Vai al contenuto


- - - - -

John Boorman


  • Please log in to reply
32 replies to this topic

#21 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16736 Messaggi:

Inviato 12 giugno 2009 - 20:49

Il film poteva chiudersi sul finale voluto da Boorman - i protagonisti s'allontanano, annullando così i progressi fatti.


concordo, e questo sarebbe stato un finale coerente :)
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#22 Guest_Bronco Billy_*

Guest_Bronco Billy_*
  • Guests

Inviato 22 giugno 2009 - 20:21

Grazie a Mirkovic sono reduce da Senza un attimo di tregua.
Un cult giustificatissimo!
Non vedevo da un pò qualcosa di John, mi mancava una delle opere più importanti, il lancio.

Walker è Lee Marvin, Lee Marvin è Walker. Entrambi duri ma sensibili, stanchi ma dinamici (e neanche controvoglia).
E' dinamico il film, retto dall'interpretazione di Marvin - che manco recita, essendo tanto legato al personaggio - e dalla direzione di Boorman, che lo infarcisce di giochi registici: il suono della celebrata camminata di Walker/Marvin nel corridoio riecheggia dal parrucchiere, in casa di Lynne e in strada; le teste delle coppie d'amanti si fondono nelle varie combinazioni possibili; è tutto un gioco di scambi di sguardi (quando Chris sale da Mal), di frasi e gesti che tornano (i dialoghi tra Walker e Mal).

I temi che torneranno in ogni film di Boorman: la ricerca del Graal in una terra desolata (tante uccisioni per un bottino deludente in partenza), in cui Walker è un Perceval non purissimo ma sensibile (il corteggiamento a Lynne, i ricordi); tutto ciò lungo un corso d'acqua (il canale di scolo lungo il quale 18 anni dopo inizierà l'inseguimento di Vivere e morire a Los Angeles di Friedkin).

Il debutto cinematografico di John Vernon, che tratteggia bene l'aberrante Mal, timoroso quando deve e risoluto quando può permetterselo; pare d'intravedere Ned Beatty (l'avventore che "duetta" col... "cantante" nel club); tra gli scagnozzi, Sid Haig; Keenan Wynn (Yost) è doppiato da Carlo Romano.

"You're a bad man Walker, a very bad, dangerous man!"

#23 Matthew30

Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3917 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2016 - 15:26

Deliverance e Zardoz sono due perle, il genio visionario e onirico di Boorman è innegabile.

 

Un altro grande regista (per me un po' esagerato nelle sue esplosioni di colori) inglese dei primi anni Settanta era Ken Russell, ma penso di poter dire che quest'ultimo abbia avuto una produzione un po' migliore rispetto a quella di Boorman. Fermo restando che i loro registri stilistici non sono paragonabili in senso lato.

 

Comunque, quello che ho visto di Boorman mi è piaciuto, tranne forse L'esorcista II, che, comunque, ha alcune sezioni ambientate in Africa mica male.


  • 0

#24 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 13 luglio 2016 - 16:18

excalibur_ver2.jpg

in un genere che tanto negli anni 80 quanto oggi è pensato per un pubblico perlopiù di bambini e ragazzini, il brutale e funereo fantasy di boorman ha lasciato il segno. sontuoso ed epico, realistico e visionario, è il racconto all'insegna di sangue, sesso, morte, magia, della leggenda delle leggende, del mito dei miti. potente nel suo impianto visivo, ha alcuni apici memorabili come la ricerca del graal da parte di parsifal, una specie di piccolo film nel film, un episodio segnato da inquietanti ed opprimenti immagini di morte e dolore, squarci visionari e simbologie arcane; o la battaglia conclusiva avvolta da una nebbia irreale, segnata dal sangue e da un sole rossissimo. un capolavoro
  • 1

#25 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7724 Messaggi:

Inviato 13 luglio 2016 - 16:25

Bello eh, ma un po' pesantino secondo me.


  • 0

#26 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16736 Messaggi:

Inviato 13 luglio 2016 - 18:07

Bello eh, ma un po' pesantino secondo me.

 

mantiene un certo fascino kitsch anni 80, pur essendo ambientato nel medioevo asd a parte questo, però, è grandissimo cinema: un film che amavo da bambino (ho consumato la registrazione tv) e che ho solo lievemente rivalutato al ribasso "da grande" 


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#27 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 13 luglio 2016 - 18:09

Bello eh, ma un po' pesantino secondo me.


per restare in tema di fantasy anni 80, io ho trovato più pesante conan, grande film comunque, ma per i miei gusti un po' troppo lento e "aspro". excalibur è quel tipo di epos sontuoso che piace a me
  • 0

#28 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7724 Messaggi:

Inviato 14 luglio 2016 - 07:43

Mmmm...no, meglio Conan, più coeso e "centrato" secondo me.

Da amante e conoscitore della cosiddetta materia di Bretagna trovo che Excalibur abbia una costruzione totalmente sbagliata.

Mi spiego, la saga per funzionare dovrebbe essere divisa in una prima parte avventurosa, cavalleresca e leggera, una centrale di ricerca e dispersione e una finale tragica e sanguinaria che tira i fili di tutta la vicenda.

Boorman invece è sempre troppo pesante, pomposo e funereo, certo le scene affascinanti non mancano e il film è assolutamente interessante ma secondo me fallisce il bersaglio che si era prefisso, cioè quello di essere l'opera definitiva sul ciclo arturiano.


  • 0

#29 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7110 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2020 - 09:29

Ormai la mia memoria è completamente fritta, per cui non so se ho visto o rivisto (nel qual caso, non rimembravo una mazza fionda) Hell in the Pacific, in italiano tradotto un po' troppo maccheronicamente "DuHELLo nel Pacifico".  ashd

Fatto sta che è bellissimo, Boorman qua mette in scena del materiale che era ad altissimo rischio di svacco, ed invece tira fuori una pellicola visivamente ineccepibile, in cui avventura e un certo pessimismo quasi esistenzialista si intrecciano con il giusto equilibrio e senza spazio per inutili fronzoli buonisti.

Solo 2 attori (e che attori), uno parla inglese e l'altro giapponese (senza sottotitoli, giustamente, perchè così noi, come Lee Marvin, non capiamo un cazzo di cosa dice Toshiro Mifune), eppure mai un momento di noia, non un minuto di girato che non sia essenziale alla rappresentazione della vicenda.

Il finale è un po' un po' tranchant ed una sorta di coitus interruptus, ma ho letto che è stato inserito ex post dal produttore, quello girato da Boorman era diverso (entrambi NON lieti, grazie al cielo).

 

MV5BODZlNTkwMmYtMzI1Zi00MWFkLWJhZDMtNjg0


  • 5

#30 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 859 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2020 - 09:41

Visto anch'io tantissimi anni, oltre al film anche il finale me lo ricordo straordinario (immagino sia quello del produttore)

 

Una roba alla

Spoiler
sempre se ricordo bene


  • 0

#31 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7110 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2020 - 09:48

Visto anch'io tantissimi anni, oltre al film anche il finale me lo ricordo straordinario (immagino sia quello del produttore)

 

Una roba alla

Spoiler
sempre se ricordo bene

 

Spoiler


  • 0

#32 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 859 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2020 - 10:06

Scopro ora che il finale originario di Boorman incredibilmente non è andato perduto:


  • 3

#33 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1968 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 06 agosto 2020 - 13:50

Domanda su Hell in The Pacific: visto da un pubblico giapponese anzichè americano, ha avuto lo stesso effetto?


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq