Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Bloc Party - Intimacy


  • Please log in to reply
205 replies to this topic

#121 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 09:13

non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.
  • 0

Immagine inserita


#122 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21009 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 01 novembre 2008 - 09:16

ecco, se posso spiegarmi meglio, credo che, proprio nel momento in cui il testo della recensione mantiene più o meno gli stessi toni al variare dei voti in un certo intervallo, rimane solo il voto a discriminare. in questo senso diventa importante.


No, non è il voto a discriminare, perché a una recensione con lo stesso tono io metto 7,5 o 8 e Nunziata 7.
  • 0

#123 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:17

non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.

Beh, una volta io al liceo presi 7 a un compito sull'immigrazione. Parlai però dell'esplosione del pianeta marte e della consequenziale immigrazione dei marziani sul pianeta terra invece che dell'immigrazione di cui parlava la traccia. Ci furono due 8 in classe (il voto più alto che nel primo trimestre la mia prof metteva), ma il mio compito fu pubblicato sul giornale dei prof. I compiti che avevano preso 8 no.
Alla fine non è il voto che fa la differenza.

#124 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 09:21


non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.

Beh una volta io al liceo presi 7 a un compito sull'immigrazione. Parlai però dell'esplosione del pianeta marte e della consequenziale immigrazione dei marziani sul pianeta terra. Ci furono due 8 in classe (il voto più alto che nel primo trimestre la mia prof metteva), ma il mio compito su pubblicato sul giornale dei prof. Quelli che avevano preso 8 no.
Alla fine non è il voto che fa la differenza.


beh potrei dirti che alla fine i tuoi compagni avrebbero avuto 8 in pagella per cui del giornalino dei prof se ne fregavano.

magari il tuo tema meritava 7 per motivi formali ma mostrava più fantasia quindi era più adatto alla pubblicazione.
  • 0

Immagine inserita


#125 Rodja

Rodja

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 667 Messaggi:

Inviato 01 novembre 2008 - 09:23

strano che stessi scrivendo questo prima della tua ultima risposta.

what?


ecco, se posso spiegarmi meglio, credo che, proprio nel momento in cui il testo della recensione mantiene più o meno gli stessi toni al variare dei voti in un certo intervallo, rimane solo il voto a discriminare. in questo senso diventa importante.

Credo che, di base, riconosciamo un diverso "valore" o "significato" alla recensione.
Per me deve essere solo un mezzo per "farmi un' opinione" su un disco, per cui che il voto sia 7 o 7,5 non cambia una mazza.
Sarò poi io a stabilire quanto vale per me.
Per te, ovviamente, non saprei dire.

  • 0

#126 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:26



non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.

Beh una volta io al liceo presi 7 a un compito sull'immigrazione. Parlai però dell'esplosione del pianeta marte e della consequenziale immigrazione dei marziani sul pianeta terra. Ci furono due 8 in classe (il voto più alto che nel primo trimestre la mia prof metteva), ma il mio compito su pubblicato sul giornale dei prof. Quelli che avevano preso 8 no.
Alla fine non è il voto che fa la differenza.


beh potrei dirti che alla fine i tuoi compagni avrebbero avuto 8 in pagella per cui del giornalino dei prof se ne fregavano.

magari il tuo tema meritava 7 per motivi formali ma mostrava più fantasia quindi era più adatto alla pubblicazione.

No no fidati, in classe mia nessuno scriveva bene come me, anche da un punto di vista formale, ma i Secchi si sarebbero lamentati perchè io studiavo quello che mi pareva, avevo 6 in condotta, ste puttanate qua.
Ti ripeto il  voto è solo una formalità. Il vero risiede nelle parole.

#127 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 09:27


strano che stessi scrivendo questo prima della tua ultima risposta.

what?


ecco, se posso spiegarmi meglio, credo che, proprio nel momento in cui il testo della recensione mantiene più o meno gli stessi toni al variare dei voti in un certo intervallo, rimane solo il voto a discriminare. in questo senso diventa importante.

Credo che, di base, riconosciamo un diverso "valore" o "significato" alla recensione.
Per me deve essere solo un mezzo per "farmi un' opinione" su un disco, per cui che il voto sia 7 o 7,5 non cambia una mazza.
Sarò poi io a stabilire quanto vale per me.
Per te, ovviamente, non saprei dire.


chiaro, ma per farmi un'opinione devo capire quella di chi recensisce il disco. il voto può aiutarmi in questo qualora il testo non sia particolarmente positivo o negativo.
  • 0

Immagine inserita


#128 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 09:28




non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.

Beh una volta io al liceo presi 7 a un compito sull'immigrazione. Parlai però dell'esplosione del pianeta marte e della consequenziale immigrazione dei marziani sul pianeta terra. Ci furono due 8 in classe (il voto più alto che nel primo trimestre la mia prof metteva), ma il mio compito su pubblicato sul giornale dei prof. Quelli che avevano preso 8 no.
Alla fine non è il voto che fa la differenza.


beh potrei dirti che alla fine i tuoi compagni avrebbero avuto 8 in pagella per cui del giornalino dei prof se ne fregavano.

magari il tuo tema meritava 7 per motivi formali ma mostrava più fantasia quindi era più adatto alla pubblicazione.

No no fidati, in classe mia nessuno scriveva bene come me, anche da un punto di vista formale, ma i Secchi si sarebbero lamentati perchè io studiavo quello che mi pareva, avevo 6 in condotta, ste puttanate qua.
Ti ripeto il  voto è solo una formalità. Il vero risiede nelle parole.


va beh non volevo un'apologia autobiografica da eroe romantico, stavo sempre spiegando il mio punto di vista.
  • 0

Immagine inserita


#129 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:33





non so ma a me pare che sia come fare un tema in classe migliore degli altri, ricevere i complimenti dell'insegnante ma prendere un voto più basso perchè non si fida di me.

Beh una volta io al liceo presi 7 a un compito sull'immigrazione. Parlai però dell'esplosione del pianeta marte e della consequenziale immigrazione dei marziani sul pianeta terra. Ci furono due 8 in classe (il voto più alto che nel primo trimestre la mia prof metteva), ma il mio compito su pubblicato sul giornale dei prof. Quelli che avevano preso 8 no.
Alla fine non è il voto che fa la differenza.


beh potrei dirti che alla fine i tuoi compagni avrebbero avuto 8 in pagella per cui del giornalino dei prof se ne fregavano.

magari il tuo tema meritava 7 per motivi formali ma mostrava più fantasia quindi era più adatto alla pubblicazione.

No no fidati, in classe mia nessuno scriveva bene come me, anche da un punto di vista formale, ma i Secchi si sarebbero lamentati perchè io studiavo quello che mi pareva, avevo 6 in condotta, ste puttanate qua.
Ti ripeto il  voto è solo una formalità. Il vero risiede nelle parole.


va beh non volevo un'apologia autobiografica da eroe romantico, stavo sempre spiegando il mio punto di vista.

Non sto facendo un apologia sul mio essere un eroe romantico, Tra l'altro lo sono  asd asd. Solo che questo mio aneddoto calzava a pennello come risposta al tuo esempio del compito in classe.

#130 Rodja

Rodja

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 667 Messaggi:

Inviato 01 novembre 2008 - 09:35



strano che stessi scrivendo questo prima della tua ultima risposta.

what?


ecco, se posso spiegarmi meglio, credo che, proprio nel momento in cui il testo della recensione mantiene più o meno gli stessi toni al variare dei voti in un certo intervallo, rimane solo il voto a discriminare. in questo senso diventa importante.

Credo che, di base, riconosciamo un diverso "valore" o "significato" alla recensione.
Per me deve essere solo un mezzo per "farmi un' opinione" su un disco, per cui che il voto sia 7 o 7,5 non cambia una mazza.
Sarò poi io a stabilire quanto vale per me.
Per te, ovviamente, non saprei dire.


chiaro, ma per farmi un'opinione devo capire quella di chi recensisce il disco. il voto può aiutarmi in questo qualora il testo non sia particolarmente positivo o negativo.

questo è condivisibile. Non ci spostiamo di un millimetro però : se il voto è 6 o 6,5 (oppure 5 o 5,5) cosa cambia?

Edit : per capire l'opinione del recensore credo che più che il voto importi il "rapporto" creatosi con lui : nel senso che, col tepo, si impara a "conoscere" il recensore ed il suo approccio alla musica.
  • 0

#131 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 09:38

rodja: cambia che in un contesto di risorse (temporali) limitate uno deve fare delle scelte.

incidente: ma non vedo cosa c'entrino le beghe tra te e i tuoi prof. stai dicendo che alcuni artisti sono discriminati per qualche preconcetto?

se invece rimaniamo al tuo primo post e alla mia risposta, quello che volevo dire è che il professore non si fida di me non perchè sia una testa di cazzo, ma perchè, metti, sono nuovo, sono stato bocciato o non ho mai scritto un tema decente in vita mia.
  • 0

Immagine inserita


#132 Rodja

Rodja

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 667 Messaggi:

Inviato 01 novembre 2008 - 09:42

rodja: cambia che in un contesto di risorse (temporali) limitate uno deve fare delle scelte.


non capisco : il tempo necessario per leggere una recensione cambia col voto?
Se si sarei curioso di sapere come.
Ripeto che è molto più importante, volendo riconoscere un valore al voto, il "rapporto di fiducia" con il recensore
  • 0

#133 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:44

rodja: cambia che in un contesto di risorse (temporali) limitate uno deve fare delle scelte.

1)incidente: ma non vedo cosa c'entrino le beghe tra te e i tuoi prof. stai dicendo che alcuni artisti sono discriminati per qualche preconcetto?

2)se invece rimaniamo al tuo primo post e alla mia risposta, quello che volevo dire è che il professore non si fida di me non perchè sia una testa di cazzo, ma perchè, metti, sono nuovo, sono stato bocciato o non ho mai scritto un tema decente in vita mia.

Per quanto riguarda la prima domanda, non sto dicendo assolutamente quello che hai capito, ma che anche con un voto inferiore agli altri per motivi, nel mio caso dovuti a preconcetti doverosi, comunque quello che conta non è il voto ma le parole spese e la considerazione.
Per quanto riguarda la seconda credo che l'essere testa di cazzo equivalga all'essere nuovo o bocciato.

#134 Guest_Giovanni Drogo_*

Guest_Giovanni Drogo_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:47

Io introdurrei il voto in condotta per i dischi.

#135 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 09:54

Io introdurrei il voto in condotta per i dischi.

Geniale. ;D ;D ;D

#136 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22079 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 01 novembre 2008 - 09:57

Forse, invece di perdere tempo con certe cavolate, qualcuno, più che parlarne, dovrebbe "prenderli", i voti... ;D
  • 0

C A P T A I N    M A S K    R E P L I C A. Vita e arte di Don Van Vliet, CAPTAIN BEEFHEART

                                            

MEET AROUND THE ROCK - BEST OF ROCK (con Claudio Dosa & Federico Frusciante)

 

三生石


#137 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 37593 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 01 novembre 2008 - 10:09







conosco la scala dei voti di or. so che 7 è un buon voto, ma quello dei ff meritava qualcosa in più. almeno quel 7,5 che si accorda ai dischi più riusciti.

...

Ma cosa cazzo cambia tra un 7 e un 7 e mezzo?
Ma si può discutere sempre delle solite menate?
Pietà.
Credo sia un tantinello più interessante il contenuto di una recensione che il numerino posto alla fine della stessa (abolirlo no?).
Cioè, se la recensione parla bene del disco qual'è la differenza che passa tra un 7 e un 7,5?
Io non ci arrivo, spiegatemelo.


mah io penso che conti. se non contasse non ci sarebbe, come dici tu. per me si potrebbe anche togliere ma allo stesso tempo lo vedo come necessario.

Si, ma quello che vorrei capire è questo :
- C'è una recensione x che parla con toni lusinghieri del disco y, è scritta bene e tutto il resto.
- Qual'è la differenza tra il 7 o il 7,5 messo alla fine?

Nessuna.
Cioè è proprio quello che volevo dire usando Kid-A. Ha sette e mezzo ma è pitra miliare (ergo incenzato dalla recensione), il sette e mezzo gli sottrae la pietra miliare? NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!


C'è una logica che a quanto pare ti rifiuti di comprendere. L'autore della scheda, cioè io (insieme a Dario Ingiusto) riteneva allora, ritiene oggi e riterrà sempre che "Kid A" valga 7,5. Cionondimeno, come editore del sito, ho deciso di pubblicare una pietra miliare (non firmata da me) sull'accoppiata "Kid A-Amnesiac", in considerazione soprattutto del fatto che il secondo è - a mio parere - il vero capolavoro della seconda fase di carriera dei Radiohead e che l'intera accoppiata è certamente importante nello sviluppo del rock del decennio in corso. Tutto qua. E' troppo difficile?
  • 0

#138 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2008 - 12:27








conosco la scala dei voti di or. so che 7 è un buon voto, ma quello dei ff meritava qualcosa in più. almeno quel 7,5 che si accorda ai dischi più riusciti.

...

Ma cosa cazzo cambia tra un 7 e un 7 e mezzo?
Ma si può discutere sempre delle solite menate?
Pietà.
Credo sia un tantinello più interessante il contenuto di una recensione che il numerino posto alla fine della stessa (abolirlo no?).
Cioè, se la recensione parla bene del disco qual'è la differenza che passa tra un 7 e un 7,5?
Io non ci arrivo, spiegatemelo.


mah io penso che conti. se non contasse non ci sarebbe, come dici tu. per me si potrebbe anche togliere ma allo stesso tempo lo vedo come necessario.

Si, ma quello che vorrei capire è questo :
- C'è una recensione x che parla con toni lusinghieri del disco y, è scritta bene e tutto il resto.
- Qual'è la differenza tra il 7 o il 7,5 messo alla fine?

Nessuna.
Cioè è proprio quello che volevo dire usando Kid-A. Ha sette e mezzo ma è pitra miliare (ergo incenzato dalla recensione), il sette e mezzo gli sottrae la pietra miliare? NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!


C'è una logica che a quanto pare ti rifiuti di comprendere. L'autore della scheda, cioè io (insieme a Dario Ingiusto) riteneva allora, ritiene oggi e riterrà sempre che "Kid A" valga 7,5. Cionondimeno, come editore del sito, ho deciso di pubblicare una pietra miliare (non firmata da me) sull'accoppiata "Kid A-Amnesiac", in considerazione soprattutto del fatto che il secondo è - a mio parere - il vero capolavoro della seconda fase di carriera dei Radiohead e che l'intera accoppiata è certamente importante nello sviluppo del rock del decennio in corso. Tutto qua. E' troppo difficile?

Hey guarda che ho afferrato tutto. Tempo addietro. Non stavo criticando nessuno, anzi sono intervenuto a difesa dei voti di Ondarock. Se ti leggi quanto scritto dopo ovvero che lo stavo usando come esempio per far capire che le parole e la considerazione di un album sono ben più importanti del voto.
Ma a quanto pare non hai capito la mia logica.

#139 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 13:43


rodja: cambia che in un contesto di risorse (temporali) limitate uno deve fare delle scelte.


non capisco : il tempo necessario per leggere una recensione cambia col voto?
Se si sarei curioso di sapere come.
Ripeto che è molto più importante, volendo riconoscere un valore al voto, il "rapporto di fiducia" con il recensore


no non si ha il tempo di ascoltare a fondo un disco per farsi un'idea.

d'accordo non sto dicendo che sia la cosa più importante ma non è neanche superfluo.
  • 0

Immagine inserita


#140 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10974 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 01 novembre 2008 - 13:47


rodja: cambia che in un contesto di risorse (temporali) limitate uno deve fare delle scelte.

1)incidente: ma non vedo cosa c'entrino le beghe tra te e i tuoi prof. stai dicendo che alcuni artisti sono discriminati per qualche preconcetto?

2)se invece rimaniamo al tuo primo post e alla mia risposta, quello che volevo dire è che il professore non si fida di me non perchè sia una testa di cazzo, ma perchè, metti, sono nuovo, sono stato bocciato o non ho mai scritto un tema decente in vita mia.

Per quanto riguarda la prima domanda, non sto dicendo assolutamente quello che hai capito, ma che anche con un voto inferiore agli altri per motivi, nel mio caso dovuti a preconcetti doverosi, comunque quello che conta non è il voto ma le parole spese e la considerazione.
Per quanto riguarda la seconda credo che l'essere testa di cazzo equivalga all'essere nuovo o bocciato.

no perchè nei casi citati da me il professore non conosce lo studente.
  • 0

Immagine inserita





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq