the midst of emotional vicissitudes, parties, sea, recording studios and seagulls…"

non è proprio progressivo ma secondo me l'humus è quello, sembra roba buona, curata dai tipi di nu guinea
  • 0

#23 Piper

Piper

    Life is too short For iTunes

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8658 Messaggi:
  • LocationParadise Garage

Inviato 27 giugno 2018 - 20:32

cerry, io ti voglio bene e lo sai, ma col prog non c'entra un ficus di nulla.

questa è una raccolta che va a ripescare nel repertorio della disco music funkeggiante napoletana più underground e stramba.

non parlerei neanche di humus similare

 

comunque bella compilation, con alcune tracce bellissime, ma sopratutto con il merito di proporre al grande pubblico il mitico progetto "tonica e dominante"


  • 0
<< Poi ce la prestiamo... Insomma la patonza deve girare>>

Aurelio De Laurentiis ha lasciato la sede dove si stanno svolgendo i sorteggi dei calendari fermando uno sconosciuto che passava su un motorino dicendogli: "Portami via da questo posto". Ed è andato via come passeggero del motorino di uno sconosciuto

 
 Song 'e Ondarock - web Radio|

#24 cerezo

cerezo

  • Moderators
  • 15547 Messaggi:

Inviato 27 giugno 2018 - 21:06

vero, però il prog napoletano ha una sua peculiarità, nomi come napoli centrale e toni esposito avevano elementi di ritmo e negritudine, tu non ci vedi nessuna continuità? (anche tenendo conto della musica dei nu guinea)
  • 0

#25 Piper

Piper

    Life is too short For iTunes

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8658 Messaggi:
  • LocationParadise Garage

Inviato 27 giugno 2018 - 21:16

vero, però il prog napoletano ha una sua peculiarità, nomi come napoli centrale e toni esposito avevano elementi di ritmo e negritudine, tu non ci vedi nessuna continuità? (anche tenendo conto della musica dei nu guinea)

 

c'è una continuità se andiamo a focalizzarci sull'elemento negro che attraversa la musica napoletana in maniera trasversale, ma come generi di fondo il prog napoletano e la disco/funk della compilation sono cose strutturalmente e anche ideologicamente diverse.

in questo i nu guinea e il loro progetto sanno di novità proprio per aver miscelato insieme cose che all'epoca non andavano  proprio insieme 


  • 0
<< Poi ce la prestiamo... Insomma la patonza deve girare>>

Aurelio De Laurentiis ha lasciato la sede dove si stanno svolgendo i sorteggi dei calendari fermando uno sconosciuto che passava su un motorino dicendogli: "Portami via da questo posto". Ed è andato via come passeggero del motorino di uno sconosciuto

 
 Song 'e Ondarock - web Radio|




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq