Vai al contenuto


Foto
* * * * - 5 Voti

L'horror che ho visto oggi


  • Please log in to reply
2349 replies to this topic

#2261 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2018 - 08:18

Tom chiedeva degli horror spagnoli, ma è dall'epoca della prima serie di Películas para no dormir della TVE degli anni Settanta e dei lesbohorror di Jesús Franco che in Spagna il genere ha entrambi i piedi, fare un elenco esaustivo è impossibile.


Si' certo, discorso applicabile ancora di piu' agli inglesi. Mi riferivo all'ultima "wave" del genere quella nata nei 90 con de la Iglesia, Amenabar e Balaguero' ed esplosa lo scorso decennio tra orfanotrofi e indemoniati cattolici. A tempo perso ci sto provando io a fare un elenco, ma sono in effettti molti titoli.
 

Devo fare mea culpa su Michele Soavi che avevo sempre evitato credendo fosse un autore trascurabile  mentre è stato l'ultimo esponente di livello della grande epopea del horror all'italiana .
Per ora ho visto solo "La chiesa" della sua produzione ma voglio recuperare almeno Deliria,la setta e Dellamorte Dellamore che ricordo fu schifato all'epoca  e forse viene da lì la mia sottovalutazione.
Da sottolineare ne La chiesa una Asia quattordicenne bellissima che evita uno stupro dal demonio  asd

 
Notevole anche il noir "Arrivederci amore, ciao", forse l'unica cosa buona nata dell'anticomunismo berlusconiano.
  • 0

#2262 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6825 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2018 - 08:24

Anche la Unobianca è notevole, pur se limitato dal mezzo televisivo.

Grande regista, bisognerebbe approfondire proprio la sua produzione per il piccolo schermo.


  • 0

#2263 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3912 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2018 - 11:46

guarda il topic su soavi lo aprirei io se non fosse che saranno 15 anni che non rivedo i suoi horror e non ricordo un cazzo, dovrei insomma rivederli ma non ho né tempo né voglia. punterei tutto su tom che ha una memoria di ferro che io non ho. poi potremmo dividerci il lavoro per approfondire il resto della carriera: io mi prenoto già arrivederci amore ciao ashd in tv qualcosa di buono ricordo che c'era, oltre all'unobianca, qualche episodio di ultimo (con tutta la fatica che faccio per digerire bova)
  • 0

#2264 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4112 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 07 settembre 2018 - 17:19

Già che parlate di Soavi, ci tengo a condividere con voi il fatto che, nella casa in cui sono cresciuto, avevamo il bagno identico a quello della casa di La Setta: stesse mattonelle e dispozione della vasca... quando ho visto il film per la prima volta (4-5 anni fa) mi è venuto un colpo :fear:

 

la-setta-3.jpg

 

P.S. No, non è mai uscita acqua azzurra dal rubinetto e, purtroppo, non mi sono mai trovato davanti Kelly Curtis nuda. :unsure:


  • 2
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#2265 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10857 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 11 settembre 2018 - 09:22

terrified.jpg

 

Case possedute, gente perseguitata, team di paranormalisti va a studiare e ci rimane in mezzo, insieme a un povero commissario con problemi di salute alle soglie del prepensionamento. Roba già vista in generale (ma con qualche buona idea, come quella del bambino) ma secondo me fa abbastanza paura, preferendo saltare a piè pari spiegoni vari e lasciando varie ellissi nella sovrapposizione dei piani temporali della storia. L'ambientazione argentina dà un po' più di mordente, anche se si ammicca parecchio a Hollywood. Finale un po' buttato in vacca. 6.5


  • 0

Immagine inserita


#2266 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16891 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 11 settembre 2018 - 09:37

Sembra promettente


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#2267 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2018 - 14:59


 

UpgradePoster.jpg

 

Un po' terrorismo anti-tecnologico in stile Casaleggio, ma con un po' di scene di combattimento alla Matrix divertenti. Pieno di buchi e senza la finezza del miglior Black Mirror. 5

 

Gia'. Potabile serie B, per altro decisamente piu' fs che horror.

Pur mettendo in campo i consueti colori e suoni mutuati dagli anni 80 (ma ormai sono degli anni 80 mai esistiti), stavolta mi ha incuriosito che l'effetto reupero & nostalgia fosse rivolto piu' ad un certo tipo di immaginario anni 90, tipo la scena con gli idioti immersi nella realta' virtuale a fare da tappezzeria. Tutto sommato per fare di meglio nella fantascienza rispetto a quanto fatto a Hollywood negli anni 90 non ci vuole tanto.


  • 0

#2268 gwoemul

gwoemul

    Bevo vino rosso, fa bene alla circolazione

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 801 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2018 - 15:36

A proposito del Soavi televisivo, l'hanno scorso ho visto la miniserie Rai "Rocco Schiavone" (che forse ricorderete per la polemica con la Polizia perché il protagonista si faceva le canne) che di sei episodi ne aveva due veramente ottimi. La terza puntata in particolare ruota tutta attorno ad un cimitero ed è praticamente un ritorno a Buffalora.

 

 

 

 

 

Agli inglesi aggiungerei il bel The Hallow di Corin Hardy

 

Ottimo consiglio. Mi piacciono gli horror che giocano coi colori e non coi soliti monocromatismi. Film che rientra perfettamente nel filone "inglese" (tanto non mi legge nessun irlandese) di cui sopra: approccio artigianale, narrativamente basici, angosciosamente divertenti. E mooolto carina Bojana Novaković.

 

 

Ops mi ero perso il post, mi fa piacere che tu l'abbia apprezzato. L'avevo beccato ad una proiezione notturna del TFF e mio malgrado me lo ero dormito quasi tutto. Nei momenti di lucidità comunque avevo preso nota.

Hardy adesso ha fatto lo spinoff sulla monaca di Conjuring e (anche a giudicare dalle critiche oltreoceano) mi sembra un bello spreco.


  • 0

#2269 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2018 - 17:54

resizer.jpg
 
The Nun
Trama demente e trionfo del bubusettete, ma mi ha divertito. Sara' che a me basta ci sia gente con le lanterne in cimiteri con la nebbiolina per divertirmi. Un fantasy macabro piu' che un horror, che non si prende mai sul serio: vedi la Romania del 1952 piena di scritte in inglese. Piu' dalle parti dei luna park di Raimi che non dell'approccio vintage della serie madre The Conjuring, con le ormai obbligatorie citazioni di Bava e Fulci, che solo gli italiani non citano.
Il regista Corin Hardy e' quello di The Hallow vedi il post giusto qui sopra. Molto meglio quello, ma anche qui dimostra di saper giocare bene con i colori e gli spazi.

 

Doppiaggio italiano di una bruttezza angosciante: quando in un film che vede al 90% solo tre personaggi sullo schermo canni totalmente la voce di uno dei tre (un boscaiolo macho doppiato come un ragazzino in eta' prepuberale), e quando anche chi doppia gente indemoniata lo senti che sta urlando seduto in uno studio da annoiato, e' la morte del film. Cioe', ormai anche per 'sti filmetti del cazzo mi viene il dubbio di andare a vederli al cinema.
 


  • 0

#2270 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4112 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 25 settembre 2018 - 16:04

resizer.jpg
 
The Nun
Trama demente e trionfo del bubusettete, ma mi ha divertito. Sara' che a me basta ci sia gente con le lanterne in cimiteri con la nebbiolina per divertirmi. Un fantasy macabro piu' che un horror, che non si prende mai sul serio: vedi la Romania del 1952 piena di scritte in inglese. Piu' dalle parti dei luna park di Raimi che non dell'approccio vintage della serie madre The Conjuring, con le ormai obbligatorie citazioni di Bava e Fulci, che solo gli italiani non citano.
Il regista Corin Hardy e' quello di The Hallow vedi il post giusto qui sopra. Molto meglio quello, ma anche qui dimostra di saper giocare bene con i colori e gli spazi.

 

Doppiaggio italiano di una bruttezza angosciante: quando in un film che vede al 90% solo tre personaggi sullo schermo canni totalmente la voce di uno dei tre (un boscaiolo macho doppiato come un ragazzino in eta' prepuberale), e quando anche chi doppia gente indemoniata lo senti che sta urlando seduto in uno studio da annoiato, e' la morte del film. Cioe', ormai anche per 'sti filmetti del cazzo mi viene il dubbio di andare a vederli al cinema.
 

 

Peccato, mi ispirava (il primo The Conjuring mi è anche piaciuto assai)...

 

Intanto cose ovvie che ho appena ralizzato: Taissa Farmiga è la sorellina di Vera Farmiga (che potrebbe anche essere sua madre).


  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#2271 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 26 settembre 2018 - 10:14

E sempre dal Conjuring Universe...

 

Annabelle-film-stasera-in-tv.jpg
Cosi' e' ancora in versione normale: chi non la regalerebbe ai suoi figli o non la terrebbe in camere propria come soprammobile?

2014 Annabelle di John R. Leonetti
Un horrorino diligente e ben fatto, ancora piu' filologicamente corretto dei film di Wan nel ricreare inquadrature e atmosfere da horror demoniaco 70s (gli attori sono la versione Disney Channel degli attori dell'epoca: il marito della protagonista: Richard Dreyfuss, il poliziotto: Gene Hackman). Si ammoscia platealmente nel finale e abusa di scary jump, ma azzecca piu' di una sequenza e l'inizio "mansoniano" e' davvero inquietante. Gradevolmente guardabile quanto tranquillamente sorvolabile, se non fosse che ne e' sottintesa la visione per comprendere il finale del successivo...

 

2017 Annabelle: Creation di David F. Sandberg

... che e' una vera sorpresina, ai livelli dei film-madre di Wan. Non c'e' un' idea originale e tutto e' visto e stravisto, ma il film funziona diabolicamente bene. Posta la situazione di base - un gruppo di orfanelle viene ospitato in una cosa colonica piena di inquietanti presenze - il film e' praticamente una sequela interminabile di sequenze di tensione, un continuo rinfocolare l'ansia dello spettatore disposto a farsi conivolgere. Ogni sequenza e' condotta con i giusti tempi, spazi, colori e soddisfa le attese. Dovrebbe essere la normalita' di ogni film horror, ma ovviamente raramente lo e'. Peccato anche qui per il finale, con l'esigenza di ricollegarsi al film precedente che lascia lo spazio a un paio di sciatterie.  


  • 0

#2272 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16891 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 27 settembre 2018 - 17:57

Screen+Shot+2017-10-15+at+16.43.59.png

 

Dopo il buon Mayhem, tanto per restare sul tema Samara Weaving*, mi sono visto The babysitter.
Mi aspettavo il peggio, vista la produzione Netflix, il preannunciato citazionismo 80s (che ha veramente rotto il cazzo) e quel boia d'un cane di McG alla regia. E invece, prendendolo per quello che e': una puttanata, il film e' piuttosto divertente. In fondo leggendolo come la messa in scena di una fantasia adolescienziale (maschile) ha una sua coerenza idiota e persino una sua strampalata poetica. Piu' versione splatter di "Mamma ho perso l'aereo" che non un horror, comunque. Gli aracnofobici in un paio di scene potrebbero avere pane per i loro denti.  
 
*ovvero un'attrice evidentemente creata attraverso un programma digitale assemblando Eva Green, Margot Robbie e Emma Stone. A parte gli scherzi uno strano mix tra topaggine di alto livello e sguardo di ampiezza e taglio inquietantemente alieni.
 
0948861.jpg
 

:wub: o :fear:?

 

lo consiglio, è molto ben fatto e divertente. Non ti aspetti l'evoluzione del personaggio di lei, è forte. Da vedere.


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#2273 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16891 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 05 ottobre 2018 - 10:21

Ho visto ieri Baskin, conoscete?

horror turco di ottimo pessimo livello.

 

https://www.youtube....h?v=5BN8MaQ38U4


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#2274 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2018 - 15:23

 

Tom chiedeva degli horror spagnoli, ma è dall'epoca della prima serie di Películas para no dormir della TVE degli anni Settanta e dei lesbohorror di Jesús Franco che in Spagna il genere ha entrambi i piedi, fare un elenco esaustivo è impossibile.


Si' certo, discorso applicabile ancora di piu' agli inglesi. Mi riferivo all'ultima "wave" del genere quella nata nei 90 con de la Iglesia, Amenabar e Balaguero' ed esplosa lo scorso decennio tra orfanotrofi e indemoniati cattolici. A tempo perso ci sto provando io a fare un elenco, ma sono in effettti molti titoli.

 
Anche tirando via la roba amatoriale e palesi ciofeconi di serie Z la lista e' venuta troppo lunga e quindi un po' senza senso. Pero', va beh, ormai l'ho fatta quindi tie' la "new wave" dell'horror spagnolo...
 
1995 El día de la bestia (Alex de la Iglesia)
1996 Thesis (Alejandro Amenábar)
1997 Abre los ojos (Alejandro Amenábar)
1999 Los sin nombre / Nameless (Jaume Balagueró)

 

2000 El arte de morir ( Álvaro Fernández Armero)
2001 The Others (Alejandro Amenábar)
2001 El espinazo del diablo (Guillermo del Toro)
2001 Fausto 5.0 (Àlex Ollé, Isidro Ortiz, Carlus Padrissa)
2001 Tuno negro / Black Symphony (Pedro L. Barbero, Vicente J. Martín)
2002 Darkness (Jaume Balagueró)
2002 El segundo nombre (Paco Plaza)
2002 Nos miran / They're Watching Us (Norberto López Amado)
2003 Cosa de brujas (José Miguel Juárez)
2003 Ouija (Juan Pedro Ortega)
2004 The Birthday (Eugenio Mira)
2004 Hipnos (David Carreras)
2004 Romasanta / I delitti della luna piena (Paco Plaza)
2004 La promesa (Héctor Carré)
2004 El habitante incierto (Guillem Morales)
2005 Frágiles (Jaume Balagueró)
2005 Cuento de navidad (Paco Plaza)
2005 La monja / The Nun (Luis de la Madrid)
2005 Somne (Isidro Ortiz)
2005 H6: Diario de un asesino (Martín Garrido Barón)
2006 La habitacion del niño (Alex de la Iglesia)
2006 La sombra de nadie / (Pablo Malo)
2006 Moscow Zero (María Lidón)
2006 The Abandoned (Nacho Cerdà)
2006 KM 31: Kilómetro 31 (Rigoberto Castañeda)
2007 El orfanato / The Orphanage (J.A. Bayona)
2007 [Rec] (Jaume Balagueró, Paco Plaza)
2007 Los cronocrímenes / Timecrimes (Nacho Vigalondo)
2007 El niño de barro / The Mudboy (Jorge Algora)
2008 Eskalofrío / Shiver (Isidro Ortiz)
2008 Aparecidos (Paco Cabezas)
2009 [Rec] 2 (Jaume Balagueró, Paco Plaza)

 

2010 Secuestrados (Miguel Ángel Vivas)
2010 Los ojos de Julia (Guillem Morales)
2010 Atrocious (Fernando Barreda Luna)
2010 La herencia Valdemar (José Luis Alemán)
2010 La herencia Valdemar II: La sombra prohibida (José Luis Alemán)
2011 Mientras duermes / Bed Time (Jaume Balagueró)
2011 Intruders (Juan Carlos Fresnadillo)
2011 Juan de los muertos (Alejandro Brugués)
2011 Lobos de Arga / Game of Werewolves (Juan Martínez Moreno)
2011 Emergo / Apartment 143 (Carles Torrens)
2012 The Apostle (Fernando Cortizo)
2012 [REC] 3: Genesis (Paco Plaza)
2012 Red Lights (Rodrigo Cortés)
2012 Insensibles (Juan Carlos Medina)
2012 Dictado (Childish Games) Antonio Chavarrías
2013 Las brujas de Zugarramurdi (Alex de la Iglesia)
2013 Los ùltimos dìas (David Pastor, Alex Pastor)
2013 Extraordinary Tales (Raul Garcia)
2014 Musarañas (Juanfer Andrés, Esteban Roel)
2014 [REC] 4: Apocalypse (Jaume Balagueró)
2014 Purgatorio (Pau Teixidor)
2014 La cueva (Alfredo Montero)
2014 Asmodexia (Marc Carreté)
2015 Sweet Home (Rafa Martínez)
2015 Regression (Alejandro Amenábar)
2015 Extinction (Miguel Ángel Vivas)
2016 El ataúd de cristal (Haritz Zubillaga)
2016 The Night Watchman (Miguel Ángel Jiménez)
2016 Pet (Carles Torrens)
2016 Foe (Antoni Solé)
2017 El Bar (Alex de la Iglesia)
2017 Muse (La settima musa) (Jaume Balagueró)
2017 Verónica (Paco Plaza)
2017 Errementari (Paul Urkijo Alijo)
2017 Marrowbone (Sergio G. Sánchez)
2018 No dormirás (Gustavo Hernández)
2018 El pacto (David Victori)
2018 Dark Hall (Rodrigo Cortés)


  • 2

#2275 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3969 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2018 - 08:30

bella lista Tom.

gli spagnoli non li ho mai inquadrati bene: mentre gli horror inglesi e francesi anni '00 hanno rispettivamente una loro particolare visione, che accomuna a grandi linee tutti i registi, con la Spagna le cose si fanno più dispersive.

guardando la tua lista come riferimento, posso dire che personalmente mi piacciono:

 

- Amenabar - The Others, Abre Los Ojos: grande stile, ieratico e imponente. Forse quello che si avvicina di più a Hollywood

 

- Balaguerò: forse il mio preferito, ogni film diverso: da Nameless a Rec al grandioso Mientras Duermes (film qualsi "almodovoriano"). Dovrei approfondirlo di più

 

- Guillermo del Toro: troppe parole già spese per questo uomo, che secondo me è altamente sopravvalutato: inspiegabile secondo me il plauso mondiale a La Forma dell'Acqua, che ha messo d'accordo grandi critici e massaie di Voghera.

 

- Alex de La Iglesia: ha uno stile tutto suo, ridondante, rococò, molto spagnolo se vogliamo. a me non piace: El Bar l'ho trovato anche interessante, ma da metà in poi si perde. Balada Triste de Trompeta (non menzionato nella tua lista) veramente ripugnante (belle solo le scene di sesso con la tipa, me ne ricordo una dietro una tenda in cui si vedevano solo le ombre, roba che a livello arrapamento i porno a confronto sono materiale Disney)

 

menzione speciale per Secuestrados: veramente ottimo, forse il più inglese di tutti nell'essere così realistico nel presentare una situazione di violenza e di abisso della morale umana.


  • 0

#2276 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13543 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2018 - 08:55

Balada Triste non mi pare un horror. In quel caso di Alex de La Iglesia avrei dovuto mettere anche Acción mutante, Perdita Durango e le commedie nere, che hanno tutti elementi horror o thriller. Io un certo tipo di spagnolosita' non la sopporto (infatti Almodovar mi sta sulle scatole), ma misteriosamente Alex de La Iglesia mi piace un casino, gli perdono persino la retorica simil-grillina di La chispa de la vida.

 

Mientras Duermes credo sia uno dei film piu' irritanti che ho visto in vita mia. Quello si l'ho trovato di un cinismo e un maschilismo strisciante abbastanza ributtanti. Ma non e' detto che non fosse il risultato che il film si proponeva.

 

Fermo restando che della maggior parte dei titoli di quella lista ho visto solo i trailer, a me sembra che anche l'horror spagnolo abbia una sua compatezza: tendenza al gotico e al vintage, poco sangue, sviluppi narrativi classici, forte presenza dell'elemento diabolico.


  • 0

#2277 eugenio_barba

eugenio_barba

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 308 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 14:16

L'altra sera cercavo un bel film su storie di fantasmi e infestazioni e ho tentato Malevolent, produzione Netflix tanto per confermare la tesi dell'altro thread: non saprei cosa dire, tanto mi ha fatto cagare, piatto, prevedibile e montato in maniera sciatta... mi ha invece sorpreso in positivo Ouija: Origins of Evil.

 

Domanda: avete qualche titolo recente su possessioni demoniache, fantasmi, esorcismi, case infestate da consigliare? Ho scoperto che mi piace farmi spaventare e poi aver paura del buio  :fear:

Alcuni titoli già visti, alcuni sicuramente molto grossolani: Session 9, Conjuring, Annabelle, Emily Rose, Autposia di Jane Doe, Frank Garret, Juon, Insidious, Sinister, Paranormal Activity, Babadook, La spina del diavolo, Lake Mungo, The wailing...


  • 0

#2278 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10857 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 ottobre 2018 - 14:36

Honeymoon, anche se è un genere leggermente diverso (più "body")

 

Ghost Stories, che si trova da poco

 

The Nightmare ("documentario" sulla paralisi nel sonno)


  • 0

Immagine inserita


#2279 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3912 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 16:21

Domanda: avete qualche titolo recente su possessioni demoniache, fantasmi, esorcismi, case infestate da consigliare?


in pratica il filone più in voga degli ultimi anni ashd

come ho detto credo più volte, non è il filone dell'horror che prediligo. non credo nei fantasmi, mi piace l'horror sanguinolento e "realistico", a ciò si aggiunga che ormai faccio fatica a spaventarmi come quando avevo 15 anni dopo centinaia di horror visti, per cui se apprezzo un film di questo filone, lo apprezzo più che altro per la costruzione, i meccanismi magari più originali della media…

a tal proposito mi viene in mente oculus di mike flanagan, dagli echi king-iani (shining su tutto) e dal finale come piace a me

se ti va bene una roba tra il thriller e l'horror (demoniaco), puoi dare un occhio al trailer di liberaci dal male dello stesso regista di sinister e vedere se ti convince
  • 0

#2280 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3912 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2018 - 10:18

ghostland(anche noto come incident in ghostland) [2018] di p. laugier

MV5BMmNiZmIwYjgtYmFhNC00MDQ1LWE0N2EtY2Iz

secondo film in lingua inglese e seconda co-produzione franco-canadese per pascal laugier. non è un ritorno allo stile punitivo e shockante di martyrs - anche se tutti lo vendono così - ma è sicuramente un film più disturbante e viscerale del precedente the tall man (da noi i bambini di cold rock). le influenze sono chiare: l'horror italiano (nel setting della casa, le bambole, i pupazzi), lo slasher (anche se guardando più al filone realistico alla non aprite quella porta), ma il sadismo (in verità più psicologico che "fisico") è di scuola torture e l'inclinazione alla manipolazione dello spettatore ricade anch'essa nelle perversioni del cinema moderno. laugier si conferma un virtuoso della narrazione, una specie di shyamalan cattivo e sadico che si diverte a disorientare lo spettatore e a stupirlo con plot twist. peccato non vada fino in fondo. il lieto fine lo rende un film più convenzionale di quel che vorrebbe essere: tanti trucchetti e tanto sadismo per poi arrivare dove arriva anche un the conjuring qualsiasi. non è di certo una brutta visione, ma dal regista di martyrs mi aspetto sempre qualcosa di più
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq