Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Venezia 63


  • Please log in to reply
90 replies to this topic

#81 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12566 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2006 - 09:25

INLAND EMPIRE l'ho visto ieri sera, saremo stati parecchi da questo forum, mi pare di capire: si potrebbe fare l'accredito ondarocker, in futuro.
Non posso dare un giudizio sul film perché è stato esso a stroncarmi, però devo dire che è stata un'ottima stroncatura (altro che ridateci i soldi!).
Particolarmente divertente è stato fermarmi a prendere uno spritz fuori dal pala lido, dove si erano riuniti dei gruppuscoli di cinefili che discutevano animatamente del film, convincendomi sempre più che costoro "ignorano quello che ignoravano i greci: l'incertezza". Per fortuna di fronte ad un corpulento e sicurissimo censore a caldo, che metteva in rilievo gli elementi "palesatisi" nella visione, la ragazza con cui stava discutibilmente flirtando ha risposto significativamente: "a me non si è palesato un gran chè, per la verità, anzi...", meritando così la mia stima.
A proposito di Borges, ne è infarcito il Quijote di Paladino, visto oggi.
Attendevo con impazienza questo film, considerando anche gli esiti di trasposizione cinematografica del Chisciotte. Il meccanismo narrativo secondo me è adatto, nella destrutturazione di mimesi, categoria di realtà e quant'altro. Tuttavia ho capito perché sia stato finito: è il trailer di un film esaustivo sull'argomento, come quello tentato da Welles. Bella l'aperta citazione dal settimo sigillo, ma un po' tirata, secondo me.
Avete visto Belle Toujour? E' probabilmente quello che mi è piaciuto di più. Nessuno ha notato le affinità, sarebbero curiose come coincidenze, con il capolavoro di Màrai, Le Braci? Mi ha impressionato.
Aggiornato anche il titolo di film peggio sopportato dal sottoscritto: Il Mereghetti continui a farsi le seghe guardando Aladin, ma non mi dia più di "°" a filmetti americani che dal titolo promettono dissertazioni sull'attitudine modaiola di discutibili divinità infere. E se questa fosse la vera trama del film, ne avrebbe guadagnato notevolmente.


Si scrive Aladdin. E comunque sarebbe opportuno adoperare un linguaggio umano capace di far intendere se un film e piaciuto o meno. Ecco: sono "altre" le seghe mentali.
  • 0

#82 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 10 settembre 2006 - 09:39


INLAND EMPIRE l'ho visto ieri sera, saremo stati parecchi da questo forum, mi pare di capire: si potrebbe fare l'accredito ondarocker, in futuro.
Non posso dare un giudizio sul film perché è stato esso a stroncarmi, però devo dire che è stata un'ottima stroncatura (altro che ridateci i soldi!).
Particolarmente divertente è stato fermarmi a prendere uno spritz fuori dal pala lido, dove si erano riuniti dei gruppuscoli di cinefili che discutevano animatamente del film, convincendomi sempre più che costoro "ignorano quello che ignoravano i greci: l'incertezza". Per fortuna di fronte ad un corpulento e sicurissimo censore a caldo, che metteva in rilievo gli elementi "palesatisi" nella visione, la ragazza con cui stava discutibilmente flirtando ha risposto significativamente: "a me non si è palesato un gran chè, per la verità, anzi...", meritando così la mia stima.
A proposito di Borges, ne è infarcito il Quijote di Paladino, visto oggi.
Attendevo con impazienza questo film, considerando anche gli esiti di trasposizione cinematografica del Chisciotte. Il meccanismo narrativo secondo me è adatto, nella destrutturazione di mimesi, categoria di realtà e quant'altro. Tuttavia ho capito perché sia stato finito: è il trailer di un film esaustivo sull'argomento, come quello tentato da Welles. Bella l'aperta citazione dal settimo sigillo, ma un po' tirata, secondo me.
Avete visto Belle Toujour? E' probabilmente quello che mi è piaciuto di più. Nessuno ha notato le affinità, sarebbero curiose come coincidenze, con il capolavoro di Màrai, Le Braci? Mi ha impressionato.
Aggiornato anche il titolo di film peggio sopportato dal sottoscritto: Il Mereghetti continui a farsi le seghe guardando Aladin, ma non mi dia più di "°" a filmetti americani che dal titolo promettono dissertazioni sull'attitudine modaiola di discutibili divinità infere. E se questa fosse la vera trama del film, ne avrebbe guadagnato notevolmente.


Si scrive Aladdin. E comunque sarebbe opportuno adoperare un linguaggio umano capace di far intendere se un film e piaciuto o meno. Ecco: sono "altre" le seghe mentali.


ti quoto.

c'ho messo mezz'ora per capire che stava parlando de "Il Diavolo Veste Prada"...più o meno un quarto del tempo che deve aver impiegato lui per scrivere quell'ultima frase

"filmetti americani che dal titolo promettono dissertazioni sull'attitudine modaiola di discutibili divinità infere. E se questa fosse la vera trama del film, ne avrebbe guadagnato notevolmente."


#83 Basilide

Basilide

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 160 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2006 - 10:25

Scusatemi, ero stanco e mi è venuto così. Effettivamente è atroce.
L'idea era la seguente:
Inland Empire: allucinante;
Quijote: interessante ma troppo poco ambizioso per i miei gusti;
Belles Toujour: Bello.
Il Diavolo Veste Prada: disgustoso con ignominia.

Seppure a ventiquattr'ore di distanza penso di poter trovare una scusa per il tenore del post precedente nel punto primo (Inland Empire), considerando anche i minuti di sonno di cui ho goduto.
  • 0

#84 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 10 settembre 2006 - 10:30

allucinante ok....ma ti è piaciuto??



#85 Basilide

Basilide

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 160 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2006 - 11:07

"allucinante" serviva appunto a svincolarmi dal giudizio. Voi l'avete visto? Che ne pensate? Se adottiamo la definizione kantiana di bello come percezione atta a suscitare armonia nel soggetto che mette in relazione con la sua armonia interna (o giù di lì), la risposta è NO con molte "O" e molti punti esclamativi.
Se oscurità e forza espressiva, o almeno uno di questi, sono valori atti a giudicare un film, bellissimo.
Io personalmente non me la sento di giudicare, comunque sono persuaso che sarà difficile per chiunque giudicarlo discreto o mediocre.

  • 0

#86 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 10 settembre 2006 - 11:46

"allucinante" serviva appunto a svincolarmi dal giudizio. Voi l'avete visto? Che ne pensate?


msgari l'avessi visto.

Proprio per questo sono curioso di sapere i pareri altrui...ma finora non ho ancora letto un commento-recensione che mi abbia fatto capire se questo "Inland Empire" è un gran film o no...

#87 oyster

oyster

    none

  • Administrators
  • 333 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2006 - 12:50

msgari l'avessi visto.

Proprio per questo sono curioso di sapere i pareri altrui...ma finora non ho ancora letto un commento-recensione che mi abbia fatto capire se questo "Inland Empire" è un gran film o no...


Anch'io sono interessato a leggere qualche commento e la vaghezza di chi l'ha visto non aiuta di certo a dissipare la mia curiosità.

Il film distribuito dalla Bim uscirà nelle sale cinematografiche italiane a gennaio ed è probabile, e la cosa mi entusiasma non poco, che sarò io a curarmi del sito promozionale italiano.
Se così fosse, prima di natale un pò di materiale in più dovrei recuperarlo.
  • 0

#88 Basilide

Basilide

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 160 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2006 - 15:20

Allora cercherò di essere più esauriente.
Certamente, come dicevo prima, il film ha una sua notevole grandezza, in quanto innegabilmente forte nell'impatto immediato e foriero di lunghe riflessioni per chi voglia tentare di penetrare un po' oltre l'immediata fenomenologia, ammesso che tale operazione sia legittima o almeno fruttuosa.
La tua recriminazione sul fatto di non aver trovato recensioni soddisfacienti è secondo me significativa della difficoltà, da me sperimentata in prima persona, a fissare retroattivamente degli elementi adeguati a descriverlo.
Mi pare che i temi principali, che poi sarebbero gli strumenti messi in atto, si possano approssimativamente sintetizzare in un'angoscia fortemente venata di assurdità i cui meccanismi e le cui cause paiono sfuggire discontinuamente e in diverse proporzioni alla protagonista e che al pubblico; d'altra parte un impianto narrativo caratterizzato da un'esplosione sistematica dei livelli di realtà che si moltiplicano intrecciandosi fino ai titoli di coda (compresi!!!).
Il tutto in un digitale che amplifica a mio parere la percezione dell'assurdo con delle riprese talvolta molto simili all'amatoriale che aprono, a mio parere, un contrasto fortissimo tra forma e contenuto, per dirla banalmente.
Per di più le prime scene paiono assurde in un primo tempo, ma ancor di più ripensandoci retroattivamente dopo tre ore. La vecchia che va a suonare al citofono, inizialmente sembra uno scherzo ad un secondo personaggio, mentre in realtà si rivela una sorta di maledizione in cui il pubblico viene irriso.
Infine: vi raccomando i conigli!

Io ce l'ho messa tutta, facendomi anche una certa violenza (e molta di più al film), nel sintetizzare le impressioni, se sono stato oscuro o comunque insoddisfaciente, perdonatemi o chiedetemi specificazioni.
  • 0

#89 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 10 settembre 2006 - 16:03

thanks basilide

#90 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6477 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2006 - 12:18

Sembra che "NuovoMondo" di Crialese sia stato accuratamente fatto oggetto di pressioni volte a non farlo vincere,presumo per l'argomento trattato.
Si tratta di trafiletti di giornale,niente di più ovviamente.Ma l'evidente attenzione posta nel non spiegare al pubblico cosa il film denunci fa pensare al peggio.
Qualcuno sa niente di preciso?
  • 0

#91 paganini

paganini

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 1 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2006 - 19:22

Visto che nessuno ne ha parlato, con un po' di ritardo vorrei esprimere il mio giudizio su "STILL LIFE":una palla clamorosa.Niente a che vedere col precedente "unknown pleasures".L'unico vero capolavoro visto a venezia è "the amazing lives of the fast food grifters" di Oshii Mamoru:una follia che verrà capita solo dal 2050 in poi....
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq