Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

[Monografia] Brian De Palma


  • Please log in to reply
62 replies to this topic

Sondaggio: Elezione del suo più bel film (49 utente(i) votanti)

Voto I visitatori non possono votare

#41 Reynard

Reynard

    We're not in Kansas anymore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9957 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 10 gennaio 2013 - 09:28

Bellissimo film ma la sparatoria nella stazione continua ad irritarmi. Una sboronata manierista.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#42 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13847 Messaggi:

Inviato 10 gennaio 2013 - 10:21

Una sboronata manierista.


Ma tutto il film lo è. Ed è questo che ne fa un meccanismo spettacolare perfetto.
Sono tantissimi anni che non lo rivedo per intero, però ogni volta che lo becco in tv facendo zapping non posso fare a meno di soffermarmi e guardarne almeno dieci minuti. E non importa la scena che becco, perché tutto il film ha una potenza magnetica irresistibile, non c'è una sequenza che non abbia un'idea, una battuta, un tocco di regia che non la renda memorabile (sì persino lo scenette famigliari di Costner e la sua famigliola, talmente sfacciate nella loro melensaggine che riescono a strappare un ghigno e fare tenerezza allo stesso tempo). Solo i western di Leone su di me hanno un potere altrettanto ipnotico.

Il film è il mirabile frutto del grande incontro tra due personalità opposte: De Palma con Mamet trova lo sceneggiatore che con la sua scrittura blindata mette ordine tra gli squilibri del suo cinema (il che ovviamente dispiace a qualche fanatico depalmiano, che del regista ama soprattutto gli eccessi e quindi si trova davanti ad un film apparentemente troppo "quadrato"), Mamet con De Palma trova un animale da cinema che riesce a incendiare la sua gelida e a volte un po' frigida scrittura cinematografica.
  • 3

#43 Guest_cinemaniaco_*

Guest_cinemaniaco_*
  • Guests

Inviato 10 gennaio 2013 - 12:35

Sono tantissimi anni che non lo rivedo per intero, però ogni volta che lo becco in tv facendo zapping non posso fare a meno di soffermarmi e guardarne almeno dieci minuti.


a me succede la stessa cosa con carlito's way. è proprio il cinema di de palma ad essere così "vampirico" verso chi lo ama.

#44 Guest_cinemaniaco_*

Guest_cinemaniaco_*
  • Guests

Inviato 19 febbraio 2014 - 14:14

Immagine inserita

un film di de palma di cui non si parla mai, e che all'epoca non piacque nè alla critica nè al pubblico, è il falò delle vanità. un film alquanto insolito per gli standard depalmiani, che non ha propriamente nelle corde del suo metacinema la critica sociale e di costume. sta di fatto però che ha tirato fuori un film cinico e corrosivo che non risparmia nessuno: i ricchi di park avenue, i poveri del bronx, i reverendi, sindaci e procuratori, giornalisti e broker. è un viaggio in una società corrotta ed ipocrita ad ogni livello, dove nessuno fa niente per niente, dove media, potere politico, potere giudiziario e religioso sono intrecciati e utilizzati come strumenti per piegare la realtà a proprio vantaggio

a dirla così sembrerebbe un film cupo e pessimista, ed invece de palma ha fatto una specie di commedia politicamente scorretta che qua e là perde un po' di equilibrio e presenta un grosso neo finale (l'omelia moralistica del giudice morgan freeman), ma a me personalmente piace e reputo gustosissima. anche stilisticamente è un de palma diverso, più "sobrio" anche se in apertura c'è un famosissimo e bellissimo pianosequenza di un paio di minuti da annoverare tra i migliori del cinema americano. non ho letto il romanzo di tom wolfe da cui è tratto il film, quindi non so se sia un buon adattamento: da quel che ho letto sembra che il finale del libro sia molto più cattivo ma non è che quello del film sia da meno, è solo apparentemente consolatorio (sherman si salva mentendo al giudice, e in tal modo non agisce molto diversamente da tutti gli altri anche se era "innocente")

http://www.youtube.com/watch?v=luui7KGzciY

#45 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 834 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2014 - 16:50

Bellissimo film ma la sparatoria nella stazione continua ad irritarmi. Una sboronata manierista.


Per me quello è CINEMA (in maiuscolo)... ;D
  • 1

#46 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12514 Messaggi:

Inviato 14 maggio 2014 - 13:47

La Monografia di OndaCinema dedicata a Brian De Palma: http://www.ondacinem...n_de_palma.html

Affascinato dalla macchina cinematografica e tra i protagonisti della New Hollywood, un autore che ha percorso gli ultimi 50 anni della Settima Arte sviluppando un linguaggio personale al limite estremo del virtuosismo estetico, regalandoci immagini e storie che travalicano lo spazio e il tempo

Immagine inserita
  • 0

#47 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3681 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 15 maggio 2014 - 10:15

questa cosa che fosse un fisico la ignoravo bellamente e mi induce a profonde riflessioni che vi comunicherò quando ne riemergo
  • 0
apri apri, apri tutto!

#48 StuntmanMike

StuntmanMike

    Membro Premium

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4915 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2014 - 12:02

7 a Gli intoccabili e 9 a Omicidio in diretta è qualcosa che può nuocere gravemente alla salute.

Immagine inserita
  • 0
Quello che se ne fotte dei punti sulla patente.

#49 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 20 dicembre 2014 - 09:54

tumblr_n8xk0ykZok1tcc34vo1_500.gif

 

alla ennesima visione di scarface, cosa posso ancora dire di nuovo? secondo me qualcosa posso dirla, forse non originalissima non so, ma mentre lo rivedevo mi è nata questa riflessione

 

innanzitutto va sempre ben tenuto a mente che si tratta di un film su commissione, e come tale mostra sicuramente dei limiti preso come film di de palma in sè, ma allo stesso tempo è una delle prove viventi che se a lavorare ad un film c'è gente con le palle quadrate come de palma ed oliver stone, la contrapposizione "cinema commerciale" vs "cinema d'autore" smette di avere un senso (che ha di solito presso i critici), perché i grandi del cinema riescono sempre a piegare le regole e i paletti a loro piacimento marchiando a fuoco pure le pellicole all'apparenza meno personali

 

il film secondo me si può dividere in 3 atti: gli inizi/la gavetta; l'ascesa; la caduta. i primi 2/3 di film sono molto convenzionali: girato bene, recitato anche meglio, scritto rispettando tutti i crismi del gangster-movie classico, ma come prodotto di genere è sicuramente convenzionale, anche nel senso buono del termine, ovvero rispetta tutte le convenzioni di film di questo tipo. nel terzo atto invece, il film deflagra. a mio avviso volontariamente, conoscendo l'intelligenza cinematografica di chi l'ha scritto e diretto. mettendo in scena la delirante caduta di tony montana, scarface ribalta e fa a pezzi le convenzioni del gangster-movie classico. la caduta di tony montana è una parodia di quelle tragedie gangster para-shakespeariane che hanno segnato la hollywood "classica" (e pure il suo riaggiornamento, pensate all'epica de il padrino). così come tony montana è essenzialmente una parodia del gangster classico. nel terzo atto del film si trasforma quasi in un comico, i suoi monologhi diventano sempre più divertenti (bisogna anche ringraziare noi italiani il doppiaggio di amendola), con tutti quei "vaffanculo" e "stronzo", le sue azioni sempre più spinte e grottesche come le pippate in modalità aspirapolvere di montagne di cocaina, sino a diventare quasi un cartoon nel finale quando viene impallinato di proiettili ma continua a dimenarsi come un tarantolato sfidando i suoi killer a continuare a sparargli

 

oliver stone e brian de palma arrivano almeno con 10 anni di anticipo sul neo-gangster alla tarantino, semi-parodico e citazionista. non è un caso che de palma sia uno dei 3 o 4 registi preferiti di tarantino, e che stone abbia incontrato sulla sua strada di futuro regista proprio un soggetto di tarantino. in più scarface proprio in virtù di questo suo straordinario finale, si può leggere a più livelli: in chiave per l'appunto metacinematografica; ma anche in una ottica diciamo "politica", visto anche il tono polemico dato da stone all'opera che mostra un mondo marcio a tutti i livelli (i gangsters della strada, quelli delle banche, della politica, ecc), l'epoca moderna quindi come epoca in cui il gangsterismo "classico", quello persino un po' romantico, tragico, il gansgterismo in b/n, dei cappelli di feltro e delle giacche lunghe, ha lasciato il posto ad un mondo kitsch e corrotto, un gangsterismo che è appunto una parodia e una degenerazione della vecchia criminalità, mero specchietto per le allodole visto che il film sembra suggerire che i veri criminali, i veri gangster, oggi stanno altrove...

 

forse qualcuno dirà: hai fatto la scoperta dell'acqua calda. va bè, comunque non male per essere solo un film su commissione, no?


  • 4

#50 Jack DiSpade

Jack DiSpade

    Critico proto-punk

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 629 Messaggi:
  • LocationArezzo

Inviato 22 dicembre 2014 - 11:49

Appena visto Blak Dahlia, gran delusione :( . In questo film si sente il disinteresse totale nel far comprendere il plot, negando fino alla fine i già troppi pezzi di un puzzle che trova senso solo nella follia e nelle ossessioni dei personaggi. A metà film ho rinunciato del tutto a interpretare e sono andato avanti per inerzia, aspettando l'inevitabile spiegone di fine pellicola. Della regia ricordo più i leziosismi maldestri che i virtuosismi riusciti e alla bella fotografia noir patinato fa da contraltare una scelta pessima dei volti, persino la jhoanson mi è sembrata poco azzeccata. De Palma per me fa meglio in pellicole più "sporche", come Scarface e Carrie, dove riesce a dare corpo alla recrudescenza. Già altre cose più "lucidate" come Gli Intoccabili, anche se buone, valgono  meno.


  • 0

#51 William Wilson

William Wilson

    Doppelgänger

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1184 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 24 febbraio 2015 - 18:58

Carrie: un film talmente brutto da risultare irritante. Non gli dedicherei nemmeno mezza riga se non fosse che lo vedo sopravvalutato in ogni dove. Non bastano alcune buone trovate registiche per salvare una storia insignificante, che non sta in piedi un solo secondo, con personaggi uno costruito peggio dell'altro. Dovrebbe essere al contrario imbarazzante, tanto per De Palma quanto per King, avere nel proprio curricolo qualcosa di così idiota, ma così non è, e Carrie continua a essere un film di culto per coloro i quali si lasciano accecare da una fotografia qua e là ben costruita e la divisione dello schermo della scena della carneficina.


  • 0

#52 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13847 Messaggi:

Inviato 24 febbraio 2015 - 19:36

Tempo fa ho visto "Get to Know Your Rabbit" ed è molto meno peggio di quel che in genere si dice, direi persino carino.
Escludendo gli inizi pop, De Palma non è un regista da commedia, non possiede la trasparenza e il tocco necessari per il genere, ma le sue commedie hanno sempre un che di vagamente spiacevole e acre che le rende interessanti. Comunque colgono sempre bene le atmosfere e i costumi delle epoche in cui sono stati girati, il che per una commedia è già qualcosa.
Persino "Cadaveri e compari" (comunque uno dei suoi peggiori film - anche perché è in costume), di cui pure ho rivisto qualche spezzone recentemente, nel suo essere un film totalmente sbagliato riesce ad essere almeno una bizzarria.
  • 0

#53 William Wilson

William Wilson

    Doppelgänger

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1184 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 24 febbraio 2015 - 19:51

Ah, e non ho detto quello che forse più conta riguardo a Carrie.

I dialoghi sono da subumani, da autentici cerebrolesi. Non conosco il romanzo di King, ma un buon sceneggiatore avrebbe potuto riparare all'imbecillità che forse era già nel libro (ma non è per niente detto).

E' un film che, spacciato come horror, non farebbe paura nemmeno a quegli adolescenti per i quali sembra essere stato dilettantescamente confezionato; che dico, nemmeno a una ragazzina fresca fresca di primo ciclo.

Però una cosa buona De Palma, con questo film, l'ha fatta: ha dato più celebrità a Stephen King e ha permesso, credo, che anni dopo un genio senza confronti come Kubrick si interessasse all'ultimo romanzo di uno scrittore di best sellers.


  • 0

#54 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 24 febbraio 2015 - 22:02

Carrie: un film talmente brutto da risultare irritante. Non gli dedicherei nemmeno mezza riga

 
e infatti gli hai dedicato ben due post asd

dai fattene una ragione: non li meriti de palma e king. che ci puoi fare? limite tuo


  • 1

#55 Melquíades

Melquíades

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 87 Messaggi:

Inviato 10 novembre 2015 - 18:16

Il prossimo film di De Palma sarà una produzione cinese, un thriller intitolato 'Lights Out' con protagonista una ragazza cieca.


  • 0

#56 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7060 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2015 - 20:37

Il finale di The Fury è uno dei più grandi pezzi di cinema che mi sia mai capitato di vedere.

 

https://vimeo.com/65245751


  • 0

#57 Jahron

Jahron

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 288 Messaggi:

Inviato 19 marzo 2019 - 21:41

https://www.ecodelci...domino-2018.htm

 

Domino. 20 giugno


  • 0

#58 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 834 Messaggi:

Inviato 19 maggio 2020 - 12:10

Sapevate che di Doppia personalità, forse il thriller più sperimentale e formalistico di De Palma, esiste una versione director’s cut con un montaggio completamente diverso da quello originale? Sapevatelo.
C’è una piccola storia dietro che merita di essere raccontata: inizialmente questa seconda versione era una fan-edit del regista olandese Peet Gelderblom, grande fan di De Palma, che trovò su internet la sceneggiatura originale del film e si divertì a rimontarlo seguendo le intenzioni originali del regista (De Palma cambiò il film in moviola all'ultimo momento per renderlo più fruibile al pubblico, peraltro senza riuscirci). De Palma vide questo nuovo montaggio su internet e ne fu talmente entusiasta da adottarlo come ufficiale e rilasciarlo come director's cut nell’uscita Blu-ray del film. In pratica una fan-edit che diventa la versione ufficiale di un film tanto da venire denominata director's cut.
Questo nuovo montaggio è molto più frammentato e non lineare e oltre a migliorare il film - una decostruzione molto teorica del thriller hitcockiano - tra l’altro rende ancora più scemo il titolo italiano, visto che di fatto spoilera quanto avviene a circa 2 terzi di film.


  • 2

#59 Matthew30

Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3632 Messaggi:

Inviato 19 maggio 2020 - 12:21

Carlito's Way e The Untouchables sono due perle, soprattutto il primo lo trovo un bel po' meglio del tanto celebrato Scarface (giusto per rimanere in tema con la coppia De Palma-Pacino).


  • 0

#60 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7060 Messaggi:

Inviato 22 maggio 2020 - 22:15

Una cosa che ho sempre trovato efficace dello Scarface di De Palma (in attesa della terza versione diretta a quanto sembra da Guadagnino
Spoiler
) è la sua regia molto classica per gli standard depalmiani, in particolare non ricordo nessun piano sequenza memorabile, tipico marchio di fabbrica del regista, cosa che ho sempre considerato come una specie di dimostrazione di rispetto per l'originale di Hawks che si apre proprio con una sequenza di questo tipo, una delle più giustamente memorabili di tutta la storia del cinema.



Non male per un film di quasi novant'anni fa.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq