Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Yann Tiersen


  • Please log in to reply
4 replies to this topic

#1 Pasubio

Pasubio

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1011 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2006 - 15:30

Salve Ondarockers,
ho recentemente avuto modo di ascoltare (e apprezzare) le colonne sonore scritte da questo musicista, in particolare quelle di Amelie e Goodbye Lenin. Trovo le sue composizioni molto emozionanti. Magari un po' simili fra loro ma tutte toccanti e con un crescendo favoloso. Che dischi mi consigliate per approfondire la conoscenza della sua opera?
  • 0
"[...] Si, questa è la verità, la scomoda verità che viene a distruggere il piacevole rapporto del dialogo: Giordano Bruno gridò quando fu bruciato. Il dizionario dice solamente che egli fu bruciato, non dice che gridò. Allora, che dizionario è questo che non informa? Perché dovrei volere una biografia di Giordano Bruno che non parla delle grida che lanciò lì, a Roma, in una piazza o in un cortile, con gente tutt'intorno, alcuni che attizzavano il fuoco, altri che assistevano, altri che serenamente stilavano l'atto di esecuzione? Dimentichiamo troppo spesso che gli uomini sono fatti di carne facilmente rassegnata. E' dall'infanzia che i maestri ci parlano di martiri, che diedero esempi di civiltà e di morale a loro spese, ma non ci dicono quanto doloroso fu il martirio, la tortura. Tutto rimane in astratto, filtrato come se guardassimo, a Roma, la scena attraverso spesse pareti di vetro che ammortizzano i suoni, e le immagini perdessero la violenza del gesto per opera, grazia e potere di rifrazione. E allora possiamo dirci tranquillamente l'un l'altro che Giordano Bruno fu bruciato. Se gridò, non lo sentiamo. E se non lo sentiamo, dove sta il dolore? Ma gridò, amici miei.
E continua a gridare."

(José Saramago,"Le grida di Giordano Bruno")

#2 giallo

giallo

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 399 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2006 - 20:16

in primis, una enne in più nel nome. in secondo luogo gradirei anch'io consigli ;D visto settimana scorsa e devo dire che mi ha piacevolemente spiazzato in veste live, molto più rock. mi sbilancio, per ora il concerto dell'anno e non ne vedo pochi!
  • 0

#3 music won't save you

music won't save you

    reprobo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8758 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2006 - 20:47

Che dischi mi consigliate per approfondire la conoscenza della sua opera?

Non è facile star dietro alle diverse anime di Tiersen, non un semplice compositore di colonne sonore ma artista capace di cimentarsi con la forma-canzone e con il "rock" quanto pochi altri nel suo ambito.
Al di là delle colonne sonore più note e celebrate, consiglierei senza dubbio "Tout est calme", del 1999, ed i due dischi dell'anno scorso: l'ardita collaborazione con Shannon Wright e soprattutto "Les Retrouvailles", lavoro passato relativamente sotto silenzio ma secondo me dimostrazione compiuta della grande versatilità di un autore capace di mantenere intatto il proprio stile, pur "flirtando" con forme musicali più "pop". 
  • 0
in eremitaggio su http://musicwontsaveyou.com

#4 Pasubio

Pasubio

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1011 Messaggi:

Inviato 03 agosto 2006 - 02:54

in primis, una enne in più nel nome.

Grazie per la precisazione! ( enne aggiunta ora).
  • 0
"[...] Si, questa è la verità, la scomoda verità che viene a distruggere il piacevole rapporto del dialogo: Giordano Bruno gridò quando fu bruciato. Il dizionario dice solamente che egli fu bruciato, non dice che gridò. Allora, che dizionario è questo che non informa? Perché dovrei volere una biografia di Giordano Bruno che non parla delle grida che lanciò lì, a Roma, in una piazza o in un cortile, con gente tutt'intorno, alcuni che attizzavano il fuoco, altri che assistevano, altri che serenamente stilavano l'atto di esecuzione? Dimentichiamo troppo spesso che gli uomini sono fatti di carne facilmente rassegnata. E' dall'infanzia che i maestri ci parlano di martiri, che diedero esempi di civiltà e di morale a loro spese, ma non ci dicono quanto doloroso fu il martirio, la tortura. Tutto rimane in astratto, filtrato come se guardassimo, a Roma, la scena attraverso spesse pareti di vetro che ammortizzano i suoni, e le immagini perdessero la violenza del gesto per opera, grazia e potere di rifrazione. E allora possiamo dirci tranquillamente l'un l'altro che Giordano Bruno fu bruciato. Se gridò, non lo sentiamo. E se non lo sentiamo, dove sta il dolore? Ma gridò, amici miei.
E continua a gridare."

(José Saramago,"Le grida di Giordano Bruno")

#5 Guest_gneo_*

Guest_gneo_*
  • Guests

Inviato 12 agosto 2006 - 09:06

Oltre alle delle colonne sonore, mi è piaciuto molto "Les Retrouvailles", dello scorso anno, decisamente accessibile oltretutto.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq