Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Mazzy Star e derivati


  • Please log in to reply
62 replies to this topic

#41 Reynard

Reynard

    Gummibaerchensuechtig

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9736 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 28 agosto 2013 - 16:48

Il ritorno che non mi aspettavo.

Fremo e temo al tempo stesso (ché già Kevin Shields mi ha ferito).

Sono un fan incontenibile e sfegatato dei Mazzy Star, che rappresentano la quintessenza di quella combinazione tra atmosfere sognanti, suoni elettrici lievemente aciduli e voce femminile eterea che mi provoca aumenti di salivazione al solo pensarci. Neanche se me lo fossi ordinato su misura avrei potuto trovare un gruppo più rispondente al mio ideale.

"She Hangs Brightly" e "So Tonight That I Might See" dischi della vita; il primo che ancora risente dell'onda lunga del Paisley, più folk-country in certe movenze, ruspante alle volte, sia pure mantenendo sempre un tono generale di incantato stupore. Un disco che rappresenta una specie di 'via alternativa' all'acid rock, che lavora più per rarefazione che per dilatazione. "So Tonight..." rilancia, diventa più personale, più astratto, meno riconducibile a influenze precise. Aumenta la classe, la compostezza, anche la dose di malinconia (per capirci: "She Hangs Brightly", tarda estate; "So Tonight...", autunno). "Fade Into You" capolavoro riconosciuto, anche gli altri brani degli autentici gioielli, ma nulla eguaglia la title track, che non esito a definire uno dei tre-quattro brani miei preferiti di sempre. Ripetitività ipnotica, un crescendo di feedback d'atmosfera, il canto-parlato di Hope... tutto bellissimo e anche di più.

"Among My Swan" sempre a ottimi livelli, anche se un filino meno dei due precedenti. Più classicamente impostato, più pop in un certo senso, con alcuni scatti qua e là che, facendo sempre la tara del contesto intimista di partenza, quasi potrebbero dirsi 'epici'. E un tono insieme più triste e più luminoso (continuando la metafora stagionale: una mattina di sole in pieno inverno).

Leggendo il thread ho notato vari nomi che mi fanno pensare come chi ama certe atmosfere sa infallibilmente dove trovarle. Scontato il riferimento al bel disco solista di Hope Sandoval, "Bavarian Fruit Beard". Lo stesso dicasi per Rain Parade e Opal. Ma giustissimo anche il riferimento a Cowboy Junkies (a proposito, acoltate "Pale Sun Crescent Moon") e azzeccato quello a Shivaree, davvero 'mazzystariano' in alcuni momenti.
  • 2
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#42 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11683 Messaggi:

Inviato 29 agosto 2013 - 13:41

il riferimento al bel disco solista di Hope Sandoval, "Bavarian Fruit Beard".


Ci pensavo quando ho letto la news. "Bavarian Fruit Bread" (bludi, hai trasformato il pane in barba asd ) era noioso ma bellissimo, ascoltato un casino. Quello dopo di cui non ricordo il titolo invece solo noioso.
  • 0
A chemistry of commotion and style

#43 Araki

Araki

    Utente Tracotante

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7678 Messaggi:

Inviato 13 settembre 2013 - 18:03

Uppo perchè si trova.
  • 0

They mistook my kindness for weakness
I fucked up, I know that, but Jesus
Can't a girl just do the best she can?

#44 nino#

nino#

    Slackware addict

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5233 Messaggi:
  • LocationῬήγιον - Μεγάλη Ἑλλάς

Inviato 13 settembre 2013 - 21:29

Ed anche più bello di quanto mi aspettassi...
  • 0
VINDICA TE TIBI

#45 Araki

Araki

    Utente Tracotante

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7678 Messaggi:

Inviato 13 settembre 2013 - 23:56

Spero di riuscire ad ascoltarlo domani.
  • 0

They mistook my kindness for weakness
I fucked up, I know that, but Jesus
Can't a girl just do the best she can?

#46 Reynard

Reynard

    Gummibaerchensuechtig

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9736 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 11 ottobre 2013 - 10:59

Ve lo dico subito: non aspettatevi novità o evoluzioni stilistiche.

Il ritorno dei Mazzy Star è fondamentalmente more of the same, stessi suoni, stesso tipo di melodie, stessa splendida voce di Hope.
E' come la rimpatriata di un vecchio amico, di quelle magari che si temono ma invece si rivelano piacevoli. Però ha il sapore della parentesi, si rimembrano vecchi discorsi, non se ne aprono di nuovi.

Godibile comunque, gli estimatori del gruppo apprezzaranno (io ho apprezzato).
  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#47 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13207 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 10:38

Come scegliere il modo peggiore di mancare il momento giusto di ascoltare un artista. Tipo leggere recensioni che ti intrigano, sentire singole canzoni che ti affascinano, percepire d'istinto che è roba giusta per te, e poi senza nessun motivo rimandare all'infinito il momento di approfondire.

Le mie ragazzine dai capelli rossi musicali dei 90 sono essenzialmente due: i Mazzy Star e Elliott Smith.
Per il secondo ho qualche scusa: tutta una serie di equivoci e recensioni sbagliate.
Ma per i Mazzy Star nessuna scusa. Mi ero ripromesso e appuntato di ascoltarli dai tempi di So Tonight That I Might See, anno di grazia 1993, e nel corso degli anni mi ero persino ritagliato qualche recensione, articolo, intervista in attesa di farlo. Alla fine ho iniziato ad ascoltarli la scorsa settimana.

Il giramento di balle che n'è conseguito non è tanto per il tempo perso, che non ha sens, ma perché so che se li avessi ascoltati vent'anni fa li avrei adorati e vissuti con un'intensità che oggi non ho più il carattere, il tempo e la voglia di provare. E ovviamente avrei innalzato templi e sacrificato schiavi in onore di Hope Sandoval, tipo l'incarnazione totale, anche fisicamente, di tutto ciò che adoro in una donna.

2017-47483.jpg

:ossequi:

Mazzy-Star-Among-My-Swan.png

Tre album, usciti a tre anni di distanza uno dall'altro, quasi a voler punteggiare l'alba, il cuore e il tramonto di quelli che per me sono stati i sei anni più intensi del decennio.

1990 She Hangs Brightly
Ancora con i piedi negli 80 del Paisley Underground e degli Opal, ma già con la testa nei 90, con quell'aria di musica proveniente da uno scrigno segreto che per me avrà molta della miglior musica del decennio. Un album di vuoti riempiti solo dalla polvere, canzoni sgranate e in bianco e nero, con le uniche note di colore (psichedelico) nella meditazione doorsiana della title track e il raga alticcio di Taste of Blood.

1993 So Tonight That I Might See
Un tipico tentativo dell'epoca di riallacciare fili e trame con certe cose dei 60 e 70, per poi continuare il discorso. Il lato chicano della Sandoval mi ispira il luogo comune di immaginare questo disco ambientato durante un Dìa de los Muertos musicale, con il duo che evoca vari santi del rock e li porta nel loro mondo svuotato e al rallentatore. Il loro album più vibrante e tangibile, con un lato B persino aggressivo (relativamente parlando).

1996 Among My Swan
Ha un che di crepuscolare, come altri album americani del '96. O almeno io in molti album di quell'anno ci sento dentro un'atmosfera da fine di un'epoca. E' il disco che mi lascia più amaro in bocca, perché ricordo benissimo che in quel periodo cercavo esattamente questo tipo di musica, ce l'avevo sotto il naso e l'ho scoperto 18 anni dopo. Mi pare generalmente considerato il minore dei loro tre classici, per me è egualmente magico e ammaliante, forse meno misterioso, ma anche più toccante.


  • 7

#48 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    parental guidance

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7166 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 10:54

in breve

She Hangs Brightly 9,5

So Tonight That i Might See 9,5

Among My Swan 8

Seasons Of Your Day 6,5 (mezza delusione)


Bavarian fruit bread è bellissimo un 8 pieno.
  • 0

*lastfm*

 

 

Delia, queen of the fairies.was presiding over the feast of plenty,celebrating 3,000 years of peace. In the midst of the celebration Delia felt a pull from the skies.She looked up and saw dark clouds forming on the horizon in every direction. She fell into a trance and left the party
heading for her home on a high hill. At first, the fairies were puzzled. But then they too felt a force drawing them to follow.Delia was alone inside. The storm grew until it was a raging cyclone hovering over the dwelling. One of the older fairies ventured inside the house. There lay Delia on her bed holding a pair of twins in her arms. The older fairy instantly knew that these were not ordinary twins, but magical wizards. The baby wizards were polarized like magnets: one attracting with a magnetic draw., the other repelling and impossible to get near. Avatar, the kind and good wizard. spent much of his boyhood entertaining his mother with beautiful visions. Blackwolf, the mutant wizard would never visit his mother and spent his time torturing small animals.

 


#49 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11683 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 11:12

David Roback >>>>>>> Hope Sandoval
  • 0
A chemistry of commotion and style

#50 Reynard

Reynard

    Gummibaerchensuechtig

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9736 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 16 aprile 2014 - 12:07

David Roback >>>>>>> Hope Sandoval

Musicalmente senza alcun dubbio ma notarlo è anche un po' da lobbysti consentimi asd
  • 2
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#51 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11683 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 12:08


David Roback >>>>>>> Hope Sandoval

Musicalmente senza alcun dubbio ma notarlo è anche un po' da lobbysti consentimi asd


beh certo, poi si sa che tira più un pelo di fica che un filo di voce.
  • 6
A chemistry of commotion and style

#52 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3946 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 12:29

poi si sa che tira più un pelo di fica che un filo di voce.

asd
  • 0

#53 jap zero

jap zero

    Banned in Spain

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3641 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 17:14

1993 So Tonight That I Might See
Un tipico tentativo dell'epoca di riallacciare fili e trame con certe cose dei 60 e 70


La prima volta che ascoltai "Fade Into You" infatti pensai che fosse una cover di "Helpless" di CSNY con una delicata fanciulla alla voce ashd
  • 0

#54 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13207 Messaggi:

Inviato 16 aprile 2014 - 19:37

Capisco poco la relativa minor considerazione di Among My Swan (addirittura un micragnoso 6,5 nella mono di OR).
Pregi e i limiti mi sembrano gli stessi dei precedenti, forse è un attimo più convenzionale, ma con un canzoniere anche più solido, un singolone come Flowers In December degno di Fade Into You e un filotto finale da brividi aperto da uno dei loro capolavori elettrici, Roseblood...




1993 So Tonight That I Might See
Un tipico tentativo dell'epoca di riallacciare fili e trame con certe cose dei 60 e 70



La prima volta che ascoltai "Fade Into You" infatti pensai che fosse una cover di "Helpless" di CSNY con una delicata fanciulla alla voce ashd


Un po' tutti i brani di quell'album mi pare vogliano echeggiare classici del passato.
L'evocazione più bizzarra per me è quella di "Wasted", che sa tanto di acid blues alla Big Brother and the Holding Company (la parte strumentale mi sembra una variante prosciugata della loro versione di "Ball and Chain") ed è come minimo straniante accostare la Sandoval alla Joplin.
  • 0

#55 lullabier

lullabier

    Andrea Vascellari

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStelletta
  • 448 Messaggi:
  • LocationVittorio Veneto (TV)

Inviato 17 aprile 2014 - 10:34

Capisco poco la relativa minor considerazione di Among My Swan (addirittura un micragnoso 6,5 nella mono di OR).

Pure io: sulla distanza secondo me "resiste" meglio del primo...o per lo meno è il loro disco che riascolto più spesso (considerando che STTIMS ormai lo conosco nota per nota). Quel folk rarefatto ha un che di veramente spettrale, è fatto di accordi sospesi nel vuoto e tra i riverberi che tutto sommato lo rendono il loro disco più dark :wub:
  • 0

#56 Garpondera

Garpondera

    farsical aquatic ceremony

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21814 Messaggi:

Inviato 17 aprile 2014 - 13:30

Io adoro "She Hangs Brightly" mentre "So Tonight That i Might See" non mi ha mai convinto in pieno
  • 0
Ponte bajo el sol y quema tus heridas, con la luz del sol todo termina.

 


#57 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5808 Messaggi:

Inviato 20 marzo 2017 - 17:20

M'han travolto... anche le cose recenti, ma sentili come s'aprono alla morriconi... 

 


  • 2

#58 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5808 Messaggi:

Inviato 24 marzo 2017 - 16:29

E questa?

 


  • 0

#59 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13207 Messaggi:

Inviato 12 novembre 2019 - 11:58

Visto che nel frattempo ho recuperato anche i tre (bellissimi) dischi della Sandoval con i Warm Inventions ho completato l'unica puntata che mi mancava di tutta la serie:

 

418-Xu-Txrnh-L-SX355.jpg

 

2013 Seasons Of Your Day

Tranquillamente il capitolo minore della discografia, tanto del gruppo che della Sandoval. Eppure mica male comunque. Anzi, il "lato A", le prime cinque canzoni, e' quasi all'altezza dei tempi gloriosi, con la solita formula ipnotica di folk-rock bruciato a fuoco lent(issim)o. Nel "lato B" emerge il mestiere a nascondere un calo di ispirazione abbastanza evidente, anche se l'atmosfera rimane quella affascinante di musica proveniente dalla penombra di una villa sulla spiaggia, con la pioggia che batte sui vetri. Gli ultimi 3 brani, quasi 17 minuti di musica, sono praticamente dei raga blues senza vera forma.


  • 2

#60 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 692 Messaggi:

Inviato 12 novembre 2019 - 12:28

Hope Sandoval aveva un certo non so che...


  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq