Vai al contenuto


Foto
* * * * - 5 Voti

L'horror che ho visto oggi


  • Please log in to reply
2328 replies to this topic

#2321 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12995 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 09:52

petsematary07.jpg

Si' e' l'inquadratura finale della sigla di "Notte horror"

 

1989 Cimitero vivente (Pet Sematary) di Mary Lambert

Rivisto ieri sera dopo eoni.

E' un filmetto di serie B che ha un suo certo culto, sopratutto presso gli ultra-trentenni che evidentemente se lo spararono da ragazzini restando impressionati dalle scene con la sorella deforme e l'infante assassino. Rispetto a molte trasposizioni kinghiane ha il merito di non edulcorare la materia originale, almeno a livello puramente narrativo, i pugni nello stomaco del romanzo ci sono tutti. (E'  un film sceneggiato da King stesso in effetti, ma la cosa in altri ambiti si dimostrera' poco significativa.) Soprattutto c'e' un personaggio di due anni - e di consegunza un attore della stessa eta' - mostrato in situazioni violente e inquietanti, cosa impensabile oggi; e infatti nel recente remake hanno evitato. Le scene migliori del film che ancora funzionano alla grande sono tutte del baby-attore, ma tutto il cast "soprannaturale" e' azzeccato: il gatto, la "sorella" (in realta' un attore maschio), il ciclista fantasma. Decisamente piu' sottotono e da soap la parte "normale", a cominciare dal protagonista in stile Ken della Barbie.

 

cimitero-vivente-lambert-1989.jpg

attori che si mangiano i film a colpi di carisma

 

Coi suoi limiti non me lo ricordavo malaccio (c'e' da dire che lo vidi prima di leggere il libro), ma ne sono rimasto tutto sommato deluso. E' davvero un b-movie tagliato con l'accetta. Il grande punto di forza di partenza, cioe' l'essere tratto da uno dei romanzi piu' spaventosi e filmabili di King, diventa la sua maggior debolezza nel momento in cui ci si accorge della dozzinalita' della narrazione. Se nel romanzo per il protagonista era una discesa all'inferno, qui abbiamo una specie di coglione alla Homer Simpsons che per tutto il film fa le cose piu' sbagliate con attorno fantasmi, famigliari, amici, conoscenti, persino alberi che gli urlano "Nuooooo, NON FARLO!!!". Funziona ancora bene l'ultima mezz'ora col precipitare degli eventi, ma l'ora precedente e' piuttosto noiosa e buttata li'.

 

913pszelda89.jpg

gia' pronti per i video grunge

 

Ma c'e' dell'altro, almeno dal mio punto di vista. Mentre filmetti altrettanto modesti come "Cujo", "Grano rosso sangue", "Unico indizio la luna piena" con gli anni hanno acquistato una specie di atmosfera giallognola e vintage che li fa apparire migliori di quello che erano, qui si respira gia' quell'aria freddina e decadente che azzoppera' tutto il cinema fantastico - horror per tutto il decennio successivo. Per dire, a differenza di quei film non si avverte minimante un'atmosfera provinciale e bucolica, le case e le atmosfere non hanno intimita', i personaggi sono freddi e antipatici, bambini compresi. Una freddezza che poteva essere anche un pregio, come succedera' nei migliori (e pochi) esempi di horror anni 90, ma che qui e' solo un effetto della pedanteria degli autori.

Insomma, per rivalutarlo mi sa che bisogno aspettare il revival dei 90, se mai iniziera'. O mai finira' quello degli 80.


  • 3

#2322 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21877 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 10:08

Il remake che hanno appena fatto qualcuno l'ha visto?
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#2323 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6147 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 10:12

Io me lo ricordo una delusione totale, il romanzo di King è uno dei suoi più belli e terribili, è profondo, psicologico, pieno di idee geniali e soprattutto veramente inquietante mentre il film si riduce una carellata di topoi horror di grana grossa, il difetto mortale è proprio la mancanza di atmosfera che citi, il trasferimento dei Creed dalla città alla campagna con i boschi misteriorsi e pieni di segreti terrificanti che incombono sulle loro vite non si sente proprio, la pellicola non trasmette alcun pathos, alcun fascino, è completamente inerte.

Anche l'ultima parte di film che citi come la migliore per me è invece la più deludente perchè l'accellerazione finale nel libro (riletto con grande piacere un 5 anni fa) è veramente fenomenale e sconvolgente, una dei vertici della letteratura horro di sempre e la regista l'ha ridotta a una sequela di innocui mortaretti.


  • 2

#2324 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6147 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 10:18

Pensare che era interessato a dirigerlo John Carpenter fa un po male al cuore.

Però una cosa veramente buona il film della Lambert ce l'ha

 

 

Testo fenomenale anche e ritornello micidiale

 

I don't wanna be burry in a Pet Sematary

I don't want to live my life again...oh, no,no,no


  • 0

#2325 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12995 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 10:23

Ah beh certo, l'eventuale efficacia del film di cui parlo e' da relativizzare alla sua natura di anonimo b-movie.

Il romanzo e' di un altro pianeta. Ricordo che riusci' a spaventarmi nonostante, avendo appunto gia' visto il film, sapessi gia' tutto quello che succedeva. Piu' angoscioso di King per me solo Misery, e infatti non mi capacito che esista qualcuno che dice che il pur buon film di Reiner e' migliore del libro.


  • 1

#2326 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6147 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 10:31

Riletti tutti e due più meno nello stesso periodo, per me come inquietudine vince a mani basse Pet Sematary, da adoloscente anche a me Misery fece gran impressione ma da adulto le corde che tocca Pet Sematary, (la morte, il lutto, la perdita) diventano molto più profonde, tangibili e angoscianti, è veramente un libro nerissimo e senza speranza.


  • 0

#2327 Sandor

Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3637 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 23 agosto 2019 - 10:35

Il remake che hanno appena fatto qualcuno l'ha visto?

Deludente ,come detto da Tom hanno eliminato le 2 o 3 cose più disturbanti (bambino assassino,morte non evitata dal padre che nel remake salva il figlio ,litigio al funerale),resta l'allegra famiglia zombie.
Non è invedibile se hai bassissime aspettative su un remake già di un film non eccezionale.
  • 0

#2328 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3918 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 12:11

Io me lo ricordo una delusione totale, il romanzo di King è uno dei suoi più belli e terribili, è profondo, psicologico, pieno di idee geniali e soprattutto veramente inquietante mentre il film si riduce una carellata di topoi horror di grana grossa, il difetto mortale è proprio la mancanza di atmosfera che citi, il trasferimento dei Creed dalla città alla campagna con i boschi misteriorsi e pieni di segreti terrificanti che incombono sulle loro vite non si sente proprio, la pellicola non trasmette alcun pathos, alcun fascino, è completamente inerte.

Anche l'ultima parte di film che citi come la migliore per me è invece la più deludente perchè l'accellerazione finale nel libro (riletto con grande piacere un 5 anni fa) è veramente fenomenale e sconvolgente, una dei vertici della letteratura horro di sempre e la regista l'ha ridotta a una sequela di innocui mortaretti.

 

confermo tutto, per me il più terribile libro mai letto.

 

la discesa agli inferi del personaggio principale fa rabbrividire, mi ricordo che "sentivo" il sentiero che lui percorreva di notte in pigiama, per fare quello che doveva fare.


  • 2

#2329 Twin アメ

Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9091 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 23 agosto 2019 - 15:22

petsematary07.jpg

Si' e' l'inquadratura finale della sigla di "Notte horror"

 

1989 Cimitero vivente (Pet Sematary) di Mary Lambert

Rivisto ieri sera dopo eoni.

E' un filmetto di serie B che ha un suo certo culto, sopratutto presso gli ultra-trentenni che evidentemente se lo spararono da ragazzini restando impressionati dalle scene con la sorella deforme e l'infante assassino. 

 

Eccomi qua, perfettamente descritto, abbonato fisso a notte horror asd


  • 0

“Ma il problema con i film hollywoodiani è che tendono a confortare le persone. E io non voglio che le persone si sentano confortate”. (Terry Gilliam)

"And I would rather be an interesting fraud than a boring professional any day of the week." (Travis Just)

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq