Vai al contenuto


* * - - - 16 Voti

Queen


  • Please log in to reply
2003 replies to this topic

#1821 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16492 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 08:36

Innuendo è in ogni caso il disco dove la coppia May-Taylor prese in mano la situazione, con Mercury agli sgoccioli e preso dalle sue vicende di salute, e Deacon che era uccel di bosco durante le session di registrazione (e non compose nessun brano, cosa che non accadeva dal 1974).

 

Ma non è assolutamente vero (grazie a Dio, perché una band o comunque un disco in cui dominano quei due, non lo prenderei nemmeno gratis).

Il fatto che Mercury fosse malato non significa che stesse su una carrozzina col microfono in mano, aspettando di cantare le cose che gli altri producevano per lui.
Per me è un disco, così come tutti gli altri, in cui l'apporto di Mercury non solo è fondamentale ma è proprio primario.
Del resto, se togli "Headlong" e "I Can't Live With You" (canzoni che servono a May solo per dimostrare al mondo che anche lui sapeva suonare la chitarra), il resto dei brani li ha scritti quasi tutti Mercury ("Ride The Wild Wind" non la conto perché fa vomitare).

 

 

Pensa che la coppia May-Taylor a pelle mi sta veramente sul culo, eppure Innuendo l'ho sempre apprezzato molto.

 

Non sono esperto del gruppo, ma mi pare che in Innuendo ci sia il Mercury migliore, in generale la band abbandona le velleità pop degli ottanta per ritornare agli esordi ma con un piglio più lucido ed eterogeneo nelle composizioni.

 

Appunto.


  • 0

#1822 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7906 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 08:55

the show must go on mi sembra sia di may. e i can't live with you e headlong non le sminuirei cosi', soprattutto nella prima non mi sembra che la chitarra abbia un peso cosi' fondamentale.

 

ma concordo che l'apporto di mercury sia fondamentale in quel disco, non inferiore ai precedenti.


  • 2

#1823 ArchieFisher

ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 6611 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 11:00

 

Innuendo è in ogni caso il disco dove la coppia May-Taylor prese in mano la situazione, con Mercury agli sgoccioli e preso dalle sue vicende di salute, e Deacon che era uccel di bosco durante le session di registrazione (e non compose nessun brano, cosa che non accadeva dal 1974).

 

Ma non è assolutamente vero (grazie a Dio, perché una band o comunque un disco in cui dominano quei due, non lo prenderei nemmeno gratis).

Il fatto che Mercury fosse malato non significa che stesse su una carrozzina col microfono in mano, aspettando di cantare le cose che gli altri producevano per lui.


 

 

Ma infatti basta guardare su wikipedia https://en.wikipedia...nnuendo_(album)per vedere che Mercury è accreditato (o co-accreditato) per 7 canzoni su 12. May per 6, Taylor per 3.


  • 0
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#1824 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2382 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 11:06

I brani di May sono: Headlong; I Can't live with you; The Show Must Go On; Bijou; The Hitman (le ultime due scritte assieme a Mercury, Deacon fece il mixaggio di The Hitman).

Mercury però ha piazzato Delilah, che in una situazione normale non sarebbe finita in un disco dei Queen (gliela fecero mettere giusto per accontentarlo) eppure tanto brutta non è.

Il brano Innuendo per me è nelle strofe palesemente scritto da Taylor, mentre la parte centrale è sicuramente di Mercury.

 

Non intendevo dire che Mercury facesse il "canta e basta", mi riferivo all'aspetto organizzativo (alle interviste e nelle celebrazioni varie si presentavano solo May e Taylor) relativo all'uscita e al post-release, effettivamente mi sono spiegato male. I brani erano tutti già composti entro metà del 1990, se ricordo bene.

Comunque il giudizio su quei due credo sia maturato a posteriori, vedendo il post-1997 (perché fino al 1997 per me han fatto bene, diciamo pure fino al Greatest Hits III), altrimenti se tornassimo nel 1991 erano ancora immacolati.

Su Deacon pare che davvero fosse quasi latitante durante le sessions di Innuendo.

Ride the Wild Wind in Polonia uscì addirittura come singolo...

 

Comunque stamattina ho scoperto che i ragazzi non sapevano né che We Will Rock You fosse dei Queen, e neanche chi fossero i Queen...nonostante la cantino sempre.

Quando gli ho fatto vedere il video del brano sullo schermo in classe fanno:"Ma questo quindi era il rock dei tempi antichi?"  asd  


  • 0

#1825 clapat71

clapat71

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1204 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 12:31

Quando gli ho fatto vedere il video del brano sullo schermo in classe fanno:"Ma questo quindi era il rock dei tempi antichi?"  asd  

 

Si meritano i Greta Van Fleet... 


  • 0

#1826 Robert Plant

Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1549 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 15:42

Tornando ai Queen (quelli veri), questo è un pezzo che a distanza di 26 anni dal primo ascolto (ho scoperto i Queen appena morto Mercury, per questioni anagrafiche) continua ad affascinarmi, perché è davvero strano. Anche la scelta di farlo uscire come singolo. Diversi dicono che appartiene alla tranche "vaudeville" del gruppo, in parte potrei essere d'accordo (qualcosa in comune con Killer Queen c'è), ma è un brano che è davvero strano e particolare, quelle tastiere inquietanti e una melodia tutt'altro che scontata. soprattutto nelle strofe. Questo brano, assieme a A Winter's Tale (che uscirà su Made in Heaven) sono forse il lascito più maturo dell'ultimo Mercury, forse più del brano Innuendo.

Peccato non aver potuto scoprire il "dopo", ma è anche vero che un Mercury "sano" probabilmente avrebbe fatto peggio di un Mercury malato e consapevole che doveva lasciare quanto di meglio poteva, e magari oggi lo vedremmo imbolsito a 72 anni seduto sul trono a fare il giudice a qualche talent show...dal punto di vista del lascito artistico forse meglio com'è andata.

 

 

I'm Going Slightly Mad non sembra affatto una canzone dei Queen. I Queen hanno composto canzoni di ogni genere. Persino  canzoni che riprendevano lo stile di altri artisti o gruppi. Se si fa una rassegna della loro discografia, in tal senso, c'è tutta la storia della musica,  iniziando da forme musicali arcaiche (Procession) ad echi di Mozart (Love Of My Life versione studio), passando per il vaudeville, il folk, l'operetta. E, poi, Elvis (Crazy Little Thing Called Love). C'è la canzone alla Led Zeppelin (See What A Fool I've Been). Quella alla Bee Gees (Pain Is So Close To Pleasure). Quella alla Michael Jackson (The Invisible Man). E così via. Si possono trovare anche gli Stones, i Beatles e gli Abba in qualche frammento di canzone, per dire. Ma ne mancava giusto uno. Quello che veniva coi ragni da marte. I'm Going Slightly Mad poteva, infatti, essere una canzone di David Bowie. La melodia cantata, che si muove su tessiture più baritonali e cupe, non lascia dubbi. E' una canzone alla David Bowie, così geniale e tremendamente teatrale. Sarebbe stato divino sentirla cantare da Bowie al Tribute


  • 3

#1827 Robert Plant

Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1549 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 16:37

Dal set di Will&Grace:    

 

https://www.instagra...ft-u5E0rOJ674ho


  • 1

#1828 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16492 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 17:52


Robert, tu che sei esperto di doppiaggio, cosa ne pensi della scelta del doppiatore di Mercury?
Dal poco che ho sentito, è orribile. O meglio, lui è bravo, ma mi sa più di voce da "ragazzo". Mercury aveva già circa 30 anni quando sono diventati famosi..
  • 0

#1829 Robert Plant

Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1549 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 18:45

Sul trailer, a dare la voce a Mercury è Francesco Pezzulli, doppiatore e voce storica italiana di Leonardo Di Caprio. Non è detto che possa essere stato riconfermato per il film. Spesso i trailer vengono doppiati d'urgenza e le voci sono quasi sempre provvisorie. Ma se i doppiatori sono rimasti quelli che abbiamo sentito, temo che la resa sarà inevitabilmente di qualità inferiore. L'attore che fa Brian May è incredibile. Oltre all'estrema somiglianza fisica, ha la voce praticamente identica. Malek ha studiato e riprodotto discretamente i toni e gli accenti di Mercury, compresa la esse fischiante di Freddie. Col doppiaggio si perderà tanto.  


  • 0

#1830 Eugene's Axe

Eugene's Axe

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3996 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 19 ottobre 2018 - 19:04

Tutti a parlare della minima scorreggia fatta dai singoli membri su Innuendo e dimenticandosi cosa è: un grande album con una title track tra le 20 migliori canzoni dei Novanta e l'ultima dell'album appena dietro in classifica.
  • 1
HE'S NOT THE MESSIAH, HE'S A VERY NAUGHTY BOY!

#1831 Eugene's Axe

Eugene's Axe

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3996 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 19 ottobre 2018 - 19:22

Comunque stamattina ho scoperto che i ragazzi non sapevano né che We Will Rock You fosse dei Queen, e neanche chi fossero i Queen...nonostante la cantino sempre.
Quando gli ho fatto vedere il video del brano sullo schermo in classe fanno:"Ma questo quindi era il rock dei tempi antichi?"  asd


Noi adolescenti dei Novanta conoscevamo tutti Morrison, Hendrix, Lennon e la Joplin. Vabbé, forse nel primo caso aiutava l'allora recente film di Stone, ma non credo che questo possa spiegare del tutto il fenomeno. Allora i ragazzi sapevano trovarsi modelli di riferimento che parlassero di loro, oggi i bimbiminkia sono banderuole senza spina dorsale.
  • 1
HE'S NOT THE MESSIAH, HE'S A VERY NAUGHTY BOY!

#1832 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2382 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 20:38

 

Comunque stamattina ho scoperto che i ragazzi non sapevano né che We Will Rock You fosse dei Queen, e neanche chi fossero i Queen...nonostante la cantino sempre.
Quando gli ho fatto vedere il video del brano sullo schermo in classe fanno:"Ma questo quindi era il rock dei tempi antichi?"  asd


Noi adolescenti dei Novanta conoscevamo tutti Morrison, Hendrix, Lennon e la Joplin. Vabbé, forse nel primo caso aiutava l'allora recente film di Stone, ma non credo che questo possa spiegare del tutto il fenomeno. Allora i ragazzi sapevano trovarsi modelli di riferimento che parlassero di loro, oggi i bimbiminkia sono banderuole senza spina dorsale.

 

 

Tra l'altro aggiungo una cosa ancor più grave di non conoscere i Queen: questi a 13 anni non sanno cos'è l'AIDS: nessuno di loro, gliel'ho spiegato io! Io mi ricordo nel 1992, in quinta elementare, ma anche in quarta (1991), che TUTTI in classe, noi bambini, sapevamo dell'AIDS, di questa malattia grave che uccideva...ricordo persino gli scherzetti con le penne "ora ti pungo e prendi l'AIDS", questi invece "mai sentita nominare questa malattia".


  • 0

#1833 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16492 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2018 - 21:56

Tra l'altro aggiungo una cosa ancor più grave di non conoscere i Queen: questi a 13 anni non sanno cos'è l'AIDS: nessuno di loro, gliel'ho spiegato io! Io mi ricordo nel 1992, in quinta elementare, ma anche in quarta (1991), che TUTTI in classe, noi bambini, sapevamo dell'AIDS, di questa malattia grave che uccideva...ricordo persino gli scherzetti con le penne "ora ti pungo e prendi l'AIDS", questi invece "mai sentita nominare questa malattia".


Non conoscono nemmeno la pellagra, se è per questo. O il vaiolo. Sai com'è...
Non capisco cosa ci trovi di strano: stai parlando di bambini nati negli anni 2000, è ovvio che "non vivono" l'AIDS come una questione di attualità o di pericolo.
Sì, lo so che è una malattia che esiste ancora, ma non puoi paragonare le epoche: nei primi anni '90 era una questione sentitissima (basti pensare alle pubblicità che passavano) e relativamente nuova. Ora è completamente diverso.
  • 0

#1834 Marillico

Marillico

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 434 Messaggi:
  • LocationTurin

Inviato 20 ottobre 2018 - 00:31

Beh, insomma, uno degli aspetti peggiori dell'AIDS è che è una malattia in fortissima espansione e non solo nei paesi in via di sviluppo, ogni anno migliaia di persone in Europa lo contraggono e la poca conoscenza della malattia è uno di fattori più determinanti per la sua diffusione.
Tornando a bomba, io condivido in parte le critiche agli aspetti del film, ma se il suddetto riuscisse a cogliere gli aspetti più intimi, la vita vera ed anche il percorso della malattia in mercury e nelle dinamiche del gruppo e detta tutta anche il come viveva la sua omosessualita, insomma che parlasse in maniera sincera, per me altri errori sarebbero superficiali e trascurabili. Invece stiamo a guardare i baffi piazzati nell anno sbagliato mentre si tratteggia un mercury insopportabile e che non ha quasi nulla dell originario.

P.s. Lo dico io che we will rock you fa cagare?
  • 0

#1835 Robert Plant

Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1549 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 03:34

Newton Thomas Sigel, il direttore della fotografia di Bohemian Rhapsody, racconta il film

 

Intervistato da Collider, ormai a pochi giorni dall'anteprima del 23 Ottobre, Newton Thomas Sigel, il direttore della fotografia di Bohemian racconta alcuni aspetti interessanti della lavorazione del film, rivela le sue scene preferite (quindi attenti agli spoiler) e spiega quale sia stato il processo che ha portato alla creazione di un film che, lo speriamo tutti, possa davvero essere la degna celebrazione della musica dei Queen e della vita di Freddie Mercury
 
Cosa hai pensato una volta che il montaggio finale del film è stato completato?

Ho penso che il film fosse favoloso. È una vera celebrazione dei Queen e della loro musica e del genio di Freddie Mercury. E penso che sia allo stesso tempo sincero e celebrativo, il che è una combinazione rara e meravigliosa, specialmente in un periodo storico che non è necessariamente il più pacifico e tranquillo. Penso che Rami Malek sia assolutamente sensazionale. A questo punto, non posso davvero immaginare che il film o Freddie siano interpretati da qualcun altro. Rami si è calato così profondamente nel personaggio, ed è davvero mozzafiato.
 
I piccoli frammenti che abbiamo visto della sua performance sono davvero eccitanti. Com'è lavorare sul set con qualcuno che sta interpretando un ruolo così iconico nel quale è immerso davvero così in profondità?

Beh, penso che dipenda dall’attore con cui si lavora. Rami va molto in profondità nel personaggio, ma è molto accessibile, ancora, come attore, quando si lavora con lui sul set. Quindi è abbastanza facile lavorare assieme. Ed è molto esperto tecnicamente. Penso che ciò gli consenta di entrare e uscire dal personaggio in un modo che rende il mio lavoro molto semplice. È un attore straordinariamente facile con cui lavorare.

 
Hai avuto la fortuna di partecipare a molte rappresentazioni iconiche nel corso della tua carriera.

Sì, ma devo dire che la cosa molto strana di Rami è che l'ho percepito già nel ruolo fin dal primo test di trucco. E tutto quello che stavamo facendo era mettere i baffi, una parrucca, e gettargli addosso qualche vestito. Ma già in quel momento  era come se stessi guardando Freddie Mercury.  Sapevi che a quel punto stavi assistendo a qualcosa di veramente speciale. 

 
Questo progetto è in sviluppo da molto tempo. Quando sei arrivato, quali erano le tue idee su come volevi che il film apparisse? Come avete raggiunto l'estetica giusta?

Beh, Graham King e Denis O'Sullivan (i due produttori principali del film, ndr) hanno sviluppato questo film per quasi 10 anni, ed è un vero progetto fatto di passione nel vero senso della parola. Molte persone parlano di progetti in cui credono, ma posso dirti che aver vissuto con Graham, giorno dopo giorno, è stato molto stimolante perché potevo vedere qualcuno che così profondamente impegnato. Le scelte specifiche in termini di illuminazione e obiettivi, telecamere, quel genere di cose, sono state lasciate alla mia volontà. Ma il tono del film era molto chiaro sin dall'inizio. Ed è nato davvero dall'amore per i Queen e dal rispetto per la storia della band. Quindi ho fatto molte ricerche sulla band. Ho letto ogni libro che c'era da leggere. Ho visto tutti i filmati delle loro esibizioni degli anni '70 e fino al momento del Live Aid. Così ho guardato ore e ore di materiale tra performance e interviste. E la mia immagine per il film è nata proprio da quel punto di vista organico. Ho iniziato a vedere in modo più chiaro come esprimere chi fossero e cosa dovessero essere nel film.

 
I film rock o la musica biografica sono un genere a parte e ce ne sono stati molti nel corso degli anni. C'era qualcosa che volevi consapevolmente evitare con Bohemian Rhapsody o che volevi fosse diverso?

Penso che una delle grandi cose dei Queen sia un certo mistero o l’alchimia che c’era tra loro come band nel senso di questo gruppo di quattro persone profondamente diverse che finiscono per trovare un equilibrio. E fuori da quell'equilibrio c'è questa fonte di grande musica. Quindi, quello che volevo dire era che il film, anche se ruota attorno a Freddie Mercury, in una certa misura è un po' come un ritratto di questa creatura a quattro teste, per così dire.  Il film è accompagnato dalla loro performance iconica al Live Aid nel 1985. ma si svolge in realtà tra il 1970 e il 1985. Mostra la nascita della band e poi la loro esplosione nel mondo del rock. E così ho voluto creare un'evoluzione, e i vari aspetti del film riflettono l'essenza di quella prospettiva. Di conseguenza, il film inizia con alcune lenti vintage molto vecchie, tutte fatte a mano e calde, molto romantiche e idealizzate. E mentre il film si evolve, mentre loro diventano sempre più conosciuti sul palcoscenico a livello mondiale, il film inizia a prendere una prospettiva più pulita, più nitida, meno idealizzata, e a un certo punto, prima del Live Aid, inizia anche a diventare un po' più cupo prima che ci sia questa sorta di rinascita sul palco di Wembley.

 
Sono stati la più grande rock band del mondo durante un periodo molto turbolento. C’erano molto sesso, droga e rock and roll. Avete filmato qualche versione alternativa di alcune scene perché non sapevate se sarebbe stato un PG-13 o R-rated? O avete puntato da subito ad ottenere un PG-13?

Penso che ci sia stata fin dall’inizio la speranza che potesse essere PG-13 solo nella misura in cui ciò avrebbe permesso alla musica di raggiungere un pubblico più vasto. Allo stesso tempo, non c'è mai stata discussione o paura di provare davvero a mostrare quello stile di vita e l'edonismo del mondo rock in quel periodo. Quindi, in realtà, le scelte erano più semplicemente guidate dalla storia in termini di come volevamo raccontare al meglio la storia di questa band che si incontra e trova il successo. E no, non abbiamo fatto nulla di alternativo. Abbiamo praticamente deciso come volevamo realizzarlo e girarlo.

 
Il Live Aid è una performance così iconica. Come è stato per te, in quanto direttore della fotografia, ricreare qualcosa del genere?

È ​​stata una vera sfida, perché il Live Aid è stato messo insieme all'ultimo minuto, tanto che hanno usato il palco lasciato da un concerto di Bruce Springsteen. Lo sfondo era molto triste. Stavano cercando di raccogliere fondi. Non volevano spenderlo per la messa in scena. Si è tenuto di giorno, quindi per una grande scena aveva davvero un sacco di elementi che, se non altro, avrebbero minato il dramma, cosa che non sarebbe successa se si fosse svolto di sera. Per me, parte di questa sfida era quella ma anche il fatto di dover essere fedeli, con il nostro scenografo, Aaron Haye a all’originale, ma senza replicare semplicemente ciò che potete vedere su YouTube. Ci siamo riusciti replicando tutto fedelmente ma mettendo il pubblico in una relazione intima con la band che il vero pubblico del Live Aid non non ha avuto. Quindi la vera sfida era come rimanere fedeli a ciò che esisteva nella realtà e al contempo dare al pubblico una prospettiva che non avevano mai visto prima.

 
Presumo che Live Aid sia solo una delle molte performance musicali del film. Come hai fatto ad assicurarti che ognuno di questi set musicali fosse dinamico e diverso dal precedente?

Questa è una buona domanda perché abbiamo visto molti video dei concerti originali. Abbiamo visto tutti concerti dal vivo. E inoltre, mentre il film va avanti, non volevamo mantenere lo stesso stile ogni volta. Così abbiamo cercato di mostrare un modo di girare i concerti che riflettesse la crescente fiducia e l’esperienza accumulata compiuta dalla band. Mentre all'inizio suonano in un piccolo college, e Freddie sa a malapena come gestire il microfono, la telecamera è tenuta in mano. È un po' più incerto, un po' più grezzo. E poi mentre si evolvono, i luoghi diventano più grandi, le loro esibizioni diventano più sicure e la telecamera stessa diventa più sicura e più sicura di come riprendere fino all'ultima fila dello stadio. 

 
Volevo anche chiedertu delle scene nello studio di registrazione, di cui abbiamo visto alcuni frammenti nei trailer. In quel caso avete lavorato in uno spazio molto limitato. 

Il cinema non deve necessariamente essere una visione ampia. Cinematic, per me, significa davvero che stai usando il linguaggio del cinema per esprimere emozioni e comportamenti. E ciò può essere fatto con potenza in un'ampia prospettiva, come può avvenire anche in un primo piano più intimo. Detto questo, gli studi di registrazione, come i veri concerti, mostrando la crescita della band dai loro primi giorni ai Trident Studios. C'è un momento interessante nel film in cui vedi quando Freddie decide di provare a registrare da solo e si ritrova in studio con alcuni musicisti tedeschi, e non c'è chimica e non c'è scintilla, ed è scoraggiato. E si riflette molto nell'aspetto di quelle scene e nel tipo di vuoto che sta iniziando a sentire. Poi c’è un'altra scena che mi viene in mente. Freddie è seduto su un divano nella parte inferiore del fotogramma e davanti alla cabina di registrazione, mentre questi musicisti non ascoltano assolutamente la musica che sta cercando di creare. E puoi vedere solo l’espressione del suo viso, da cui comprendi che così non può funzionare, che deve tornare alla sua band. È un momento molto toccante nel film. Vedrai. 

 
Sembra un film davvero dinamico.

Sì, la cosa bella del film è che è dinamico. C'è una grande portata in termini di concerti, pubblico enorme e macchine fotografiche che volano in giro. Allo stesso tempo, ci sono scene molto tranquille e intime e una narrazione emotiva, sottile e psicologica. 

 
C'era una sequenza particolare che è stata più difficile delle altre da filmare?

La scena che amo davvero è quella del Live Aid. All’inizio del film siamo nel backstage. E stiamo per andare sul palco. Quando sbirci tra le tende, vedi che ci sono oltre 100.000 persone tutte in attesa di vedere quello che Freddie Mercury e i Queen hanno da offrire. Quindi entriamo nella nostra storia. E quando torniamo al Live Aid, c'è uno scatto che inizia sullo skyline di Londra e arriva all'intero dell stadio di Wembley, si avvicina, si tuffa sulla folla. È girato dal retro dello stadio e l’inquadratura va verso il palco mentre la band esce. Freddie si siede al pianoforte. La telecamera si avvicina sempre di più mentre Freddie inizia a sistemare il pianoforte. E prima che inizi la musica, il momento in cui la telecamera passa da questa enorme visuale a questo gigantesco primo piano sarà aperto a molte interpretazioni e genererà molti sentimenti individuali da parte del pubblico. Ma la cinepresa continua a spostarsi e inizia a suonare Bohemian Rhapsody. Ed è passaggio assolutamente mozzafiato che ti dice tanto su chi è Freddie, dove si trova in questo momento della storia. E lo fa in modo cinematografico.  È davvero bello

 
Sembra incredibile. È stato creato usando dei droni o è stato messo assieme con più riprese^

Una combinazione di entrambe le cose. Ma è un lungo piano-sequenza, il che è piuttosto straordinario.

 
Sappiamo che Bryan Singer ha lasciato il film e Dexter Fletcher è arrivato e ha terminato le riprese. Com'è stato per te come direttore della fotografia, mantenere coerente la visione del film? E come è stato lavorare con Dexter?

Penso che il tono e l'atmosfera del film siano stati davvero efficaci. Sapevamo il film che volevamo fare. Tutti quelli che erano coinvolti conoscevano il film che stavamo facendo, l'intera squadra. E quando Dexter è salito a bordo, sapevi che era lì solo per l'ultima parte delle riprese, e ha davvero abbracciato il film che è stato realizzato. Ha avuto un rapporto eccezionale con gli attori e gli artisti. È stato molto indolore, notevolmente indolore arrivare al traguardo con il film così com'è, come vedrai. Quindi sarebbe potuto andare davvero male. Ma devo dire che è stata una transizione sorprendentemente indolore.

 
La visione è rimasta coerente allora? Non so se puoi confermare o no. Dexter era quello che ha completato la post-produzione o lo ha fatto Bryan?

La visione è rimasta coerente fin dall'inizio del film. Il film che vedi sullo schermo è davvero il film che abbiamo iniziato a voler realizzare. Alcuni film hanno una vera voce chiara all'inizio e rimangono così fino alla fine. Alcuni film, vengono scoperti durante il processo. Alcuni film ti sorprendono e si rivelano essere qualcosa di diverso da quello che inizialmente pensavi di iniziare. Questo film è stato davvero molto coerente sin dall'inizio. E penso che in parte è perché Graham King e Denis O'Sullivan hanno sviluppato questo film per quasi 10 anni. Conoscevano la storia dei Queen dentro e fuori, su, giù, tutt'intorno. Era un territorio così familiare.
 

  • 0

#1836 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16492 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 08:35

ma se il suddetto riuscisse a cogliere gli aspetti più intimi, la vita vera ed anche il percorso della malattia in mercury e nelle dinamiche del gruppo e

 

Sarà difficile che trattino la malattia dato che (ma qui magari arrivano i fanatici a correggermi) se non ricordo male pare che lui si ammalò proprio intorno al 1985 (anno in cui finisce il film).
O comunque un paio di anni prima, quando viveva in Germania, ma comunque erano gli inizi della malattia quindi ancora lui non lo sapeva e non aveva avvisaglie in tal senso.

 


L'intervista è bella, anche se bisogna dare sempre il giusto peso a queste dichiarazioni: si tratta di una persona che ha lavorato per il film quindi è ovvio che non può dire "il film fa cagare" ma deve parlarne in toni positivi asd
  • 0

#1837 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2382 Messaggi:

Inviato 24 ottobre 2018 - 19:28

Un pezzo carino facente parte delle session di The Miracle e poi scartato. Per The Miracle registrarono circa 30 brani (di cui circa 15-18 finirono pubblicati tra album e B-side, altri finirono in dischi solisti e altri ancora restarono inediti), si diedero davvero da fare: anche se in molti di questi si sente che ci fu poco lavoro di raffinamento, forse per la foga di "far presto" e approfittare della salute ancora discreta di Mercury.

 

Dog with a Bone, duetto Mercury-Taylor

 


  • 1

#1838 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2382 Messaggi:

Inviato 24 ottobre 2018 - 20:21

43441407_923121407898114_767686366984957

 

 

 

 

tenor.gif


  • 1

#1839 Robert Plant

Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1549 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2018 - 03:52

Una foto recente di John:

 

44887771_10215543020201341_7543625437084


  • 0

#1840 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16492 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2018 - 11:11

Dimostra i suoi anni.

Ieri un brutto pensiero mi ha sfiorato: non è che, se il film andrà bene, faranno il sequel di Bo Rhap ambientato dall'85 al '91? ashd
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq